Seguici sui social

Indagine

Portogallo: giudici e pubblici ministeri stanno archiviando casi di canapa per "mancanza di prove di reato"

Pubblicato il

em

Foto: DR

I procedimenti giudiziari di commercianti e coltivatori di canapa industriali, accusati del reato di “traffico di droga”, sono invariabilmente avviati da giudici e pubblici ministeri della Repubblica portoghese. Patrick Martins, fondatore di Green Swallow e presidente di ACCIP – Association of Industrial Hemp Traders of Portugal e António João Costa, vicepresidente di Cannacasa – Industrial Hemp Association, entrambi accusati rispettivamente di vendere e coltivare canapa, sono stati assolti dall'accusa rispondere in giudizio, perché “non vi sono sufficienti indizi della commissione di un reato”.

Negli ultimi due mesi, Cannareporter ha appreso che in Portogallo sono state presentate almeno altre tre indagini relative alla coltivazione e al commercio di canapa con meno dello 0,2% di THC, il che suggerisce decisioni simili in altri casi pendenti e, eventualmente, futuri. .

“Non ritengo che, con questi elementi, la probabilità di condanna sia più forte di quella di esclusione della loro responsabilità, quindi è imperativo non pronunciare gli imputati qui, che si decide, determinando la tempestiva archiviazione della causa”, ha scritto il giudice penale, Carlos Alexandre, il 28 febbraio 2022, nella decisione preliminare nel processo giudiziario di Patrick Martins e del suo partner presso Green Swallow, una catena di negozi di prodotti a base di canapa. Il pubblico ministero ha avuto 30 giorni di tempo per impugnare la decisione, ma non lo ha fatto.

Gli importi spesi per le spese processuali e amministrative sono stati ovviamente ingenti, sia per lo Stato che per gli imputati nei casi che andremo a descrivere.

Il caso di Patrick e GreenSwallow

Patrick Martins è stato visitato dalla PSP - Polizia di Pubblica Sicurezza - il 2 luglio 2020 presso il suo negozio, Green Swallow, e si è automaticamente costituito imputato per il reato di "traffico di droga". La maggior parte delle azioni è stata sequestrata. Aveva un termine di identità e residenza, con presentazioni obbligatorie di due volte alla settimana e gli impediva di lasciare la residenza a Lisbona “per più di 5 giorni, senza comunicare il luogo in cui si trova nel Paese”. All'epoca, Patrick viveva la maggior parte del tempo con la moglie a Londra, cosa che finì per causargli disagi senza precedenti, sia a livello personale che professionale, poiché fu costretto a rimanere in Portogallo per più di 18 mesi, senza autorizzazione all'uscita.

Patrick Martins, fondatore e socio amministratore di Green Swallow

Nella decisione di istruzione, pronunciata più di 20 mesi dopo il sequestro, il giudice Carlos Alexandre ha citato la legislazione europea e il limite dello 0,2% di THC consentito nella canapa industriale, ma nel documento finirebbe per riferirsi al "2% di THC", che potrebbe essere stato un errore dello scriba.

"I convenuti qui hanno deciso di commercializzare prodotti del tipo sequestrato sulla base dell'applicazione in Portogallo della legislazione comunitaria che consente tale attività per prodotti o articoli che non contengono più del 2% di THC (sic)."

Inoltre, il Giudice ha sottolineato che “hanno agito convinti di agire in modo tollerato dal diritto penale portoghese e socialmente accettato. Gli interrogatori degli imputati erano coerenti con questa motivazione. Non vi sono, quindi, tutte le prove, elementi di fatto che sostanziano gli elementi oggettivi della tipologia di narcotraffico. E, naturalmente, cosa non c'è nel caso specifico sub giudicato, considerati gli elementi sequestrati e le testimonianze raccolte, costituisce l'elemento soggettivo in una qualsiasi delle forme di truffa. Gli imputati hanno sempre agito convinti di cogliere un'opportunità di business, che vedevano praticata nei paesi della comunità, attività che rispettava anche le ordinanze a cui è ancorata la legge 15/93, del 22 gennaio».

