Seguici sui social

interviste

BEZEGOL: “Ho molto da ringraziare la pianta, mi ha dato molta ispirazione”

Pubblicato il

em

Foto: Deck97

Il nome con cui è conosciuto “dal momento che ricorda di essere un popolo” deriva dalla cannabis, dallo slang di Porto, dove “ganza” o hashish sono anche conosciuti come “bezegol”. Nato e cresciuto a Bairro da Pasteleira, Porto, BEZEGOL* non ha problemi a parlare del suo consumo di cannabis e, durante la 4a edizione di Cannadouro, ci ha raccontato come è nato il suo nome d'arte. Il vero nome? Non ci siamo nemmeno ricordati di chiedere, perché, in fondo, che importa? BEZEGOL è BEZEGOL*!

Per celebrare le 4:20, la giornata della cannabis nel mondo, pubblichiamo l'intervista rilasciata da Bezegol per il numero 4 di Rivista Cannadouro.

Quanto tempo fa hai tirato fuori la cannabis dall'armadio?
(Risate) Non l'ho mai avuto nell'armadio, a dirvi la verità. Non lo so, il mio rapporto con la cannabis ha più di 30 anni, viene da un periodo in cui quell'espressione “armadio” aveva addirittura un senso, perché il consumo era illegale, e poi ci costringevano a vivere in modo più clandestino. Oggi possiamo stare un po' più a nostro agio. Non è che sia legale, ma il consumo è stato depenalizzato e questo è stato un enorme passo avanti in termini di leggi, per una serie di motivi, perché quando parlo di cannabis non intendo solo fumare un paio di canne, perché la cannabis va ben oltre. Quindi, la depenalizzazione non è stata solo un bene per le persone per poter fumare un paio di canne, ma anche per liberare il sistema giudiziario da processi ridicoli di persone che sono state catturate con molto hashish o cannabis in tasca, per alleggerire l'onere le carceri, perché alla fine ci sono molte condanne. Quindi, "portare fuori la cannabis dall'armadio", al giorno d'oggi, significa che possiamo dare più faccia alla causa, senza essere così molestati dalle autorità.

Da dove viene il tuo nome d'arte?
Questa nuova generazione non lo sa più, ma il nome BEZEGOL deriva dalla cannabis. Mi chiamano BEZEGOL da quando ho memoria, in quel quartiere dove sono nato, a Porto. A quel tempo, quel termine era usato molto e sorprendevo i più grandicelli a chiedere se avevano "bezegol" o se c'era qualcuno con "bezegol" e pensavo che la parola fosse divertente. Ero molto incazzato e ho iniziato a usare il termine, è arrivato il persone e ha detto: "quindi, il bezegol, è già risolto?" E hanno pensato che fosse divertente, perché ero così incazzato. "Oh, non sai nemmeno cosa sia", hanno detto. Ma continuavo a dire, finché, quando l'ho notata, stavo arrivando e stavano già iniziando: "Guarda, arriva Bezegol!" Era il soprannome che mi davano, anche da ragazzino. Quindi la cannabis risulta essere una scena che ha vissuto con me per sempre.

Come vede l'attuale situazione della cannabis in Portogallo?
È bello vedere tutte queste emozioni dall'apparizione del CBD, gli sviluppi che la cannabis sta avendo... Trovo ancora un po' ridicolo, ancora, avere questo discorso delle autorità, che ha molto peso nella legalizzazione ( o no) di cannabis, e ascoltando questi discorsi che non ci sono abbastanza studi… In meno di un anno sono comparsi i vaccini per il Covid, questa pianta è qui da cinquemila anni e non c'era ancora il tempo per fare studi? Non è molto ben compreso. Ad esempio, la normativa per il CBD senza THC, che non è chiara… come mai l'erba compare all'improvviso nelle farmacie, con un prezzo inaccessibile ai pazienti? Sulla confezione c'è scritto che, una volta aperta, ha una durata di 10 giorni. Se un pacchetto costa 150€ chi lo dovrà consumare dovrà farlo in 10 giorni, spenderà 450€ al mese! È bello che l'abbiano legalizzato, quindi i medici possono prescrivere in determinati casi; non è bello come lo fanno, perché finiscono per gettarsi sabbia negli occhi, le cose non sono spiegate correttamente. I media qui lavorano ancora molto sulla base della demonizzazione, ma se necessario, nello stesso canale in cui hanno demonizzato, c'è anche una pubblicità che raccomanda l'uso della cannabis. C'è molta ipocrisia nei media. Naturalmente, sono anche le lobby che pagano e lo realizzano, ma penso che fosse necessario – e penso che CannaDouro faccia quel lavoro – per aiutare le persone a capire perché le cose accadono in quel modo. 

