Seguici sui social

Nazionale

Portogallo: la maggior parte dei procedimenti per reati amministrativi riguarda il possesso di cannabis

Pubblicato il

em

Foto: Laura Ramos | cannoreporter

Dei 6378 procedimenti per illeciti amministrativi depositati nel 2021 per uso di sostanze in Portogallo e 6019 Gli individui incriminati, 4807 erano per possesso di cannabis, 707 per cocaina, 367 per eroina, 25 per ecstasy e solo 5 per altre droghe. I dati sono stati resi noti dal Servizio per l'intervento nelle dipendenze e nelle dipendenze (SICAD), nella Relazione annuale sulla situazione del Paese in materia di droghe e tossicodipendenze nel 2021” (RADT2021), che è stata presentata al Parlamento portoghese, lo scorso 7 dicembre. Nel corso del 2021, in Portogallo sono state sequestrate 26.526 piante di cannabis, la cifra più alta dal 2010.

I dati rivelano inoltre che, sul totale dei soggetti imputati nei procedimenti per illeciti amministrativi, l'86% presentava un profilo di consumo “non tossicodipendente”. “Cannabis, cocaina ed ecstasy sono state le sostanze illecite con la più alta prevalenza di consumo, sebbene le ultime due molto indietro rispetto alla cannabis”, afferma il rapporto. Ciò nonostante, "Il Portogallo continua ad apparire al di sotto dei valori medi europei nella prevalenza del consumo recente di cannabis, cocaina ed ecstasy (e ancor di più se si parla di popolazione 15-34 anni), le tre sostanze illecite con la più alta prevalenza di consumo in Portogallo”.

Secondo il rapporto, “nel 2021 sono stati aperti 6 procedimenti di illecito amministrativo per uso di stupefacenti legati a incidenti nell'anno, con un aumento del 378% rispetto al 4 e un calo del -2020% rispetto al 48, anno con il valore più alto dal 2017. Nonostante le diminuzioni già registrate nel 2001 e nel 2018, i valori del 2019 e del 2020 sono stati i più bassi dal 2021, molto probabilmente legati alla pandemia e al suo impatto sui consumi e agli interventi in ambito di deterrenza. Come nei sette anni precedenti, anche nel 2007 è stata la GNR a inviare il maggior numero di occorrenze alle CDT – Commissioni per la Dissuasione delle Tossicodipendenze. Il 2021% dei casi del 78 ha avuto una decisione emessa, una percentuale maggiore rispetto al 2021 sebbene ancora inferiore a quella degli anni pre-pandemia. Prevalgono, ancora una volta, le sospensioni provvisorie dei casi che coinvolgono consumatori non tossicodipendenti (2020%), seguite dalle decisioni sanzionatorie (67%) e dalle sospensioni provvisorie dei casi che coinvolgono consumatori tossicodipendenti che hanno accettato il trattamento (21%). Nel 11 e nel 2020 le proporzioni di quest'ultimo tipo di decisioni sono state le più alte degli ultimi sette anni”.

Come negli anni precedenti, la maggior parte dei casi riguardava la cannabis (75% cannabis da sola e 3% cannabis con altre droghe), seguita dalla cocaina, il che è coerente con gli studi nazionali sul consumo di droga. Nel 2021 sono aumentate le cause per cocaina (il valore più alto di sempre), così come per l'eroina e quelle che coinvolgono più droghe. Il numero di cause legali per la cannabis è rimasto stabile e le cause relative all'ecstasy sono diminuite.

Rispetto ai risultati europei, i consumatori portoghesi hanno menzionato maggiormente che ci sono stati cambiamenti nei consumi con la pandemia e questi tendevano ad essere più verso una riduzione dei consumi rispetto ai cambiamenti menzionati da tutti gli europei.

La prevalenza del consumo di qualsiasi droga, in aumento dal 2015 (sebbene già stabile tra il 2018 e il 2019), è diminuita nel 2021. Queste variazioni riflettono principalmente il consumo di cannabis, poiché la prevalenza del consumo di droghe diverse dalla cannabis non ha subito rilevanti i cambiamenti. Per quanto riguarda gli attuali consumi più intensi, il 4% degli intervistati (25% dei consumatori) aveva un consumo giornaliero di cannabis, proporzioni vicine a quelle degli anni precedenti. Il consumo continua ad essere più espressivo tra i ragazzi che tra le ragazze.

