Seguici sui social

Internazionale

Il paradosso della legalizzazione della cannabis in Spagna

Pubblicato il

em

La Spagna è il paese europeo con il maggior numero di reati contro la legge sulla droga, nonostante sia solo al terzo posto in termini di consumo, il che la pone in un paradosso della legalizzazione. Nel 2020, la Spagna ha generato 276.742 rapporti sui consumatori di cannabis, che rappresentano il 43% del totale europeo.

Da almeno 25 anni la Spagna vive in una sorta di disobbedienza civile generalizzata nei confronti della coltivazione e del consumo di cannabis, in particolare attraverso i noti circoli sociali o le numerose banche del seme - che potrebbe causare una falsa percezione a chi guarda questo fuori paese.

Secondo i dati di segnalare Nel 2022 dall'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT), di tutti i reati in materia di droga registrati in Europa, il 43% è stato applicato ai consumatori spagnoli, per un totale di 276.742 registrazioni. Di questo totale, la stragrande maggioranza (258.379) si riferisce a interventi per il consumo o il possesso di cannabis, con solo 18.363 relativi alla vendita o al traffico. Solo la Germania si avvicina alla Spagna in questa statistica, con 227.958 record relativi a reati legati alla cannabis, seguita dalla lontana Turchia, con 59.716 segnalazioni.

Il Portogallo appare all'ottavo posto nella classifica classifica, con 5.336 registrazioni per uso e possesso di cannabis e 1.464 per vendita o traffico, per un totale di 6.800 reati. I dati contraddicono la convinzione che, in Spagna, il consumo di cannabis sia meno "perseguitato" che in Portogallo.

A Legge sulla sicurezza dei cittadini (Legge sulla sicurezza dei cittadini), meglio conosciuta in Spagna come “Legge sul bavaglio”, è uno dei responsabili di questo paradosso, che dura da almeno due decenni. Nonostante sia in testa alla relazione dell'OEDT in termini di reati per uso e/o possesso di cannabis, la Spagna non è il paese europeo in cui la pianta è più consumata. secondo Portale Statista, la Repubblica Ceca guida la classifica dei consumi di cannabis, con l'11,1%, seguita dalla Francia, con l'11%. La Spagna ha il 10,5% e il Portogallo è al 17° posto con il 5,1% della popolazione che ammette di consumare cannabis.

L'OEDT – Osservatorio europeo sulle droghe e le tossicodipendenze – ha sede a Lisbona

Incrociando i dati ricavati dal rapporto dell'OEDT e dalla tabella di Statista, nonostante la Repubblica Ceca sia il leader in termini di consumi, questo Paese ha registrato solo 4.195 interventi sull'uso della cannabis nel 2020, 62 volte in meno rispetto a quelli imposti nel 2022 Spagna nello stesso anno. Quasi tutti i paesi avevano già attuato programmi per regolamentare l'uso della cannabis a fini medici, ad eccezione della Spagna, dove solo nel giugno XNUMX il Il Congresso dei Deputati spagnolo ha approvato la legge per l'uso medico della cannabis.

Questi dati indicano che, per ogni 10 segnalazioni generate in tutta Europa dal consumo (e non dal traffico) di cannabis, 4 vengono effettuate in Spagna, che è molto vicino alla metà delle 600.802 segnalazioni realizzate nei 17 paesi europei che hanno fornito i dati. a EMCDDA, l'organo consultivo dell'UE in materia, con sede a Lisbona, in Portogallo.

Le sanzioni variano da paese a paese

L'OEDT ha avvertito Cannareporter che il termine "segnalazione di violazioni della legge sulla droga" comprende concetti diversi, che variano da paese a paese. “I reati di droga si riferiscono generalmente a reati come la produzione, il traffico e il traffico di droga, nonché l'uso e il possesso di droghe per l'uso. Sebbene in alcuni paesi l'uso e/o la detenzione a scopo di consumo di stupefacenti non siano considerati reati e comportino sanzioni amministrative, nei dati qui presentati sono state incluse segnalazioni in tal senso”.

Le unità statistiche variano da paese a paese. “Alcuni paesi registrano reati, mentre altri registrano persone (o sospetti delinquenti). Tra i reati registrati, alcuni registrano tutti i reati loro denunciati, mentre altri registrano solo i reati principali, ovvero, nel caso di più reati commessi dalla stessa persona, solo il reato più grave (di solito quello che comporta la pena più alta ) è registrato”.

