Seguici sui social
Pubblicità
Pubblicità

Internazionale

La Spagna sostituisce le multe per consumo e possesso di droga con “attività di rieducazione”

Pubblicato il

em

I sei gruppi parlamentari spagnoli (PSOE, Unidas Podemos, PNV, ERC, Junts e EH Bildu) hanno raggiunto un accordo per riformare la Ley de Seguridad Ciudadana (Legge sulla sicurezza dei cittadini), meglio nota come "Legge sul bavaglio". Il consumo e/o il possesso di droga sulle strade pubbliche in Spagna non sarà più punito con multe, come invece sarà sostituito da attività di rieducazione, qualcosa che, fino ad ora, si applicava solo ai minori.

per ricordarlo La Spagna è il paese europeo con il maggior numero di eventi legati al consumo e/o al possesso di droghe in tutta Europa, rappresentando il 43% di loro a livello europeo, secondo l'ultimo segnalare dell'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT). Tuttavia, grazie al nuovo accordo raggiunto dalle parti spagnole il 20 settembre, le sanzioni comminate dalla Legge sulla sicurezza dei cittadini per “piantagione, coltivazione, consumo o detenzione illecita di sostanze tossiche, stupefacenti o psicotrope” in luoghi pubblici, quando non costituiscono reato, possono essere sostituiti da un “programma di cura e riabilitazione”.

Rieducare invece di punire

La soluzione è in qualche modo simile a quanto già accade in Portogallo con la depenalizzazione del consumo e del possesso di droghe, entro certi limiti, dove nella maggior parte dei casi gli imputati finiscono per essere reindirizzati alle Commissioni per la dissuasione delle tossicodipendenze (CDT).

Attualmente la “Legge Bavaglio” classifica il consumo e la detenzione come grave infrazione amministrativa “anche se non destinati alla tratta, in luoghi, strade, esercizi pubblici o mezzi pubblici, nonché l'abbandono di strumenti o altri utensili adibiti a questo scopo”. nelle predette località”. Ciò comporta il pagamento di una multa che può variare da 601 a 30mila euro. Solo se l'autore del reato era minorenne tale sanzione poteva essere sostituita da attività di rieducazione.

Il nuovo accordo prevede che tale provvedimento, la sostituzione delle sanzioni con attività di rieducazione, sia esteso a tutti i trasgressori, indipendentemente dalla loro età. Tuttavia, salvaguarda che se queste attività di rieducazione non vengono svolte, la multa dovrà essere pagata.

Riduci l'importo delle multe

Un'altra delle riforme che il nuovo accordo intende rettificare è legata all'articolo che definisce il valore delle sanzioni, ovvero nei parametri che a tal fine verranno presi in considerazione. Attualmente, la legge specifica solo che nella definizione dell'importo da pagare si terrà conto della “capacità economica dell'autore del reato”.

Tuttavia, il nuovo accordo propone di stabilire e ridurre del 50% il valore delle multe della "Legge bavaglio", se l'imputato guadagna meno di 1,5 volte il salario minimo spagnolo, attualmente fissato in 14 rate di 1.000 euro, cosa che era possibile solo se il pagamento è stato effettuato volontariamente. Se il trasgressore percepisce tra 1,5 e 2,5 volte il salario minimo, la sanzione può essere ridotta fino al 25%, secondo il nuovo accordo.

Questo nuovo accordo tra i 6 partiti politici spagnoli rappresenta un anticipo nelle trattative sulla riforma della “Legge Gag”, che sono state molto più lente del previsto. Per lo stesso motivo, anche le parti, PSOE, Unidas Podemos, PNV, ERC, Junts ed EH Bildu, hanno deciso di tenere più riunioni, al fine di risolvere tutti i punti ancora aperti. L'obiettivo è finalizzare la proposta di riforma, da presentare al parlamento spagnolo e confrontarsi con l'opposizione dei partiti di destra.

Pubblicità
Pubblicità cannaduro

Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionale15 ore fa

Biden è il primo presidente degli Stati Uniti a firmare una legge sulla cannabis

Il 2 dicembre il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto la storia diventando il primo presidente degli Stati Uniti a...

Nazionalegiorni fa 2

Portogallo: Mothers for Cannabis Movement lancia una petizione per il diritto alla coltivazione personale e associativa

Il Movimento Mothers for Cannabis, fondato in Portogallo nel maggio 2022 da centinaia di pazienti che chiedono l'accesso alla cannabis...

comunicati stampasettimane fa 1

GNR: 10 mesi di indagini per sequestrare 32 dosi di hashish e 48 di cocaina

Il Comando Territoriale di Porto, attraverso il Nucleo Investigativo Criminale (NIC) di Felgueiras, il 28 novembre, ha arrestato...

intervistesettimane fa 1

André Paquete Carvalho: “Amsterdam è molto aperta, ma viviamo ancora in tempi di tolleranza. La cannabis qui è ancora illegale”.

Le interviste "Working with Cannabis", pubblicate su Cannadouro Magazine, cercano di presentare i portoghesi che lavorano nel settore della cannabis...

Canapasettimane fa 3

Cannabis o canapa? La Spagna sta commettendo gli stessi errori del Portogallo?

La Guardia Civil ha recentemente annunciato il più grande sequestro di cannabis mai effettuato in Spagna, ma subito dopo sono arrivate diverse voci...

Nazionalesettimane fa 3

L'account Cannadouro scompare da Instagram 1 giorno prima dell'evento

L'account Instagram di CannaDouro sarà stato cancellato o bloccato dal provider del social network. L'accesso alla pagina è stato...

Canapasettimane fa 3

Ricette Pedrêz: Come realizzare calcestruzzo di canapa colato in situ

Nel 2018 il laboratorio Pedrêz ha iniziato, in Rua do Paraíso 331, nel centro storico di Porto, la costruzione del primo...

Eventisettimane fa 3

Cannadouro torna ad Alfândega do Porto il prossimo fine settimana

Poco dopo Porto è stata scelta dai World Travel Awards come la migliore città di destinazione al mondo...

Internazionalesettimane fa 3

Irlanda: People Before Profit vuole cambiare la legislazione per consentire il consumo di cannabis da parte degli adulti

Il partito politico irlandese People Before Profit presenterà tra due settimane un disegno di legge che intende cambiare il...

Internazionalesettimane fa 3

USA: Il presidente del National Institute of Military Justice chiede l'estensione della grazia per i reati di cannabis al personale militare

Il presidente del National Institute of Military Justice degli Stati Uniti d'America (USA) ha chiesto al presidente Joe Biden di...