Seguici sui social

interviste

Paula Carvalho, DGAV: “La coltivazione industriale è tutta una questione di fibre e semi”

Pubblicato il

em

Ana Paula Carvalho, vicedirettore generale della DGAV - Foto: Laura Ramos | cannoreporter

CannaReporter è stato alla Direzione Generale dell'Alimentazione e della Medicina Veterinaria per un'intervista esclusiva con Ana Paula Carvalho, sub-direttore generale dell'istituto. In una conversazione durata più di un'ora, incentrata principalmente sul settore della canapa industriale, Cannareporter ha cercato di chiarire i tanti dubbi che affliggono gli agricoltori che coltivano in Portogallo. Paula Carvalho ha ammesso che potrebbero esserci stati ritardi nel rispondere alle richieste e persino problemi di comunicazione, ma garantisce di essere disponibile al dialogo con gli agricoltori. Tuttavia, lascia un messaggio molto chiaro: la coltivazione industriale è tutta una questione di fibre e semi.


Il settore della canapa interessa il Portogallo?
Sì Senza dubbio. La canapa, in termini di specie vegetali, si adatta molto bene alle nostre condizioni ed è quindi una coltura agricola che vale la pena promuovere. Aveva già una certa importanza, molti anni fa, essenzialmente per la fibra. Ora abbiamo altre opportunità in termini di produzione di semi e olio, quindi tutta una serie di prodotti per uso industriale, alimentare e mangimistico. La domanda è in crescita e quindi, ovviamente, interessa il Portogallo.

Come intende investire la DGAV in questa cultura?
La DGAV non investe, vero? La DGAV è un organismo di regolamentazione e ha una competenza molto definita in termini di regolamentazione. In termini di coltivazione in sé, come sapete, avevamo la competenza concessa lo scorso anno, dal Decreto Regolamentare 2/2020, che ci ha conferito la competenza per autorizzare la coltivazione a fini industriali ed è quindi la funzione che stiamo attualmente svolgendo, la valutazione delle applicazioni per la coltivazione a fini industriali. Certo, abbiamo altre competenze, in particolare nella certificazione dei semi, ma non abbiamo ancora richieste di certificazione dei semi e produzione di semi (destinati alla semina) in Portogallo.

L'ultima volta che ci siamo comunicati, ad agosto, via e-mail, ci ha detto che su 69 domande di autorizzazione alla coltivazione ne sono state concesse 22. Qual è la situazione in questo momento?
Ne abbiamo un altro differito, quindi le informazioni che ho è che ne abbiamo posticipate 23, ma stiamo parlando di un universo di 49 agricoltori, in cui alcune richieste ripetute successivamente, che sono state respinte o altre richieste. Parliamo quindi di un universo di 49 agricoltori, di cui 23 approvati.

49, non 69?
Agricoltori, nel momento in cui abbiamo risposto via mail, c'erano 69 richieste, ma alcune richieste si ripetono, quindi sono di agricoltori che fanno più volte la stessa richiesta. Complessivamente, abbiamo ricevuto richieste da 49 agricoltori.

E perché le richieste sono state ripetute?
Da un lato, è una decisione dell'agricoltore, accogliamo e respingiamo, ad esempio, una domanda perché la domanda non rientrava nell'uso industriale o era un uso che non rientrava nei regolamenti e nei poteri della DGAV. C'erano contadini che hanno deciso di cambiare la destinazione di ciò che volevano coltivare e hanno presentato una nuova richiesta o altri che avevano un appezzamento e hanno deciso di presentare un altro appezzamento, in un'altra azienda agricola per la coltivazione.

Abbiamo anche ricevuto segnalazioni da parte degli agricoltori su ritardi nelle risposte.
Non vedo... i ritardi nella risposta, probabilmente... non significa che non ci sia, ogni tanto, qualche ritardo nella risposta, succede, nessuno è perfetto, nessuna entità è perfetta. Ma molte delle domande erano dovute alla mancanza di documenti dai fascicoli, alla mancanza di informazioni e la DGAV non ha mai mancato di rispondere a qualsiasi richiesta. E molte richieste sono arrivate anche tramite avvocati! Rispondiamo alle richieste, rispondiamo ai chiarimenti, ovviamente se l'iter non è completo, se mancano i documenti previsti dalla legge, DGAV non può portare a termine l'iter. Pertanto, in certi processi ci è voluto più tempo perché abbiamo dato la possibilità all'agricoltore di completare e ci sono processi che hanno richiesto più tempo fino alla decisione finale proprio perché non avevamo tutte le informazioni necessarie per valutare le richieste.

È curioso, e lo ha anche menzionato, che alcuni agricoltori abbiano avvocati che si occupano dei casi.
Per inciso, per noi è molto sorprendente, come può un agricoltore con una superficie così piccola (molti di loro hanno meno di mezzo ettaro), chiedere o rivolgersi alla DGAV, presentare un iter autorizzativo per la coltivazione della fibra, farlo tramite un legale . Non è comune e ovviamente non smettiamo di rispondere, ma non è comune che succeda.

E perché pensi che stia succedendo?
Non lo so, dobbiamo chiedere a ciascuno degli agricoltori che hanno deciso di assumere un avvocato, non posso rispondere per loro.

Forse perché, ad esempio, nel 2017 è stato arrestato il primo coltivatore di canapa?
Nel 2017 DGAV non aveva alcuna competenza in coltivazione. La DGAV aveva i poteri per autorizzare la coltivazione solo nell'agosto dello scorso anno, con il Decreto Regolamentare 2/2020, fino ad allora la DGAV non aveva questa competenza, quindi non posso commentare quanto accaduto prima.

Anche se lo era prima, comunque questo è stato il primo di numerosi sequestri che si sono verificati, perché c'è una certa confusione tra canapa e cannabis. Ci sono stati diversi casi recenti di agricoltori che si sono rivolti alla DGAV e sono stati arrestati e raccolti distrutti. È stato firmato un protocollo tra le entità, questo protocollo è pronto?Facciamolo per gradi. Per quanto riguarda questa associazione con l'arresto di questi agricoltori e la richiesta alla DGAV, ovviamente non parlo di questioni, di casi individuali perché dipende da ciascuno degli agricoltori ed è un'informazione tra noi e il rispettivo agricoltore. Ma se gli agricoltori non hanno un permesso di coltivazione, spetta alle forze dell'ordine diverse dalla DGAV fare il loro lavoro. Pertanto, se sono autorizzati dalla DGAV a coltivare e sono debitamente autorizzati e forniti delle informazioni necessarie, le autorità di polizia riconoscono tale autorizzazione e controllano anche essa. Se alla fine viene trovato un agricoltore o un campo non autorizzato, spetta alle autorità di polizia intervenire e la DGAV non interferisce in questo tipo di intervento. È un intervento che va oltre le nostre competenze.

Ma la DGAV comunica alle autorità di polizia richieste che non sono state accolte?
Sì, è previsto nell'ordinanza che è stata pubblicata, pertanto informiamo le autorità di polizia, l'IFAP, delle richieste accolte e respinte. Pertanto, si tratta di una normale procedura tra la DGAV e le forze dell'ordine.