De secondo quanto previsto dall'art. 286 ° /dCPP - Codice di procedura penaleistruzione Visa prove giudiziarie della decisione di perseguire o di chiudere l'indagine, al fine di sottoporre o meno il caso a giudizio. Cioè, l'istruzione è volta a verificare se sussistono prove sufficienti della pratica, da parte degli imputati, dei fatti e dei reati di cui sono stati accusati, servendo anche a verificare la presenza di tutti i presupposti processuali da cui l'accusa dipende. Carlos Alexandre ha ritenuto di no.

“Contrariamente a quanto sostenuto dalla Procura della Repubblica o addotto dai ricorrenti per l'apertura di un'indagineCAO, gli atti contengono e sono stati esaminati, prove ritenute solide per non sottoporre gli imputati a giudizio per i reati loro imputati nell'accusatoreCAO, riferendosi quindi al fondamentaleCAO sugli imputati.

Di conseguenza, essendo convinto che tali fatti siano soggetti a “che diamine” il Giudizio è più forte della probabilità di esonerareCAO di responsabilità, decido di non pronunciare gli imputati dell'illecito che la Procura della Repubblica imputa loro. Le perizie e la perizia finale della Polizia Giudiziaria hanno pesato alla luce delle regole dell'esperienza comune e della normalità dell'evento che gli imputati qui sono sempre stati convinti della legittimità del loro operato.CAO.

senza voler prendere posizioneCAO apodittica di bontà e legalità, allo stato attuale della normativaCAO portoghese e quello ricevuto a titolo di regolamentoCAO ancorati dall'Unione Europea, anche se non possiamo non dire che riteniamo riproducibili le considerazioni portate dai convenuti, che riteniamo regolamentareCAO uscita comunitaria ed in vigore dopo la Legge 15/93, del 22/01 e l'Ordinanza 94/96, del 26/03, è già stata accolta in Portogallo come dottamente spiegato dai difensori degli imputati.

Di conseguenza, non ritengo che, con questi elementi, la probabilità di condanna sia maggiore di quella di esclusione dalla responsabilità, per cui è imperativo non pronunciare gli imputati qui, che si decide, determinando la tempestiva archiviazione della causa. A tempo debito, archivialo", ha stabilito.

Il caso di João Costa: la purezza dello 0,2% di THC è “un valore inferiore a una dose”
Il 23 febbraio è stato archiviato anche il caso di António João Costa, vicepresidente di Cannacasa – Associação do Cânhamo Industrial – “ai sensi dell'articolo 277 del codice di procedura penale”. João era stato accusato di “reato di traffico di droga” il 21 dicembre 2020, nonostante avesse spiegato agli agenti che quella che aveva in casa era canapa industriale, e il suo arresto è stato rilasciato alla stampa. Era presente in tribunale e anche a lui è stata concessa la misura coercitiva del termine di identità e di residenza. Nella notifica che ha ricevuto dalla Procura della Repubblica, si legge che l'indagine è stata aperta rilevando che João Costa “coltiva piante di cannabis nella sua casa situata a (…)”.

“Il fatto denunciato rischia di integrare la pratica di un reato di traffico di droga, p. e pag. Con l'articolo 21, n. 1, del DL n. 15/93, del 22 gennaio.

Durante le perquisizioni domiciliari della residenza di João Costa, il 21/12/2020, sono stati sequestrati:

1363.600 grammi di semi di cannabis;

24.100 grammi di foglie di cannabis;

467.900 grammi di foglie di cannabis (sic)

Interrogato in qualità di imputato, João Costa ha affermato di essere un “produttore industriale di canapa” e di disporre di documentazione che conferma le sue affermazioni, oltre ad aver contattato le autorità preposte come il Ministero dell'Agricoltura, la GNR e la Polizia Giudiziaria, fornendo conoscenza dello svolgimento dell'attività”.

João Costa è stato arrestato a Machico, Madeira, dove risiede ed è anche presidente dell'Associazione Culturale e Ricreativa di Facho da Ladeira.

