Seguici sui social

Internazionale

Curaleaf perde la licenza per vendere cannabis ricreativa nel New Jersey

Pubblicato il

em

Foto: DR | Foglia di cura

A curaleaf, Uno dei più grandi aziende operanti nel mercato nordamericano della cannabis, si sono viste negare giovedì scorso il rinnovo della licenza per la vendita di cannabis per uso adulto/ricreativo nello stato del New Jersey. La Cannabis Regulatory Commission (CRC) dello stato ha votato contro il rinnovo della licenza di Curaleaf, adducendo come motivazione principale il chiusura degli impianti di coltivazione della società, in particolare nel New Jersey, il suo confronto con la sindacalizzazione dei lavoratori e la mancanza di trasparenza con lo Stato in alcuni aspetti.

Ricordiamo che Curaleaf era già stata coinvolta in alcune questioni controverse in passato. Nell'agosto 2022, fu costretto a ritirare decine di migliaia di unità bottiglie di fiori di cannabis essiccati dagli scaffali dei dispensari di New York, perché ha deciso di passare a un modo non autorizzato di etichettare la potenza del THC, che ha portato i pazienti a credere che la cannabis che stavano acquistando fosse molto più forte del solito. Ma questa non è la prima volta che Curaleaf ha problemi con le etichette delle confezioni. A dicembre 2021, già Curaleaf aveva cambiato etichetta da THC a CBD (e viceversa) in prodotti a marchio "Select" e finì per affrontare sette cause legali federali negli Stati Uniti, avendo ammesso all'epoca un "errore umano non intenzionale".

Giovedì scorso, 13 aprile, il New Jersey State CRC ha votato contro il rinnovo della licenza di Curaleaf per la vendita di cannabis per adulti/ricreativa nel New Jersey. Questa decisione arriva solo una settimana prima del primo anniversario dall'apertura del mercato per uso adulto/ricreativo nello stato e ha lasciato interdetti molti analisti.

Solo un membro del comitato ha votato a favore del rinnovo della licenza annuale di Curaleaf, con altri due membri che hanno votato contro, mentre gli altri due si sono astenuti. Alcuni dei motivi che hanno portato il CRC a rifiutare il rinnovo della licenza di Curaleaf sono stati la chiusura di uno dei suoi impianti di coltivazione, il confronto con la sindacalizzazione dei suoi lavoratori e la mancanza di trasparenza con lo Stato in alcuni aspetti.

Senza il rinnovo della licenza, il permesso per Curaleaf di effettuare le vendite e la coltivazione di cannabis per uso adulto/ricreativo scadrà il 21 aprile. La decisione lascia incerto anche il futuro dei negozi della società a Edgewater Park e Bordentown, destinati esclusivamente alle vendite "ricreative". Per quanto riguarda il punto vendita di Bellmawr, potrà continuare la sua attività, poiché la sua licenza è inclusa nel programma di uso medicinale, non risentendo quindi della perdita della licenza per operare nel mercato “ricreativo”. Non è ancora chiaro se la società possa impugnare la decisione.

Curaleaf contesta la decisione

In un comunicato pubblicato sul Twitter, Curaleaf ha definito l'azione della commissione un “oltraggioso atto di ritorsione politica per la nostra necessità di concentrare le operazioni di produzione in un solo luogo”. Secondo le dichiarazioni di Curaleaf, la decisione è stata "arbitraria" e "priva di merito e fondamento giuridico". La società afferma inoltre di essere in regola con il CRC e di soddisfare tutti i requisiti necessari per il rinnovo della licenza, e ha espresso preoccupazione per l'impatto della decisione sui suoi quasi 500 dipendenti e sul mercato complessivo della cannabis nel New Jersey. La nota si conclude con l'intenzione di Curaleaf di mantenere le operazioni e gli sforzi per continuare a lavorare con il CRC per garantire il rinnovo della licenza per il mercato degli adulti utilizzando "qualsiasi mezzo necessario" per farlo.

