Seguici sui social

Canapa

La storia di Barry o come il Portogallo tratta i coltivatori di canapa come trafficanti

Pubblicato il

em

Ascolta questo articolo
Barry McCullough nel suo campo di canapa a Estremoz, in Portogallo. Foto: DOTT

Il giorno in cui la Guardia Nazionale Repubblicana (GNR) ha bussato alla sua porta, Barry McCullough, 42 anni, nazionalità inglese, ha ancora cercato di spiegare agli agenti che coltivava canapa industriale e non cannabis. Ha mostrato il sacco di semi, la certificazione che conteneva meno dello 0,2% di THC e anche le varie piante maschili che esistevano nel mezzo della piantagione, qualcosa che non avresti mai potuto avere se coltivassi cannabis "illecita". Ha anche provato a far vedere le email scambiate con la Dgav – Direzione Generale dell'Alimentazione e Medicina Veterinaria, per ottenere l'autorizzazione, ma gli agenti lo hanno ignorato, perché “erano più interessati alle piante”. Barry è stato arrestato, accusato e la sua piantagione completamente distrutta. 

L'arresto di Barry sarebbe avvenuto il 28 luglio 2021, in un'operazione portata avanti dal Nucleo investigativo criminale della GNR, con tre auto e dieci agenti. Questa non è una situazione senza precedenti in Portogallo. Dal 2018 diversi agricoltori denunciano “persecuzioni” da parte delle forze di polizia e “inerzia” o “doppio criterio” da parte della DGAV. Pawel Szopa ou Ugo Monteiro sono solo altri due esempi di molti casi simili in Portogallo, in cui gli agricoltori finiscono per essere accusati del reato di “traffico di droga”.

La difficoltà di distinguere la canapa dalla cannabis
Almeno due agenti GNR ammesso a Cannareporter di non essere in grado di distinguere la canapa dalla cannabis, pertanto la GNR “delega le piante sequestrate nell'ambito di un procedimento penale al Laboratorio di Polizia Scientifica, ente allo scopo abilitato”. Nel 2020 la GNR “ha effettuato 354 sequestri di piante di cannabis”. Nel 2021, fino al 31 luglio, “ha effettuato 132 sequestri, e questi dati sono provvisori”.

La canapa che la GNR ha sequestrato sulla proprietà di Barry è apparsa sulla stampa portoghese come se fosse cannabis illecita. Foto: GNR

Dal canto suo, la DGAV ha confermato di aver accolto solo 22 delle 69 domande di autorizzazione alla coltivazione ricevute e ha garantito di possedere “molto solide conoscenze scientifiche e tecniche sulla coltura e la normativa applicabile” alla canapa.

ACCIP – Associação de Comerciadores do Cânhamo Industrial de Portugal, ha affermato che, nel 2021, la DGAV ha effettuato “una raccolta illegale di dati, chiedendo contratti per la fornitura di produzioni di canapa con lo stesso livello di dettaglio richiesto da Infarmed da aziende di cannabis medica” e ha chiesto la creazione di un ufficio statale esclusivamente dedicato alla produzione, ricerca e sfruttamento della canapa industriale in Portogallo. anche il CannaCasa - Associazione della Canapa Industriale, ha ripudiato l'azione delle autorità e ha criticato l'inflessibilità della DGAV, la quale, inoltre, richiede la presentazione di atti non previsti dalla normativa.

La storia di Barry:
"Ritengo che la canapa sia necessaria. Se non lo faccio, lo farà qualcun altro."

Nel 2018 Barry ha deciso di approfittare dell'affitto di alcuni terreni da un amico, vicino a Estremoz, nell'Alentejo, per testare la coltivazione di varietà di cannabis industriale nel clima portoghese, per la quale ha ottenuto l'autorizzazione nel 2018 e nel 2019. Ritardi e i blocchi dalla DGAV alla coltivazione della canapa erano quindi già noti a Barry. Nel 2020 non sono state nemmeno rilasciate autorizzazioni. L'anticipo di un'altra stagione di semina, in attesa di una risposta al secondo invio di documenti nella domanda 2021, gli ha fatto decidere di andare avanti, anche se non aveva ancora l'approvazione definitiva di quell'organismo dal Ministero dell'Agricoltura. 

Hai chiesto alla DGAV l'autorizzazione a piantare canapa industriale nel 2021?
Sì, ho presentato una richiesta alla DGAV, come ho fatto negli anni precedenti. Hanno risposto alla mia email e ho scoperto che la documentazione era stata modificata. Negli anni precedenti, il processo richiedeva solo l'invio di una notifica in cui si diceva che sarebbe stata prodotta canapa e non era necessario attendere l'autorizzazione. Quest'anno non hanno riconosciuto diversi documenti che ho inviato, ho dovuto fare una nuova domanda e inviare altra documentazione, quindi avevo già iniziato a piantare prima di ricevere l'autorizzazione. 

