Seguici sui social

Internazionale

Come funzioneranno le associazioni di cannabis a Malta?

Pubblicato il

em

Foto: DR | Industria420.com

A Autorità per l'uso responsabile della cannabis (ARUC), l'ente maltese responsabile della regolamentazione dell'industria legale e ricreativa della cannabis nel paese, ha organizzato un convegno, il 27 gennaio, con le varie parti interessate e attori del settore per annunciare le regole di legalizzazione. Con il tema “Setting the Standards – Il quadro normativo delle Organizzazioni Non Profit”, l'ente ha presentato alcuni dettagli su come funzionerà il mercato. 

“Questa riforma sta contribuendo a creare una società più giusta e umana”, ha detto la segretaria parlamentare Rebecca Buttigieg durante la conferenza. Il primo grande annuncio rivelato, già prima dell'evento, era che l'apertura ufficiale delle iscrizioni per le organizzazioni non profit sarebbe stata dal 28 febbraio 2023. Tuttavia, è stato durante l'evento del 27 che gli interessati hanno ottenuto maggiori informazioni sulle procedure per entrare in questa onda verde.

Come funzioneranno le associazioni?

I soggetti ammessi a partecipare a questo processo saranno solo quelli costituiti sotto forma di associazioni senza scopo di lucro e potranno commercializzare solo i risultati delle proprie produzioni. Non è ancora chiaro se le associazioni potranno importare i loro semi o quali sono i requisiti in relazione ad essi.

La cannabis venduta legalmente a Malta deve essere coltivata nel paese e le associazioni devono soddisfare i seguenti requisiti:

  • Almeno due fondatori (i fondatori devono risiedere a Malta per almeno 5 anni)
  • Almeno tre membri del consiglio (i membri devono risiedere a Malta per almeno 5 anni)
  • Non può avere più di 500 membri (maggiori di 18 anni e residenti a Malta)
  • Il modello di licenza annunciato dall'Autorità si basa su un prezzo progressivo basato sul numero di membri che sono classificati come segue:
    • 50 membri
    • 51 – 100 membri
    • 101 – 250 membri
    • 251 – 350 membri
    • 351 – 500 membri
  • La sede dell'associazione non può essere a meno di 250 metri da un istituto scolastico

Secondo Tempi di Malta, le associazioni devono avere un luogo per la produzione e un altro per lo svolgimento dell'attività associativa. I richiedenti devono pagare una quota fissa di iscrizione di € 1.000 più la quota di licenza variabile, che per 50 membri è di € 8.750.

Tutto il reddito deve essere reinvestito nell'organizzazione o in stipendi e le associazioni devono anche contribuire con una parte delle loro vendite a un fondo di riduzione del danno. Le associazioni possono effettuare la coltivazione in qualsiasi luogo conforme alle norme e alla pianificazione, ma le piante non devono essere visibili al pubblico e ai passanti.

Le confezioni di cannabis destinate alla vendita devono includere un'etichetta che scoraggi l'uso della cannabis, nonché i dettagli dei fiori contenuti nella confezione.

ARUC è l'ente responsabile del rilascio della licenza, ed è anche responsabile della conformità e del controllo di qualità. Dopo il rilascio di una licenza provvisoria di un anno, l'autorità esaminerà le finanze dell'associazione, garantirà il rispetto delle normative da parte delle associazioni e sarà anche quella di testare i campioni per muffe, microrganismi ed elementi sintetici. I test devono aver luogo prima della distribuzione di un lotto e anche dopo la sua vendita.

Le licenze di esercizio possono essere revocate o sospese dall'ARUC, essendo prorogate dopo il primo anno per una licenza triennale.

Quali sono le regole per i consumatori?

Chiunque abbia più di 18 anni può iscriversi a una sola associazione. Tuttavia, esiste un limite al livello di THC per i consumatori sotto i 21 anni. L'autorità sta ancora discutendo la possibilità per i membri di associazioni senza scopo di lucro di consumare cannabis all'interno dei locali dei club.

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

+ post

Sono uno dei direttori di CannaReporter, che ho fondato insieme a Laura Ramos. Vengo dall'isola unica di Madeira, dove attualmente risiedo. Mentre ero a Lisbona alla FCUL studiando Ingegneria Fisica, sono stato coinvolto nella scena nazionale della canapa e della cannabis, avendo partecipato a diverse associazioni, alcune delle quali sono ancora membro. Seguo l'industria globale e in particolare i progressi legislativi relativi ai diversi usi della cannabis.

Sono contattabile via email all'indirizzo joao.costa@cannareporter.eu

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Eventisettimane fa 1

CannaTrade torna a Zurigo dal 24 al 26 maggio

CannaTrade – Fiera e Festival Internazionale della Canapa di Zurigo raggiunge la maggiore età nel 2024, celebrando la sua 18esima...

comunicati stampasettimane fa 1

Il Gruppo SOMAÍ e la sua controllata RPK Biopharma espandono la partnership con Cookies per includere l'Europa e il Regno Unito

LISBONA, PORTOGALLO, 16 maggio 2024 /EINPresswire.com/ — Il gruppo SOMAÍ (“SOMAÍ”) e la sua controllata, RPK Biopharma hanno ampliato...

Nazionalesettimane fa 2

Portogallo: il consumo stimato di CBD aumenta nonostante il divieto

Il rapporto “Cannabis in Portugal”, realizzato da Euromonitor International, ha diffuso i dati più recenti sull’industria della cannabis,...

Nazionalesettimane fa 2

"Cannabis. Maldita e Maravilhosa”, di Margarita Cardoso de Meneses, esce in libreria il 16 maggio

Margarita Cardoso de Meneses, collaboratrice di CannaReporter®, ha appena pubblicato il libro “Canábis. Maldita e Maravilhosa”, edito da Oficina do...

comunicati stampasettimane fa 3

Montemor-o-Velho: arrestato per coltivazione di cannabis

Il Comando Territoriale di Coimbra, attraverso l'Unità di Investigazione Criminale (NIC) del Distaccamento Territoriale di Montemor-o-Velho, oggi, il 9...

Eventisettimane fa 3

PTMC – Portugal Medical Cannabis riunisce l'industria della cannabis medica il 22 maggio a Lisbona

PTMC – Portugal Medical Cannabis riunirà i professionisti dell’industria della cannabis medica il 22...

Corporazionisettimane fa 3

USA: MedMen dichiara bancarotta con 400 milioni di dollari di debito

Il colosso statunitense della cannabis MedMen è crollato sotto il peso del suo debito, annunciando la scorsa settimana che...

Notiziesettimane fa 3

Lo studio rivela che la legalizzazione della cannabis non aumenta il consumo di altre sostanze

Uno degli argomenti più utilizzati contro la legalizzazione della cannabis per uso adulto o ricreativo è stata l'idea di...

Canapasettimane fa 3

Lettonia: la Hemp School di Obelisk Farm è finalista per l'EFT Green Skills Award 2024

Obelisk Farm continua ad essere riconosciuta in tutto il mondo per il suo approccio unico allo sfruttamento della canapa industriale. Il progetto famiglia, che...

Eventisettimane fa 3

USA: CannMed 24 Innovation & Investment Summit torna a Marco Island, Florida, dal 12 al 15 maggio

È una delle conferenze scientifiche più importanti sull'industria della cannabis terapeutica e torna a Marco Island, in Florida,...