Seguici sui social

interviste

Carl L. Hart: “La cannabis è una sostanza che molti adulti usano per rilassarsi e da adulti abbiamo il diritto di essere autonomi e avere libertà di scelta”

Pubblicato il

em

Carl L. Hart - Foto: DR | Eileen Barasco

Psicologa, neuroscienziata e insegnante del Dipartimento di Psicologia in Psichiatria a Università di Columbia, a New York (USA), Carl L. Hart è conosciuto in tutto il mondo per le sue posizioni non convenzionali in relazione alle droghe e alla correlazione tra uso di sostanze e psicosi. Con recensioni critiche, articoli scientifici e libri pubblicati nel campo della neuropsicofarmacologia, Hart difende il diritto dell'essere umano a consumare droghe ricreative, dato che la libertà individuale è un diritto fondamentale che va tutelato.

Abbiamo parlato con Carl L. Hart durante la conferenza PTMC – Portogallo Cannabis medica, a Lisbona, e al Cannabis Europa, a Londra, nel giugno 2022. La lunga conversazione ha affrontato la sua vasta esperienza personale con le sostanze e il suo ultimo libro pubblicato, “Drug Use for Grown-Ups: Chasing Liberty in the Land of Fear ”, in che Hart si presenta come "un professionista responsabile a cui capita di usare droghe nella sua ricerca della felicità".

Questa intervista di Margarita Cardoso de Meneses e Laura Ramos è stata originariamente pubblicata nel numero 7 di Rivista Cannadouro.

Da dove nasce il tuo interesse per il rapporto tra droga e psicosi?
Dai 17 ai 21 anni, tra il 1984 e il 1988, sono stato nell'esercito, ea quel tempo, negli Stati Uniti, il grosso problema era la dipendenza da crack (pasta di cocaina). A quel tempo, ho iniziato a studiare psicologia, interessandomi al cervello, e ho pensato che se avessi imparato qualcosa sul cervello e sulle droghe, avrei potuto aiutare le persone della mia comunità che erano dipendenti dal crack. Ho iniziato studiando l'effetto delle droghe sul cervello e poi sono andato a fare un dottorato di ricerca per studiare meglio l'argomento. È così che è iniziato il mio interesse. 

C'è molta letteratura sull'uso di droghe in campo militare e in contesti di guerra. Sei stato mandato in missione?
Negli anni in cui ero nell'esercito, la situazione era relativamente stabile e non ho partecipato a nessuna guerra. Ma ci sono moltissimi studi sul rapporto tra uso di droghe e stress sul campo di battaglia; molti studi militari statunitensi in Vietnam con soldati che hanno fatto uso di eroina durante la guerra, ma quando sono tornati hanno smesso di usarla... Le conclusioni vanno nella direzione che, in determinate circostanze, sotto stress, si può usare quella sostanza e smettere di usarla da usare quando le cose cambiano, cosa che già sappiamo in Farmacologia.

Carl L. Hart era a Lisbona, nel giugno 2022, invitato da PTMC – Portugal Medical Cannabis. Foto: Renato Velasco | PTMC

Per quanto riguarda l'eroina in particolare, dici che il tuo consumo di oppioidi ti rende una persona migliore...
Sì, l'hai letto (ride). Bene bene. Bene, possiamo pensare a qualsiasi uso di droghe da parte di chiunque, che si tratti di cannabis, MDMA, qualunque cosa. Quando lo consumiamo ci sentiamo più felici e rilassati, libera l'ansia e se mi sento meglio sarò più propenso a trattare meglio gli altri. È in questo senso che intendo, non che l'eroina abbia poteri magici per migliorare le persone. Queste droghe ci aiutano ad essere più magnanimi, più comprensivi, più generosi e ci aiutano a vedere più chiaramente l'umanità negli altri. 

