Seguici sui social
Pubblicità
Pubblicità

interviste

Ethan Russo: "La cannabis è molto meno pericolosa della maggior parte delle droghe convenzionali"

Pubblicato il

em

Ethan Russo durante il suo talk al Lisbon Medical Cannabis 2018 | Foto: Renato Velasco

Neurologo e ricercatore nel campo della psicofarmacologia, Ethan Russo è una figura di spicco nella ricerca sulla cannabis medica dal 1996. Ha scritto sette libri sulla cannabis e sulle erbe medicinali e pubblicato oltre 50 articoli scientifici nei campi della neurologia, gestione del dolore, cannabis e etnobotanica, avendo fornito formazione in più di 30 paesi. Ethan è stato in Portogallo nel 2018, invitato da PTMC – Portogallo Cannabis medica, per chiarire il potenziale medicinale della cannabis e sfatare alcuni miti.

Fondatore e CEO di Scienza CReDO, nel 2020 Ethan ha collaborato con l'avvocato e scienziato Dale Hunt e il botanico Robert Clarke per lanciare il Il meglio dell'allevatore, una società focalizzata sulla concessione in licenza di proprietà intellettuale nell'industria della cannabis. Laureato in Psicologia presso l'Università della Pennsylvania e in Medicina presso l'Università del Massachusetts, ha iniziato a lavorare in pediatria ed è stato neurologo clinico per circa 20 anni, prima di entrare a far parte del ICRS – Società Internazionale di Ricerca sui Cannabinoidi (Società Internazionale per la Ricerca sui Cannabinoidi) e il IACM – Associazione internazionale per i farmaci a base di cannabinoidi (International Association for Cannabinoid Medicines), facendo anche parte del Consiglio Scientifico di American Botanical Council (Consiglio botanico americano).

È stato direttore medico di Phytecs, una società di biotecnologie che studia il sistema endocannabinoide umano (ECS), consulente medico presso GW Pharmaceuticals, avendo supervisionato le sperimentazioni cliniche dei farmaci Sativex ed Epidiolex. È stato direttore della ricerca e sviluppo presso il ICCI — Istituto Internazionale di Cannabis e Cannabinoidi ed è presidente del Consiglio Scientifico di Endocanna Salute, una società americana di biotecnologia specializzata in test del DNA endocannabinoide e formulazioni di cannabinoidi di precisione. 

Cosa ha suscitato il tuo interesse nello studio delle applicazioni medicinali della cannabis? Come hai scoperto la pianta?
Nel 1990, dopo sette anni di pratica clinica in neurologia, sentivo che stavo somministrando sempre più farmaci tossici a molti dei miei pazienti, con sempre meno benefici. Così ho ravvivato un vecchio interesse per le piante medicinali, che mi ha portato nella foresta pluviale amazzonica in Perù per studiare la flora indigena usata dal popolo Machiguenga per curare l'emicrania e altri disturbi. Quando sono tornato nel 1996, sono stato subito coinvolto nella controversia sulla cannabis. L'incredibile storia della cannabis come medicinale, così come le abbondanti pubblicazioni sui suoi benefici, hanno catturato la mia immaginazione e ne hanno fatto il centro della mia carriera. Anche se conoscevo la cannabis molto tempo prima, mi sono imbattuto in essa professionalmente nel 1980, quando ero un specializzando in neurologia, e ho incontrato un uomo al Seattle Veterans Hospital che mischiò la cannabis nel suo tabacco da pipa come trattamento per la miastenia. Grazie a ciò, ha praticamente evitato i ricoveri ospedalieri. Più tardi, anche negli anni '1990, circa un terzo dei miei pazienti con SM ha usato con successo la cannabis per il dolore e la spasticità, oltre a un'ampia varietà di altri disturbi: emicrania, dolore cronico, morbo di Parkinson e Huntington e persino l'epilessia.

Come spiegheresti la cannabis medica a un paziente che non ne ha mai sentito parlare?
La cannabis è una pianta medicinale il cui uso da parte dell'uomo risale a tempi precedenti alla storia documentata. In quanto erboristeria, contiene una combinazione di ingredienti che insieme stimolano la sua attività (sinergia) e producono un versatile agente terapeutico per molte malattie in cui i farmaci convenzionali falliscono. Ciò è in parte dovuto al fatto che la cannabis agisce a livello del sistema endocannabinoide, un regolatore innato delle funzioni corporee che serve a mantenere l'omeostasi (un desiderato equilibrio delle funzioni fisiologiche).

