Seguici sui social

Canapa

Ministro dell'Agricoltura: "La produzione di fiori esula dall'ambito della coltivazione a fini industriali"

Pubblicato il

em

Maria do Céu Antunes, ministro dell'agricoltura. Foto: governo del Portogallo

In un'intervista esclusiva con Cannareporter, Maria do Céu Antunes, ministro dell'Agricoltura del governo portoghese, chiarisce che i fiori di canapa sono vietati nel settore industriale, essendo soggetti a una licenza di Infarmed. L'Ufficio del Ministro garantisce inoltre che i coltivatori di canapa industriale siano stati ascoltati prima della stesura della nuova ordinanza e che abbiano sempre avuto una risposta, nonostante le denunce a cui il Cannareporter ha avuto accesso, tramite le email o il libro dei reclami della DGAV - Direzione Generale Agricoltura e Veterinaria .

La nuova ordinanza sulla canapa industriale in Portogallo, pubblicata il 5 gennaio 2022, ha stabilito nuove regole che limitano sempre più la produzione in Portogallo, ovvero stabilendo un minimo di 0,5 ettari di coltivazione, vietando le serre o densità predefinite di 30Kg di seme per ettaro. Tuttavia, Maria do Céu Antunes ritiene che queste misure “non limitino l'accesso ai piccoli agricoltori, in particolare nel contesto dell'agricoltura familiare”.

Di contro, il protocollo di collaborazione tra Ministero dell'Agricoltura (DGAV e IFAP) e le forze di polizia (PJ, GNR e PSP), che avrebbe dovuto essere rilasciato entro e non oltre 30 giorni dalla pubblicazione dell'ordinanza n. Il 10953 novembre 2020 sarà ormai, a distanza di più di un anno, “in circolazione, in una versione definitiva”, ma non è ancora dato saperlo.

1 – Cannareporter è consapevole che dal 2018 coltivatori e produttori di canapa vi chiedono incontri per essere ascoltati, ma si lamentano che ciò non sia mai avvenuto. Questo è vero? Perché non c'era interesse ad ascoltare gli agricoltori prima di redigere una nuova Ordinanza, visto che sono loro che hanno l'esperienza sul campo?
Abbiamo guidato il nostro modo di fare politiche pubbliche promuovendo uno stretto contatto con agricoltori e produttori, andando sul campo e tenendo aperte le porte per riceverli. Tutti gli agricoltori che hanno contattato i nostri servizi hanno avuto risposta alle loro domande e si sono tenuti gli incontri richiesti e, nel caso non fosse possibile, sono state sempre spiegate le ragioni del loro rinvio. Quanto alle modifiche introdotte all'Ordinanza, esse sono scaturite dall'esperienza maturata durante il primo anno di attuazione delle norme, sia nel campo delle coltivazioni a fini terapeutici e medicinali, sia a fini industriali. Anche alcuni dei cambiamenti sono scaturiti da domande che ci sono pervenute dagli agricoltori e mirate a un migliore chiarimento del quadro giuridico. 

2 – Qual è il motivo o la base giuridica che sta alla base dell'articolo 1-A, punto 3, lettera a), secondo cui la canapa può essere coltivata solo “all'aperto, mediante semina, non essendo consentito trapiantare piante, e nessuna fase di sviluppo della pianta possono verificarsi in serre, rifugi o strutture simili”?
L'obbligo di utilizzare semi, non piante, era già previsto dalla precedente norma per la coltivazione a fini industriali, e la nuova dicitura non fa che chiarire questa situazione, perché la possibilità di trapiantare le piante rende difficile la loro tracciabilità ai lotti di semi che ne ha dato origine. Per quanto riguarda la questione della coltivazione all'aperto, va chiarito che, come in altri stati membri, e precisamente in Spagna, la coltivazione a fini industriali deve essere svolta all'aperto, poiché, in questo modo, si riduce al minimo la possibilità di interferenza artificiale nello sviluppo di piante, che possono eventualmente modificare la loro composizione chimica, oltre ad essere conformi alle buone pratiche agronomiche per la coltivazione di cannabis a fini industriali (per la produzione di fibre o semi per il consumo umano o animale).