Questo accade anche in altri tipi di culture? Di avere una comunicazione alle autorità?
No, perché, per quanto ne so, ci sono solo due colture che sono regolamentate con una normativa molto specifica, che prevede la notifica di coltivazione, che è il caso della canapa e del mais geneticamente modificato - anche se per il mais geneticamente modificato non c'è esattamente un permesso di coltivazione, c'è una notifica e poi c'è il controllo ufficiale sui campi. Nel caso della canapa, il regolamento ne prevede l'autorizzazione alla coltivazione. È un regolamento che, in pratica, è qualcosa che succede in tutta Europa in fatto di coltivazione della canapa, non è esclusivo, non è un regolamento esclusivo del Portogallo. Ogni Paese ha le proprie normative, ma praticamente tutte hanno normative specifiche applicate alla Cannabis sativa.

In uno dei più recenti casi di fermo di un agricoltore, che era Pawel, a Sertã, ha affermato di aver ricevuto una richiesta respinta dalla DGAV perché non aveva inviato fattura per l'acquisto di sementi, ma le sementi sono certificate presso Livello europeo.
Questo è quello che dobbiamo controllare. La nostra procedura, infatti, l'abbiamo fatta non appena è stato pubblicato il DL 2/2020, il giorno dopo che la DGAV ha pubblicato sul proprio sito le procedure con l'intera check list dei documenti che dovrebbero essere consegnati per ottenere l'autorizzazione alla coltivazione. Uno dei documenti è la fattura di acquisto del seme e il decreto stesso prevede che l'agricoltore sia tenuto a conservare sia le etichette di certificazione del seme che il seme stesso.

Deve salvare, non presente.
Ma comprendiamo che sarebbe anche necessario presentarlo come requisito, perché se devi mantenerlo, devi presentarlo a un ente di controllo, e noi, nella valutazione del processo - e abbiamo anche imparato dal valutazione delle lavorazioni che abbiamo ricevuto -, riteniamo utile per l'agricoltore stesso inviarci queste informazioni, che possono essere utili. Fornisco, ad esempio, l'informazione di casi che ci sono sembrati che i pacchetti di semi stessi non identificano l'intero seme. Non si identificano. Sono completamente bianchi, il che non è normale. Perché un sacchetto di semi certificati è solitamente confezionato con il marchio del rispettivo produttore. E una delle informazioni che l'agricoltore ci deve dare, che è obbligatoria, è l'origine del seme. Non può dirlo perché la borsa è bianca, quindi se ci mandi la fattura possiamo identificare chi è il produttore e sapere se l'etichetta è tedesca, o finlandese o qualcos'altro, quindi è un'informazione aggiuntiva.

Ma non è già contenuto nella dichiarazione del THC?
No, perché la dichiarazione del THC è un'altra questione che a volte crea un po' di confusione ed è utile fornire anche queste informazioni. La dichiarazione THC può essere fornita da due tipi di enti: l'ente ufficiale, che equivale alla DGAV, che ha registrato la varietà nel catalogo comune, o l'ente del paese che ha certificato il seme, che può essere un ente completamente diverso . La varietà potrebbe essere stata iscritta in Francia nel catalogo comune e il seme potrebbe essere stato prodotto in Polonia. E quindi, accettiamo che la dichiarazione di THC sia fatta o dal paese che ha inserito la varietà nel catalogo o dal paese che ha prodotto il seme. E a volte sorgono anche questi dubbi, chiedendosi chi può rilasciare la dichiarazione THC, anche se questo è ciò che c'è nell'ordinanza stessa e nelle procedure della DGAV, il paese che ha registrato la varietà o il paese che ha certificato il seme.

I coltivatori di canapa soci di CannaCasa si lamentano, ad esempio, dell'obbligo imposto dalla DGAV di presentare un contratto per la dismissione della produzione...
No, non richiediamo alcun contratto di deflusso di produzione, richiediamo prove del destino. L'ordinanza prevede che l'agricoltore debba comunicare l'origine del seme e la destinazione della produzione, a cui verrà consegnata la produzione. A volte quello che ci inviano è il nome di un'azienda e quando controlliamo il nome quell'azienda non ha nulla a che fare con quell'attività economica. Consentiamo quindi all'agricoltore, che nonostante quella società, a quanto pare, sulla base delle informazioni che abbiamo potuto ottenere, non ha nulla a che fare con quell'attività, di provare che acquisterà comunque quella produzione dall'agricoltore. Pertanto, non chiediamo contratto, anzi, accettiamo anche dichiarazioni di acquisto e vendita. Non chiediamo il contratto, non vogliamo sapere dei prezzi o cose del genere, perché è un contratto privato. Quando l'azienda a cui ci riferiscono è un'azienda completamente estranea a quella che, a quanto pare, è la sua attività, allora abbiamo bisogno di prove che la destinazione sia, appunto, quell'azienda, che riceverà quel materiale prodotto. L'ordinanza menziona proprio questo, l'agricoltore deve informarci della destinazione della produzione.

Mi è capitato di leggere l'ordinanza e non è quello che ho capito, tra l'altro, nella produzione di cannabis medica, è quello che richiedono.
Lì devi avere il contratto e l'approvazione. Il paragrafo è lo stesso.

Questo significa che è davvero obbligatorio informare dove sta andando la produzione?
Il paragrafo è esattamente lo stesso, si applica sia alla cannabis medica che alla canapa industriale, parla delle fasi di sviluppo della coltura e della destinazione della produzione. La differenza tra cannabis medica e industriale è che poi c'è un'altra linea, che nel caso della prima prevede il contratto. Non chiediamo, chiediamo la destinazione della produzione e chiediamo informazioni aggiuntive solo quando il destinatario non compare nelle informazioni come destinatario con un'attività economica in quella zona. Pertanto, abbiamo bisogno di alcune informazioni in più che dimostrino effettivamente che questa è una destinazione che riceverà effettivamente cannabis per scopi industriali.

E perché è necessario conoscere tutti questi dettagli?
È nell'ordinanza, spetta al legislatore. La DGAV è qui come un'entità che deve attuare la legislazione.

La DGAV ha 10 giorni di tempo per rispondere alle richieste, ma ci sono segnalazioni che questo tempo è stato ampiamente superato.
Ho già spiegato che la nostra risposta, e lo posso ammettere, non dico ovviamente che non abbiamo superato il tempo in alcuni casi... Potrebbe essere successo, succede in qualsiasi servizio, nessuno è perfetto, ma molti di i ritardi sono dovuti – e mi ricordo di alcuni processi – alla mancata risposta (da parte degli allevatori). In effetti, ci sono state smentite per mancanza di risposta. Quando chiediamo che manchi la presentazione delle fasi di sviluppo delle colture, o che manchi la dichiarazione del contenuto di THC, perché previsto dalla legge, la DGAV non può non richiederla. Quando non viene presentato, cosa che succede spesso, i rifiuti sono avvenuti dopo non so quanto tempo, perché si aspettava la risposta. E le risposte o insistono sul fatto che non dovrebbero rispondere – e spieghiamo perché devono rispondere – oppure ci sono domande in cui ci viene chiesto chiaramente permessi di coltivazione per produrre prodotti che non si adattano alla canapa industriale. E, quindi, non siamo competenti in questo, c'è un altro quadro di licenza che non è della DGAV, e spero che quest'anno, che è stato un anno zero per le forze dell'ordine, possa consentire agli agricoltori, da un lato, di realizzare che ci sono documenti che devono consegnare, in modo che nel 2022 le cose vadano più velocemente per entrambe le parti. Perché anche qui c'è stata molta difficoltà, a volte, nello spiegare perché abbiamo bisogno di certe informazioni. Ci sono stati agricoltori che ci hanno chiesto di condividere i semi, siamo arrivati ​​ad avere agricoltori completamente diversi e i lotti di semi erano gli stessi, non può essere.