Quali scoperte hai fatto nelle tue ultime ricerche o su cosa ti stai concentrando ora?
Abbiamo recentemente scoperto le basi genetiche della sindrome da iperemesi cannabinoide. L'articolo è ora allo studio per la pubblicazione. Stiamo inoltre pubblicando i risultati di un'ampia indagine sulle persone che utilizzano i prodotti predominante in cannabigerolo (CBG) per ottenere benefici nel dolore, ansia, depressione e altre condizioni con un profilo di effetti collaterali apparentemente molto sicuro e nessuna evidenza di dipendenza o astinenza. Abbiamo anche sviluppato una nuova tecnica di estrazione della cannabis senza solventi che preserva il profilo che si trova nella pianta fresca. Stiamo cercando di rendere la cannabis più sicura e migliore. 

L'anno scorso ha affermato che uno dei problemi principali nell'industria della cannabis è la mancanza di diversità chemovar. Come mai?
L'allevamento selettivo rimane una priorità importante. Siamo sempre alla ricerca di genetiche migliori che esprimano i "cannabinoidi minori" e poi ne studiamo l'uso. Questo diventerà più facile man mano che le leggi cambieranno a livello internazionale.

In Portogallo ci sono ancora molti medici e psichiatri convinti che la cannabis provochi psicosi o schizofrenia. Cosa hai da dire su queste convinzioni e qual è la tua esperienza di neurologo?
La cannabis è come qualsiasi altra medicina. Ha effetti collaterali, ma sono ben studiati e conosciuti e, in questo caso, sono completamente prevenibili. C'è una differenza abissale tra fumare cannabis a scopo ricreativo, quando l'intenzione è di produrre effetti psicoattivi, e usare la cannabis a scopo terapeutico, somministrandola non fumata in dosi che vengono utilizzate per controllare i sintomi. In effetti, la cannabis è molto meno pericolosa della maggior parte delle medicine convenzionali e non provoca schizofrenia in soggetti che non hanno una precedente predisposizione a questo disturbo. Inoltre, non esiste una singola dose di cannabis che possa causare la morte, a differenza degli oppiacei, poiché ci sono pochi recettori dei cannabinoidi nei centri respiratori del tronco cerebrale, e ha un notevole margine di sicurezza quando vengono utilizzate correttamente le preparazioni.

Nella sua pubblicazione del 2011 sul British Journal of Pharmacology, "Taming THC", ha affermato che, all'epoca, molti cannabinoidi, terpenoidi e flavonoidi dovevano ancora essere studiati. Ritiene che questa situazione sia cambiata negli ultimi anni? Piace?
Non è cambiato così velocemente come dovrebbe! Continuo a ricercare e scrivere su questo argomento. Attualmente abbiamo uno studio che inizia negli Stati Uniti con Ryan Vandrey della Johns Hopkins University, finanziato dal National Institutes of Health, che speriamo possa fornire prove del contributo sinergico dei terpenoidi agli effetti del THC.

Ethan Russo al Lisbon Medical Cannabis 2018 – Foto: Renato Velasco

Quanto sono importanti gli effetti sinergici della cannabis e come potrebbero avere un impatto sui progressi della medicina in futuro?
La sinergia degli ingredienti della cannabis può portare due vantaggi:

1) Stimolazione di un'attività desiderata, come la combinazione di due o più ingredienti analgesici per ridurre il dolore e l'infiammazione (es. THC + CBD + Cariofillene);

2) Alcuni componenti terpenoidi riducono gli effetti collaterali del THC. Un buon esempio è la capacità dell'alfa-pinene, un inibitore dell'acetilcolinesterasi, di ridurre la compromissione della memoria a breve termine prodotta dal THC. Questi tipi di formulazioni possono rivelarsi migliori medicinali a base di cannabis.

Secondo te, qual è lo scenario ideale per un Paese che ha appena legalizzato la cannabis medica? Pensi che basti vendere la cannabis come medicinale in farmacia o dovrebbe essere messa a disposizione anche l'intera pianta?
Dovrebbero essere sviluppati diversi approcci. Sebbene continui a credere che i medicinali a base di cannabis su prescrizione siano necessari in una varietà di situazioni, ci sarà sempre un posto per preparati a base di erbe ben coltivati ​​e prodotti.

Pensi che ai pazienti dovrebbe essere consentito di coltivare la propria cannabis, sotto consiglio medico?
Sì. I pazienti che sono fisicamente in grado di coltivare la propria cannabis mostrano segni di trarre grandi benefici da questa attività e dalla capacità di aiutare se stessi. Data la complessità dell'ECS (sistema endocannabinoide), dei cannabinoidi (sia endogeni che esogeni), e le innumerevoli interazioni a cui partecipano o processi che modulano, si può affermare con certezza che una particolare branca della medicina, dei farmaci o anche un nuovo ramo esclusivo emerge per essere incluso nei programmi di istruzione superiore. 