3 – Qual è il motivo o la base giuridica che sta alla base dell'articolo 1-A, punto 3, lettera b), in cui si afferma che la superficie minima deve essere di 0,5 ha, poiché la superficie minima per la registrazione di una parcella nell'IFAP è di 100 m²?
L'ambito di applicazione della norma è la coltivazione a fini industriali (per la produzione di fibre o sementi per l'alimentazione umana o animale) e l'esperienza maturata con il primo anno di applicazione ha dimostrato che, per la maggior parte, le superfici presentate erano molto small. , che, oltre a non essere coerente con un'attività di produzione industriale, rende impossibile l'ottenimento di qualsiasi produzione nel caso in cui le piante vengano raccolte per il controllo analitico, nell'ambito dell'ispezione e del controllo. Ricorda che questo tipo di produzione richiede un'elevata frequenza di campionamento.

4 – Qual è il motivo o la base giuridica dell'articolo 1-A, punto 3, lettera c), secondo cui la densità di semina non può essere inferiore a 30 kg per ettaro? Tenendo presente che la maggior parte dei fornitori vende sacchi di semi da 20 o 25 kg?
La densità di semina minima è stata determinata in funzione della destinazione della coltura a fini industriali (per la produzione di fibre o sementi per il consumo umano o animale). In altre parole, la quantità di semi necessaria dovrebbe essere acquisita a seconda della zona, e l'esperienza acquisita in precedenza ha mostrato che gli agricoltori che avevano superfici di pochi metri quadrati, presentavano ancora confezioni di semi da 25 kg, quando possono essere acquistati nel pacchetti più piccoli.

5 – Il punto 2 dell'art. 3-A afferma che “Non è consentito il trasporto fuori dall'azienda”.attività agricola delle aree fiorite, anche contenenti il ​​seme”. Perché si è deciso di vietare la commercializzazione dei fiori di canapa? Questo punto significa che fiori e semi possono essere lavorati solo in azienda? E se trasformati in cosmetici o oli, ad esempio, questi prodotti possono essere commercializzati in un secondo momento, purché non abbiano la forma di fiori?
La produzione di fiori esula dall'ambito della coltivazione a fini industriali (per la produzione di fibre o semi per il consumo umano o animale), quindi la loro produzione e lavorazione presuppongono una licenza che deve essere rilasciata da INFARMED. Per quanto riguarda le sementi, e se lo scopo della produzione è ad esempio per cosmetici o oli, si prevede che l'agricoltore proceda alla rispettiva raccolta e che le sementi raccolte possano essere lavorate al di fuori dell'azienda agricola.

6 – Perché i semi avanzati non possono essere utilizzati da un anno all'altro? Non è questo un incentivo allo spreco? Se il contadino non può coltivarli, che sorte dovrebbe dare loro?
Non conosciamo il fondamento della domanda posta, poiché non corrisponde alla realtà. La modifica della norma stabilisce che i colli non utilizzati in quell'anno possono essere presi in considerazione per l'anno successivo, purché conservino la chiusura originaria.

7 - Sig. Il ministro dell'Agricoltura ha recentemente firmato a protocollo per l'istituzione del Centro di Competenza per l'Agricoltura e l'Agroecologia Familiare (CeCAFA), che mira a “rafforzare la ricerca, la diffusione delle conoscenze, la promozione dell'innovazione e la qualificazione dei produttori nella valorizzazione dell'agricoltura familiare”. Se vogliamo incoraggiare l'agricoltura familiare e l'agroecologia, sapendo che la canapa è una coltura che contribuisce alla rigenerazione e alla sostenibilità del suolo, con innumerevoli usi, come la Comissão Europeia, perché scegli di vietare o limitare la coltivazione della canapa industriale in Portogallo? Non dovrebbe essere anche questa una coltura prioritaria nel nostro Paese, accessibile ai piccoli coltivatori, per stimolare l'economia locale?
La disciplina applicata alla coltivazione della canapa industriale ha lo scopo di differenziare positivamente questo aspetto della coltivazione per altri scopi, che ha comportato, comparativamente, una semplificazione della disciplina, nonché aliquote sostanzialmente ridotte, che non limitano l'accesso ai piccoli agricoltori, in particolare nel contesto dell'agricoltura familiare.

