Seguici sui social

Internazionale

Curaleaf ha costretto a rimuovere i prodotti a New York per aver modificato la metrica THC sull'etichetta senza autorizzazione

Pubblicato il

em

A curaleaf è stato recentemente costretto a rimuovere decine di migliaia di bottiglie di fiori di cannabis essiccati dagli scaffali dei dispensari di New York. Secondo Insider della cannabis di New York, l'azienda è passata a un modo non autorizzato di etichettare la potenza, il che ha portato i pazienti a credere che la cannabis che acquistavano fosse molto più forte del solito. Non è la prima volta che Curaleaf ha problemi con le etichette sulla confezione. L'anno scorso, l'azienda aveva già cambiato le etichette da THC a CBD (e viceversa) in prodotti a marchio "Select" e finì per affrontare sette cause legali federali negli Stati Uniti, avendo ammesso all'epoca un "errore umano non intenzionale". 

Questa volta il problema è sorto dopo che Curaleaf ha iniziato, lo scorso luglio, a mettere in etichetta le misure del “peso a secco”, senza l'autorizzazione del Ufficio di gestione della cannabis, il regolatore dello Stato di New York. A New York, tutti i prodotti riportano l'etichetta "peso umido", ma il metodo "peso secco" mostra percentuali significativamente più elevate di THC, rendendo la cannabis più attraente per gli acquirenti che cercano il miglior rapporto qualità-prezzo.

L'allerta è stata data da un paziente, Tom, che ha detto a NY Cannabis Insider di avere dei dubbi e quindi ha deciso di chiedere a Curaleaf il certificato di analisi: "Ho notato che il THC sull'etichetta non corrispondeva al THC sul certificato di analisi ”. Dopo uno scambio di e-mail tra Tom e Curaleaf, il regolatore è intervenuto il 26 luglio, inviando una e-mail a Curaleaf, ribadendo che le misurazioni del peso a secco “sono solo a scopo informativo e non possono essere applicate all'etichettatura dei prodotti approvati fino a quando non sarà disponibile un metodo approvato ”.

Stephanie Cunha, portavoce di Curaleaf, ha dichiarato al NY Cannabis Insider che il peso secco "è considerato la metrica più accurata per il contenuto di THC in qualsiasi tipo di campione di cannabis". Ha aggiunto che "gli stati vicini come Connecticut, New Jersey e Maryland richiedono test basati sul peso a secco". Cunha ha inoltre spiegato che la società ha apportato la modifica per fornire "una metrica più accurata e coerente del contenuto di THC" ai consumatori, ma non ha risposto al motivo per cui l'azienda non ha chiesto l'approvazione normativa. "Curaleaf mantiene i propri prodotti a standard elevati e siamo profondamente dispiaciuti per la nostra comunità di pazienti per l'eventuale confusione che questo cambiamento nella metodologia ha causato".

Curaleaf ha affermato di aver "rimosso temporaneamente alcuni prodotti dal mercato, per ridistribuirli con la misurazione obbligatoria del peso a umido di New York". Tuttavia, la società ha affermato che stava lavorando con l'autorità di regolamentazione e ritiene che lo Stato di New York passerà presto alla metrica del peso a secco.

I consumatori cercano percentuali più elevate di THC 

In discussione è la controversa questione delle percentuali di THC. Lo stesso prodotto può mostrare una percentuale di THC del 20% se si utilizza la metrica del peso umido, ma può arrivare fino al 37% quando si utilizza il test del peso a secco. Secondo Geoff Brown, farmacista presso MedMen a Buffalo e co-fondatore della rivista Canna Buff, "Maggiore è la potenza del fiore, maggiori saranno le vendite di quell'oggetto", ha detto al NY Cannabis Insider. Il passaggio al test del peso a secco ha comportato un "notevole aumento delle vendite" del prodotto Curaleaf nel suo negozio, ha detto Brown, ma ha lasciato il personale del dispensario con dei dubbi.

Bob Miller, COO di ACT Laboratories, ha spiegato che dal punto di vista del laboratorio, il peso a secco consente confronti più accurati da prodotto a prodotto o da laboratorio a laboratorio. Lo svantaggio di questo approccio è che è fuorviante per i pazienti... quindi gonfia la potenza".

Per quanto riguarda i pazienti, Timothy Mitchell ha confessato al NY Cannabis Insider che etichettare erroneamente Curaleaf è problematico, sia per accuratezza che per trasparenza: “I pazienti devono essere in grado di valutare con precisione la loro dose. L'uso medicinale consiste nell'alleviare i sintomi e molti di noi hanno un'idea chiara di ciò che serve per ottenere il risultato richiesto. Per motivi di trasparenza, è importante disporre di informazioni accurate, poiché alcuni usano cannabis medica dopo non aver ottenuto risultati dal sistema medico/farmaceutico e/o dopo essersi sentiti ingannati da promesse non mantenute. Dover chiedersi se i nostri dispensari ci stiano ingannando consapevolmente sarebbe un'altra battuta d'arresto", ha detto.

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Eventiore 1 fa

Si avvicinano le 4 e a Porto e Lisbona è festa

La data in cui celebrare la cultura della cannabis si avvicina! Questo sabato, 20 aprile, è il giorno in cui...

Internazionalegiorni fa 4

Paul Bergholts, presunto leader di Juicy Fields, detenuto nella Repubblica Dominicana

Paul Bergholts, il presunto leader dello schema piramidale Juicy Fields, è stato detenuto nella Repubblica Dominicana e sarà sottoposto a...

Salutesettimane fa 1

I cannabinoidi rivelano risultati promettenti nel trattamento del disturbo borderline di personalità

Un'indagine condotta da Khiron LifeSciences e coordinata da Guillermo Moreno Sanz suggerisce che i medicinali a base di...

Internazionalesettimane fa 1

Caso Juicy Fields: 9 detenuti da Europol ed Eurojustice. La truffa supera i 645 milioni di euro

Un'indagine congiunta condotta da diverse autorità europee, supportata da Europol ed Eurojust, è culminata nell'arresto di nove sospetti...

Internazionalesettimane fa 1

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche per rimanere sedati rispetto a...

Internazionalesettimane fa 2

Il futuro del CBD in Giappone: come le riforme legali plasmeranno il mercato

Alla fine dell'anno scorso, il Giappone ha fatto un grande passo avanti verso la riforma sulla cannabis dopo aver approvato...

Nazionalesettimane fa 2

Portogallo: GreenBe Pharma ottiene la certificazione EuGMP presso gli stabilimenti Elvas

GreenBe Pharma, un'azienda produttrice di cannabis terapeutica con sede a Elvas, Portogallo, ha ottenuto la certificazione EU-GMP sotto...

Nazionalesettimane fa 2

Álvaro Covões, di Everything is New, acquista le strutture Clever Leaves in Alentejo per 1.4 milioni di euro

Álvaro Covões, fondatore e amministratore delegato dell'agenzia di promozione dello spettacolo 'Everything is New', che organizza uno dei più grandi festival...

Eventisettimane fa 2

L'ICBC torna a Berlino il 16 e 17 aprile

È una delle conferenze B2B sulla cannabis più grandi e riconosciute in Europa e ritorna a Berlino nel...

Internazionalesettimane fa 3

La legalizzazione della cannabis in Germania vista attraverso gli occhi dell'hacker che ha creato una mappa essenziale

Un hacker di Coblenza, città nello stato della Renania-Palatinato, ha creato una mappa con i luoghi da cui, da...