Non possono esserci associazioni o cooperative che condividono i semi?
Non ci può essere condivisione di semi.

Porquê?
Esiste una legislazione sul marketing delle sementi e la commercializzazione richiede sementi certificate. Seme certificato, confezioni sigillate. Ogni agricoltore, per sé, deve avere il suo pacco di semi chiuso e certificato. Ora, se il pacco è stato aperto e 2 o 3 chili sono stati condivisi con ogni agricoltore, gli agricoltori che ricevono quei chili non possono dimostrare di avere l'etichetta di certificazione e di aver acquistato il seme.

E lo stesso imballaggio può essere riportato all'anno successivo?
Sì, se rimane chiuso, chiuso. Immagina, sono un contadino, ho comprato cinque borse, ne ho usate solo quattro. Uno è chiuso. Ora, se ho usato questi sacchetti, li ho aperti tutti, e i sacchetti sono aperti, non posso più usarli l'anno successivo, perché il pacchetto di semi è già stato violato, è stato aperto. E quindi non c'è più alcuna garanzia che il seme da seminare provenga effettivamente da quel lotto.

I sacchetti sono 25 chili di semi, giusto?
Dipende, ci sono borse di tutte le dimensioni. Vediamo sacchi di grammi, che deve essere stato un errore, questo tipo di sacchi non deve essere di fibra… anche sacchi da 50kg, 5kg, 10kg, 1kg. Ci sono diverse dimensioni.

E se un agricoltore compra una borsa da 5 libbre e non la coltiva tutta?
Se non coltivi tutto, devi fare qualcosa ai semi: cibo umano, cibo animale, devi fare qualcosa ai semi. L'anno successivo non è possibile presentare una borsa già utilizzata ed aperta. Non vi è alcuna garanzia che il seme che verrà seminato sia proprio quello, perché quello che dice l'ordinanza è che, annualmente, l'agricoltore deve presentare il seme certificato e il relativo sacco. Infatti, nel nostro procedimento questo è esplicito, no? Tale autorizzazione è annuale – c'è stata anche una certa confusione e abbiamo persino ricevuto richieste di autorizzazione in cui le notifiche per lo stesso sacco di semi erano già vecchie di cinque anni. Questo non è possibile, perché l'autorizzazione è annuale, non quinquennale e ovviamente gli ordini dovevano essere restituiti. E quindi, ci sono davvero alcune informazioni qui che non sono state trasmesse correttamente. Forse possiamo anche migliorare le informazioni che trasmettiamo. Abbiamo cercato di essere il più chiari possibile nelle procedure che pubblichiamo sul nostro sito. Il portiere lo è già, ma abbiamo pensato che fosse meglio chiarire. Poi abbiamo fatto un'altra precisazione nelle nostre procedure perché abbiamo capito che c'erano anche degli allevatori che erano un po' confusi su un aspetto o l'altro, e quindi abbiamo cercato di migliorare le procedure con queste informazioni. Stiamo anche pensando di creare delle FAQ, delle domande frequenti, per chiarire alcune domande riguardanti la coltivazione industriale, che ha un dominio molto limitato. La coltivazione industriale è tutta una questione di fibre e semi.

Ma per ottenere i semi le piante devono entrare in fioritura. Cosa si fa con il fiore?
Niente, non fa niente. Se ha prodotto il seme, nella raccolta del seme distrugge il fiore, certo, no? Se stai raccogliendo i semi, il fiore viene automaticamente distrutto raccogliendo il seme.

I fiori contengono CBD, che sappiamo essere molto benefico per la salute. Come fa una persona che produce qualcosa che sa di fare bene...
C'è un altro modo di produrre, c'è una licenza specifica. Puoi produrre cannabidiolo con un'autorizzazione di INFARMED, ha una struttura completamente diversa.

Esiste un solo quadro medico per il CBD?
Sì, il terapeutico è l'unico che attualmente esiste.

In Portogallo?
No, in tutta Europa.

Ma il CBD può essere prodotto in alcuni paesi europei.
In termini di cibo, e ci limitiamo al cibo, che è di competenza della DGAV, la competenza degli scopi industriali, il CBD non è autorizzato come alimento. Ha solo una possibilità, sebbene la corte abbia ritenuto che possa avere un interesse alimentare, purché sia ​​conforme alla legislazione alimentare. E attualmente, il CBD non è conforme alla legislazione alimentare. Può essere prodotto e immesso per scopi terapeutici e per scopi diversi da quello alimentare, in Portogallo e in tutti i paesi dell'Unione Europea, con un quadro di immissione sul mercato e produzione non a scopo alimentare, ma a fini terapeutici. Poiché la legislazione alimentare è la stessa per l'intera Europa, non è una legislazione portoghese, è una legislazione europea.

La Corte Suprema Europea di Giustizia si è già pronunciata, ad esempio, sul caso di un vaporizzatore di CBD ed è stata molto chiara, affermando che gli Stati membri non possono vietare la commercializzazione del CBD nell'Unione Europea.
Se la normativa è rispettata. Dovrebbero leggere il resto della sentenza e la sentenza del tribunale. Ciò che la corte ha rilevato è che il CBD può essere considerato un alimento purché sia ​​conforme alla legislazione alimentare. Questa è stata la decisione del tribunale. Devi leggere il giudizio completo. E se vai a vedere – e DGAV risponde a questa domanda ogni giorno, è quasi una domanda da un milione di dollari – non credi in DGAV. E abbiamo già inviato i link e tutto alla Commissione Europea, per vedere cosa c'è, e per verificare che nel catalogo dei nuovi alimenti il ​​cannabidiolo sia considerato un nuovo alimento, perché non c'è storia di consumo fino al 1997. autorizzato ad essere immesso sul mercato come alimento deve essere oggetto di una valutazione che viene effettuata dall'EFSA (European Food Safety Agency), con la collaborazione della Commissione e degli Stati membri, ed entra nel catalogo europeo dei novel food. Ti consiglio di controllare lo stato del cannabidiolo in questo catalogo, puoi vedere che c'è una croce rossa lì, che significa "non autorizzato" per il cibo, ancora. Sappiamo che ci sono domande di autorizzazione come alimento e che sono in corso di valutazione, ma mentre il CBD non è incluso nel catalogo dei novel food, non è autorizzato a livello comunitario. Né la DGAV né nessun altro paese dell'UE può autorizzarlo per scopi alimentari.

Fondamentalmente, è la teoria della legislazione...
È la pratica della legislazione. La normativa dice questo e ci sono diversi prodotti… infatti alcuni insetti sono stati ora autorizzati per l'alimentazione che hanno seguito la stessa procedura. Diversi nuovi alimenti vengono autorizzati nel tempo, proprio con questo regolamento. Non è una teoria, è l'applicazione di normative comunitarie.