Quindi, hai compilato il modulo sul sito web, l'hai inviato e hai ricevuto una risposta?
Mi hanno risposto dicendo che i documenti dovevano essere cambiati e ho inviato un nuovo modulo, spiegando anche a cosa serviva la vendemmia e tutto il resto. Non ho ricevuto risposta a questa email.

Barry aveva ottenuto il permesso di piantare canapa nel 2018 e nel 2019

Qual era lo scopo della tua piantagione?
La piantagione era destinata principalmente alla ricerca di varietà vitali per ottenere sementi biologiche. Abbiamo una grande richiesta in Inghilterra di olio di semi di canapa biologico, quindi volevamo lavorare con gli agricoltori portoghesi per testare diverse varietà. Aveva solo poche centinaia di piante, che è una piccola quantità per la coltivazione della canapa, ma è stata una piantagione di successo. L'obiettivo era vedere quanto seme possiamo produrre per varietà in questo clima. Anche in una piccola quantità di piante possiamo vedere quanto seme viene prodotto ogni 100 metri, ad esempio, quale produzione si può ottenere. Ma quando la GNR ha visto i piani, ha semplicemente pensato a qualcosa. Gli agenti hanno visto questa piccola quantità di piante e hanno pensato che fosse cannabis con THC.

Che varietà stavi coltivando?
Una varietà francese, “Felina 32”.

Quante piante avevi?
Aveva tra le 400 e le 500 piante. Ho avuto solo il tempo di piantare quella quantità, circa un chilo da un sacco da 25 kg che ho acquistato da un produttore in Francia, certificato dall'Unione Europea (UE).

Hai mostrato questa documentazione al GNR?
Sì, ho mostrato al computer quello che avevo inviato alla DGAV, il modulo, la foto della borsa, la borsa, il certificato di THC del produttore... Hanno solo dato una rapida occhiata e volevano vedere le piante. Ho semi degli anni precedenti, di altre due varietà, e ho mostrato loro i sacchetti con i certificati. Questi sono tutti semi certificati UE ed è tutto ciò che coltivo.

La GNR sapeva dove si trovavano le piante o ti ha chiesto di fargliele vedere in giro?
Una parte è visibile dal cortile, l'altra è alla fine del percorso. Sono arrivati, hanno attraversato il cortile e quando sono uscito mi hanno chiamato per nome. Hanno detto che mi stavano cercando, ero aperto e rispettoso, hanno fatto lo stesso con me. Volevano sapere se avevo l'autorizzazione e ho spiegato l'intera situazione. Non ero a conoscenza del nuovo sistema in vigore, che richiedeva un'autorizzazione molto chiara. Era diverso negli altri anni, ma forse c'è stata un'interpretazione errata da parte mia. È stato sfortunato perché ha finito per creare questo problema.

Il pomeriggio successivo è stato ascoltato dal giudice... Ha avuto delle accuse?
Sì, c'era un'accusa. Possesso di cannabis o intenzione di trafficare cannabis. Era tutto chiamato cannabis piuttosto che canapa o Canapa Sativa L., che è l'espressione latina per canapa.

Anche se hai dimostrato di aver fatto una richiesta per coltivare canapa, sei sempre stato trattato come un commerciante di cannabis?
Sì. Avevo fiori vecchi e molto secchi in scatole, fiori che avevano più di un anno, per fare tinture, impacchi topici della pelle, per scottature solari e simili. Quando hanno trovato le scatole con i fiori, hanno pensato che fosse cannabis con THC ed erano abbastanza felici. (ride)

Ma questi fiori erano anche fiori di canapa, giusto?
Sì, solo fiori di canapa! Tutto quello che ho coltivato sono semi di canapa certificati UE, ma non potevano dirlo, li hanno solo annusati e... oh! (ride)

Il comunicato stampa della GNR, emesso il giorno del suo arresto, ha valutato la piantagione in 500 euro, ovvero 55 dosi...
In effetti, nessuno lo comprerebbe! È vecchio, secco e orribile! Non ha valore e non doveva, perché era per la mia indagine, per il mio uso personale, quindi è stato pazzesco leggerlo sulla stampa.

Come ci si sente a essere trattato come uno spacciatore dai media?
È stato un po' scioccante. Ho parlato quel giorno con uno dei poliziotti e lui ha capito quello che dicevo, ma dal loro punto di vista non è sembrata loro una situazione favorevole: “Ci sono poche piante, ci sono i fiori ”… e ho capito che dovevano portare a termine il loro processo, ma lo stesso giorno hanno rilasciato questo comunicato stampa, con questa visione infondata, che è stata piuttosto scioccante per me. Erano davvero entusiasti perché pensavano che fosse un'ottima scoperta, ma non lo era! Puoi testare i fiori, che avranno un livello di THC molto basso... è solo canapa.