E per quanto riguarda la dipendenza, perché è una cosa che accade davvero, è vero che certe droghe creano più dipendenza di altre?
Sì… ma pensiamo alla dipendenza da alcol. L'alcol è probabilmente la più pericolosa di tutte le droghe. Quando smetti di bere bruscamente o hai i postumi di una sbornia, puoi morire. Nessuna delle altre droghe ha questo effetto, né l'eroina porterà mai a una situazione di morte. Nessuno fa domande sulla dipendenza quando beve alcol, quindi perché fare questa domanda con l'eroina? Perché è illegale e le persone devono superare molte barriere per ottenerlo, il che rende ancora più forte l'impegno nei suoi confronti. E poi, la qualità può variare molto e ciò significa che le persone possono decidere di iniettarsi subito, perché poi la qualità non ha molta importanza. Cioè, tutto questo ha più a che fare con il fatto che la droga è illegale che con la droga stessa. 

Quindi la dipendenza non è un problema...
Per me, una persona che usa eroina e oppioidi non è davvero un problema. Ho molte responsabilità e sono troppo vanitosa per ficcarmi aghi nelle vene, in più ho una paura terribile degli aghi… La gente me lo chiede perché di solito vediamo persone che fanno uso di eroina e che vivono ai margini della società. Le persone come me non ammetteranno mai di usare l'eroina a causa dello stigma, ma ci sono più persone che la usano di quanto sembri - e non sono tossicodipendenti! Chi si è operato ha già assunto oppioidi e quando fai qualcosa per la prima volta dovresti sempre farla in piccole quantità, con qualcuno che conosci. Ma nessuno dovrebbe iniettarsi droghe. Se vuoi sentire l'effetto dell'eroina, la cosa migliore è fumarla. È molto più semplice e l'effetto svanisce rapidamente. E se è di buona qualità, puoi inalarlo.

Cioè, coloro che usano l'eroina possono funzionare perfettamente nella società. Se le droghe fossero legali e controllate, le persone non tenderebbero ad adottare comportamenti rischiosi come l'uso di aghi?
La società funziona già con le persone che fanno uso di eroina. Questo succede già, ma facciamo finta che non accada. Consumo da diversi anni e mi prendo cura della mia famiglia, scrivo libri e articoli e faccio scienza. In Svizzera ci sono cliniche in cui le persone ricevono eroina come parte del trattamento. Parliamo di centinaia, forse migliaia di persone che assumevano eroina ogni giorno – e non parliamo di piccole dosi – ne assumevano un grammo, mille milligrammi al giorno. E non ci sono overdose, né hanno problemi, perché non c'è adulterazione della sostanza o variazioni di qualità, né devono pensare a dove fare il loro prossimo colpo.

Os rivenditori a volte incoraggiano anche le persone a consumare altre sostanze, come è successo con il Fentanyl…
Forse è così, ma preferisco non incolpare il rivenditori. Il loro interesse è che stiano bene e paghino. Ma a volte il rivenditori Gli agenti di "basso livello" inoltre non sanno se la sostanza è adulterata e, in questi casi, può essere pericolosa, ovviamente. Se hai dell'eroina e risulta essere fentanil, può essere problematico perché è molto più potente e con la stessa quantità puoi prendere un overdose. Il nocciolo della questione qui è, ancora una volta: il controllo di qualità. Potremmo affrontare questo problema se ci impegnassimo come società, ma non credo che ai politici e agli operatori sanitari importi troppo. Diciamo che ci prendiamo cura delle persone che vivono ai margini della società, ma molti di noi vogliono sentirsi meglio dicendo che stiamo facendo servizio e non vediamo l'umanità in loro come vediamo la nostra. Se lo vedessimo, lotteremmo perché abbiano sostanze di qualità. Invece, diciamo: "Oh, ti sto proteggendo da te stesso", che è molto arrogante e condiscendente.  

“Diciamo che ci prendiamo cura delle persone che vivono ai margini della società, ma... non vediamo l'umanità in loro come vediamo la nostra. Se lo vedessimo, lotteremmo perché abbiano sostanze di qualità”.

Nel tuo caso personale, quanto spesso usi l'eroina?
Non lo so. Pensando alla pandemia, è stato molto difficile, non potevi procurarti l'eroina. Ma quando sono in Europa, più volte alla settimana se c'è una cosa veramente buona. 

E fumo?
No, inspiro.

E come controlli la qualità?
Sì, ci sono posti dove puoi andare [fai il controllo antidroga]. Ma la persona che mi rifornisce ha sempre qualità, quindi mi fido di lui. 