8 – Infine, l'ordinanza n. 10953/2020, del 9 novembre 2020, ha definito i poteri in materia di controllo della coltivazione della canapa a fini industriali, stabilendo al punto 7 che “La DGAV, l'IFAP, il PJ, il GNR e il Il PSP deve, entro un termine massimo di 30 giorni dalla pubblicazione della presente ordinanza, sottoscrivere un protocollo indicando i punti nevralgici di ciascun ente e, nel dettaglio, le modalità di articolazione tra gli stessi”. Questo Protocollo è mai stato firmato? Dove può essere consultato?
Questo protocollo, che sarà celebrato dai diversi enti coinvolti, è in circolazione, già in una versione definitiva.

Commenti
Sottoscrivi
Notifica
2 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] intervista rilasciata al portale Cannareporter, Maria do Céu è stata enfatica nell'affermare che i fiori di canapa sono severamente vietati in […]

luglio
anni fa, 2

Ancora una volta, non risponde direttamente (Non c'è fonte o origine delle informazioni fornite, Papers? Articoli pubblicati? Istituzioni che svolgono effettivamente studi? Sondaggi? Censimenti?)

Qual è la base fattuale?

Qual è la strategia dopo questa intervista? Come si può agire?
Sembra che siamo in una situazione (metafora) Ucraina vs Russia. Enormi disparità tra le prospettive del pareggio e l'agricoltore, che non vive la realtà del settore, crede facilmente in questo discorso “PC”.

Potrebbe essere che con le indagini, la convalida e la quantificazione avremo prove fattuali necessarie o sufficienti per confutare la disinformazione (senza basi o prove)?

Buon lavoro e ammirazione per la calma.

Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionalegiorni fa 2

Il Patient Council della IACM partecipa per la prima volta alla Commissione delle Nazioni Unite sugli stupefacenti

La IACM – International Association for Cannabinoid Medicines – Patient Council sarà presente, per la prima volta, al prossimo...

Opinionegiorni fa 3

L'errore principale della legalizzazione in Germania

La primavera tedesca arriverà con nuovi fiori. La Germania è il terzo paese dell’Unione Europea a legalizzare completamente...

Eventigiorni fa 4

Spannabis ospiterà ancora una volta l'ICBC Barcellona dal 14 al 17 marzo

L'International Cannabis Business Conference (ICBC) aprirà un'altra edizione di Spannabis, il 14 marzo, con l'obiettivo di...

comunicati stampagiorni fa 5

Porto, Matosinhos, Valongo e Paredes – Otto arrestati per traffico di droga e sequestrate più di 8000mila dosi di droga

Il Comando Territoriale di Porto, attraverso il Centro Investigativo Criminale (NIC) di Santo Tirso, tra il 20 e il...

Nazionalegiorni fa 6

Portogallo: la GNR sequestra 3 tonnellate di hashish nel fiume Guadiana

L'Unità di controllo costiero e di frontiera (UCCF) della Guardia Nazionale Repubblicana (GNR) ha sequestrato venerdì scorso, 23...

Eventigiorni fa 6

Spannabis 2024: Barcellona ospita la 20a edizione della più grande fiera sulla cannabis al mondo, dal 15 al 17 marzo

Barcellona si prepara ad ospitare la ventesima edizione di Spannabis, la più grande fiera della cannabis al mondo, il 20...

Internazionalesettimane fa 1

Germania: oggi il Bundestag ha votato a favore della legalizzazione della cannabis, ma manca ancora l'approvazione del Consiglio federale

Il Bundestag ha discusso e votato questo pomeriggio il progetto di legalizzazione dell'uso personale di cannabis nel Paese, con 407...

Internazionalesettimane fa 1

Germania: Venerdì 23 si parlerà della legalizzazione

Il Bundestag tedesco delibererà finalmente sulla legalizzazione della cannabis per il consumo personale nel paese. Il dibattito, che è stato...

Canapasettimane fa 2

La coltivazione della canapa nelle Azzorre avrà una sessione informativa sull'isola di Terceira

La Confraria Internacional Cannabis Portugal e CannAzores uniscono le forze per promuovere una sessione informativa sulla coltivazione di...

Salutesettimane fa 2

CBD e CBC mostrano risultati promettenti nel carcinoma a cellule squamose della testa e del collo

Uno studio pubblicato sulla rivista Cancers ha scoperto che gli estratti di cannabis ricchi di CBD (cannabidiolo) possono uccidere le cellule del cancro al seno...