Seguici sui social

Nazionale

Portogallo: il movimento Mothers for Cannabis convoca la marcia per il 2 aprile a Lisbona

Pubblicato il

em

“Una pianta per tutti, per tutti!” è il motto che il Movimento Mães pela Canábis porterà nelle strade di Lisbona domenica prossima, 2 aprile, in una marcia che mira a rivendicare l'accesso alla cannabis e alla canapa in Portogallo. Il raduno si svolge alle 15:20 in Largo Camões e inizia per l'Assemblea della Repubblica alle 16:20, e spera di riunire centinaia di persone provenienti da tutto il Paese.

Parlando con Cannareporter, Paula Mota, giurista e presidente dell'Associação Mães pela Canábis, che ha una figlia di 14 anni con la sindrome di Dravet, una forma di epilessia refrattaria, ha spiegato che “in Portogallo molti pazienti, compresi i bambini, usano già con successo oli derivati ​​dalla canapa e dai fiori di cannabis, ricchi di cannabidiolo (CBD), tetraidrocannabinolo (THC) e molti altri cannabinoidi, per aiutare nel trattamento di patologie come l'epilessia, l'autismo, la sclerosi multipla o il cancro, tra molti altri”.

Paula Mota, giurista e madre di Margarida, affetta da epilessia refrattaria, ha fondato il Movimento Mães Pela Canábis. Foto: Laura Ramos | cannareporter

Tuttavia, e nonostante il fatto che l'uso medicinale in Portogallo sia già regolamentato dal 2018, i derivati ​​della cannabis nelle farmacie sono praticamente inesistenti, limitati a Sativex, una varietà di fiori con il 18% di THC ed Epidyolex – quest'ultimo solo tramite SEA ( Special Use Authorization) e solo per le malattie rare. Ma nessuna di queste opzioni funziona per la figlia di Paula Mota, che è indignata per l'inerzia del governo nel trovare soluzioni per le famiglie in questa situazione. “Sebbene il Portogallo sia uno dei maggiori produttori di cannabis al mondo, sul mercato portoghese sono disponibili solo tre derivati ​​della cannabis. Inoltre, la maggior parte dei medici continua a non prescrivere, perché il Sistema Endocannabinoide non è incluso nei curricula delle Scuole di Medicina. È urgente andare avanti con la formazione degli operatori sanitari e della società in generale, abbattendo stigmi e pregiudizi”, avverte.

Paula Mota attira anche l'attenzione sul settore della canapa, che sta vivendo tempi incerti. “Servono meno proibizionismo e più chiarezza nelle leggi, facilitando l'accesso a chi può beneficiare dell'uso della cannabis e riducendo la burocrazia nella coltivazione della canapa, nel rispetto di quanto già ribadito da diversi tribunali europei, ovvero la libera circolazione dell'intera canapa pianta, compresi i suoi fiori, non possono essere vietati negli Stati membri dell'Unione europea”, sottolinea. E prosegue dicendo che “non si può dire che la produzione di fiori di canapa sia illegale in Portogallo, quando un tribunale portoghese ha già obbligato la Polizia Giudiziaria a restituire i fiori di canapa a un commerciante, in quanto non è uno stupefacente”.

Anche l'autocoltivazione per il consumo personale sarà all'ordine del giorno nelle rivendicazioni della Marcia della Cannabis. "Questa è l'unica forma di accesso per molti pazienti e utenti, che non hanno il potere economico per sostenere gli alti costi della cannabis, e l'accesso alla pianta deve essere garantito come un diritto umano", afferma.

Paula Mota afferma che “per una regolamentazione ragionevole e inclusiva della cannabis, che rispetti tutte le persone e l'equità, è essenziale ascoltare e soddisfare le esigenze dei pazienti, rispettando i diritti e le libertà fondamentali e garantendo anche il loro accesso alla salute, sancito dalla Costituzione della Repubblica portoghese”.

Inoltre, il presidente del Movimento afferma che è necessario e urgente creare un ufficio indipendente proprio per le questioni relative alla cannabis e alla canapa. “La situazione della cannabis in Portogallo è così confusa che molti membri del Parlamento e funzionari statali, non importa quanto bene abbiano, non sanno nemmeno di cosa stanno parlando. Serve un'organizzazione specializzata in cannabis e canapa, con la rappresentanza di tutte le associazioni e settori trasversali all'uso della pianta, perché c'è molta disinformazione e questo non aiuta”, si lamenta.

Il Movimento Mothers for Cannabis invita tutte le famiglie, i pazienti, gli operatori sanitari, i coltivatori e i commercianti di canapa e tutti i consumatori di cannabis a riunirsi a Lisbona e marciare insieme per dimostrare al governo e al paese che l'accesso a questa pianta è un diritto di tutti.

Il Manifesto della Marcia per la Cannabis comprende 10 richieste essenziali:

1. Rispetto del diritto alla salute da parte dello Stato portoghese, facilitando la formazione degli operatori sanitari, previsto dalla legge 33/2018, compresa l'introduzione della cannabis medicinale e del sistema endocannabinoide nei curricula delle facoltà di medicina, al fine di garantire la conoscenza dei progressi scienza e accesso sicuro alle terapie a base di cannabis per tutti;

2. Aumentare la disponibilità di farmaci, sostanze e preparati a base di cannabis nelle farmacie, costringendo le aziende produttrici di cannabis in territorio portoghese a richiedere obbligatoriamente ACM (autorizzazione all'immissione in commercio) per i loro derivati ​​della cannabis, in modo che non si dedichino solo all'esportazione;