Cosa provi quando assumi eroina e perché senti il ​​bisogno di farne uso?
Non ne sento il bisogno (ride). È come chiedere "perché senti il ​​bisogno di bere alcolici?" 

Vuoi solo...
Bene, con la cannabis, per esempio, quello che mi piace è che mi aiuta ad essere presente, nel momento, quindi se ascolto musica, sento ogni strumento della canzone. Questo è ciò che è bello, la mia mente si sintonizza Quello che mi piace dell'eroina è un po' simile: mi aiuta a essere presente, ma riesco a pensare all'umanità delle persone e se ho fatto qualcosa di sbagliato o ferito qualcuno durante la mia giornata. E ovviamente aiuta ad alleviare l'ansia - questo è ciò che fanno gli oppioidi - e provoca anche euforia, ma è più rilassante, come l'MDMA o l'anfetamina: sei energico, ma è un'euforia fresco, senza ansia. E io, che amo il mio mondo interiore, posso fare una revisione ed essere sicuro di non aver fatto del male a nessuno. Ecco cosa mi piace dell'eroina.

Quindi cosa succede se ti rendi conto di aver ferito qualcuno cosa fai dopo?
Ah, allora mi assicurerò di correggere il mio errore, di scusarmi o di trovare il rimedio migliore per qualsiasi cosa abbia fatto.

E con l'MDMA, qual è la tua esperienza?
L'MDMA è una droga che uso con mia moglie perché è la sua droga preferita. Ci dà l'opportunità di riconnetterci nella vita e in tutte le cose che accadono e ci permette di vivere insieme.

Usi altre droghe?
Sì, nel mio libro parlo di tutte le classi di droghe, dalla cocaina ad alcuni psichedelici, a NDP (nuove droghe psichedeliche), catinoni, intendo tutte queste droghe. Volevo sapere com'erano, così le ho prese.  

Ma consumi regolarmente più cannabis, eroina...?
No, penso regolarmente di usare più anfetamine, perché lavoro e non faccio altro: scrivo e lavoro, 12 ore al giorno, quindi prendo anfetamine per scrivere. 

Carl Hart a Cannabis Europe, Londra, 2022. Foto: Laura Ramos | cannareporter

Come fai a non diventare dipendente da nessuna di queste sostanze?
Quindi, la definizione medica di dipendenza è quando il consumo altera il funzionamento psicosociale – cioè: lavoro, famiglia, tutto ciò che è importante per la persona –, e la persona non adempie agli obblighi e ne è disturbata. E mi chiedono se sono preoccupato per la dipendenza? Ovviamente! Conosco i miei figli, devo esserci per loro, prendermi cura di loro e questo viene prima di tutto. So che devo lavorare per prendermi cura di loro... quindi quelle cose vengono prima: la famiglia, il lavoro. E poi vengo io, i miei interessi. Perciò, Non mi preoccupo della dipendenza perché non è un'opzione per me.

Tornando alla cannabis, alla tavola rotonda a cui ha partecipato al PTMC, ha detto che gli viene sempre posta la stessa stupida domanda sul rapporto tra cannabis e psicosi. Qual è, allora, la domanda da un milione di dollari su questa correlazione?
Questo argomento è molto sconcertante, perché questa affermazione esiste da circa cento anni e non ha alcun fondamento scientifico, ma è perpetuata e ci sono persino scienziati credibili che affermano che questa relazione esiste, anche se i dati che abbiamo non lo confermano. È vero che con la cannabis puoi diventare paranoico, lo sappiamo. Sappiamo anche che alcune persone hanno problemi e ci sono correlazioni, cioè le persone che fanno uso di cannabis hanno un disturbo psicotico. Ma possono avere una storia familiare di psicosi, possono avere qualche predisposizione, e quindi alcuni di questi scienziati credibili sono portati a pensare che la cannabis causi psicosi e non ci sono prove per affermarlo. Quello che puoi dire alle persone è che se sono inesperte e usano cannabis in grandi quantità, possono diventare paranoiche, ansiose e così via. Ma la cosa migliore è mantenere la calma e alla fine la sostanza si allontanerà dal recettore e torneranno al loro stato normale. Se dici alla gente che la droga può farti impazzire, loro possono impazzire anche loro, anche senza cannabis! Il potere della mente è incredibile. Così, Sulla base delle prove, non credo che la cannabis causi psicosi. Ma so che la cannabis può scatenare ansia e paranoia e che questi sono stati temporanei.