La notifica di João Costa prosegue affermando che “dopo l'esame peritale del materiale sequestrato, si scopre che, in realtà, si tratta di cannabis (foglie mancanti) ma con un grado di purezza solo dello 0,2%, che dà, in totale, un valore inferiore a una dose, secondo l'ordinanza 94/96. I semi destinati alla semina della canapa per la produzione di canapa per scopi industriali devono avere un contenuto di THC non superiore a 0,2, come nel caso di specie”. Nella notifica si legge inoltre: “dalla documentazione inviata dall'imputato risulta che questi ha chiesto l'autorizzazione alla coltivazione della canapa qui nella Regione Autonoma di Madeira, pur non avendo documentato la prova che fosse già in possesso della rispettiva autorizzazione”.

«Ora, alla luce di tutte le prove prodotte in tali atti, resta inteso che, di fatto, l'imputato coltivava canapa a fini industriali e che, di conseguenza, ha avviato un procedimento al fine di poter avviare le rispettive coltivazione nel rispetto di tutte le norme e regolamenti vigenti. Resta quindi inteso che non vi erano prove sufficienti della pratica da parte dell'imputato del reato di narcotraffico, dato che se l'imputato possedeva canapa e iniziasse a coltivarla senza licenze/autorizzazioni legali, potrebbe incorrere in illeciti amministrativi”.

Alla luce di quanto sopra, e senza ulteriori considerazioni, decido di chiudere l'indagine, ai sensi dell'articolo 277, n.2, del codice di procedura penale”.
Firma il procuratore della Repubblica Carla Pinto.

Il caso di António, titolare di un negozio di canapa a Lisbona
Esattamente negli stessi termini, è stato depositato anche il caso di António (nome fittizio, poiché preferisce non essere identificato), managing partner di un negozio di cannabis nella zona della Grande Lisbona. Nel processo di archiviazione, a cui Cannareporter ha avuto accesso, si legge che “in questa indagine sono stati indagati fatti relativi alla vendita di potenziali stupefacenti in due esercizi commerciali (...) di THC inferiore allo 0,2%. I fatti in questione possono comprendere, in astratto, la pratica di un reato meno grave di traffico di stupefacenti, p. e pag. Con gli artt. 21, nº1 e 25, al. A) del codice penale.

Una maglietta in uno degli oltre 30 negozi di prodotti derivati ​​dalla canapa che esistono a Lisbona

In questo caso, dalle perizie effettuate sui prodotti sequestrati in uno dei negozi (solo foglie e sommità) è emerso che alcuni di essi, ovvero le bustine con foglie o sommità di cannabis, avevano gradi di purezza compresi tra lo 0,3 e lo 0,5% di THC, che supera il limite legale (0,2%) in Portogallo, corrispondente a una dose giornaliera. Nei restanti casi, che hanno raggiunto il limite di 0,2, non sono state calcolate le dosi giornaliere, riferite ad un “grado di purezza <0,2%, non corrispondente alla dose giornaliera”.

In questo caso, “è stato sentito come testimone uno specialista della sicurezza della società TNT/Fedex, il quale ha affermato di essere stato contattato dai servizi di sicurezza spagnoli di quella società, dicendogli che, tramite canidi, era stato rilevato un ordine che indicava che possedeva un prodotto di sostanze stupefacenti, ma che le autorità spagnole non avevano alcuna base giuridica per trattenere tale pacco postale, in quanto la documentazione dello stesso indicava un contenuto di THC inferiore allo 0,2% e, in Spagna, il limite legale corrisponde a 0,6 %”.

I prodotti sequestrati con contenuti di 0,3 e 0,5% di THC sono illegali in Portogallo, ma António ha assicurato a Cannareporter che tutti i prodotti che ha venduto nel negozio avevano un certificato di analisi attestante un valore inferiore allo 0,2% di THC. . Ha anche affermato che né la polizia né il tribunale gli hanno rivelato quali prodotti avevano valori più elevati, quindi non sapeva quale fornitore avesse mentito nel certificato di analisi. Nel processo di deposito di António, si ricorda anche che era “convinto che la sua attività rientri nelle norme legali vigenti e che ha sempre collaborato con le autorità, in particolare autorizzando perquisizioni nei suoi stabilimenti e aprendo volontariamente ordini, al fine di dimostrare di OPCs che le merci in questione non erano al di fuori della legge. E ciò basta, come crediamo, per ritenere che la condotta dell'imputato, soprattutto in considerazione del recente quadro normativo (unitamente alla data pratica dei fatti), non è dolosa (...) ordine di chiudere l'indagine, in quanto non sono state raccolte prove sufficienti che l'imputato, con la sua condotta, ha soddisfatto l'elemento soggettivo del reato in questione”.

