Seguici sui social

Internazionale

Stati Uniti: l'Oregon registra il più grande calo dei prezzi della cannabis dal 2016

Pubblicato il

em

Foto: DR

Secondo le autorità di regolamentazione statali, i prezzi medi al dettaglio della cannabis nello stato dell'Oregon sono scesi a un minimo senza precedenti di 4 dollari (3.77 euro) al grammo all'inizio del 2023, segnando un calo del 16% rispetto all'anno precedente. Attualmente, l'offerta di cannabis è molto più alta della domanda in Oregon, poiché c'è molta produzione, ma poiché rimane illegale a livello federale, non può essere venduta o esportata oltre i confini statali. Curaleaf ha già cessato le operazioni in Oregon.

Questa riduzione continua la tendenza a lungo termine del calo dei prezzi di oltre la metà da quando la cannabis ricreativa è stata legalizzata in Oregon sette anni fa. Commissione per i liquori e la cannabis dell'Oregon (OLCC) dichiarato nella sua relazione annuale al legislatore statale che il mercato della cannabis ricreativa nello stato dell'Oregon è attualmente nella sua posizione economica più debole dall'inizio del programma nel 2016.

Mentre il calo dei prezzi è positivo per i consumatori, che sono stanchi degli effetti dell'inflazione sulla maggior parte degli altri prodotti, il calo si rivela negativo per i rivenditori e i coltivatori dell'Oregon.

Gli economisti statali hanno recentemente avvertito che la riscossione delle tasse è inferiore alle previsioni e la ragione di ciò non è solo perché i prezzi in calo hanno ridotto le entrate fiscali statali. Tuttavia, le compagnie di cannabis in difficoltà "non sono in grado di pagare tutte le bollette" nel bel mezzo di un forte declino.

Cannabis ricreativa: un mercato da un milione di dollari

Nonostante sia un mercato da un miliardo di dollari (circa 940 milioni di euro), l'industria della cannabis in Oregon sta vivendo problemi sempre maggiori. Il mercato ha una quantità record di crediti scaduti e i rivenditori devono soldi agli agricoltori.

Questo sta accadendo in tutto il mercato, causando difficoltà lungo l'intera catena di approvvigionamento. Secondo Mason Walker, CEO di Cultivar di East Fork, per The Oregonian "Abbiamo una quantità record di crediti scaduti e rivenditori che ci devono dei soldi". Mason coltiva cannabis nella contea di Josephine.

Più offerta che domanda: Curaleaf chiude le operazioni in Oregon

L'offerta è molto più alta della domanda in Oregon, con conseguente calo dei prezzi. La cannabis cresce abbondantemente nello stato, ma poiché la cannabis rimane illegale a livello federale, non può essere legalmente venduta ed esportata oltre i confini statali. Inoltre, mentre la cannabis sta diventando sempre più popolare, i 4,2 milioni di abitanti dell'Oregon consumano solo una frazione della cannabis coltivata dai contadini dello stato. L'OLCC stima che la domanda di cannabis in Oregon sia stata solo il 63% dell'offerta l'anno scorso.

Nel 2022, le vendite sono diminuite di oltre il 17% a 994 milioni di dollari (circa 935 milioni di euro), segnando il primo calo annuale dell'industria della cannabis nello stato. Anche la produzione sta diminuendo poiché gli agricoltori reagiscono al calo dei prezzi, ma l'offerta e la domanda sono tutt'altro che equilibrate. Le autorità di regolamentazione statali ritengono che un'altra preoccupazione per rivenditori e produttori sia la grande scorta di inventario rimasta dagli anni precedenti, che potrebbe mantenere bassi i prezzi a tempo indeterminato.

L'OLCC ha dichiarato nel suo segnalare il mese scorso che “questi bassi prezzi al consumo costringono le aziende a operare con margini bassi e pressioni estreme”. A causa di queste difficoltà, alcune grandi compagnie di cannabis hanno smesso di operare nello stato dell'Oregon, come Curaleaf, una delle più grandi compagnie di cannabis negli Stati Uniti, che ha annunciato a gennaio la chiusura delle sue operazioni nello stato.

Mason Walker ritiene che non ci sia una soluzione rapida ai problemi del settore e, sebbene l'Oregon abbia smesso di rilasciare nuove licenze di cannabis in risposta a problemi di fornitura, ciò ha avuto un impatto minimo poiché molte sono già state rilasciate.

Man mano che sempre più stati legalizzano la cannabis, le persone che si recano in Oregon per acquistare cannabis spendono meno, alcuni dei quali ne compravano abbastanza da portarsi a casa quando se ne andavano. Mentre l'industria della cannabis dell'Oregon ha già resistito a tempi difficili, Walker ritiene che la stanchezza stia iniziando a manifestarsi a causa della prolungata recessione. Sempre più aziende si arrendono e vendono le loro licenze solo per una frazione di quello che si aspettavano.

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Eventigiorni fa 3

L'ICBC Berlino torna a brillare. È l'inizio di una nuova era per l'industria della cannabis in Germania

L'ICBC di Berlino è stata la prima grande conferenza internazionale sulla cannabis a svolgersi dopo la legalizzazione dell'uso da parte degli adulti in...

Internazionalegiorni fa 4

USA: prodotti Mike Tyson richiamati per contaminazione da muffe

Le autorità della California hanno emesso un avviso di richiamo obbligatorio per due prodotti del marchio di cannabis di Mike Tyson,...

Eventigiorni fa 5

Si avvicinano le 4 e a Porto e Lisbona è festa

La data in cui celebrare la cultura della cannabis si avvicina! Questo sabato, 20 aprile, è il giorno in cui...

Internazionalesettimane fa 1

Paul Bergholts, presunto leader di Juicy Fields, detenuto nella Repubblica Dominicana

Paul Bergholts, il presunto leader dello schema piramidale Juicy Fields, è stato detenuto nella Repubblica Dominicana e sarà sottoposto a...

Salutesettimane fa 2

I cannabinoidi rivelano risultati promettenti nel trattamento del disturbo borderline di personalità

Un'indagine condotta da Khiron LifeSciences e coordinata da Guillermo Moreno Sanz suggerisce che i medicinali a base di...

Internazionalesettimane fa 2

Caso Juicy Fields: 9 detenuti da Europol ed Eurojustice. La truffa supera i 645 milioni di euro

Un'indagine congiunta condotta da diverse autorità europee, supportata da Europol ed Eurojust, è culminata nell'arresto di nove sospetti...

Internazionalesettimane fa 2

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche per rimanere sedati rispetto a...

Internazionalesettimane fa 2

Il futuro del CBD in Giappone: come le riforme legali plasmeranno il mercato

Alla fine dell'anno scorso, il Giappone ha fatto un grande passo avanti verso la riforma sulla cannabis dopo aver approvato...

Nazionalesettimane fa 2

Portogallo: GreenBe Pharma ottiene la certificazione EuGMP presso gli stabilimenti Elvas

GreenBe Pharma, un'azienda produttrice di cannabis terapeutica con sede a Elvas, Portogallo, ha ottenuto la certificazione EU-GMP sotto...

Nazionalesettimane fa 3

Álvaro Covões, di Everything is New, acquista le strutture Clever Leaves in Alentejo per 1.4 milioni di euro

Álvaro Covões, fondatore e amministratore delegato dell'agenzia di promozione dello spettacolo 'Everything is New', che organizza uno dei più grandi festival...