Fondamentalmente, la cosa più importante è dare alle persone gli strumenti per affrontare questo stato alterato.
Si assolutamente. Penso che il mio prossimo libro sarà esattamente uno "come”. Ho cercato di starne alla larga nei miei libri precedenti perché non volevo che la gente dicesse che sto promuovendo l'uso di droghe, ma con questo libro ho imparato che non importa quello che scrivi perché la gente dirà sempre che tu stai promuovendo l'uso di droghe, quindi fottili 

Questa è la riduzione del danno, perché molte persone fanno uso di droghe, quindi se hai intenzione di farlo, faglielo sapere. Bisogna essere pragmatici, perché di fatto i consumi non si sono fermati e non si fermeranno.
Sì, in effetti sono rimasto molto deluso nel vedere, qui in Europa, quante persone sono ancora nascoste riguardo al consumo di droga. Pensavo che negli Stati Uniti fossimo i più ipocriti, ma non lo siamo. L'Europa è stata una delusione. In Scandinavia e in quei paesi del nord non vogliono nemmeno pubblicare il mio libro per questo portieri. Anche le tue domande sull'eroina mostrano l'ignoranza che persiste su questo argomento. Vado in palestra, mi prendo cura di me stesso, lavoro e le persone sono sorprese... 

“C'è questa convinzione che quando si aumenta la potenza della cannabis, si aumentano le psicosi. Questo sembra logico, ma è molto sciocco. Pensiamo alla birra e alla vodka: non si bevono queste due cose allo stesso modo».

Qui in Portogallo, negli anni '80, la dipendenza da eroina era una vera e propria pandemia, e proprio questo problema ha portato alla depenalizzazione. L'eroina era una cosa nuova, che colse tutti di sorpresa, con terribili conseguenze per ogni famiglia. Questo è ciò che prevale nella mente delle persone.
Sì, penso in tutto il mondo. Ma penso che questo sia un fallimento della comunità medica. Non hanno aiutato le persone a capire perché le persone si stavano iniettando un farmaco. Se si iniettano, questo ci dice qualcosa sul problema. Significa che la qualità varia, che l'eroina è di bassa qualità e che ci sono problemi più grandi della sola droga.  

Tornando alla cannabis, Qual è allora il più grande mito in campo psichiatrico sul rapporto tra consumo e psicosi?
C'è questa convinzione che quando si aumenta la potenza della cannabis, si aumentano le psicosi. Questo sembra logico, ma è molto sciocco. Pensiamo alla birra e alla vodka: queste due cose non si bevono allo stesso modo. Lo stesso vale per la cannabis più potente: le persone non hanno bisogno di fumare così tanto, quindi può essere una buona cosa. L'idea che se aumentiamo la potenza avremo più psicosi contraddice la farmacologia e la medicina ha promosso questa assurdità. Pertanto, è molto importante insegnare alle persone alcune basi della farmacologia.  

“La psichiatria è la peggior forma di medicina. Sono degli idioti! Non vogliamo che abbiano il controllo. Gli psichiatri sono poliziotti con stetoscopi”.

La dose conta allora?
Sì, la dose conta. Questo è esattamente ciò che conta.

