Seguici sui social

cronaca

Sud Africa: “Coltivare e possedere cannabis per uso personale non costituisce condotta criminale”

Pubblicato il

em

Foto: Reuters/Mike Hutchings

È stato nel settembre 2018 che la Corte costituzionale del Sud Africa, la più alta corte di giustizia, si è pronunciata a favore della legalizzazione della coltivazione della cannabis per il consumo privato. Questa decisione del tribunale è stata considerata storica, in primo luogo perché i tre imputati nel procedimento penale hanno deciso di impugnare la sentenza, basando la motivazione della loro accusa sulla base di un'ingerenza nella vita privata, essendo stati accusati dopo un arresto basato su un raid a casa senza mandato. Pertanto, con decisione unanime, i giudici hanno deciso di concedere legittimità al consumatore adulto di cannabis per la coltivazione, purché destinata al consumo personale.

Sulla base dell'accusa iniziale contro gli imputati, il supporto si basava sul pericolo che tale azione poneva per la salute pubblica. Ma durante il processo, il giudice Raymond Zondo ha reso la decisione, adducendo quanto segue: "Non sarà un reato penale per una persona adulta usare o essere in possesso di cannabis in privato per il proprio consumo personale". In portoghese, questa decisione stabilisce che il possesso di cannabis per uso personale non costituisce condotta criminale. Tuttavia, l'uso della cannabis in pubblico e la sua vendita o fornitura ad altri sono rimasti illegali. Cannabis, come la chiamano i sudafricani "dagga", Secondo Jeremy Acton, leader del partito Dagga, avrebbe dovuto essere legalizzato anche in termini di proprietà, a condizione che fosse dimostrato che il proprietario intendeva il prodotto per il proprio consumo. L'organizzazione non governativa Il Consiglio per lo sviluppo della cannabis del Sud Africa (CDCSA) applaudito alla decisione e sollecitato il Governo a ritirare le accuse contro i tre imputati assolti in Costituzione. 

La decisione della Corte non si è fermata qui, riconoscendo la necessità di una ristrutturazione legislativa, ed ha emesso una decisione con la quale concedeva 24 mesi dalla data della sentenza al Parlamento per modificare la normativa vigente, in coerenza con la decisione emanata con l'efficace regolamentazione di questa sostanza nel paese. Fino a quando questo lavoro aggiuntivo non sarà svolto per conto del Parlamento, i consumatori adulti di cannabis in privato sarebbero protetti dalla decisione presa in questo caso. La quantità di cannabis che ogni consumatore può coltivare per il proprio consumo non è stata definita e il Parlamento deve ancora prendere posizione su questo tema. 

Sfortunatamente, il COVID-19 ha sostanzialmente ritardato gli sviluppi legislativi. Finora sono state apportate modifiche al Legge sul controllo dei medicinali e delle sostanze correlate 101, del 1965, nel maggio 2020, che ha allentato alcuni precetti giuridici più restrittivi.

Tuttavia, il Legge 140 sulla droga e sul traffico di droga, del 1992, non si registrano ancora sviluppi in termini di depenalizzazione delle coltivazioni per autoconsumo, possesso o uso, come richiesto dalla sentenza del tribunale del settembre 2018. Da allora, non si sono verificati cambiamenti in termini di proprietà intellettuale fino ad oggi. Questo perché la maggior parte della legislazione sulla proprietà intellettuale in vigore in Sud Africa si basa sul divieto di registrazione di tutti i prodotti che sono contro la legge o che possono costituire un reato o una condotta immorale. Partendo dal presupposto che la proprietà intellettuale sia direttamente collegata al commercio, l'inquadramento della cannabis e della coltivazione per consumo personale rimane poco chiaro. Nell'aprile 2019, lo Zimbabwe è stato il secondo paese africano a legalizzare la cannabis per scopi medici, seguendo l'esempio del Lesotho. In Sud Africa, la cannabis medica può essere prescritta per qualsiasi problema di salute, a condizione che il medico determini che può aiutare con il trattamento del paziente. Dopo il divieto nel 1922, il Sudafrica ha depenalizzato la cannabis nel 2018 per consentirne l'uso per uso medico, pratiche religiose e altri scopi.
_________________________________________________________