Quello che volevo dire in termini di teoria è che in pratica, se vai in uno di questi negozi di cannabis qui, che ne hanno già circa 100 aperti in Portogallo, puoi trovare caffè al CBD, cioccolatini al CBD...
Questo non è un problema della DGAV, è un problema dell'ASAE. So che anche l'ASAE ha svolto il proprio controllo ed è una questione di sorveglianza del mercato, che non è responsabilità della DGAV, è responsabilità dell'ASAE, che ha lavorato anche in questo settore.

Ma anche gli oli di CBD a scopo terapeutico, i bambini con epilessia, so che non è di tua competenza, ma sei consapevole che le persone...
Basta guardare il tuo sito web, ovviamente esiste. Ma le autorità ispettive hanno ispezionato e ci sono casi di arresti. A proposito, c'è di sicuro, perché praticamente ogni giorno ricevo un'e-mail da una persona che ha visto il CBD sequestrato nel proprio negozio. È stata un'apprensione dell'ASAE, so che l'ASAE fa questo tipo di azione, ma non è responsabilità della DGAV. La competenza della DGAV è, come dicevo, limitata alle fibre e ai semi per il consumo umano e animale.

E quindi il tuo suggerimento, in sostanza, è che i fiori di CBD prodotti per ottenere i semi vengano distrutti.
Non vedo come vengono distrutti. Sono un agricoltore e produco seme, raccolgo il seme, il seme è una fase successiva alla fioritura, giusto? Abbiamo fiori femminili, fiori maschili, esce il polline, fertilizza i fiori femminili, i fiori femminili producono il seme, io raccolgo il seme. Se raccolgo il seme come ottengo il fiore? Poiché raccolgo il seme, è una fase fenologica dopo la fioritura. Per questo molti agricoltori si sono chiesti: “Posso produrre fiori?” — No, non può produrre fiori! "Allora cosa devo fare con i fiori?" "Quindi, se stai producendo semi, come farai a portare i fiori fuori dal campo?" Devi produrre il seme e per produrre il seme devi avere i fiori, se prendo i fiori non produrrò semi con assoluta certezza, perché i fiori non provengono da un'altra parte della pianta. Pertanto, la produzione di semi implica, in pratica, che non ci siano fiori in fase di fioritura che posso rimuovere dal campo. Siccome sono piante maschili, non hanno fiori, come sai, solo quelle femminili devo lasciare che producano il seme, perché questo è il mio scopo, produrre seme. Come vado a prendere i fiori dal campo? Non ha senso, altrimenti come produrrò il seme?

La Commissione Europea ha recentemente creato una pagina specifica solo per la canapa, non so se hai visto quella pagina.
Abbiamo già partecipato a molte riunioni della Commissione, a workshop, non molto tempo fa c'è stato un workshop della CE con i principali stakeholder europei sulla canapa industriale, in cui si è parlato molto del CBD e di altri possibili usi della canapa. In effetti, ci sono state grandi discussioni a livello internazionale, non solo a livello comunitario, ma faccio un esempio. La DGAV è responsabile della parte relativa alla certificazione del seme, la certificazione del seme per la semina. E a livello internazionale ci sono delle regole per certificare le sementi cannabis sativa, come ci sono il mais, la patata, sono le regole applicate alla specie. Si rileva, ad esempio, che esistono mercati in Canada o in Svizzera, che le varietà femminizzate o la legislazione sulla produzione di semi, la certificazione dei semi non è adeguata per la produzione di questo tipo di varietà. E abbiamo seguito questo, a livello di discussione internazionale, anche per creare standard di certificazione delle sementi per questo tipo di varietà che stanno cominciando ad apparire, gli ibridi. La sottospecie di cannabis sativa, piante non sensibili al fotoperiodo, piante che sono femminizzate, tutto ciò implica una discussione tecnica sull'adeguatezza della normativa, in questo caso a parte la normativa sulla produzione di semi che deve adattarsi a questa nuova realtà. Pertanto, queste discussioni, sia a livello di commissione che a livello internazionale, sono in questo momento di grande importanza, è un punto all'ordine del giorno quasi obbligatorio, in materia di semi e propagazione dei materiali.

In termini di sostenibilità, il sito web della CE sottolinea con forza il ruolo della canapa, come alternativa alla produzione di plastica o carta, ad esempio.
Sì, certo, le bioplastiche. Infatti abbiamo degli agricoltori in Portogallo, di queste richieste che vengono accolte, almeno una che ricordo, che è proprio la produzione di fibra per la produzione di bioplastiche. Il che è fantastico e abbiamo un universo molto interessante in termini di cultura per questo scopo industriale.

E come rivitalizzare l'economia locale, in modo che i piccoli agricoltori possano partecipare a questo processo?
Penso che, da un lato, ci debba essere qualche associazione di agricoltori, perché mi sembra difficile, viste le dimensioni degli agricoltori – e stiamo parlando di questo piccolo campione di 49 agricoltori, che sono l'universo con cui interagiamo quest'anno, perché gran parte sono aree estremamente piccole. Molto piccolo, parliamo di poche centinaia di metri quadrati. Se parliamo di canapa industriale, fibra e semi, è improbabile che queste aree siano competitive. E quindi c'è bisogno di un'associazione di agricoltori, che ci sia una maggiore organizzazione della produzione, in modo da poter andare al mercato con una certa dimensione. Perché, ad esempio, mi sembra strano che, se sto producendo semi, non ho la meccanizzazione per raccogliere i semi e devo raccogliere gli apici delle piante al momento della produzione di semi praticamente manuale. Pertanto, ci sono attrezzature, macchine che raccolgono, mietitrici, che entrano nei campi e raccolgono direttamente il seme, ma per questo ci deve essere una dimensione. E quindi, ovviamente, se vogliamo avere piccole produzioni, molto incentrate sui prodotti locali – e abbiamo casi di due o tre contadini che fanno piccolissime aree, ma per produrre farina per il pane locale – queste sono nicchie di mercato molto interessanti, che dovrebbe essere sostenuto e che deve continuare, ma se vogliamo davvero crescere in questa cultura, dobbiamo avere una dimensione per essa. Penso che sarebbe importante avere la meccanizzazione in termini di raccolta delle piante per la fibra, e in termini di semi, per scopi industriali, per il consumo umano o animale, per fare un passo avanti. Perché vedo con difficoltà che possiamo essere competitivi con queste piccolissime aree che sono apparse a questo scopo. Crediamo che potrebbe essere perché sono fasi sperimentali, per vedere come si adattano le varietà, o così via, ma dobbiamo fare un passo più grande, perché non vedo come possano essere sostenibili in questo mercato globale.

