Seguici sui social

Canapa

USA: Hemp Building Institute promuove alloggi a prezzi accessibili con materiali naturali

Pubblicato il

em

L'Hemp Building Institute (HBI) ha recentemente annunciato un nuovo progetto volto a incorporare materiali da costruzione naturali e pratiche sostenibili in alloggi a prezzi accessibili. Questa decisione strategica, presa dal consiglio di amministrazione di HBI, riconosce l'urgente necessità di metodi e materiali di costruzione più ecologici ed efficienti nel settore dell'edilizia abitativa.

L'istituto ha affermato in una dichiarazione che la sua missione è in linea con la crescente enfasi delle agenzie federali sulle pratiche di costruzione sostenibile e sui loro potenziali benefici sia per i proprietari di case che per il pianeta.

HBI si impegna a ricercare e promuovere l'uso di materiali da costruzione naturali e pratiche sostenibili. Attraverso un'ampia ricerca e l'educazione del pubblico in generale sui vantaggi di queste tecniche innovative, l'istituto mira a sviluppare concetti di alloggi a prezzi accessibili che sfruttino efficacemente queste tecnologie.

$ 4.000 miliardi per l'innovazione abitativa
Con il sostegno dell'Environmental Protection Agency, il Dipartimento degli alloggi e dello sviluppo urbano degli Stati Uniti ha impegnato 4.000 miliardi di dollari per l'innovazione nella creazione di alloggi a prezzi accessibili, più sani e più sostenibili. Inoltre, il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti è alla ricerca di nuovi mercati per le colture agricole, tra cui la canapa. Di conseguenza, lo sviluppo di materiali da costruzione naturali e pratiche edilizie sostenibili in alloggi a prezzi accessibili andrà a vantaggio non solo di queste agenzie federali, ma anche di varie iniziative del governo statale e locale.

Jacob Waddell, presidente di HBI, ha dichiarato: “HBI sta lavorando instancabilmente per avere un impatto significativo sull'ambiente edilizio in modi che avvantaggino sia i proprietari di case che il pianeta. Riteniamo che l'edilizia abitativa a prezzi accessibili sia un'area che richiede un'attenzione urgente e che può trarre grandi vantaggi dall'uso di materiali da costruzione naturali e pratiche di costruzione sostenibili". Waddell ha inoltre spiegato che "per questi motivi, siamo orgogliosi di annunciare questo riadattamento alla nostra missione".

Per adempiere al proprio impegno, HBI sta ultimando l'appendice per la costruzione di malte di canapa e calce (mattoni di canapa) all'International Residential Building Code (IRC). In collaborazione con un gruppo di consulenti ed esperti del settore, l'istituto sta lavorando diligentemente per completare il lavoro sul documento e la sua presentazione rappresenta una pietra miliare significativa nel progresso dell'uso della canapa come materiale da costruzione sostenibile.

Per ulteriori informazioni sulla presentazione dei commenti IRC da parte di HBI è possibile visitare il pagina del progetto e il video ufficiale.

Inoltre, le parti interessate possono sostenere la missione e il progetto di HBI attraverso il loro pagina di raccolta fondi.

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

Sono uno dei direttori di CannaReporter, che ho fondato insieme a Laura Ramos. Vengo dall'isola unica di Madeira, dove attualmente risiedo. Mentre ero a Lisbona alla FCUL studiando Ingegneria Fisica, sono stato coinvolto nella scena nazionale della canapa e della cannabis, avendo partecipato a diverse associazioni, alcune delle quali sono ancora membro. Seguo l'industria globale e in particolare i progressi legislativi relativi ai diversi usi della cannabis.

Sono contattabile via email all'indirizzo joao.costa@cannareporter.eu

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionalegiorni fa 2

Thailandia: Gli attivisti sospendono lo sciopero della fame per preparare nuove forme di protesta: “Siamo fiduciosi che la cannabis non verrà riclassificata come narcotico”

Il gruppo di attivisti tailandesi che si autodefinisce “Writing Thailand's Cannabis Future Network”, guidato da Kitty Chopaka, ha annunciato oggi...

Internazionalegiorni fa 3

Germania: i medici di 16 specialità possono ora prescrivere cannabis senza l'approvazione dell'assicurazione

Il Comitato federale misto tedesco (Gemeinsamer Bundesausschuss, o G-BA) questa settimana ha annunciato eccezioni ai requisiti di approvazione per...

Nazionalegiorni fa 4

Infarmed approva due nuovi ACM per preparati a base di cannabis

Infarmed – Autorità Nazionale dei Medicinali e dei Prodotti Sanitari, IP ha approvato due nuove ACM (Placement Authorization on...

Canapagiorni fa 4

Leonardo Sousa: “È letteralmente l’autosufficienza di un Paese che è qui indietro, quasi a tutti i livelli”

A 31 anni, Leonardo Rodrigues Sousa si è distinto come uno degli imprenditori più giovani nel settore della canapa industriale...

intervistegiorni fa 5

Adonis Georgiadis: “L’unica discussione riguarda l’uso farmaceutico. In Grecia non c’è effetto domino”

Abbiamo incontrato Adonis Georgiadis, Ministro della Salute della Grecia, a Londra, alla Cannabis Europe, una delle più antiche conferenze sulla cannabis...

Canapagiorni fa 5

CBD... Quali sono le domande frequenti? — Tutto quello che devi sapere sul cannabidiolo

È presente in migliaia di prodotti. Viene presentato come la nuova panacea per quasi tutti i disturbi e anche se sembra che...

Canapagiorni fa 7

Italia: accantonato l’emendamento che voleva vietare la cannabis light

La modifica che il governo di Giorgia Meloni ha voluto apportare alla legge sulla cannabis in Italia e che intendeva vietare...

Canapagiorni fa 7

La confusione sulla canapa in Portogallo: ASAE sequestra il CBD a Kings Yard, ma lascia i fiori perché sono per la “raccolta”

L'Autorità per la sicurezza alimentare ed economica (ASAE) ha sequestrato circa 845 prodotti in un negozio di Kings Yard, che "presentati nel suo...

Canapasettimane fa 1

Portogallo: uno studio rivela disparità allarmanti nell'etichettatura del CBD, che rimane vietato nel paese

Un recente studio sui prodotti CBD in Portogallo rivela allarmanti disparità tra il contenuto di cannabinoidi pubblicizzato e...

Internazionalesettimane fa 1

Spagna: il Comune di Barcellona chiude dozzine di cannabis club

Il Comune di Barcellona ha avviato una forte repressione nei confronti dei cannabis club della città, ordinando...