“In generale, la popolazione di età compresa tra 15 e 34 anni ha avuto un consumo recente più elevato rispetto alla popolazione di età compresa tra 15 e 74 anni. Per quanto riguarda il recente consumo più intenso di cannabis, il 3% degli intervistati (64% degli utenti) ne ha fatto uso 4 o più volte a settimana negli ultimi 12 mesi e il 2% (55% degli utenti) ogni giorno. Il 3% degli intervistati (69% dei consumatori) ha avuto un consumo giornaliero/quasi giornaliero negli ultimi 30 giorni. Per quanto riguarda i modelli di abuso e dipendenza da cannabis, nel 2016/17 circa lo 0,7% della popolazione di età compresa tra 15 e 74 anni aveva un consumo ad alto rischio (0,4%) o moderato (0,3%), quasi il doppio del valore corrispondente (1,2%) nella fascia 15-34 anni (0,6% con consumi ad alto rischio e 0,6% con rischio moderato) (CAST). Ciò accade anche nei risultati di un altro test (SDS), in cui lo 0,8% della popolazione di età compresa tra 15 e 74 anni presentava sintomi di dipendenza dal consumo di cannabis, con una proporzione corrispondente in quella di età compresa tra 15 e 34 anni pari all'1,4% (19% dei consumatori recenti)”, afferma lo studio.

Cocaina, oppiacei, benzodiazepine e alcol sono i principali killer in Portogallo
Dei 413 decessi con sostanze/metaboliti illeciti e informazioni sulla causa della morte, 74 (18%) sono stati overdose, che sono aumentate del 45% rispetto al 2020, rappresentando il valore più alto dal 2009. I valori registrati negli ultimi quattro anni di overdose di cocaina e di overdose da oppiacei sono stati i più alti dal 2011. Nella stragrande maggioranza dei casi di overdose (84%) si è verificata più di una sostanza, con enfasi, associata a droghe illecite, benzodiazepine (58%) e alcol (22%) . . È importante notare che per quanto riguarda i dati sui decessi per overdose in cui è stata rilevata la cannabis, in tutti c'era sempre la presenza di altre sostanze, come alcol e oppiacei.

Nonostante il maggior numero di decessi per overdose sia legato al consumo di altre sostanze stupefacenti, la sostanza più sequestrata è risultata l'hashish, con un totale di 1.081 sequestri, per un totale di 14.821,122 grammi sequestrati, seguita dalla cocaina con 513 casi di sequestri e un totale di 9.916,244 grammi , e fiori di cannabis, con 449 sequestri e un totale di 1.289,239 grammi. Ci sono stati anche 216 sequestri di piante di cannabis, che hanno portato a un totale di 26.526 piante di cannabis sequestrate in Portogallo nel 2021.

Secondo i dati presentati nel rapporto, nel 2021 si è registrato un aumento significativo delle quantità di fiori di cannabis sequestrati, il valore più alto dal 2010, e una diminuzione delle quantità relative all'hashish, nonostante il 2021 abbia avuto il secondo numero più alto in termini di quantitativi sequestrati dal 2015 si registra una diminuzione rispetto al 2020, anno che fino ad oggi è considerato l'anno con il maggior numero di sequestri di hashish nell'ultimo decennio.

Per quanto riguarda i sequestri di piante, si è registrato un calo di circa l'8% rispetto al 2020, tuttavia, nonostante la diminuzione del numero dei sequestri, la quantità di piante sequestrate è aumentata in modo significativo, ma ciò è dovuto anche allo smantellamento di cinque piantagioni illegali di dimensione considerata industriale, cioè con 1 o più piante, che corrispondono a circa il 000% delle piante sequestrate. Nonostante ciò, secondo il rapporto, la maggior parte dei sequestri di piante continua ad essere di piccole dimensioni e per fini di autoconsumo.