Ha parlato dell'importanza dell'unione degli agricoltori, ma poco fa ha affermato che le associazioni non possono condividere i semi.
Ma sono cose diverse. La normativa sulla certificazione delle sementi non consente la condivisione, perché c'è una definizione di commercializzazione e la commercializzazione implica il trasferimento, a titolo oneroso o meno, delle sementi. E questa normativa va applicata, quindi non si può nemmeno autorizzare l'agricoltore a distribuire sementi, perché poi doveva entrare nel circuito della commercializzazione e far certificare le sementi. Quello che a volte diciamo è che gli agricoltori acquistino pacchi da un chilogrammo. Non è necessario acquistare confezioni da 25 kg, perché ci sono confezioni da 1 kg. Nella normativa sulle sementi c'è la figura di un condizionatore di semi in cui le confezioni grandi possono essere suddivise in confezioni piccole e quindi si trovano in commercio confezioni di varie dimensioni. Un agricoltore non ha bisogno di acquistare 25 kg se intende seminare un chilo, può acquistare meno semi per quella produzione. Altre situazioni che abbiamo trovato anche curiose, è un contadino che ha un ettaro e sta per produrre fibra, e ci dice che seminerà 100 grammi, quando ha comprato 50 kg. Non capiamo come si fa una fibra con 100 grammi per ettaro. Da un punto di vista agronomico, tecnico, questo è quasi impossibile, altrimenti la fibra è di scarsa qualità. La distanza tra le piante è così grande che la qualità delle fibre è pessima perché la densità tra seme e fibra è molto più alta. Abbiamo anche suggerito, perché quel seme acquistato in eccesso non potrà essere utilizzato per l'anno, perché non viene coltivato dal punto di vista agronomico, che è il modo più adatto per produrre fibra, e utilizza il seme intero cosa hai comprato? Si sono quindi presentate situazioni estremamente curiose, che mostrano anche, in qualche modo, alcuni agricoltori che si sono affacciati per la prima volta in questo mercato e che sono ben al di fuori di quelle che sono le buone pratiche per la coltivazione della canapa industriale.

Hai un gran numero di agricoltori stranieri?
Abbiamo persone che dicono di non parlare bene e che chiedono il supporto di altre persone per parlare con noi, perché loro stessi non capiscono bene il portoghese.

È possibile quindi che ci sia stata qualche difficoltà di comunicazione?
No, no, voglio dire, perché c'erano dei contadini che dicevano: “no, vado a seminare con una bussola da due a tre metri per pianta, per fibra”. Dal punto di vista della qualità della fibra, dubito che avrà qualità con una bussola da frutteto, non è, da due a tre metri per pianta.

Non è anche perché alcuni agricoltori stanno ancora realizzando piantagioni sperimentali?
Ma proprio per questo motivo, se voglio produrre fibra, non sperimenterò quella densità di semina, perché avrò pessimi risultati fin dall'inizio. Per la fibra, l'ideale sarebbe da 50 a 100 kg, a seconda della varietà. Se vado a seminare 150 grammi non provo niente, perché non avrò niente di buono in termini di fibra. E quindi, sarebbe anche importante avere questo tipo di collaborazione tra agricoltori per trasmettere le buone pratiche agronomiche di guida della cultura. Se voglio produrre fibra, o voglio produrre seme, ci sono tecniche agronomiche che massimizzano questa produzione. Ovviamente se non ho irrigazione, se i miei terreni sono poveri, devo tenerne conto, ma non sono, come ci sono state situazioni, grammi per ettaro. Dal punto di vista della compatibilità con la produzione di fibra, quindi, eravamo un po' preoccupati, perché di fatto non vediamo che sia fattibile ottenere fibra con quella densità di semina.

Per quanto riguarda la proprietà della terra, siamo venuti a conoscenza di un caso in cui l'agricoltore non era proprietario della terra...
Non è una questione di proprietà, è una questione di identificazione del beneficiario per conto dell'agricoltore. Posso affittare un terreno, niente mi ferma. La documentazione richiesta, la P3 e l'identificazione del beneficiario, deve essere intestata a quell'agricoltore, non può essere intestata a chi non è in lavorazione. Non è una questione di proprietà della terra, possono affittare, possono fare quello che vogliono, ma le informazioni devono arrivare a nome dell'agricoltore che richiede il permesso di coltivazione.

Qual è la normativa che afferma chiaramente il divieto di produrre e commercializzare tutte le parti della pianta di canapa?
Guarda, su un cappello, è la Convenzione Unica per Combattere il Traffico di Droga che ha una definizione molto concreta di cosa sia la cannabis. E la cannabis...

La canapa industriale non è una droga...
Non sto dicendo che sia una cosa stupida, mi hai fatto una domanda e io sto rispondendo. Mi hai chiesto quale legislazione vieti la commercializzazione dell'intera pianta di cannabis, compresi i fiori, e ti sto dicendo che la Convenzione Unica per Combattere il Traffico di Droga definisce la cannabis, e la definizione di cannabis è l'intera pianta contenente le cime fiorite, sia o non contengono semi. È una definizione di cannabis regolamentata allo scopo di combattere il traffico. Esclude fibra e semi dalla definizione di cannabis, e quindi, se un agricoltore dice: "Voglio vendere la pianta intera con i fiori e tutto il resto", l'unica informazione che la DGAV può dire è esattamente questa: se sto producendo fibra , taglio le mie piante e fornisco la fibra per produrre la fibra; se sto producendo semi, non taglierò i fiori, ne abbiamo già parlato, perché ho bisogno del seme. Se taglio i fiori, non avrò il seme.

Nel caso di questi arresti, se un controllo di analisi rileva più dello 0,2% di THC, qual è la procedura legale da seguire?
Questa è una questione di competenza delle autorità di polizia. Ribadisco che spetta alla DGAV autorizzare la coltivazione, specificatamente industriale. Esiste una procedura comunitaria che determina l'obbligo di determinare il contenuto di THC, perché la coltivazione industriale è limitata allo 0,2% di THC. E sappiamo che in determinate condizioni di crescita, suolo, temperatura, il contenuto di THC di alcune varietà aumenta naturalmente, perché le piante non sono rocce, giusto? Sono entità viventi e biologiche, ed è per questo che esiste un regolamento comunitario che determina l'obbligo di controllare il contenuto di THC delle colture di canapa industriale. Questo per cosa? Per noi valutare le varietà coltivate e se tale varietà, sistematicamente, ha valori superiori allo 0,2%, dobbiamo vietare la commercializzazione del seme di quella varietà nel territorio portoghese. Questo è successo nel Regno Unito e, recentemente, anche la Polonia l'ha bandita, credo fosse Finola, proprio perché, a seguito di ispezione, la varietà aveva sistematicamente valori superiori allo 0,2%. Si tratta quindi di una procedura che viene svolta a livello comunitario dalle autorità di controllo. Qual è il ruolo della DGAV in questo? Se esiste una situazione del genere, segnalata dai nostri enti di controllo, poiché tale metodologia è prevista dal regolamento di controllo, la DGAV è l'autorità che si rivolge alla CE per dire che la varietà x ha avuto, per due anni consecutivi, livelli superiori allo 0,2% di THC. Viene pubblicata una decisione della Commissione che autorizza il Portogallo a vietare le sementi di tale varietà nel territorio portoghese, poiché tale varietà, nelle nostre condizioni, supera sistematicamente lo 0,2. Questo è qualcosa che accade abbastanza spesso con le varietà industriali. Pertanto, questo è il ruolo della DGAV, ricevere queste informazioni e, se accade, determinare il divieto di commercializzazione di quel seme nel territorio portoghese.

La Repubblica Ceca aumenterà i livelli di THC nella canapa industriale all'1%. Ribadisco che il prelievo dello 0,2% è un regolamento comunitario. Pertanto, la Repubblica ceca deve conformarsi al regolamento comunitario. Quello che si è discusso ora, nella riforma della Politica Agricola Comune (PAC), è di passare dallo 0,2 allo 0,3%. E quindi questo è un limite comunitario, non può esserci un Paese che dice “Voglio l'1%”. Il regolamento è direttamente applicabile nei paesi e quando si parla di coltivazione industriale, quel contenuto di THC viene applicato ai 27 stati membri.

