Seguici sui social

Internazionale

Bevande a base di cannabis nel mirino dei maggiori birrai

Pubblicato il

em

Constellation Brands, produttore del noto marchio di birra "Corona", ha annunciato un investimento di 245 milioni di dollari canadesi (circa 165 milioni di euro) nell'acquisto di un'azienda di coltivazione di cannabis che le consentirà di sviluppare bevande arricchite con cannabis.

L'annuncio è stato fatto da Constellation Brands Inc., una delle più grandi aziende al mondo nel settore mercato delle bevande alcoliche durante a conferenza stampa e segnalato da The Wall Street Journal.

Con oltre 100 marchi nel suo portafoglio, Constellation Brands impiega più di novemila persone e ha appena raggiunto un accordo per acquisire una quota di minoranza in Canopy Growth Corp., una società canadese con sede in Ontario, con un valore di mercato di più di 2 miliardi di dollari canadesi alla Borsa di Toronto (TSX) con il simbolo “WEED”.

Un dipendente di Canopy Growth a Smith Falls, Ontario. Foto: immagini LARS HAGBERG / Getty

Constellation Brands è così entrata a far parte del gruppo di azionisti Canopy Growth, con l'acquisizione del 9,9%, posizionandosi nel mercato emergente dei prodotti dell'industria delle bevande arricchite di cannabis.

Oltre ai 245 milioni, l'accordo prevede la garanzia di un'opzione di acquisto di un ulteriore 9,9% fino al terzo trimestre 2018, raggiungendo così Constellation Brands quasi il 20% di Canopy. Il CEO Rob Sands vuole essere un pioniere in questo settore, perché a suo avviso, la legalizzazione a livello federale nei prossimi anni "è molto probabile".

"Canopy Growth ha un team di leadership esperto, con una comprensione degli aspetti legali e dei panorami di evoluzione normativa ed economica di un mercato emergente le cui previsioni indicano che diventerà una categoria di consumatori significativa in futuro".

Bruce Linton, CEO di Canopy Growth, ha apprezzato l'esperienza di Constellation Brands nella distribuzione di bevande alcoliche, che assisterà Canopy nella distribuzione di cannabis per uso ricreativo, lasciando un messaggio ad altri investitori istituzionali: "[Canopy è] un'azienda del settore la cannabis che è in accordo con il quadro giuridico e tutti i regolamenti, sarà presto un buon posto per investire ”.

Un addetto alla potatura della cannabis medica in una struttura in Canada, dove l'uso ricreativo sarà legalizzato nel 2018. Foto: James MacDonald / Bloomberg News

Dato che la vendita di prodotti a base di cannabis non è ancora possibile a livello federale negli Stati Uniti d'America, "non abbiamo intenzione di commercializzare questo mercato per il momento", ha affermato Rob Sands, lasciando però l'intenzione di entrare nel mercato ricreativo Canada non appena il regolamento, previsto per la metà del 2018, sarà completato. Non è però esclusa la possibilità di entrare anche in altri mercati che compaiono in altri paesi.

Il business che ha avuto eco nei mercati meritava Commento de Bonnie Herzog, analista di Wells Fargo - un consulente finanziario americano - che ha consolidato e ribadito la sua preferenza per Constellation Brands. “In generale, la nostra opinione è che questa attività abbia molto senso. Attualmente vi è preoccupazione per gli impatti negativi sulle vendite di birre, vini e liquori con la legalizzazione della cannabis, che è già avvenuta in diversi stati americani, il che conferisce a Constellation Brands un chiaro vantaggio nel garantire che non sia solo un'azienda leader nel area delle bevande alcoliche, ma anche nel mercato comune delle bevande alcoliche e delle bevande con cannabis nella loro composizione ”.

D'altra parte, diversi dirigenti dell'industria della birra americana hanno discusso dell'impatto della legalizzazione della cannabis sulle loro vendite, anche dopo un segnalare il che dimostra che i consumatori di birra passano al vino e agli alcolici. Sono stati effettuati alcuni esperimenti con infusi di cannabis nella birra, senza contenere alcun contenuto psicoattivo (senza THC), ma solo il sapore di cannabis.