Il sacchetto di semi di canapa, Felina 32, che Barry ha coltivato in Alentejo, nel sud del Portogallo

Quali sono state le conclusioni del giudice dopo questa udienza in tribunale?
Il giudice aveva un dossier ampio, con foto di prova, e anche per lei la situazione non sembrava molto favorevole: “Ci sono fiori, ci sono borse, ci sono piante…”. C'erano pochissime piante di canapa, ma se fossero piante di cannabis THC, ci sarebbero molte piante. Mi ha fatto molte domande e ho risposto onestamente e chiaramente per molto tempo. Doveva dirmi di stare zitto una o due volte. Penso che si sia resa conto che ho familiarità con il processo di coltivazione e che sono una coltivatrice di canapa, quindi ha detto che potevo andare libera, ma che per tre mesi non potevo lasciare il paese e che ogni settimana dovevo presentarmi in il GNR. Hanno preso il mio cellulare e il mio computer, per scoprire se ci sono prove di traffico, affari o vendita. C'è un'indagine in corso e penso che alla fine dei tre mesi il processo sarà rivalutato. Credo che stiano aspettando il test dei fiori.


Quali sono le tue aspettative dopo questi tre mesi?

Spero che facciano i test sui fiori e che possano dimostrare che il livello di THC è molto basso, perché non ci sono prove di traffico sul mio cellulare o computer. Spero che concluderai che sono un coltivatore di canapa, che i semi sono certificati UE e che i miei fiori e le mie piante sono solo canapa. Posso capire che il processo di licenza era confuso, che ho commesso un errore, ma non era intenzionale, e sono disposto ad accettare e seguire il processo legale alla lettera il prossimo anno e continuare. Vorrei che l'indagine potesse essere completata in questi tre mesi o meno, perché se non posso lasciare il paese in ottobre, non sarò in grado di raccogliere in tempo il mio raccolto di canapa in Inghilterra. E devo esserci! Quindi, per me, è molto importante che l'indagine si svolga rapidamente.

Pensate di citare in giudizio lo Stato per questo errore?
Non ne sono sicuro. Capisco che il processo di licenza è stato un pasticcio, ma c'era un altro modo di fare le cose, avrei potuto mostrare i documenti, non dovevano sradicare le piante... Avremmo potuto parlare, avrei potuto parlare con la DGAV, se ci fossero stati più requisiti avremmo potuto collaborare per trovare la soluzione. Ma sono venuti aspettandosi qualcos'altro.

Questo ha avuto implicazioni per la tua vita personale?
Sì, è stato stressante per me, la mia famiglia e i miei amici, che erano molto preoccupati perché non potevo comunicare con loro per più di 24 ore mentre ero alla stazione, e non sapevano cosa stesse succedendo. Poi le spese legali, che sono un grosso onere. L'anno passato è stato un anno difficile per tutti, inclusa la nostra attività nel Regno Unito, e questo costo è davvero un peso enorme. Ed è appena iniziato...

Hai un'idea del danno, in termini finanziari, in questo processo?
È difficile da contare. È più il lavoro, lo sforzo e la ricerca coinvolti... Avrei potuto produrre semi quest'anno, estrarre l'olio, avere un campione da assaggiare, vedere la dimensione dei semi, sapere quanto viene prodotto da ogni pianta... Ecco cosa L'ho coltivato per, per avere un'idea di quanto si può produrre, portare una macchina per estrarre l'olio dai semi e mostrarlo ad altri agricoltori e associazioni portoghesi. Volevo portare alcune pratiche e conoscenze agricole dall'Inghilterra e poi coltivare su scala più ampia, perché in Portogallo le cose sono ancora sottosviluppate.

In termini legali, come funziona nel Regno Unito?
Abbiamo una licenza in Inghilterra per un periodo di tre anni. Quella licenza è terminata quest'anno e abbiamo dovuto inviare nuovamente la domanda per altri tre anni, ma quest'anno la domanda è stata molto difficile, ci sono voluti mesi e mesi... C'erano nuove normative e requisiti che richiedevano molto tempo, scambi di e-mail e discussioni, per cercare di trovare un modo per farlo. Alla fine, si sono resi conto che i requisiti per tutti i coltivatori di canapa non erano realistici, quindi hanno dovuto cambiarne alcuni. È stato un processo lungo e abbastanza difficile.

Da quanto tempo coltivi la canapa?
Questo è il nostro quarto anno di coltivazione.

Trovi sempre più difficile coltivare la canapa?
Direi di si.