E non sarebbe meglio aumentare effettivamente il livello di THC?
Non commento su questo, non ho opinioni. Non sono un esperto per sapere quali sarebbero le conseguenze di un aumento dallo 0,3% o dallo 0,2% all'1%.

È un valore molto residuale...
Sì, ma non parlo. Non voglio dare un'opinione su questioni che non conosco, quale impatto avrebbe sulla salute umana, non ne ho idea, perché stiamo parlando di canapa industriale, giusto? So che il Parlamento ha proposto l'aumento dallo 0,2% allo 0,3%. Credo che questo sarà approvato nel prossimo regolamento della PAC, che regola l'organizzazione comune dei mercati, e questo sarà il valore di cui le autorità di regolamentazione dovranno tenere conto nel loro controllo.

Ma è facile per una pianta o una varietà andare oltre questo limite?
Molto facile. Ecco perché c'è questo controllo, perché è la distinzione... una cosa è illegale, e non stiamo parlando di illegale, stiamo parlando di una coltivazione che è autorizzata con varietà autorizzate e che a determinate condizioni di irrigazione, luce, I fertilizzanti reagiscono alle condizioni esterne e aumentano alcune sostanze chimiche, incluso il THC. Questo si sa, non è niente di straordinario nella coltivazione della canapa, ecco perché c'è questo controllo della canapa industriale, perché il regolamento detta il limite dello 0,2%. Le varietà possono essere iscritte nel catalogo comunitario da Francia, Polonia, Repubblica ceca, ecc. e per questo, vengono eseguite prove sul campo per testare vari comportamenti, produzione di fibre, produzione di semi, ecc. Da lì, quel seme può essere venduto o scambiato in tutta l'Unione Europea. Tuttavia, una varietà che è stata selezionata o che è stata testata nel clima e nel suolo francesi, se collocata nel nostro Alentejo, potrebbe comportarsi diversamente. Questo succede con la cannabis, succede con il mais, con le patate e con tutte le piante. E in determinate condizioni la pianta di cannabis sativa può effettivamente aumentare il contenuto di THC. Questo è inevitabile. Salite più grandi o più piccole, ma è inevitabile. Pertanto, un agricoltore che sta facendo canapa e tutto è in ordine non può essere biasimato se il raccolto raggiunge lo 0,25 o lo 0,3%, perché sappiamo che questo accade e che l'agricoltore non può controllarlo. Certo, se so controllare il raccolto, posso promuovere io stesso questo aumento, con le tecniche di coltivazione, ma qual è l'interesse di un agricoltore, che produce fibra, a promuovere questo aumento? Non c'è interesse, quello che vuole è prendere fibre e semi. Pertanto, non è interessato a questo tipo di produzione.

E cosa può succedere se l'agricoltore ha lo 0,4% in una piantagione?
Non posso risponderti, perché non siamo l'entità di controllo. Per quanto riguarda la questione della varietà, questa è la situazione che vi ho già spiegato. Se una determinata varietà aumenta sistematicamente, la DGAV è l'autorità nazionale competente per le sementi, può richiedere il divieto di tale varietà in Portogallo.

Pertanto, gli steli e i semi non contengono THC.
No, i semi no, ecco perché si fanno i test sui fiori.

Ma i fiori non sono né commerciabili né utilizzabili, per così dire. Allora a cosa serve questo controllo?
Questo dovrà chiedere ai legislatori del regolamento dell'Organizzazione comune dei mercati, che non era la DGAV. La DGAV non interviene in tale regolamento. Probabilmente è separare una cultura illecita da una non illecita, perché sappiamo tutti che in una cultura illecita cosa vogliamo? Vogliamo il THC, vogliamo i cannabinoidi, vogliamo tutto. Probabilmente è stato per questo motivo, ma la DGAV non ha partecipato, né partecipa, alle riunioni per stabilire standard comuni di mercato, non lo seguiamo nel dettaglio.

Ultimamente, in questi arresti e sequestri di agricoltori che coltivavano canapa, c'è molta confusione tra cannabis THC e canapa industriale. Perché la GNR sceglie di distruggere completamente la piantagione?
C'è un... anche questo è importante per te da trasmettere. A ben guardare, la normativa per il controllo delle due specie vegetali soggette a controllo, che è la papavero somnifero e cannabis, non ci sono livelli di THC menzionati lì. Non c'è. L'unica normativa che fa riferimento al contenuto massimo è quella della coltivazione industriale, altrimenti non ci sono livelli di THC, è l'uso che ne viene dato alla pianta. Ovviamente, se i livelli di THC sono del 30%, potremmo parlare di un reato di traffico di droga, oppure se è dell'1%, potremmo parlare di una multa o di una sanzione… non lo so, perché non lo siamo gli enti preposti a questo tipo di controllo, dipende anche dal livello di violazione che viene rilevato. Il problema, e ripeto che gli enti di polizia sono sovrani nella loro attività, è che quelle colture non sono autorizzate e la legislazione stabilisce che devi avere una delle due: una licenza Infarmed o un'autorizzazione DGAV. Se le colture non sono autorizzate spetta alle autorità di polizia determinare cosa fare di quel campo e non è la DGAV a determinarlo, sono i tribunali, il Pubblico Ministero, sono gli enti di controllo.

Ma la DGAV informa il GNR o il PJ che un determinato agricoltore non è autorizzato?
Certo, l'ho già detto, sì. Informiamo gli autorizzati e gli non autorizzati, informiamo sia l'IFAP... infatti, se lo vedete nel dispaccio, si dice addirittura che la DGAV informa l'IFAP degli approvati e dei respinti, e informiamo tutte le autorità di polizia.

In altre parole, quando il GNR va in una piantagione di canapa industriale, dovrebbe sapere fin dall'inizio che si tratta di una piantagione di canapa e non di una piantagione di cannabis, ma...
Ma ripeto che il GNR, tra l'altro, chiunque guardi una pianta di cannabis non può dire se è canapa o cannabis. Voglio dire, a meno che tu non veda solo fiori femminili, allora è strano, vero? Un campo con solo fiori femminili per produrre seme sembrerà strano, perché servono fiori maschili, vero? Ora la domanda qui, e torno indietro, è solo se il campo è autorizzato o meno. Se non hai un permesso di coltivazione, non puoi coltivare. E poi le entità di polizia faranno le loro indagini, le istruzioni sul processo che vogliono fare. Puoi solo coltivare la canapa, sativa, con autorizzazione, sia della DGAV che di Infarmed. Se non c'è autorizzazione, i campi non dovrebbero esistere. E non è una questione di essere medicinali o di essere canapa, lo è sativa non autorizzato alla coltivazione.

Sì, ma la mia domanda è, se il GNR lo sa, se è stato informato dalla DGAV che questo agricoltore ha presentato una domanda, ma non è autorizzato, la piantagione è completamente distrutta e l'agricoltore...
Non lo so, non ne ho idea, anzi, lo so per le vostre notizie, solo per le vostre notizie, e qualche volta ricevo richieste di informazioni dai tribunali, perché non ne ho idea, non è la DGAV che determina le azioni degli enti poliziotti. Questo dovrebbe chiedere alle forze dell'ordine e non alla DGAV.