Il presidente della CRC, Dianna Houenou, ha affermato che il consiglio ha bisogno di una visione adeguata e di una notifica tempestiva dei principali cambiamenti nelle attività delle società. Rileva inoltre che mancano ancora molte informazioni che dovrebbero essere fornite in modo rapido e trasparente. La chiusura di una delle cucine di Curaleaf, lo shock dell'azienda con la sindacalizzazione e la sua mancanza di trasparenza con lo stato sono stati citati da Curaleaf come ragioni del rifiuto.

Il commissario Krista Nash ha osservato che la legge sulla legalizzazione dello stato include l'obbligo per le aziende di cannabis di mantenere un accordo di pace sul lavoro. Questo accordo è una condizione per la licenza e richiede la contrattazione collettiva entro 200 giorni dalla prima apertura di un dispensario se la maggioranza dei dipendenti vota per formare un sindacato. Nash ha sottolineato che si trattava di un mandato esplicito e non di una sfida alle aziende per trovare una scappatoia nella legge.

Sebbene le ragioni alla base della decisione non siano ancora chiare, il requisito dell'accordo di pace sul lavoro è un mandato esplicito che le aziende devono rispettare e Curaleaf ha avuto problemi in altri stati a causa di disaccordi con i sindacati. La negazione del rinnovo della licenza di Curaleaf è stata uno shock per molti nel settore e ha costretto l'azienda a cercare un'azione legale. La decisione solleva anche interrogativi sul futuro dell'industria della cannabis nel New Jersey e sui suoi regolamenti.

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Canapa3 ore fa

Portogallo: uno studio rivela disparità allarmanti nell'etichettatura del CBD, che rimane vietato nel paese

Un recente studio sui prodotti CBD in Portogallo rivela allarmanti disparità tra il contenuto di cannabinoidi pubblicizzato e...

Internazionale4 ore fa

Spagna: il Comune di Barcellona chiude dozzine di cannabis club

Il Comune di Barcellona ha avviato una forte repressione nei confronti dei cannabis club della città, ordinando...

Internazionalegiorni fa 2

La Germania approva il primo cannabis social club dopo la legalizzazione

Il ministro dell'Agricoltura della Bassa Sassonia, Miriam Staudte, ha annunciato lunedì che il suo ufficio ha autorizzato il primo club...

Canapagiorni fa 4

La Thailandia sempre più vicina a riclassificare cannabis e canapa come sostanze controllate

La Tailandia ha compiuto un altro passo decisivo verso la ri-vietazione della cannabis nel paese. Venerdì scorso,...

Internazionalesettimane fa 1

L’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) diventa l’Agenzia dell’Unione europea per le droghe (EUDA)

Il 2 luglio 2024 l’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) diventerà l’Agenzia...

Eventisettimane fa 2

L’ICRS – International Cannabinoid Research Society riunisce medici e ricercatori a Salamanca per il 34° Simposio sui Cannabinoidi

Se pensi che la ricerca sulla cannabis sia qualcosa di recente e che non ci siano ancora abbastanza studi… ripensaci! E...

cronacasettimane fa 2

Terroir 101 – Un'introduzione

Questo articolo inizia una serie di argomenti necessari per coloro che credono che questa pianta meriti di essere venerata ed elevata...

Eventisettimane fa 3

La direttrice di CannaReporter®, Laura Ramos, nominata “Giornalista dell'anno” ai Business of Cannabis Awards

L'industria della cannabis si sta per riunire a Londra per due giorni di Cannabis Europe e una notte di...

comunicati stampasettimane fa 3

Cannabis Europe accoglie i leader europei e nordamericani a Londra per trarre vantaggio dal mercato europeo della cannabis

L’industria della cannabis nordamericana sta creando un movimento significativo attraverso l’Atlantico in quanto leader di questo...

Internazionalesettimane fa 4

La polizia tedesca chiarisce di non aver suggerito il consumo di cannabis (al posto dell'alcol) ai tifosi inglesi a Euro 2024

La polizia di Gelsenkirchen, in Germania, è stata citata in un notiziario secondo cui l'attenzione sarebbe stata più focalizzata sui tifosi...