Foto: Renato Velasco | PTMC

E gli adolescenti hanno maggiori probabilità di soffrire di crolli psicotici se consumano cannabis con maggiore potenza rispetto agli adulti, i cui cervelli sono già formati?
Questa è un'altra conclusione fuorviante. Quando parliamo del cervello dell'adolescente, stiamo parlando della corteccia prefrontale, che è importante per la pianificazione e i processi cognitivi complessi. Questa parte si sviluppa più tardi delle altre. Quindi, quello che dicono alcuni scienziati – e qui vedi come avere anche solo un po' di conoscenza può essere molto dannoso – è che fumare cannabis altera lo sviluppo della corteccia prefrontale, il che è una sciocchezza! Punto numero uno: lo sviluppo non avviene allo stesso modo per tutti. I miei figli, ad esempio, avevano più esperienza con la pianificazione e la cognizione complessa da bambini rispetto a molti adulti. Punto due: non solleviamo queste preoccupazioni quando diamo ai bambini antidepressivi e antipsicotici. Allora, di cosa stiamo parlando? Si dice solo con la cannabis? Non ha senso. Quando pensiamo all'interruzione dello sviluppo della corteccia prefrontale, dovrebbero essere dosi elevate e prima avremmo altri problemi. Quindi stai fuorviando le persone. Hanno una certa conoscenza e fingono di essere molto intelligenti, competenti e intelligenti, ma è molto stupido. Perché non sono preoccupati per gli effetti degli antidepressivi o dei farmaci da prescrizione per il disturbo da deficit di attenzione? Tutti influenzano il cervello. Ovviamente, se hai figli che fumano cannabis tutti i giorni e sono a scuola, non va bene. I genitori dovranno fare un lavoro migliore, perché non si tratta di cannabis, si tratta di genitori. Ma è sempre una questione di dose. Sempre la dose. 

Come hai educato i tuoi figli sulla droga? Gli hai insegnato come prendere le decisioni giuste?
In effetti, non abbiamo mai parlato molto di droga. Quando erano bambini davo droghe alle persone in laboratorio e loro venivano con me, somministravo cannabis o altre droghe e poi ci mettevamo dietro uno specchio e parlavamo di quello che stava succedendo. Ma non era un problema. L'argomento era come andavano d'accordo a scuola.  

Nella sua conferenza ha affermato che “la cannabis ha il potenziale per essere terapeutica, ma non dovrebbe essere così. Standard renderlo accessibile”. Quale dovrebbe essere lo standard?
Qual è il Standard rendere l'alcol accessibile? Possiamo dire, ad esempio, che l'alcol cura il cancro e quindi deve essere accessibile?… Certo che no! Le persone lo usano a scopo ricreativo e questo è il Standard. La gente lo vuole e quindi deve essere conveniente. Solo quello.

Ma questo è l'unico Standard cosa dovrebbe esserci? La gente lo vuole, quindi dovremmo renderlo accessibile?
Bene, prima di tutto, sappiamo che non è solo pericoloso, cioè non è come un farmaco chiamato MPTP, che uccide selettivamente le cellule della dopamina, e quando ciò accade una persona può sviluppare il morbo di Parkinson. Questo è pericoloso e lo sappiamo. La cannabis non è così. Perciò, sapendo che la cannabis di per sé non è pericolosa e le persone la cercano, perché non dovremmo renderla disponibile, assicurandoci che sia il più sicura possibile? Mettiamo a disposizione alimenti e alimenti trasformati assicurandoci che siano sicuri e genuini. La cannabis è una sostanza che molti adulti usano per rilassarsi e da adulti abbiamo il diritto di provare a controllare il nostro mondo interiore, il diritto di essere autonomi e di avere libertà di scelta. 

“Perché non sono preoccupati per gli effetti degli antidepressivi o dei farmaci da prescrizione per il disturbo da deficit di attenzione? Tutti influenzano il cervello.

Forse anche la televisione è più pericolosa della cannabis...
Certamente. Ma ci sono anche persone che imparano cose dalla televisione e anche questa dovrebbe essere disponibile. Non vogliamo essere paternalistici e dire "oh, l'alcol è così pericoloso...". Sì, può essere, ma la maggior parte delle persone gode della sostanza senza avere problemi; quindi non vogliamo fare leggi basate su una minoranza che sta avendo problemi e vietare la sostanza per tutta l'umanità. È sciocco. 

Come vede l'uso della cannabis in psichiatria in futuro? Pensi che, proprio come il microdosaggio di LSD viene ora utilizzato per trattare lo stress post-traumatico, anche la cannabis abbia un potenziale?
Non vogliamo vedere la cannabis nelle mani della psichiatria. Qualsiasi droga nelle mani degli psichiatri sarà un problema. La psichiatria è la peggiore forma di medicina. Sono degli idioti! Non vogliamo che abbiano il controllo. Gli psichiatri sono poliziotti con stetoscopi. Hanno un enorme complesso di inferiorità – non sono chirurghi, non sono un altro tipo di medico – e quindi sentono di dover controllare queste sostanze. Ma la tua educazione fa schifo, la farmacologia non è buona come dovrebbe essere…. È come dicono in francese, ragion d'essere: la sua ragion d'essere è salvarci da noi stessi: questa è la missione della psichiatria. Ma non abbiamo bisogno di essere salvati.