Si precisa che i valori presentati nel verbale SICAD non comprendono i dati PSP dal 2017, che potrebbero non corrispondere all'effettiva totalità delle sostanze sequestrate – che saranno sicuramente superiori a quelle descritte nel verbale.

Il rapporto SICAD indica anche che, nel 2021, è avvenuto il primo sequestro di MDMB-4-en-PINACA, che è un cannabinoide sintetico, e 4-CMC e alfa-PHP, entrambe sostanze stimolanti.

Il rapporto annuale di SICAD mira a far conoscere la situazione in Portogallo per quanto riguarda il consumo di droga e la tossicodipendenza, dalle sostanze più consumate, al numero di decessi causati da overdose, nonché dati sul numero di ricoveri legati al consumo e anche dati sul numero di sequestri effettuati dalle autorità, tra gli altri dati relativi al consumo di stupefacenti.

La relazione e le tabelle allegate sono consultabili ai seguenti link:

Rapporto annuale 2021 - La situazione del Paese in materia di droghe e tossicodipendenze

ALLEGATO - Relazione annuale 2021 - La situazione del Paese in materia di droghe e tossicodipendenze

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

+ post
+ post
Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionalegiorni fa 2

USA: la pediatra Bonni Goldstein lancia una petizione contro il divieto dei medicinali naturali a base di CBD in California

La pediatra nordamericana Bonni Goldstein mette in guardia dal tentativo di vietare i medicinali derivati ​​dal CBD naturale...

Internazionalegiorni fa 2

In Europa sono quasi 23 milioni i consumatori di cannabis, la sostanza illecita più consumata

La cannabis continua ad essere di gran lunga la sostanza illecita più consumata in Europa. Sono queste le conclusioni del “Rapporto...

Eventigiorni fa 3

Mary Jane celebra per la prima volta in Germania la cultura della cannabis legale

È il prossimo fine settimana, dal 14 al 16 giugno, che avrà luogo la consueta Mary Jane, presso la Messe...

Eventisettimane fa 1

CB Club riunisce i professionisti della cannabis in attesa di Mary Jane, a Berlino

In attesa del CB Expo (Cannabis Business Expo and Conference), che si svolgerà a Dortmund, nel mese di settembre, la CB Company...

rapportosettimane fa 1

Sud Africa: la legalizzazione di un settore già fiorente

Nelle settimane precedenti le elezioni dell'Assemblea Generale in Sud Africa, mercoledì scorso, 29 maggio, si sono svolte...

intervistesettimane fa 1

Rui Reininho: “Penso che sia davvero strano che i miei colleghi della GNR mettano il naso nelle proprietà delle persone per vedere cosa fa questa pianta”

Rui Reininho, musicista portoghese divenuto famoso come cantante dei GNR, non ha bisogno di presentazioni. Contrariamente a quanto molti pensano, non ha trovato...

Notiziesettimane fa 2

Canada: uno studio dimostra che l'uso di cannabis riduce il consumo di metanfetamine

I poliassuntori, individui che consumano diverse sostanze, spesso si rivolgono alla cannabis come un modo per ridurre il loro consumo...

Eventisettimane fa 4

CannaTrade torna a Zurigo dal 24 al 26 maggio

CannaTrade – Fiera e Festival Internazionale della Canapa di Zurigo raggiunge la maggiore età nel 2024, celebrando la sua 18esima...

comunicati stampasettimane fa 4

Il Gruppo SOMAÍ e la sua controllata RPK Biopharma espandono la partnership con Cookies per includere l'Europa e il Regno Unito

LISBONA, PORTOGALLO, 16 maggio 2024 /EINPresswire.com/ — Il gruppo SOMAÍ (“SOMAÍ”) e la sua controllata, RPK Biopharma hanno ampliato...

Nazionalesettimane fa 4

Portogallo: il consumo stimato di CBD aumenta nonostante il divieto

Il rapporto “Cannabis in Portugal”, realizzato da Euromonitor International, ha diffuso i dati più recenti sull’industria della cannabis,...