25 anni per regolamentare la cannabis medica

Nonostante la Spagna abbia da circa 25 anni una politica “amichevole” nei confronti dell'uso della cannabis negli adulti, a causa di una “depenalizzazione” che avrebbe dato origine ai famosi Social Club, l'uso medicinale della pianta non era mai stato legalmente riconosciuto. Nonostante la Spagna sia uno dei paesi più all'avanguardia quando si tratta di ricerca sull'uso dei cannabinoidi per il trattamento di malattie neurologiche e cancerose, i suoi pazienti non hanno mai avuto la possibilità di avere un accesso legale e regolamentato ai farmaci a base di cannabis.

Manuel Guzmán e Carola Pérez, dell'Osservatorio spagnolo sulla cannabis medica, hanno svolto un ruolo chiave nella regolamentazione

Fino all'approvazione di questa nuova legge, qualsiasi paziente spagnolo era costretto a destreggiarsi tra le zone grigie della legge per avere accesso alla cannabis, sia attraverso i famosi Social Club, che originariamente erano stati creati anche per questo scopo (e non esattamente con "turista" ), o correre il rischio di coltivare le proprie piante, cosa “tollerata” dalle autorità, a patto che non fossero mai pubblicamente visibili.

Ci sono voluti circa sette lunghi e faticosi anni di innumerevoli e instancabili incontri tra i Osservatorio spagnolo sulla cannabis medicinale (OECM), presieduta da Carola Pérez (e co-fondata anche dai ricercatori Manuel Guzmán e Cristina Sánchez, dell'Università Complutense di Madrid), e dai vari partiti politici spagnoli, la maggior parte dei quali, fino a tempi molto recenti, era contraria a qualsiasi iniziativa regolamentare l'uso medico della cannabis.

"A volte eravamo molto ottimisti e altre volte pessimisti, perché in alcune fasi sembrava che ci fosse un vicolo cieco", ha detto Guzmán al Progetto CBD.

Patologie, farmacie e alcuni medici fuori dalla nuova legge

Sebbene si stimi che circa 300 pazienti spagnoli possano beneficiare della nuova legge, analogamente al Portogallo, sono state definite solo poche indicazioni per ottenere una prescrizione per la cannabis. Sono state tralasciate patologie come la fibromialgia, le malattie infiammatorie intestinali, la cachessia correlata al cancro o al glaucoma, che costringe i pazienti che ne soffrono a continuare a dover ricorrere al mercato illecito, ai Social Club oppure ad intraprendere l'autocoltivazione per ottenere le tue medicine

“Tutto può essere migliorato”, riconosce Guzmán. "Ovviamente avremmo voluto che fossero incluse altre nomination... Ma se due o tre anni fa mi fosse stato detto quello che abbiamo ora, avrei detto che è abbastanza buono".

Ci sono ancora dubbi su quali e come i pazienti spagnoli potranno acquisire legalmente i loro farmaci, poiché tutto dipende da come l'Agenzia sanitaria spagnola, l'entità equivalente a Infarmed in Portogallo, interpreta le linee guida del progetto approvato. Il termine per farlo è fino alla fine dell'anno 2022.

Le nuove linee guida del disegno di legge approvato stabiliscono che i preparati a base di cannabis, comprese le formulazioni con diversi rapporti THC:CBD preparati localmente in farmacie specifiche per ogni paziente, saranno prescritti da medici specialisti e distribuiti attraverso le farmacie ospedaliere, sebbene Guzmán e i loro colleghi all'Osservatorio auspichiamo che ciò si estenda anche ai Medici di Medicina Generale e alle farmacie comunitarie.

Un altro dubbio è se i fiori di cannabis, che non sono adeguatamente menzionati nel progetto presentato, saranno inclusi o meno nel nuovo programma per l'accesso alla cannabis per scopi medici, il che sta sollevando alcune preoccupazioni tra i pazienti su come accedervi per vie legali, in particolare quelli che già li usano per gestire il dolore e la nausea.

