Seguici sui social
Pubblicità
Pubblicità

Nazionale

"Mothers for Cannabis Movement" lanciato in occasione della festa della mamma in Portogallo

Pubblicato il

em

foto DOTT

La giurista Paula Mota e l'avvocato Ana Margarida Ferreira hanno lanciato ieri il “Movimento delle madri per la cannabis”, in occasione della festa della mamma in Portogallo. Il Movimento era stato ideato da alcuni anni da Paula Mota, che ha una figlia di 14 anni affetta da epilessia refrattaria, e da Margarida Leitão Ferreira, attivista e appassionata del tema che “genera ancora molte polemiche legali e sociali ”.

Diverse altre madri di bambini con patologie che possono essere curate con la cannabis hanno aderito a questa azione "e non solo, poiché l'universo del trattamento della cannabis è molto vario", sottolineano.

Abbiamo parlato con Paula Mota e Margarida Ferreira per comprendere meglio gli obiettivi di questo nuovo Movimento delle Madri per la Cannabis.

Paula Mota, giurista e co-fondatrice del movimento Mothers for Cannabis, ha una figlia di 14 anni affetta da epilessia refrattaria – Foto: Laura Ramos | cannoreporter

Come è nata l'idea di creare questo movimento e perché? 
L'idea di questo movimento, infatti, è nata da un'esigenza che, osiamo dire, è la più importante per qualsiasi essere umano: il diritto a una vita sana per i nostri figli, che rappresentano da sempre la parte più importante della nostra esistenza. Tuttavia, nel 2018, il movimento è stato sospeso, a causa dell'annuncio di una legge "rinvigorente", che porterebbe all'orizzonte soluzioni per l'accesso alla cannabis terapeutica. Sono trascorsi quasi quattro anni dall'entrata in vigore della legge 33/2018, si è rinnovata la certezza che l'accesso alla cannabis sarebbe tutt'altro che equo e che la legge è stata una porta d'ingresso per i grandi investitori in questo nuovo business, avendo avviato il “green gold” in Portogallo, e ha frustrato le aspettative di coloro che si prendono cura della vita dei bambini che dipendono dalla cannabis per vivere meglio. Anche in questo periodo è stata fondata in Portogallo un ente con l'obiettivo di portare avanti l'interesse dei pazienti affetti da cannabis come pietra angolare del suo statuto, l'OPCM – Osservatorio Portoghese della Cannabis Medicinale, il cui presidente co-fondatore è anche una madre con un figlia che soffre di una malattia rara e ha presto scoperto che la cannabis potrebbe essere la risposta a un trattamento più efficace. La necessità si è rinnovata nel tempo, poiché si vede che non è successo nulla e che non si prendono misure ponendo come priorità la salute dei pazienti, siano essi bambini o adulti. Quando abbiamo chiesto il motivo di questo movimento, abbiamo avviato un lungo dibattito sul diritto alla salute dei pazienti, ma crediamo anche che questo dibattito debba essere condotto con professionisti medici, che ci aiutano a promuovere il benessere dei pazienti e, in questo modo, contribuiscono al progresso degli studi scientifici su questa pianta e sui suoi composti per la salute umana.

Quali sono i principali obiettivi e le azioni previste per il futuro?
Gli obiettivi devono essere gli stessi delle madri che cercano una soluzione alle malattie e alle crisi dei propri figli e non trovano risposte nella medicina convenzionale. In questo momento, l'obiettivo principale è quello di dare voce e volto alle realtà esistenti nel nostro Paese, contribuendo alla ricerca di soluzioni congiunte, sia con enti statali che con enti in grado di trovare modalità che ne consentano l'accesso, nel più breve tempo possibile. , a trattamenti sicuri e praticabili per i pazienti. 

