Seguici sui social

Internazionale

La mappa mondiale della legalizzazione della cannabis

Pubblicato il

em

Illustrazione: Rui Ricardo per Cannadouro Magazine

La legalizzazione della cannabis è un argomento sempre più universale, con sempre più paesi che colgono l'”onda verde”, modificando leggi e creando regolamenti specifici per consentire l'uso della pianta. Abbiamo fatto un viaggio virtuale nel mondo della legalizzazione della cannabis, per capire a che punto sono i paesi nel loro rapporto con questa pianta millenaria.

*Questo articolo è apparso sulla copertina di numero 7 da Rivista Cannadouro.

I pionieri: Uruguay e Canada
Iniziamo con il paese che ha aperto la strada alla legalizzazione della cannabis, l'Uruguay, che nel 2013 ha deciso di rompere i tabù e andare avanti con la completa legalizzazione della cannabis. L'uso medicinale ora consente l'acquisto fino a un massimo di 10 g a settimana in farmacia. Per quanto riguarda l'uso personale, la cannabis può ora essere ottenuta attraverso l'auto-coltivazione, con un'autorizzazione fino a 6 piante per nucleo familiare e un massimo di 480 g all'anno, oppure attraverso club e associazioni dove è possibile coltivare un totale di 99 piante all'anno .anno, ogni membro non potendo ricevere più dei suddetti 480 g all'anno.

Il Canada è stato il secondo paese a sfidare le convenzioni internazionali delle Nazioni Unite e a procedere con la legalizzazione dell'uso da parte degli adulti, nel 2018. L'uso medicinale nel paese è legale dal 2001. A seconda del tipo di scopo a cui è destinato il consumo, le leggi in Canada possono variare .

Per uso personale, ogni cittadino considerato maggiorenne può detenere in pubblico fino a 30g di cannabis, ed è prevista anche l'autorizzazione alla produzione di bevande e alimenti con infusi di cannabis, nonché l'autocoltivazione fino a 4 piante per dimora. Per quanto riguarda l'uso medicinale, è necessario avere una dichiarazione di un medico per ricevere la tessera del paziente, che deve essere rinnovata annualmente. La tessera paziente ha alcuni vantaggi, come avere fino a 150g di cannabis (oltre ai 30g per uso personale). Per quanto riguarda l'autocoltivazione per i pazienti, il numero di piante e il limite massimo di raccolta varieranno a seconda della quantità giornaliera di grammi prescritti e anche se le piante vengono coltivate in outdoor, interno o entrambi.

Il caso unico degli Stati Uniti
Saltando al paese che ha dato origine all'intera proibizione della cannabis, gli Stati Uniti d'America (USA), nonostante la cannabis rimanga illegale a livello federale, 41 dei 50 stati hanno già legalizzato l'uso medicinale, di cui 19 hanno anche legalizzato l'adulto o l'uso personale. In quattro di essi, la decisione è passata prima attraverso la depenalizzazione.

A causa del fatto che la cannabis è ancora considerata illegale a livello federale, ogni stato finisce per avere una certa libertà di creare la propria legislazione, il che genera una moltitudine di regolamenti diversi in tutto il paese. Queste differenze vanno dai quantitativi da acquistare al numero di piante che è consentito avere in autocoltivazione. Tuttavia, è vietato attraversare i confini statali con qualsiasi prodotto a base di cannabis, anche se è legale in entrambi gli stati.

Quest'anno è stato presentato al Senato il disegno di legge intitolato CAOA (Cannabis Administration & Opportunity Act), il cui obiettivo principale è quello di attuare la legalizzazione della cannabis a livello federale, nonché di risolvere alcune delle difficoltà che l'industria attuale deve affrontare nel paese, tra gli altri obiettivi, come il rilascio di cittadini condannati per reati non violenti legati alla cannabis.

Il Messico ispira l'America centrale e latina, senza dimenticare i Caraibi
Attraversando il confine più famoso del mondo, arriviamo in Messico, che ha iniziato con la depenalizzazione nel 2009 e successivamente, nel 2017, ha legalizzato l'uso di medicinali. Nel 2018 è iniziato il processo di legalizzazione dell'uso personale, con una decisione senza precedenti della Suprema Corte di Giustizia, che ha dichiarato incostituzionale il divieto di uso “ricreativo”. Nel marzo 2021 è stata presentata una proposta di legalizzazione, che sarà approvata nel giugno dello stesso anno. I cittadini maggiorenni possono ora acquistare e possedere fino a 28 g di cannabis. Autorizzata anche l'autocoltivazione fino a 8 piante per abitazione e la creazione di spazi per il consumo.