La maggior parte dei negozi in Portogallo vendono oli e fiori di canapa come quelli in questa foto di esempio

E, ancora una volta, si è ritenuto che «alla luce di quanto sopra, non essendo state raccolte prove sufficienti circa l'espletamento dell'elemento soggettivo della tipologia di reato in esame in tali atti, decido di chiudere l'istruttoria, ai sensi dell'art. termini dell'articolo 277, nº 2, del codice di procedura penale. (…) Promuovo ulteriormente la distruzione del prodotto stupefacente sequestrato e di eventuali campioni sicuri, secondo quanto previsto dall'art.

António ha lamentato con Cannareporter la perdita di migliaia di euro in prodotti, non solo quelli che erano fuori dai limiti di THC, che erano la minoranza, ma anche tutti gli altri che hanno soddisfatto i limiti, che non gli sono stati restituiti. Lo stesso è avvenuto con tutti gli altri imputati, ai quali i beni sequestrati non sono mai stati restituiti.

Oltre a Patrick, João e António, almeno un altro proprietario di un negozio simile in Alentejo e un altro coltivatore di canapa hanno recentemente chiuso i loro casi per mancanza di prove di un crimine. Questi casi possono quindi prevedere una tendenza alla non condanna di coloro che si dedicano alla produzione e al commercio di prodotti derivati ​​dalla canapa in Portogallo.

Le forze di polizia non sono articolate tra loro
I sequestri sono stati effettuati dal PSP o dalla GNR e, nel caso di alcuni agricoltori, denunciati dalla DGAV, ma le analisi dei prodotti sequestrati sono svolte dal Laboratorio di Polizia Scientifica della Polizia Giudiziaria (PJ).

La GNR durante il sequestro della piantagione di canapa di Pawel Szopa, vicino a Sertã

L'ordinanza n. 10953/2020, che ha definito i poteri in materia di controllo della coltivazione della canapa a fini industriali, ha stabilito, al punto 7, che “La DGAV, l'IFAP, il PJ, il GNR e il PSP devono, nella massima termine di 30 giorni dalla pubblicazione della presente ordinanza, sottoscrivere un protocollo indicando i punti nevralgici di ciascun ente e, nel dettaglio, le modalità di articolazione tra gli stessi”.

La verità è che, a distanza di quasi un anno da questo periodo massimo di 30 giorni, Cannareporter interrogato la DGAV, il GNR e il PJ sul suddetto protocollo e non aveva ancora visto la luce e, ad oggi, non è stato reso pubblico. Le analisi da parte del Laboratorio di Polizia Scientifica dei prodotti sequestrati sono durate, in media, circa 18 mesi, durante i quali gli imputati sono stati costretti ad adottare misure coercitive come il termine di identità e di soggiorno, con periodiche presentazioni obbligatorie alla polizia, normalmente due volte alla settimana, e l'impossibilità di lasciare il Paese. Oltre a questi inconvenienti nella loro vita personale, tutti hanno perso completamente il tempo e il denaro investiti nelle loro produzioni o azione sequestrati, oltre alle ingenti somme che hanno dovuto spendere per la loro difesa, con avvocati e spese legali e amministrative.