In che quartiere sei cresciuto?
In pasticceria.

È un quartiere tipico qui a Porto?
Mega tipico. (ride)

Ed è stato allora che hai avuto il tuo primo contatto con la cannabis?
Sì, certo, nel quartiere.

Non sapevi nemmeno cosa fosse! Quando fa...
Poi ho capito cos'era! (Ride)

E come è stata la tua prima esperienza con la cannabis?
Non so nemmeno più dire esattamente cosa mi ricordo, perché eccolo lì, ho quasi 50 anni e avrei avuto 13 o 14 anni, erano tanti anni fa. Ricordo che, per noi, era normale, avevamo tutti i nostri amici più grandi lì, un ragazzo rubava al fratello che aveva in casa o glielo chiedeva, poi andava lì in cantina a fumare un Charrito con amici. Poi avevamo quelle ore lì per evitare di entrare in casa con gli occhi rossi, altrimenti i vecchi sarebbero stati d'accordo. Ma ho iniziato a fumare hashish, che era quello che era all'epoca. A dire il vero il primo contatto con il fiore fu molto più antico, fu solo verso la fine del secolo che iniziai ad avere accesso e a sistemare erbaccia in condizioni

In che modo la cannabis ti aiuta?
La cosa migliore che posso dirti sulla cannabis è che funziona come uno stabilizzatore per me. È quel rito che seguo da tanti anni e con il quale mi trovo bene. Non mi piace usare la cannabis per avere le vertigini o per perdermi. Poiché alcune persone della mia età si rivolgono ai farmaci per regolare questo o quello, l'ho trovato ancora oggi nella cannabis. E Devo ringraziare molto la pianta, mi ha dato molta ispirazione, mi ha aiutato a scrivere. Ho almeno cinque album che ho scritto sotto la sua influenza.

Bene, stavo per chiederti questo, in che modo la cannabis entra nel tuo processo creativo?
Onestamente, entra in ogni cosa nella mia vita, perché Mi sveglio e fumo (sono un svegliati e cuoci), quindi la cannabis influenza tutto. Naturalmente mi prendo ancora un po' di pausa, e a volte passo ore alla volta a scrivere, poi torno a fumarne una e l'ispirazione torna. Il mio rapporto con la cannabis è molto tranquillo, non mi ha mai messo a disagio, non ho mai sentito che la cannabis mi facesse tornare indietro in nessun aspetto della mia vita. Finora, il mio rapporto con la cannabis è stato il migliore.

Ti rendi conto che la maggior parte delle persone non sarebbe in grado di capirlo...
Mi dispiace, perché c'è ancora una sorta di stigma per molte persone che non sono interessate a questo e preferiscono quel giudizio facile, perché le autorità hanno instillato in loro in tutti questi anni, dalle autorità, che la cannabis era cattiva e dannoso. Naturalmente, non sarò qui nemmeno a dire che dovresti prendere la cannabis e darla ai bambini piccoli. È proprio come il vino, siamo una terra di vino e io sono contrario a dare vino ai minori, perché non è il momento giusto, non contribuirà al loro sviluppo. La cannabis va trattata allo stesso modo, con buon senso e responsabilità. Bisogna educare le persone, invece di dire che è una brutta cosa e che non ci sono ancora studi... questa è già una conversazione stanca ed è sempre più dimostrato, anche con riviste come CannaDouro, che la cannabis non è poi così diabolica mondo.