Per quanto riguarda i paesi dell'America centrale e dei Caraibi, nella maggior parte di essi la cannabis rimane illegale, ad eccezione di paesi come Barbados, Giamaica, Portorico, Isole Vergini americane, Saint Vincent e Grenadine, Saint Kitts e Nevis, Costa Rica e Panama, dove l'uso medicinale è già regolamentato. L'uso personale è depenalizzato in Belize, Dominica, Giamaica, Saint Vincent e Grenadine, Saint Kitts e Nevis e anche Trinidad e Tobago, che, pur mantenendo l'uso medicinale illegale, da maggio sta discutendo al Senato un disegno di legge per la sua legalizzazione.

Continuando il nostro viaggio nel sud del continente americano, l'unico posto dove la cannabis è completamente legale è l'Uruguay. Ad eccezione di Paesi come Guyana, Suriname, Guyana francese, Bolivia, Isole Malvinas e Venezuela, dove ogni uso di cannabis è ancora illegale, tutto il resto, come Colombia, Perù, Brasile, Cile, Argentina e Paraguay, già avere uso medico regolato in qualche modo. In Ecuador esiste anche l'accesso legale alla cannabis per uso medico, sebbene solo prodotti a base di canapa e limitati all'1% di THC. Colombia e Costa Rica hanno recentemente espresso la loro intenzione di procedere verso la legalizzazione dell'uso da parte degli adulti.

Oltre alla stragrande maggioranza dei paesi del Sud America che hanno legalizzato l'uso medicinale, tutti quelli che lo hanno già fatto hanno anche avanzato con politiche di depenalizzazione per quanto riguarda l'uso personale, soprattutto legato al possesso di piccole quantità. Dei paesi sudamericani in cui la cannabis per scopi medicinali è ancora illegale, solo il Venezuela ha depenalizzato il possesso fino a 20 g.

Australia e Oceania
Passando all'Oceania, praticamente tutti i paesi mantengono la cannabis illegale, ad eccezione dell'Australia, dove l'uso medicinale è legale in tutto il paese dal 2016, e della Nuova Zelanda, dove la cannabis è stata consentita come medicinale nel 2019. Si è tenuto un referendum sulla legalizzazione della uso personale in Nuova Zelanda, dove circa il 2020% degli elettori era contrario, mantenendo così illegale l'uso da parte degli adulti nel paese. In Australia l'uso personale è ancora illegale a livello federale, ma nel territorio della capitale australiana, Canberra, l'uso personale è stato autorizzato nel 51, consentendo il possesso fino a 2019g e l'autocoltivazione di 50 piante da parte dei cittadini maggiorenni. La vendita, la condivisione e la donazione di prodotti a base di cannabis, compresi i semi, sono tuttavia considerate illegali.

I paradossi del Medio Oriente e dell'Asia
Andando in Medio Oriente e in Asia, che secondo alcuni studi è considerato il continente in cui la cannabis è stata "addomesticata" per la prima volta dall'uomo, la cannabis è considerata illegale praticamente ovunque, con solo 3 paesi che contraddicono questa tendenza.

Uno è Israele, un paese leader nel campo della ricerca scientifica con la pianta, con uso medicinale legale dalla fine degli anni '90. Per quanto riguarda l'uso personale, è stato depenalizzato dal 2019 e si ritiene che Israele sia anche uno dei paesi in cui la legalizzazione è prossima alla realizzazione.

Spostandosi più a est, diventa sempre più difficile trovare paesi in cui la cannabis sia già regolamentata in qualche modo. Ma c'è un paese che ha sorpreso il mondo cambiando radicalmente le sue politiche sulla cannabis: la Thailandia. Ha legalizzato l'uso medicinale nel 2018, avendo autorizzato l'uso personale nel giugno 2022, rimuovendo sia la cannabis che la canapa dall'elenco delle sostanze stupefacenti nel Paese. Inoltre, il Ministro della Sanità Pubblica ha dichiarato quattro varietà di cannabis come patrimonio genetico nazionale e ha distribuito un milione di piante ai suoi abitanti, nel tentativo di rivitalizzare l'economia locale e incoraggiare gli agricoltori a piantare cannabis. Nonostante la sua legalizzazione, il consumo di cannabis non è consentito nelle aree pubbliche, essendo limitato alle aree private, e ogni famiglia può coltivare fino a 6 piante in casa.

In Corea del Sud, la legalizzazione dell'uso medicinale è avvenuta nel 2018, ma l'uso personale rimane illegale. Paesi come le Filippine o Singapore mantengono una legislazione radicale sulla cannabis, prevedendo anche la pena di morte per il traffico di cannabis.