Secondo te, perché ci sono così tante difficoltà per i coltivatori di canapa in questo momento?
Per lo stesso motivo è stato bandito la prima volta, per aver associato la cannabis al THC. E per questo motivo, resta il timore che chi coltiva la canapa inizi a coltivare cannabis con il THC. La cannabis con THC esiste da più tempo degli umani. Gli esseri umani lo usano da più tempo di quanto possiamo immaginare. Non è un pericolo di per sé, l'alcol è più pericoloso ed è gratuito e disponibile. È solo la percezione umana della questione. C'è molto stigma e la canapa è associata a questo, quindi c'è questa paura che un coltivatore di canapa possa produrre cannabis con THC. Mi sembra che questi ostacoli provengano dalla politica, ma non sono sicuro del perché, considerando tutti i benefici che la canapa può avere per l'umanità.

Con questo in mente, vuoi ancora investire nella canapa? Come ti senti ora che hai avuto questi problemi?
Ritengo che la canapa sia necessaria. Se non lo faccio, lo farà qualcun altro. In termini di come sta andando il mondo, piantagione sostenibile a tutti i livelli, dall'uso industriale, o addirittura alimentare, all'uso medicinale (e qui non sto parlando dell'uso medicinale altamente sofisticato di piante ad alto contenuto di CBD, prodotte in laboratorio , ma l'uso terapeutico e di base delle erbe naturali che chiunque può coltivare nel proprio giardino). Tutti questi sono bisogni umani. Essere in grado di produrre un tipo di grafene economico e non inquinante, o un materiale sostenibile in termini di utilizzo dell'acqua, tutte queste cose sono necessarie per il pianeta. Gli esseri umani stanno correndo contro un muro e ne abbiamo bisogno, la canapa può fornire tutte queste cose se vengono investite risorse sufficienti. Se non lo faccio, alla fine lo faranno gli altri. È la mia visione. Ci arriveremo.
__________________________________________________________________
Intervista originariamente pubblicata nel numero 3 di Rivista Cannadouro

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

1 Commenti
Sottoscrivi
Notifica

1 Commento
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Fernando Bandre
anni fa, 2

La situazione della canapa in Portogallo è un aneddoto

Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Eventigiorni fa 3

L'ICBC Berlino torna a brillare. È l'inizio di una nuova era per l'industria della cannabis in Germania

L'ICBC di Berlino è stata la prima grande conferenza internazionale sulla cannabis a svolgersi dopo la legalizzazione dell'uso da parte degli adulti in...

Internazionalegiorni fa 4

USA: prodotti Mike Tyson richiamati per contaminazione da muffe

Le autorità della California hanno emesso un avviso di richiamo obbligatorio per due prodotti del marchio di cannabis di Mike Tyson,...

Eventigiorni fa 5

Si avvicinano le 4 e a Porto e Lisbona è festa

La data in cui celebrare la cultura della cannabis si avvicina! Questo sabato, 20 aprile, è il giorno in cui...

Internazionalesettimane fa 1

Paul Bergholts, presunto leader di Juicy Fields, detenuto nella Repubblica Dominicana

Paul Bergholts, il presunto leader dello schema piramidale Juicy Fields, è stato detenuto nella Repubblica Dominicana e sarà sottoposto a...

Salutesettimane fa 2

I cannabinoidi rivelano risultati promettenti nel trattamento del disturbo borderline di personalità

Un'indagine condotta da Khiron LifeSciences e coordinata da Guillermo Moreno Sanz suggerisce che i medicinali a base di...

Internazionalesettimane fa 2

Caso Juicy Fields: 9 detenuti da Europol ed Eurojustice. La truffa supera i 645 milioni di euro

Un'indagine congiunta condotta da diverse autorità europee, supportata da Europol ed Eurojust, è culminata nell'arresto di nove sospetti...

Internazionalesettimane fa 2

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche per rimanere sedati rispetto a...

Internazionalesettimane fa 2

Il futuro del CBD in Giappone: come le riforme legali plasmeranno il mercato

Alla fine dell'anno scorso, il Giappone ha fatto un grande passo avanti verso la riforma sulla cannabis dopo aver approvato...

Nazionalesettimane fa 2

Portogallo: GreenBe Pharma ottiene la certificazione EuGMP presso gli stabilimenti Elvas

GreenBe Pharma, un'azienda produttrice di cannabis terapeutica con sede a Elvas, Portogallo, ha ottenuto la certificazione EU-GMP sotto...

Nazionalesettimane fa 3

Álvaro Covões, di Everything is New, acquista le strutture Clever Leaves in Alentejo per 1.4 milioni di euro

Álvaro Covões, fondatore e amministratore delegato dell'agenzia di promozione dello spettacolo 'Everything is New', che organizza uno dei più grandi festival...