La mia domanda era: come vede questa situazione per un agricoltore?
Penso che l'agricoltore, e quindi, come pubblica amministrazione e responsabile di un ente regolatorio, se un agricoltore non è in linea con la legge, e se la legge stabilisce che deve avere un'autorizzazione e non ce l'ha , non credo che le autorità di vigilanza debbano ignorare questa situazione. Ora, cosa fanno le entità di controllo? Questi sono processi che riguardano solo loro e devono avere un'intera procedura in termini legali e legali a cui devono conformarsi. Pertanto, non spetta a me né alla DGAV commentare le decisioni e le azioni degli enti di controllo e della polizia, spetta a loro, non a noi.

Giusto, ma lei sa che questi contadini vengono trattati come se fossero spacciatori e sono accusati di traffico di droga.
Non ne parlerò, non farmi parlare. Non voglio parlarne, perché ho detto più volte che la DGAV ha una competenza ben precisa per autorizzare la coltivazione. Pertanto, le azioni che gli organi di polizia determinano devono essere state determinate per alcuni motivi, uno di questi, perché probabilmente, e lo so dalle notizie che deduci, che si tratta di agricoltori non autorizzati a coltivare. Non sono autorizzati alla coltivazione, i campi non devono essere coltivati. La legge è chiara. Se vogliono coltivare, devono sottoporsi a conseguenze legali. Se gli enti di polizia intendono agire in un modo o nell'altro, c'è un procedimento legale che spetta a loro e non alla DGAV, quindi non vale la pena continuare a parlare di questa situazione qui.

Ma ci sono agricoltori che, a settembre, attendevano ancora l'approvazione della DGAV...
Non parlerò di casi specifici, non dovrei parlare di casi specifici, ve l'ho già accennato, perché c'è rispetto della riservatezza della DGAV e del rispettivo allevatore. Pertanto, ogni processo dovrebbe essere discusso solo con il rispettivo agricoltore. I processi in attesa sarebbero probabilmente processi incompleti, che non disponevano di informazioni complete. Abbiamo anche ricevuto processi di coltivazione a settembre e altri arrivati ​​a fine agosto, incompleti, senza informazioni, senza la P3, senza le informazioni di base.

Ma c'erano anche richieste che arrivavano a marzo e che solo a luglio o agosto...
E forse sono stati bocciati perché dopo tanto tempo in attesa di ulteriori chiarimenti e la consegna di ulteriore documentazione - e cioè ricordo un caso del contenuto di THC, di una varietà che non è mai stata consegnata -, la DGAV non può concedere, come è ovvio. Quindi c'è qui un messaggio che vorrei trasmettere, ed è un po' scioccante vedere, proprio ieri c'è stata una notizia contro la DGAV… La DGAV non è contro i contadini!

Non siamo stati noi, vero?
È sul tuo sito web, l'ho visto ieri. Si lamentano sistematicamente della DGAV, hanno anche chiesto incontri, che non sappiamo dove siano le richieste di incontri, perché siamo felici di incontrarci. Ora, quello che non accetto è che mi prenotino un incontro con un link e non mi chiedano se sono disponibile in quella data. Ho il mio calendario, vero? E questo non lo accetto. Infatti ho già ricevuto qui degli allevatori che sono venuti direttamente a parlare con me e non abbiamo problemi a incontrarci. Ci siamo anche incontrati in videoconferenza con alcuni agricoltori.

Quindi è disponibile ad ascoltare questi agricoltori?
Certo, è ovvio. Ora, a patto, ovviamente, di essere disponibili. La conversazione che sto avendo con te oggi, sono felice di parlare con gli agricoltori. Ora, gli agricoltori non possono volere che la DGAV eluda in qualche modo le nostre competenze e rilasci un'autorizzazione. Ho ricevuto domande: "Vi avviso di permettermi di produrre fiori". La DGAV non può autorizzare la produzione di fiori, non abbiamo quella competenza! Produrre fiori significa estrarre CBD, che non è di competenza della DGAV. E ci sono aziende, come sai, che producono proprio fiori per il CBD e hanno un quadro. Puoi farlo, nessuno te lo vieta. In effetti, è piuttosto interessante che alcuni agricoltori che in tutto questo tempo ci hanno chiesto colture che non si adattano alla coltivazione industriale, ora stiano effettivamente coltivando con Infarmed. Questo è molto interessante, perché mostra che, in effetti, erano disposti a prendere quella linea e che hanno investito in quella linea. Ora, non si può pensare che la DGAV dovrà autorizzare questo tipo di colture, perché non è nostra responsabilità autorizzare.

In ogni caso, è un investimento completamente diverso.
Sì assolutamente sì. Ma a ben guardare, il canone di autorizzazione alla coltivazione che veniva stipulato per ogni coltivazione era di tremila euro per ogni valutazione ed era la Dgav che proponeva di ridurlo a 50 euro nel caso di coltivazione industriale. Altrimenti pagavamo tutti tremila euro! Pertanto, ed è un peccato che questi agricoltori critichino così tanto la DGAV, forse non sono a conoscenza di questo tipo di azioni che la DGAV ha intrapreso questa volta.

Non è anche un errore di comunicazione?
Forse, forse... ecco perché è importante essere qui a parlare con te, forse lo è, lo riconosco, forse è questa mancanza di comunicazione che c'è stata, probabilmente. Nel tempo, 2018, 2019, l'attacco alla DGAV, la DGAV è stata l'entità da macellare, perché non autorizzavamo la coltivazione… e quando dicevamo “non abbiamo la competenza per autorizzare la coltivazione, dov'è la legge?” Su quali basi la DGAV ha autorizzato la coltivazione?

C'è stato disaccordo tra Ministero dell'Agricoltura e Infarmed?
No, non c'è stato assolutamente nessun disaccordo, ci siamo articolati perfettamente con Infarmed, con le autorità di controllo, siamo riusciti a dialogare, siamo riusciti ad articolare le procedure. Non c'era disaccordo. Forse c'era un po' di mancanza di comunicazione con l'esterno, forse era proprio questo... questa mancanza di comunicazione.

Ma tutti si lamentavano di una presunta partita a ping-pong tra DGAV e Infarmed...
Certo, ma bastava immaginare che, se la DGAV aveva poteri, allora a cosa serviva il D.lgs 2/2020, attribuendo poteri alla DGAV, se già li aveva? Non aveva molto senso, vero? Pertanto, abbiamo voluto, in termini di Ministero dell'Agricoltura – e si dice anche che il Ministero dell'Agricoltura è contro la cannabis, contro la canapa… dalla coltivazione della cannabis medica alla coltivazione industriale, perché era tutto nello stesso pacchetto.

Il Ministero dell'Agricoltura sosterrà nuovamente la coltivazione della canapa?Non lo so, perché questo fa parte della discussione sul nuovo piano strategico della PAC e non so nel dettaglio quali aiuti saranno legati o meno alle culture.

Ma c'era già il supporto, no?
C'era un sostegno che è stato pagato all'industria. L'agricoltore ha prodotto la canapa e l'industria che ha ricevuto la pianta per la fibra ha ricevuto un importo di aiuto, che in qualche modo ha riflesso quell'aiuto sull'agricoltore.