3. Ampliare l'elenco delle indicazioni terapeutiche fornite da Infarmed, rivedendo la letteratura scientifica esistente, e considerare la cannabis come un possibile trattamento di prima linea o complementare ai trattamenti convenzionali, anche per i soggetti sotto i 1 anni, attualmente esclusi da possibili trattamenti con THC . La scienza ha sistematicamente dimostrato l'elevato profilo di sicurezza dei cannabinoidi, con pochi effetti avversi e senza causare dipendenza fisica, soprattutto se paragonati agli oppioidi o alle benzodiazepine; diversi studi hanno già dimostrato, infatti, che il CBD può non solo aiutare a curare le dipendenze da altre sostanze (come farmaci, alcool o tabacco) ma anche curare le psicosi, contrariamente a quanto propagandato da chi non ha ancora approfondito la materia;

4. Riconoscere urgentemente il diritto alla coltivazione personale e associativa della cannabis come unica forma di accesso per molti pazienti residenti in Portogallo, come è già avvenuto con diverse associazioni di pazienti in altri paesi;

5. Rispettare il diritto alla libertà di scelta e all'autonomia sul proprio corpo, autorizzando la coltivazione personale per il consumo da parte di adulti sani di mente, che non possono rimanere in balia delle reti del narcotraffico o dei mercati paralleli non regolamentati, dove esistono ben più pericolosi e manipolati (come i cannabinoidi sintetici) o “consumo disinformato”. I cittadini non possono continuare a permettere alle autorità di perseguitare e interferire con la loro vita privata o di essere oggetto di scherno o falsa morale. Sappiamo tutti che l'alcol e il tabacco uccidono, la cannabis no!

6. Investire in programmi di prevenzione dei rischi e di riduzione dei danni che portino maggiori e migliori informazioni sulla cannabis alla società portoghese, in particolare ai giovani;

7. Incoraggiare l'economia locale e la sostenibilità promuovendo la coltivazione della canapa e l'utilizzo di tutte le parti della pianta, non solo fibre e semi, e diffondendone l'importanza per la sostenibilità del Paese e del pianeta;

8. Rivedere con urgenza l'Ordinanza che impedisce ai piccoli agricoltori di investire nella canapa industriale, in quanto è discriminatoria e scoraggia l'agricoltura e l'economia locale. Questo non accade con altre specie, come mais, olio d'oliva o girasoli.

9. Regolamentare in modo chiaro, inclusivo e indipendente tutti i potenziali business del settore, ovvero il commercio della canapa e dei suoi derivati, che attualmente si trova in una zona grigia della legge, dove non è vietato (visto che ci sono decine di negozi aperta al pubblico da tutto il territorio nazionale), ma non è nemmeno adeguatamente regolamentata, portando spesso a ispezioni e sequestri indebiti, culminati con il tribunale che ha costretto la Polizia Giudiziaria a restituire fiori di canapa a un commerciante.

10 Infine, e data la specificità della questione, creare un ufficio indipendente per le questioni relative alla cannabis e alla canapa, con la rappresentanza di tutte le associazioni, le parti interessate e i settori trasversali legati all'uso della pianta.

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Eventi23 ore fa

L'ICBC Berlino torna a brillare. È l'inizio di una nuova era per l'industria della cannabis in Germania

L'ICBC di Berlino è stata la prima grande conferenza internazionale sulla cannabis a svolgersi dopo la legalizzazione dell'uso da parte degli adulti in...

Eventigiorni fa 3

Si avvicinano le 4 e a Porto e Lisbona è festa

La data in cui celebrare la cultura della cannabis si avvicina! Questo sabato, 20 aprile, è il giorno in cui...

Internazionalegiorni fa 6

Paul Bergholts, presunto leader di Juicy Fields, detenuto nella Repubblica Dominicana

Paul Bergholts, il presunto leader dello schema piramidale Juicy Fields, è stato detenuto nella Repubblica Dominicana e sarà sottoposto a...

Salutesettimane fa 1

I cannabinoidi rivelano risultati promettenti nel trattamento del disturbo borderline di personalità

Un'indagine condotta da Khiron LifeSciences e coordinata da Guillermo Moreno Sanz suggerisce che i medicinali a base di...

Internazionalesettimane fa 1

Caso Juicy Fields: 9 detenuti da Europol ed Eurojustice. La truffa supera i 645 milioni di euro

Un'indagine congiunta condotta da diverse autorità europee, supportata da Europol ed Eurojust, è culminata nell'arresto di nove sospetti...

Internazionalesettimane fa 2

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche per rimanere sedati rispetto a...

Internazionalesettimane fa 2

Il futuro del CBD in Giappone: come le riforme legali plasmeranno il mercato

Alla fine dell'anno scorso, il Giappone ha fatto un grande passo avanti verso la riforma sulla cannabis dopo aver approvato...

Nazionalesettimane fa 2

Portogallo: GreenBe Pharma ottiene la certificazione EuGMP presso gli stabilimenti Elvas

GreenBe Pharma, un'azienda produttrice di cannabis terapeutica con sede a Elvas, Portogallo, ha ottenuto la certificazione EU-GMP sotto...

Nazionalesettimane fa 3

Álvaro Covões, di Everything is New, acquista le strutture Clever Leaves in Alentejo per 1.4 milioni di euro

Álvaro Covões, fondatore e amministratore delegato dell'agenzia di promozione dello spettacolo 'Everything is New', che organizza uno dei più grandi festival...

Eventisettimane fa 3

L'ICBC torna a Berlino il 16 e 17 aprile

È una delle conferenze B2B sulla cannabis più grandi e riconosciute in Europa e ritorna a Berlino nel...