GNR, PSP e PJ accusano pubblicamente i produttori di canapa di traffico farmaci

Il sequestro di canapa di Barry McCullough da parte della GNR è avvenuto nel luglio 2021

Patrick Martins, João Costa e António non sono stati, infatti, gli unici ad essere accusati del “reato di traffico di droga” negli ultimi anni in Portogallo. Come lui, diversi commercianti di cannabis e produttori di canapa industriale sono stati arrestati, accusati, imputati e soggetti a condizioni di identità e residenza, oltre ad essere descritti dai media come "trafficanti". In diversi casi, come ad es Barry McCullough, Ugo Monteiro ou Pawel Szopa, ad esempio, la GNR – Guarda Nacional Republicana – ha inviato comunicati il ​​giorno del sequestro, affermando che si trattava di cannabis, prima di certificare che, in realtà, si trattava di canapa industriale. Il GNR ammesso a Cannareporter chi non poteva distinguere la canapa dalla cannabis. Insieme a Antonio João Costa lo stesso è successo, con il PSP che ha inviato un comunicato stampa senza prima certificare cosa aveva realmente sequestrato.

Cannareporter ha anche appreso che la Polizia Giudiziaria ha visitato un produttore di canapa mesi dopo il suo arresto per chiedergli campioni di ciò che coltivava, ma il contadino, che vive vicino a Sertã, ha detto che non poteva fornire loro nulla in quanto la GNR aveva già preso tutto . Il PJ ha confidato all'agricoltore che “non era quella la procedura” e che la GNR non avrebbe la competenza per sequestrare le piante in questione. Qui la storia si infittisce. Cannareporter ha contattato la Polizia Giudiziaria per chiarire la situazione, ma non ha mai ricevuto risposta alle domande inviate, nel novembre 2021, nonostante le insistenze, sia via mail che telefonicamente.

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

+ post
Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionale15 ore fa

USA: la pediatra Bonni Goldstein lancia una petizione contro il divieto dei medicinali naturali a base di CBD in California

La pediatra nordamericana Bonni Goldstein mette in guardia dal tentativo di vietare i medicinali derivati ​​dal CBD naturale...

Internazionale16 ore fa

In Europa sono quasi 23 milioni i consumatori di cannabis, la sostanza illecita più consumata

La cannabis continua ad essere di gran lunga la sostanza illecita più consumata in Europa. Sono queste le conclusioni del “Rapporto...

Eventigiorni fa 2

Mary Jane celebra per la prima volta in Germania la cultura della cannabis legale

È il prossimo fine settimana, dal 14 al 16 giugno, che avrà luogo la consueta Mary Jane, presso la Messe...

Eventigiorni fa 7

CB Club riunisce i professionisti della cannabis in attesa di Mary Jane, a Berlino

In attesa del CB Expo (Cannabis Business Expo and Conference), che si svolgerà a Dortmund, nel mese di settembre, la CB Company...

rapportosettimane fa 1

Sud Africa: la legalizzazione di un settore già fiorente

Nelle settimane precedenti le elezioni dell'Assemblea Generale in Sud Africa, mercoledì scorso, 29 maggio, si sono svolte...

intervistesettimane fa 1

Rui Reininho: “Penso che sia davvero strano che i miei colleghi della GNR mettano il naso nelle proprietà delle persone per vedere cosa fa questa pianta”

Rui Reininho, musicista portoghese divenuto famoso come cantante dei GNR, non ha bisogno di presentazioni. Contrariamente a quanto molti pensano, non ha trovato...

Notiziesettimane fa 2

Canada: uno studio dimostra che l'uso di cannabis riduce il consumo di metanfetamine

I poliassuntori, individui che consumano diverse sostanze, spesso si rivolgono alla cannabis come un modo per ridurre il loro consumo...

Eventisettimane fa 4

CannaTrade torna a Zurigo dal 24 al 26 maggio

CannaTrade – Fiera e Festival Internazionale della Canapa di Zurigo raggiunge la maggiore età nel 2024, celebrando la sua 18esima...

comunicati stampasettimane fa 4

Il Gruppo SOMAÍ e la sua controllata RPK Biopharma espandono la partnership con Cookies per includere l'Europa e il Regno Unito

LISBONA, PORTOGALLO, 16 maggio 2024 /EINPresswire.com/ — Il gruppo SOMAÍ (“SOMAÍ”) e la sua controllata, RPK Biopharma hanno ampliato...

Nazionalesettimane fa 4

Portogallo: il consumo stimato di CBD aumenta nonostante il divieto

Il rapporto “Cannabis in Portugal”, realizzato da Euromonitor International, ha diffuso i dati più recenti sull’industria della cannabis,...