Ethan Russo con Raphael Mechoulam e Yehiel Gaoni – Foto: DR

Come dovrebbe essere affrontata l'educazione alla cannabis in futuro?
L'istruzione specifica sulla cannabis è attualmente disponibile da una varietà di fonti, come Americans for Safe Access, The Answer Page e la Society of Cannabis Clinicians. Cannabic Doctors). Sfortunatamente, l'educazione sulla cannabis e persino sul sistema endocannabinoide è tristemente inadeguata nelle scuole di medicina di tutto il mondo. Questo deve cambiare. La certificazione della conoscenza della cannabis come medicinale è già disponibile ed è obbligatoria in alcune aree per poterla consigliare o prescrivere.

Come si ottiene un accesso più facile e sicuro alla cannabis? Quali sono i percorsi che l'industria e i pazienti dovrebbero seguire?
Abbiamo bisogno di politici nuovi e illuminati che si rendano conto che la cannabis è una soluzione a molti problemi e che non dovrebbe essere considerata solo un problema in sé. L'industria ha bisogno di una migliore regolamentazione per l'educazione e la sicurezza dei consumatori.

Come immagini la medicina a base di cannabinoidi nei prossimi 20 anni?
Man mano che le droghe a base di cannabis diventano più disponibili, ci sarà un crescente riconoscimento del loro valore in molti tipi di malattie refrattarie. Gli atteggiamenti cambieranno lentamente man mano che le persone e i politici diventeranno consapevoli della sua sicurezza e man mano che i benefici di questo farmaco più sicuro diventeranno evidenti. Con gli studi clinici sulla cannabis, il meglio deve ancora venire!
____________________________________________________________

Intervista: Laura Ramos
Traduzione: João Vasconcelos
Fotografia: Renato Velasco

Questa intervista è stata pubblicata nel n. 2 di Rivista Cannadouro 

Pubblicità
Pubblicità

Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionaleore 1 fa

Il Giappone adotta misure per legalizzare la cannabis terapeutica

Il governo del Giappone sta valutando una revisione della sua Cannabis Control Law, che consentirebbe l'uso...

comunicati stampagiorni fa 2

Stati Uniti: Curaleaf chiude le operazioni in California, Colorado e Oregon

Curaleaf Holdings ha annunciato oggi in un comunicato stampa la chiusura proattiva della maggior parte delle sue operazioni in California, Colorado...

Corporazionigiorni fa 2

Bedrocan espande la produzione di cannabis terapeutica in Danimarca

Il produttore olandese di cannabis terapeutica Bedrocan sta aprendo una nuova struttura in Danimarca per soddisfare la domanda...

Internazionalegiorni fa 2

Malta: la registrazione per le licenze di cannabis inizia il 28 febbraio

È passato quasi un anno da quando Malta ha approvato una legislazione per regolamentare l'uso di cannabis da parte degli adulti, consentendo il possesso...

Internazionalegiorni fa 3

La Francia fa un passo avanti nella legalizzazione della cannabis

Il Consiglio economico, sociale e ambientale francese (Cese) ha proposto una "legalizzazione controllata" della cannabis, nel tentativo di "essere guidati...

comunicati stampagiorni fa 3

Svizzera: Linnea ottiene la licenza per produrre ed esportare API ad alto contenuto di THC

Linnea SA ha ottenuto la licenza narcotici da Swissmedic, l'equivalente svizzero di Infarmed IP, diventando così uno dei primi...

Internazionalegiorni fa 3

La Germania punta a completare il disegno di legge e il parere tecnico sulla legalizzazione entro la fine di marzo

Il disegno di legge del governo tedesco per la legalizzazione della cannabis dovrebbe essere completato entro la fine di marzo,...

Internazionalegiorni fa 4

Stati Uniti: la Corte Suprema dell'Arizona stabilisce che l'uso di cannabis terapeutica durante la gravidanza non costituisce negligenza infantile

La Corte Suprema dell'Arizona ha stabilito che l'uso materno di cannabis per le nausee mattutine non costituisce negligenza infantile, il...

Internazionalegiorni fa 4

Repubblica Ceca: il progetto per la legalizzazione dell'uso da parte degli adulti potrebbe essere presentato già a marzo

La legislazione che regolerà la cannabis per scopi ricreativi nella Repubblica Ceca potrebbe vedere la luce entro...

Nazionalegiorni fa 5

Clever Leaves licenzia 63 persone e lascia il Portogallo

Clever Leaves ha annunciato oggi che abbandonerà le sue attività in Portogallo, dopo aver proceduto al licenziamento collettivo di 63 lavoratori....