Due cose che risaltano sui trattamenti con microdosaggio di LSD, in particolare i soldati con PTS, è che tutti dicono di provare amore e di trovare la guarigione dentro di sé, non fuori. Quindi, questi trattamenti sono positivi o no?
SÌ. È molto interessante, ma penso che si possano ottenere questi risultati con un'ampia gamma di droghe, non solo con l'LSD o l'MDMA. Questo ci dice più sulla società che sulle droghe. Cosa chiediamo a questi soldati... dovevano uccidere e guardare le persone che venivano uccise, quindi devono essere davvero traumatizzati! Testiamo queste cose su un gruppo di partecipanti di cui la società si sente in colpa e di cui si preoccupa, perché aumenterà la probabilità che questi tipi di studi vengano accettati. Immagina di testare l'MDMA su un gruppo di neri americani, traumatizzati dalla merda che gli capita nella vita, e loro si sentono meglio e trovano la cura in se stessi... nessuno sarebbe interessato! È tutto un gioco. Stanno giocando con la vita delle persone. Studio le droghe da 30 anni ed è molto inquietante.

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

+ post
+ post
Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Eventi3 ore fa

Maren Krings, autrice di “H is for Hemp” presenta oggi a Lisbona il suo documentario sull'Ucraina

Maren Krings, fotoreporter di origine tedesca e autrice del libro “H is for Hemp” è oggi a Lisbona per presentare il suo...

Internazionalegiorni fa 2

USA: la pediatra Bonni Goldstein lancia una petizione contro il divieto dei medicinali naturali a base di CBD in California

La pediatra nordamericana Bonni Goldstein mette in guardia dal tentativo di vietare i medicinali derivati ​​dal CBD naturale...

Internazionalegiorni fa 2

In Europa sono quasi 23 milioni i consumatori di cannabis, la sostanza illecita più consumata

La cannabis continua ad essere di gran lunga la sostanza illecita più consumata in Europa. Sono queste le conclusioni del “Rapporto...

Eventigiorni fa 3

Mary Jane celebra per la prima volta in Germania la cultura della cannabis legale

È il prossimo fine settimana, dal 14 al 16 giugno, che avrà luogo la consueta Mary Jane, presso la Messe...

Eventisettimane fa 1

CB Club riunisce i professionisti della cannabis in attesa di Mary Jane, a Berlino

In attesa del CB Expo (Cannabis Business Expo and Conference), che si svolgerà a Dortmund, nel mese di settembre, la CB Company...

rapportosettimane fa 1

Sud Africa: la legalizzazione di un settore già fiorente

Nelle settimane precedenti le elezioni dell'Assemblea Generale in Sud Africa, mercoledì scorso, 29 maggio, si sono svolte...

intervistesettimane fa 1

Rui Reininho: “Penso che sia davvero strano che i miei colleghi della GNR mettano il naso nelle proprietà delle persone per vedere cosa fa questa pianta”

Rui Reininho, musicista portoghese divenuto famoso come cantante dei GNR, non ha bisogno di presentazioni. Contrariamente a quanto molti pensano, non ha trovato...

Notiziesettimane fa 2

Canada: uno studio dimostra che l'uso di cannabis riduce il consumo di metanfetamine

I poliassuntori, individui che consumano diverse sostanze, spesso si rivolgono alla cannabis come un modo per ridurre il loro consumo...

Eventisettimane fa 4

CannaTrade torna a Zurigo dal 24 al 26 maggio

CannaTrade – Fiera e Festival Internazionale della Canapa di Zurigo raggiunge la maggiore età nel 2024, celebrando la sua 18esima...

comunicati stampasettimane fa 4

Il Gruppo SOMAÍ e la sua controllata RPK Biopharma espandono la partnership con Cookies per includere l'Europa e il Regno Unito

LISBONA, PORTOGALLO, 16 maggio 2024 /EINPresswire.com/ — Il gruppo SOMAÍ (“SOMAÍ”) e la sua controllata, RPK Biopharma hanno ampliato...