* Laureata in Giurisprudenza nel 2005, con uno stage completato e iscritta all'Ordine degli Avvocati Portoghesi dal 2007, Margarida Leitão Ferreira ha esercitato la professione forense tra Porto, Matosinhos e Vila Nova de Gaia per 15 anni consecutivi, esclusivamente nel settore civile, diritto bancario ed esecutivo. Nel 2015 è entrato nel campo immobiliare e si è dedicato anche allo studio della cannabis in ambito legale e alle varie sfide che questo tema rappresenta. La cannabis ha giocato un ruolo significativo nel tuo percorso personale e professionale.

Chronicle originariamente pubblicato nel numero 4 di Rivista Cannadouro

 

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionalegiorni fa 2

Thailandia: Gli attivisti sospendono lo sciopero della fame per preparare nuove forme di protesta: “Siamo fiduciosi che la cannabis non verrà riclassificata come narcotico”

Il gruppo di attivisti tailandesi che si autodefinisce “Writing Thailand's Cannabis Future Network”, guidato da Kitty Chopaka, ha annunciato oggi...

Internazionalegiorni fa 3

Germania: i medici di 16 specialità possono ora prescrivere cannabis senza l'approvazione dell'assicurazione

Il Comitato federale misto tedesco (Gemeinsamer Bundesausschuss, o G-BA) questa settimana ha annunciato eccezioni ai requisiti di approvazione per...

Nazionalegiorni fa 3

Infarmed approva due nuovi ACM per preparati a base di cannabis

Infarmed – Autorità Nazionale dei Medicinali e dei Prodotti Sanitari, IP ha approvato due nuove ACM (Placement Authorization on...

Canapagiorni fa 4

Leonardo Sousa: “È letteralmente l’autosufficienza di un Paese che è qui indietro, quasi a tutti i livelli”

A 31 anni, Leonardo Rodrigues Sousa si è distinto come uno degli imprenditori più giovani nel settore della canapa industriale...

intervistegiorni fa 4

Adonis Georgiadis: “L’unica discussione riguarda l’uso farmaceutico. In Grecia non c’è effetto domino”

Abbiamo incontrato Adonis Georgiadis, Ministro della Salute della Grecia, a Londra, alla Cannabis Europe, una delle più antiche conferenze sulla cannabis...

Canapagiorni fa 4

CBD... Quali sono le domande frequenti? — Tutto quello che devi sapere sul cannabidiolo

È presente in migliaia di prodotti. Viene presentato come la nuova panacea per quasi tutti i disturbi e anche se sembra che...

Canapagiorni fa 6

Italia: accantonato l’emendamento che voleva vietare la cannabis light

La modifica che il governo di Giorgia Meloni ha voluto apportare alla legge sulla cannabis in Italia e che intendeva vietare...

Canapagiorni fa 7

La confusione sulla canapa in Portogallo: ASAE sequestra il CBD a Kings Yard, ma lascia i fiori perché sono per la “raccolta”

L'Autorità per la sicurezza alimentare ed economica (ASAE) ha sequestrato circa 845 prodotti in un negozio di Kings Yard, che "presentati nel suo...

Canapasettimane fa 1

Portogallo: uno studio rivela disparità allarmanti nell'etichettatura del CBD, che rimane vietato nel paese

Un recente studio sui prodotti CBD in Portogallo rivela allarmanti disparità tra il contenuto di cannabinoidi pubblicizzato e...

Internazionalesettimane fa 1

Spagna: il Comune di Barcellona chiude dozzine di cannabis club

Il Comune di Barcellona ha avviato una forte repressione nei confronti dei cannabis club della città, ordinando...