Come si può evitare che gli investimenti degli agricoltori vadano persi, se in seguito vengono distrutti e perseguiti penalmente, ecc?
Penso che sia essere attenti. Devi leggere attentamente, perché c'era una grande confusione tra ciò che era la cannabis industriale, la cannabis per altri scopi... e fare un passo in sicurezza. “Voglio davvero produrre fibra”, “Ho davvero un'industria che riceverà la fibra”, perché chi produce fibra deve produrre, credo, con una certa dimensione, per poter rifornire un'industria. Ricordo che, qualche anno fa, c'era un'azienda portoghese che produceva quei pannelli per le autostrade – per via del rumore si usa la fibra di canapa per smorzare il suono – che cercava avidamente contadini che producessero fibra per poter costruire i pannelli . , e non c'era. O se c'era... all'epoca non credo ci fosse nessuno. Ma ci deve essere una dimensione per rifornire questo tipo di industria, non è con un'area di metri quadrati, deve essere con una certa dimensione. E poi ci devono essere industrie di trasformazione, perché non posso estrarre la fibra nella mia fattoria, devo consegnarla a un'industria di trasformazione che estrae la fibra per me, a meno che non produca fibra in modo artigianale per quelli molto locali, molto artigianali mercati. , e anche questo va bene. Ma se voglio davvero investire quelle migliaia di euro nell'irrigazione e tutto il resto, allora devo pensare dov'è l'azienda di trasformazione della fibra? Se ho intenzione di trasportare la mia fibra in Francia, il costo del trasporto è x, e quindi devo fare i conti, se vale l'investimento, dato che non ho industrie manifatturiere in Portogallo. E quindi, questo è qualcosa che ogni agricoltore, sia in questo campo della canapa, sia in qualsiasi altro campo dell'agricoltura, deve fare questo studio, questa valutazione prima di fare l'investimento. Ma questo è in tutti i settori dell'agricoltura, non esclusivo per la canapa, vero? Se ho intenzione di produrre mele, devo anche sapere a chi consegnerò le mele e quali mele produrrò, qual è il mio mercato o se farò solo autoconsumo . Devo sapere cosa farò con la cultura. Pertanto, l'agricoltore deve prepararsi prima di investire, deve pensare attentamente a cosa farà.

La trasformazione non è solo un problema per il Portogallo...
Ci sono paesi come l'Ungheria, la Germania, la Francia che hanno una forte industria. E quindi potrebbe esserci un interesse crescente, sono fibre naturali, ma per questo deve esserci anche qualcuno che le compri e le trasformi. Quindi, se abbiamo una potenziale crescita della fibra qui e non abbiamo nessuno a cui consegnarla, se dobbiamo trasportarla in Francia, solo il costo del trasporto è alto. Dobbiamo valutarlo, no?

Quando una proposta per modificare il quadro per la canapa è diverso dalla cannabis secondo la tabella delle sostanze proibite nell'allegato alla legge sulla droga?
Non è affatto una questione DGAV. Non interferiamo con questa legislazione, la definizione di cannabis ha altre questioni, come la questione della tracciabilità del prodotto… ma non voglio commentare su questo.

Alcune persone parlano anche di impollinazione incrociata. È qualcosa che preoccupa i coltivatori di cannabis medica?
Non lo so, non seguo la cannabis terapeutica, che deve avere una forma di coltivazione completamente diversa dalla cannabis industriale. Fin dall'inizio useranno piante femminili, femminizzate, cloni, quindi sono realtà completamente diverse. Nel caso della cannabis industriale, il problema dell'impollinazione incrociata non si pone, perché il polline deve essere incrociato con le piante, quindi non commento sulla produzione di cannabis medicinale.

Ma secondo lei è importante che vengano definite delle regole, come la distanza di sicurezza?
Per la produzione di sementi certificate, che gli agricoltori acquistano, esistono regole di distanziamento, proprio per evitare impollinazioni incrociate. Questo accade nel mais, che sta a 200 metri, nel girasole, a 500. Proprio per garantire che il campo di produzione del seme mantenga la purezza varietale e che ci siano regole per distanziare i campi per produrre il seme, questo è perfettamente definito dalla legge, dal Decreto 47, nella produzione di sementi certificate, che si acquistano in confezioni chiuse, con etichette ufficiali. Per produrre questo seme, per garantire la purezza della varietà, che sia, ad esempio, Finola o Fedora o qualsiasi altra, i campi di moltiplicazione devono essere isolati da altri campi della stessa specie, proprio per evitare impollinazioni incrociate. Non so a memoria quanto sia lontana la cannabis, ho citato il caso del mais e del girasole, ma nella canapa industriale non lo vedo come un problema, perché nella coltivazione industriale il seme certificato si semina e si raccoglie, non c'è dopo generazione.

 

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Eventigiorni fa 3

L'ICBC Berlino torna a brillare. È l'inizio di una nuova era per l'industria della cannabis in Germania

L'ICBC di Berlino è stata la prima grande conferenza internazionale sulla cannabis a svolgersi dopo la legalizzazione dell'uso da parte degli adulti in...

Internazionalegiorni fa 4

USA: prodotti Mike Tyson richiamati per contaminazione da muffe

Le autorità della California hanno emesso un avviso di richiamo obbligatorio per due prodotti del marchio di cannabis di Mike Tyson,...

Eventigiorni fa 5

Si avvicinano le 4 e a Porto e Lisbona è festa

La data in cui celebrare la cultura della cannabis si avvicina! Questo sabato, 20 aprile, è il giorno in cui...

Internazionalesettimane fa 1

Paul Bergholts, presunto leader di Juicy Fields, detenuto nella Repubblica Dominicana

Paul Bergholts, il presunto leader dello schema piramidale Juicy Fields, è stato detenuto nella Repubblica Dominicana e sarà sottoposto a...

Salutesettimane fa 2

I cannabinoidi rivelano risultati promettenti nel trattamento del disturbo borderline di personalità

Un'indagine condotta da Khiron LifeSciences e coordinata da Guillermo Moreno Sanz suggerisce che i medicinali a base di...

Internazionalesettimane fa 2

Caso Juicy Fields: 9 detenuti da Europol ed Eurojustice. La truffa supera i 645 milioni di euro

Un'indagine congiunta condotta da diverse autorità europee, supportata da Europol ed Eurojust, è culminata nell'arresto di nove sospetti...

Internazionalesettimane fa 2

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche per rimanere sedati rispetto a...

Internazionalesettimane fa 2

Il futuro del CBD in Giappone: come le riforme legali plasmeranno il mercato

Alla fine dell'anno scorso, il Giappone ha fatto un grande passo avanti verso la riforma sulla cannabis dopo aver approvato...

Nazionalesettimane fa 2

Portogallo: GreenBe Pharma ottiene la certificazione EuGMP presso gli stabilimenti Elvas

GreenBe Pharma, un'azienda produttrice di cannabis terapeutica con sede a Elvas, Portogallo, ha ottenuto la certificazione EU-GMP sotto...

Nazionalesettimane fa 3

Álvaro Covões, di Everything is New, acquista le strutture Clever Leaves in Alentejo per 1.4 milioni di euro

Álvaro Covões, fondatore e amministratore delegato dell'agenzia di promozione dello spettacolo 'Everything is New', che organizza uno dei più grandi festival...