Da parte sua, la Malesia è stata attenta al caso della Thailandia, con il Ministro della Salute malese in visita nel Paese vicino, in un viaggio per imparare dall'esperienza thailandese. 

Gli investimenti nell'industria della cannabis raggiungono anche l'Africa 

Anche in Africa la cannabis è in gran parte illegale, ad eccezione del Sudafrica, dove sia l'uso medicinale che quello personale sono già regolamentati. Tuttavia, la legge stabilisce che il consumo a livello personale può essere effettuato solo in privato e mai in presenza di minori e/o altri adulti non favorevoli. Per quanto riguarda il possesso, la legge sudafricana prevede che ogni persona possa portare 100g sulle strade pubbliche, ma, se ci si trova in un luogo privato, l'importo può salire fino a 600g. Ci sono poi altri quattro Paesi africani che si discostano dalla norma e dove è possibile accedere all'uso medicinale: Malawi, dove l'uso medicinale è stato depenalizzato dal 2020, Lesotho, che ne ha legalizzato l'uso nel 2017, Zimbabwe nel 2018 e Rwanda, nel 2021 .

In Marocco, uno dei paesi in cui la coltivazione della cannabis è considerata ancestrale e fonte essenziale di reddito per l'economia del paese, la cannabis è ancora considerata illegale. Nel 2021 ne è stato approvato l'uso e la coltivazione per scopi medicinali, cosmetici e industriali, ma la situazione non è molto chiara e tutta la produzione legale finisce per essere diretta esclusivamente all'esportazione.

L'Europa sulla cresta dell'onda verde

Si arriva così in Europa, dove 27 Paesi hanno già legalizzato l'uso medicinale, ma solo Malta ne ha effettivamente ammesso l'uso ricreativo, alla fine del 2021. A Malta è possibile trasportare fino a 7g di fiori di cannabis e autocoltivazione è consentito fino a 4 piante per abitazione. È inoltre consentito creare associazioni, che possono coltivare cannabis da distribuire ai propri membri fino a un massimo di 7g al giorno e 50g al mese.

Ci sono anche due paesi che hanno annunciato progetti pilota per la legalizzazione dell'uso personale, la Svizzera e il Lussemburgo.

In molti altri paesi l'uso personale, pur essendo illegale, finisce per essere praticamente depenalizzato, con alcune leggi più aperte di altre. In Olanda, che è famosa nel mondo per la sua caffetterie, e in Spagna, famosa anche per i suoi Circoli e Associazioni Sociali e per il permesso di autocoltivare fino a 2 piante per autoconsumo, la legislazione non è chiara, esistendo una sorta di zona grigia o disobbedienza civile generalizzata.

Sebbene l'uso personale in Spagna sia apparentemente consentito, la verità è questa i nostri fratelli contengono un enorme paradosso: la Spagna è il paese in Europa che penalizza maggiormente il consumo, con circa il 43% delle sanzioni applicate in tutta Europa legate alla cannabis. Per quanto riguarda l'uso medicinale, questo era considerato “illegale” e ai medici non era permesso prescrivere cannabis. Tuttavia, la legge sulla cannabis terapeutica è stata recentemente approvata e si prevede che entro la fine dell'anno cominceranno ad apparire nelle farmacie prodotti per uso medicinale.

Uno dei paesi che ha attirato molta attenzione sulla questione della legalizzazione dell'uso personale è la Germania, dove l'attuale coalizione di governo si è impegnata a legalizzare l'uso da parte degli adulti. Uno dei maggiori dubbi, però, risiede in quando ciò accadrà effettivamente. Alcuni puntano al 2023/2024, altri estendono questo evento al 2026. Ciò che la maggior parte crede, tuttavia, è che con la piena legalizzazione in Germania, l'effetto domino nel resto d'Europa sarà inevitabile.

Nel Regno Unito, dove la cannabis per scopi medici è regolamentata dal 2018, si è parlato anche della possibilità di legalizzare l'uso personale, ma ancora senza grandi progressi concreti.

In Francia, il paese che si dice abbia più consumatori pro capite, esiste una politica molto severa per quanto riguarda l'uso personale e, nonostante abbia legalizzato l'uso medicinale nel 2013, anche l'accesso è piuttosto limitato. Nel marzo 2021 è stato lanciato un programma di prova della durata di 2 anni, che fornisce trattamenti gratuiti a base di cannabis a un gruppo di 3 pazienti. Di recente, un gruppo di senatori francesi si è impegnato nella proposta di creare una legge per la totale legalizzazione della cannabis nel Paese.