Chi può aderire al Movimento e come?
Al momento, l'obiettivo è creare un'unione e, quindi, riunire tutti coloro che hanno bisogni legati a patologie che possono essere curate con la cannabis, ma anche tutti coloro che riconoscono che questa è una causa che li motiva per la questione relativa ai diritti umani di tutti e soprattutto al diritto alla salute sancito come diritto fondamentale. Puoi unirti attraverso i nostri canali principali – Facebook e Instagram – e insieme costruiremo un movimento verso la liberazione della cannabis e dei suoi benefici.

Se potessi dire qualcosa al governo portoghese, quale sarebbe?
Questi quattro anni, dopo l'entrata in vigore della legge 33/2018, ci hanno dato la certezza che non c'è stata molta capacità di guardare alla cannabis come una risposta in base a ciò che rappresenta, cioè nella sua semplicità di pianta. . Questo argomento è sempre stato discusso attorno al proibizionismo e ai pericoli della cannabis e ciò che ci sorprende di più è che siamo a conoscenza di così tanti casi di successo in tutto il mondo, di madri che curano i propri figli coltivando la propria medicina. Questi sono fatti! Forse dobbiamo portare questi fatti al Governo e poi capire quale posizione viene assunta sulla questione presentata in questo modo umano e fattuale.

1 Commenti
Sottoscrivi
Notifica
1 Commento
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Josè Silva Meneses
4 mesi fa

Ho una figlia di 42 anni che soffre di epilessia. Dici che è per le persone con epilessia refrattaria. Che cos'è?

Pubblicità
Pubblicità

Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionale8 ore fa

Il Giappone adotta misure per legalizzare la cannabis terapeutica

Il governo del Giappone sta valutando una revisione della sua Cannabis Control Law, che consentirebbe l'uso...

comunicati stampaore 1 fa

Stati Uniti: Curaleaf chiude le operazioni in California, Colorado e Oregon

Curaleaf Holdings ha annunciato oggi in un comunicato stampa la chiusura proattiva della maggior parte delle sue operazioni in California, Colorado...

Corporazioniore 1 fa

Bedrocan espande la produzione di cannabis terapeutica in Danimarca

Il produttore olandese di cannabis terapeutica Bedrocan sta aprendo una nuova struttura in Danimarca per soddisfare la domanda...

Internazionaleore 1 fa

Malta: la registrazione per le licenze di cannabis inizia il 28 febbraio

È passato quasi un anno da quando Malta ha approvato una legislazione per regolamentare l'uso di cannabis da parte degli adulti, consentendo il possesso...

Internazionalegiorni fa 2

La Francia fa un passo avanti nella legalizzazione della cannabis

Il Consiglio economico, sociale e ambientale francese (Cese) ha proposto una "legalizzazione controllata" della cannabis, nel tentativo di "essere guidati...

comunicati stampagiorni fa 2

Svizzera: Linnea ottiene la licenza per produrre ed esportare API ad alto contenuto di THC

Linnea SA ha ottenuto la licenza narcotici da Swissmedic, l'equivalente svizzero di Infarmed IP, diventando così uno dei primi...

Internazionalegiorni fa 2

La Germania punta a completare il disegno di legge e il parere tecnico sulla legalizzazione entro la fine di marzo

Il disegno di legge del governo tedesco per la legalizzazione della cannabis dovrebbe essere completato entro la fine di marzo,...

Internazionalegiorni fa 4

Stati Uniti: la Corte Suprema dell'Arizona stabilisce che l'uso di cannabis terapeutica durante la gravidanza non costituisce negligenza infantile

La Corte Suprema dell'Arizona ha stabilito che l'uso materno di cannabis per le nausee mattutine non costituisce negligenza infantile, il...

Internazionalegiorni fa 4

Repubblica Ceca: il progetto per la legalizzazione dell'uso da parte degli adulti potrebbe essere presentato già a marzo

La legislazione che regolerà la cannabis per scopi ricreativi nella Repubblica Ceca potrebbe vedere la luce entro...

Nazionalegiorni fa 4

Clever Leaves licenzia 63 persone e lascia il Portogallo

Clever Leaves ha annunciato oggi che abbandonerà le sue attività in Portogallo, dopo aver proceduto al licenziamento collettivo di 63 lavoratori....