Hai già detto che sei un presupposto sveglia e cuoci. Hai periodi di astinenza, senza fumare, o fumi quotidianamente da molti anni?
No, ogni tanto devi fermarti per un po'. Ci sono momenti in cui fumo meno, quando sono più impegnato, se sono in studio, o in officina (ho un laboratorio dove lavoro il ferro), e non sono quel ragazzo che deve fermarsi a fumo o qualcosa del genere. Riesco a gestire un intero pomeriggio o una mattinata senza fumare. Forse, in vacanza, fumo di più, ma non ho una dose né un dosatore. Dipende anche dal fiore che hai in quel momento, ce ne sono alcuni che mi mettono più in basso, quindi li tengo per quando vado a dormire. Mi piace giocare con indica e sativa, a seconda del stato d'animo Sono dentro.

È anche secondo il tuo stato d'animo?
Sì, e ho anche fumato per così tanti anni... finisci per avere la scena con te, ti regoli già. Poi la cannabis ha questo, non è come le pillole, quando ne prendi troppo devi vomitarle, se ti senti come se fossi troppo sballato smetti di fumare.

Fumi solo o ti piacciono anche gli edibili?
Edibles che non mi piace usare molto. A volte, per scherzo, un amico che li ha fatti me lo dà e ovviamente lo assaggio, ma gli edibili hanno un problema, che è: non controllo bene quando si attiveranno. A volte ne mangi uno all'una del pomeriggio e poi alle cinque ti colpisce e sei tipo in una riunione... è un po' noioso. Non è qualcosa che fai spesso. Ma mi piace, ad esempio, svapare.

Stavo per chiedertelo anche io!
si si e mi ha aiutato a smettere di fumare, perché fumavo molte sigarette e fortunatamente non fumo più[tabacco].

Ma vaporizzi solo cannabis o fumi ancora?
Fumo, mi piace fumare. E mi piace svapare, ma quando fumo sento il sapore della pianta, per me non c'è niente come fare una buona canna vecchio stile.

E mescoli il tabacco o no?
Dipende, a volte mescolo. La nicotina finisce sempre nel sistema e finiamo sempre con quella falena. Vengo da quella generazione che fumava hashish mescolato con tabacco, ed è quello che ha finito per farmi diventare dipendente dalla nicotina. Fumavo comodamente due pacchetti e oggi non ne fumo nessuno. Posso bruciare 3 sigarette al giorno. E lo sento nei miei polmoni, anche cantando. Prima mi sentivo più intrappolato e ora mi sento molto meglio.

Sei un artista e hai già collaborato con cantanti famosi. Hai mai sentito lo stigma da qualcuno in quell'ambiente?
Qualche anno fa, sì, certo. C'erano case che non mi permettevano di mettere il mio nome sulla porta, qui al Nord: “Sei matto, la polizia viene qui per infastidire, per nominare la droga”, dicevano. Hanno fatto un film...

Ma questo è solo al nord, perché a Lisbona nessuno sa cosa significhi Bezegol!
Sì, ma parlo di una ventina di anni fa. A volte dicevano che era perché attraeva gandos, ma la maggior parte delle persone non si rende nemmeno conto di cosa significhi e la mia carriera non riguarda solo l'essere "sballati" o fumare cannabis, ovviamente. Ma ci sono ancora situazioni in cui ti mettono là fuori perché stai fumando una canna, che nel mondo della musica succede ai pacchetti. C'è gente che dice ridendo: "Ah, sta arrivando BEZEGOL, l'odore ci sarà", una battuta, che non me ne frega un cazzo... Non sono un ipocrita, non sono quel ragazzo che è qui a rilasciare l'intervista e poi torna lì e compra un grammo di coca da sniffare al club stasera. Ma al giorno d'oggi questo è molto più diluito. Fortunatamente, i palchi che suoniamo di solito sono all'aperto, hai un backstage solo per te.