In risposta al rapporto, Ronald den Elzen, CEO di Heineken USA, ha chiesto un'azione congiunta con i distributori di birra: “Il vino e gli alcolici non ristagnano e la cannabis viene legalizzata in diversi stati. Dobbiamo agire adesso e dobbiamo farlo insieme ”.

Da parte sua, Rob Sands di Constellation Brands non vede la cannabis come una minaccia per la birra, ma afferma che se il consumatore può scegliere tra una birra, un bicchiere di vino, una bevanda spiritosa o un elisir a base di cannabis, vuole essere in grado di offrirli tutti e quattro.

“Potrebbe essere una minaccia? Sì, penso che lo sarà. " ha confessato Sands. "Ma non resteremo fermi e incrociamo le dita". L'uso medico è legale in Canada dal 2001 e la regolamentazione dell'uso ricreativo è prevista per luglio 2018, senza prodotti commestibili e bevande, che dovrebbero essere regolamentati nel 2019. Tuttavia, "la nostra azienda non prevede di esercitare pressioni o a favore o contro la legalizzazione della cannabis in America ", ha concluso Rob Sands.
_______________________________________________________________________

Foto in primo piano: Mitchell Maglio

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

Sono uno dei direttori di CannaReporter, che ho fondato insieme a Laura Ramos. Vengo dall'isola unica di Madeira, dove attualmente risiedo. Mentre ero a Lisbona alla FCUL studiando Ingegneria Fisica, sono stato coinvolto nella scena nazionale della canapa e della cannabis, avendo partecipato a diverse associazioni, alcune delle quali sono ancora membro. Seguo l'industria globale e in particolare i progressi legislativi relativi ai diversi usi della cannabis.

Sono contattabile via email all'indirizzo joao.costa@cannareporter.eu

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionalegiorni fa 2

La Germania approva il primo cannabis social club dopo la legalizzazione

Il ministro dell'Agricoltura della Bassa Sassonia, Miriam Staudte, ha annunciato lunedì che il suo ufficio ha autorizzato il primo club...

Canapagiorni fa 4

La Thailandia sempre più vicina a riclassificare cannabis e canapa come sostanze controllate

La Tailandia ha compiuto un altro passo decisivo verso la ri-vietazione della cannabis nel paese. Venerdì scorso,...

Internazionalesettimane fa 1

L’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) diventa l’Agenzia dell’Unione europea per le droghe (EUDA)

Il 2 luglio 2024 l’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) diventerà l’Agenzia...

Eventisettimane fa 2

L’ICRS – International Cannabinoid Research Society riunisce medici e ricercatori a Salamanca per il 34° Simposio sui Cannabinoidi

Se pensi che la ricerca sulla cannabis sia qualcosa di recente e che non ci siano ancora abbastanza studi… ripensaci! E...

cronacasettimane fa 2

Terroir 101 – Un'introduzione

Questo articolo inizia una serie di argomenti necessari per coloro che credono che questa pianta meriti di essere venerata ed elevata...

Eventisettimane fa 3

La direttrice di CannaReporter®, Laura Ramos, nominata “Giornalista dell'anno” ai Business of Cannabis Awards

L'industria della cannabis si sta per riunire a Londra per due giorni di Cannabis Europe e una notte di...

comunicati stampasettimane fa 3

Cannabis Europe accoglie i leader europei e nordamericani a Londra per trarre vantaggio dal mercato europeo della cannabis

L’industria della cannabis nordamericana sta creando un movimento significativo attraverso l’Atlantico in quanto leader di questo...

Internazionalesettimane fa 4

La polizia tedesca chiarisce di non aver suggerito il consumo di cannabis (al posto dell'alcol) ai tifosi inglesi a Euro 2024

La polizia di Gelsenkirchen, in Germania, è stata citata in un notiziario secondo cui l'attenzione sarebbe stata più focalizzata sui tifosi...

Eventisettimane fa 4

Le sostanze sintetiche minacciano l'enorme successo di Mary Jane Berlin

Ci si aspettava che questa edizione di Mary Jane Berlin sarebbe stata il più grande raduno di sempre della comunità della cannabis in...

Nazionalesettimane fa 4

L'ICAD promuove un'indagine europea sul consumo di droga in Portogallo

L'Istituto per le dipendenze e le dipendenze (ICAD) ha lanciato la quarta edizione dell'indagine web europea sulle droghe...