Le aziende autorizzate esporteranno solo

A parte il fatto che un programma medico sull'uso della cannabis possa effettivamente essere lanciato in soli sei mesi, Guzmán ritiene che il suo successo dipenderà dal denaro e dalle risorse stanziate ad esso, poiché sarà necessario educare e formare i medici alla cannabis terapie. I prodotti stessi devono essere prontamente disponibili per la prescrizione e il consumo. "Se c'è un regolamento ma non ci sono prodotti o non ci sono medici, allora è inutile", dice Guzmán. Il che porta a un altro fattore importante, che è il costo che queste prescrizioni e medicinali avranno per i pazienti. Guzmán spera che la maggior parte dei costi finirà per essere coperti dal sistema di sicurezza sociale spagnolo. Tuttavia, spetterà all'Agenzia sanitaria spagnola decidere in definitiva dove cadrà l'onere finanziario.

"Noi (OECM) dovremo essere molto attenti se i punti principali saranno soddisfatti", afferma Guzmán. "Abbiamo ancora un ruolo da svolgere nel processo, ma dobbiamo continuare a guardare ed essere il più attivi possibile per avere il programma migliore e più generoso".

Il governo spagnolo ha anche autorizzato e rilasciato licenze a diverse aziende per la coltivazione di "cannabis medica", ma si è limitato all'esportazione in altri paesi, come Germania, Regno Unito e Polonia.
__________________________________________________________

* Articolo corretto e aumentato il 19-09-2022, dopo le dichiarazioni dell'OEDT. I termini “sanzione” o “multe” sono stati sostituiti da “registrazione” o “denuncia” da “reato in materia di droga”, poiché spesso vengono registrate solo “sanzioni amministrative” senza alcuna sanzione o sanzione pecuniaria.

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

+ post
+ post
Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionale17 ore fa

USA: la pediatra Bonni Goldstein lancia una petizione contro il divieto dei medicinali naturali a base di CBD in California

La pediatra nordamericana Bonni Goldstein mette in guardia dal tentativo di vietare i medicinali derivati ​​dal CBD naturale...

Internazionale18 ore fa

In Europa sono quasi 23 milioni i consumatori di cannabis, la sostanza illecita più consumata

La cannabis continua ad essere di gran lunga la sostanza illecita più consumata in Europa. Sono queste le conclusioni del “Rapporto...

Eventigiorni fa 2

Mary Jane celebra per la prima volta in Germania la cultura della cannabis legale

È il prossimo fine settimana, dal 14 al 16 giugno, che avrà luogo la consueta Mary Jane, presso la Messe...

Eventigiorni fa 7

CB Club riunisce i professionisti della cannabis in attesa di Mary Jane, a Berlino

In attesa del CB Expo (Cannabis Business Expo and Conference), che si svolgerà a Dortmund, nel mese di settembre, la CB Company...

rapportosettimane fa 1

Sud Africa: la legalizzazione di un settore già fiorente

Nelle settimane precedenti le elezioni dell'Assemblea Generale in Sud Africa, mercoledì scorso, 29 maggio, si sono svolte...

intervistesettimane fa 1

Rui Reininho: “Penso che sia davvero strano che i miei colleghi della GNR mettano il naso nelle proprietà delle persone per vedere cosa fa questa pianta”

Rui Reininho, musicista portoghese divenuto famoso come cantante dei GNR, non ha bisogno di presentazioni. Contrariamente a quanto molti pensano, non ha trovato...

Notiziesettimane fa 2

Canada: uno studio dimostra che l'uso di cannabis riduce il consumo di metanfetamine

I poliassuntori, individui che consumano diverse sostanze, spesso si rivolgono alla cannabis come un modo per ridurre il loro consumo...

Eventisettimane fa 4

CannaTrade torna a Zurigo dal 24 al 26 maggio

CannaTrade – Fiera e Festival Internazionale della Canapa di Zurigo raggiunge la maggiore età nel 2024, celebrando la sua 18esima...

comunicati stampasettimane fa 4

Il Gruppo SOMAÍ e la sua controllata RPK Biopharma espandono la partnership con Cookies per includere l'Europa e il Regno Unito

LISBONA, PORTOGALLO, 16 maggio 2024 /EINPresswire.com/ — Il gruppo SOMAÍ (“SOMAÍ”) e la sua controllata, RPK Biopharma hanno ampliato...

Nazionalesettimane fa 4

Portogallo: il consumo stimato di CBD aumenta nonostante il divieto

Il rapporto “Cannabis in Portugal”, realizzato da Euromonitor International, ha diffuso i dati più recenti sull’industria della cannabis,...