Fumi da qualche parte?
Rispettando lo spazio in cui mi trovo, sì, certo. Ma non mi piace scendere a Santa Catarina a fumare, perché è lì, è quello che chiamo bandiere inutili. Il bisogno di una persona di fumare cannabis non può essere così forte da non poter sopportare di raggiungere un luogo più riparato. Quindi non fumo da nessuna parte, ma se sono su una spianata dove dicono che posso fumare, ovviamente non ho problemi a presentarmi come un fumatore. Ora, presentarsi come un agitatore... non credo che risolva nulla. In questo movimento non abbiamo bisogno di agitatori.

Di cosa abbiamo bisogno?
Questo è ciò di cui abbiamo veramente bisogno (Cannadouro)! Per mostrare le cose con i piedi e con la testa. Parlando con il signor Goulão, che ha sempre così tanto da dire quando va in televisione, dicendo che questo è il diavolo e che devasterà le famiglie... al personale. Ho amici della mia età che devono prendere sonniferi o andare in giro durante il giorno, quando sappiamo che la cannabis risolve molti di questi problemi, senza creare dipendenza. La cannabis non è quella dipendenza.
________________________________________________________

*be·ze·obiettivo
nel dizionario Priberam della lingua portoghese

(origine oscura)
nome maschile

[Portogallo: Porto, Informale] Farmaco ottenuto dalla resina delle infiorescenze della canapa indiana che produce sonnolenza o altre alterazioni del sistema nervoso centrale. = hashish

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Eventigiorni fa 3

L'ICBC Berlino torna a brillare. È l'inizio di una nuova era per l'industria della cannabis in Germania

L'ICBC di Berlino è stata la prima grande conferenza internazionale sulla cannabis a svolgersi dopo la legalizzazione dell'uso da parte degli adulti in...

Internazionalegiorni fa 4

USA: prodotti Mike Tyson richiamati per contaminazione da muffe

Le autorità della California hanno emesso un avviso di richiamo obbligatorio per due prodotti del marchio di cannabis di Mike Tyson,...

Eventigiorni fa 5

Si avvicinano le 4 e a Porto e Lisbona è festa

La data in cui celebrare la cultura della cannabis si avvicina! Questo sabato, 20 aprile, è il giorno in cui...

Internazionalesettimane fa 1

Paul Bergholts, presunto leader di Juicy Fields, detenuto nella Repubblica Dominicana

Paul Bergholts, il presunto leader dello schema piramidale Juicy Fields, è stato detenuto nella Repubblica Dominicana e sarà sottoposto a...

Salutesettimane fa 2

I cannabinoidi rivelano risultati promettenti nel trattamento del disturbo borderline di personalità

Un'indagine condotta da Khiron LifeSciences e coordinata da Guillermo Moreno Sanz suggerisce che i medicinali a base di...

Internazionalesettimane fa 2

Caso Juicy Fields: 9 detenuti da Europol ed Eurojustice. La truffa supera i 645 milioni di euro

Un'indagine congiunta condotta da diverse autorità europee, supportata da Europol ed Eurojust, è culminata nell'arresto di nove sospetti...

Internazionalesettimane fa 2

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche per rimanere sedati rispetto a...

Internazionalesettimane fa 2

Il futuro del CBD in Giappone: come le riforme legali plasmeranno il mercato

Alla fine dell'anno scorso, il Giappone ha fatto un grande passo avanti verso la riforma sulla cannabis dopo aver approvato...

Nazionalesettimane fa 2

Portogallo: GreenBe Pharma ottiene la certificazione EuGMP presso gli stabilimenti Elvas

GreenBe Pharma, un'azienda produttrice di cannabis terapeutica con sede a Elvas, Portogallo, ha ottenuto la certificazione EU-GMP sotto...

Nazionalesettimane fa 3

Álvaro Covões, di Everything is New, acquista le strutture Clever Leaves in Alentejo per 1.4 milioni di euro

Álvaro Covões, fondatore e amministratore delegato dell'agenzia di promozione dello spettacolo 'Everything is New', che organizza uno dei più grandi festival...