Anche l'Italia, dove l'uso medicinale è legale dal 2013, sta cercando attivamente di cambiare le sue politiche in materia di cannabis, con le discussioni sulla legalizzazione che sono state recentemente riavviate con l'ultima proposta che è stata presentata, che include l'autocoltivazione fino a 4 piante . 

Concludendo il nostro viaggio in Portogallo, che nel 2001 è diventato il primo paese al mondo a depenalizzare non solo la cannabis ma anche altre droghe, troviamo un grosso punto interrogativo. Nel 2018 il Portogallo ha legalizzato l'uso medicinale, sebbene vi sia ancora un accesso molto limitato, sia in termini di prodotti disponibili sia in termini di patologie per le quali la cannabis può essere prescritta.

Per quanto riguarda l'uso personale, nel mese di giugno è stato presentato dal Bloco de Esquerda un nuovo disegno di legge per la legalizzazione, che dovrebbe essere votato all'Assemblea della Repubblica nel mese di settembre. Sebbene sia impossibile prevedere alcun risultato, guardando le ultime proposte che sono state presentate e che sono riuscite a essere discusse nella specialità, molti ritengono che la legalizzazione sia sempre più vicina all'avvenimento.

E così finisce il nostro piccolo giro nel mondo della legalizzazione della cannabis che finalmente, negli anni '20 del XXI secolo, si sta lasciando alle spalle una storia di decenni di proibizionismo e disinformazione. Con sempre più paesi in tutto il mondo che legalizzano l'uso medicinale e ricreativo della cannabis, lo stigma viene rotto, il pregiudizio viene chiarito e una delle piante più antiche del pianeta viene rilasciata. 

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionalegiorni fa 2

La polizia tedesca chiarisce di non aver suggerito il consumo di cannabis (al posto dell'alcol) ai tifosi inglesi a Euro 2024

La polizia di Gelsenkirchen, in Germania, è stata citata in un notiziario secondo cui l'attenzione sarebbe stata più focalizzata sui tifosi...

Eventigiorni fa 3

Le sostanze sintetiche minacciano l'enorme successo di Mary Jane Berlin

Ci si aspettava che questa edizione di Mary Jane Berlin sarebbe stata il più grande raduno di sempre della comunità della cannabis in...

Nazionalegiorni fa 4

L'ICAD promuove un'indagine europea sul consumo di droga in Portogallo

L'Istituto per le dipendenze e le dipendenze (ICAD) ha lanciato la quarta edizione dell'indagine web europea sulle droghe...

Eventigiorni fa 5

Maren Krings, autrice del libro “H is for Hemp”, presenta oggi a Lisbona un documentario sull'Ucraina

Maren Krings, fotoreporter e autrice del libro “H is for Hemp” è oggi a Lisbona per presentare il suo nuovo...

Internazionalegiorni fa 7

USA: la pediatra Bonni Goldstein lancia una petizione contro il divieto dei medicinali naturali a base di CBD in California

La pediatra nordamericana Bonni Goldstein mette in guardia dal tentativo di vietare i medicinali derivati ​​dal CBD naturale...

Internazionalegiorni fa 7

In Europa sono quasi 23 milioni i consumatori di cannabis, la sostanza illecita più consumata

La cannabis continua ad essere di gran lunga la sostanza illecita più consumata in Europa. Sono queste le conclusioni del “Rapporto...

Eventisettimane fa 1

Mary Jane celebra per la prima volta in Germania la cultura della cannabis legale

È il prossimo fine settimana, dal 14 al 16 giugno, che avrà luogo la consueta Mary Jane, presso la Messe...

Eventisettimane fa 2

CB Club riunisce i professionisti della cannabis in attesa di Mary Jane, a Berlino

In attesa del CB Expo (Cannabis Business Expo and Conference), che si svolgerà a Dortmund, nel mese di settembre, la CB Company...

rapportosettimane fa 2

Sud Africa: la legalizzazione di un settore già fiorente

Nelle settimane precedenti le elezioni dell'Assemblea Generale in Sud Africa, mercoledì scorso, 29 maggio, si sono svolte...

intervistesettimane fa 2

Rui Reininho: “Penso che sia davvero strano che i miei colleghi della GNR mettano il naso nelle proprietà delle persone per vedere cosa fa questa pianta”

Rui Reininho, musicista portoghese divenuto famoso come cantante dei GNR, non ha bisogno di presentazioni. Contrariamente a quanto molti pensano, non ha trovato...