Seguici sui social

Corporazioni

USA: Stanley Brothers cerca di riprendere il controllo della Web Holdings di Charlotte

Pubblicato il

em

Foto: DR

Gli Stanley Brothers stanno cercando di riprendere il controllo della società da loro fondata, "Charlotte's Web" Holdings Inc., dopo un notevole calo del valore dei loro investimenti. Attraverso un comunicato stampa, i fratelli hanno annunciato di aver formato un gruppo di azionisti che cercherà di revocare la nomina di quattro dei sei amministratori della società all'assemblea di domani, 15 giugno.

Jesse e Joel Stanley hanno rilasciato una media di comunicazione de Imprensa dove si definiscono “azionisti interessati” con la nomina di quattro dei sei consiglieri nominati dal consiglio di amministrazione della società. Questo evento è particolarmente rilevante perché Jesse e Joel Stanley sono co-fondatori di Charlotte's Web Holdings, Inc, e perché con loro Major League Baseball (MLB).

La società ha programmato un'assemblea generale annuale degli azionisti per domani, 15 giugno 2023, e in gioco c'è la direzione che la società ha preso da quando il suo capitale è diventato pubblico e il momento in cui i fratelli hanno lasciato la società. Tuttavia, visto il debole andamento del marchio, i fratelli intendono riprendere le redini dell'azienda, avendo chiesto al Consiglio di Amministrazione che quattro dei sei consiglieri nominati (John Held, Jacques Tortoroli, Thomas Lardieri e Alicia Morga) non siano guidati nel processo di ammissione ai direttori e rinunciando anche ai requisiti di preavviso della società per nominare Joel Stanley, Jesse Stanley, Lynn Kehler e Angela McElwee come candidati alla direzione per Charlotte's Web.

La tela di Charlotte: difficile transizione per un marchio in declino

Jesse e Joel non sono riusciti a ottenere una discussione di transizione senza intoppi con il consiglio di amministrazione, ma il loro silenzio ha significato che le preoccupazioni dovevano essere rese pubbliche. In un comunicato, annunciano che, insieme a un gruppo di azionisti ausiliari, che comprende l'American Baseball League (MBL), rappresentano il 24,66% delle azioni ordinarie della società, con diritto di voto nell'assemblea generale.

Joel Stanley, co-fondatore di Charlotte's Web, ha dichiarato: "Senza un'azione urgente oggi, il futuro di Charlotte's Web è a rischio". L'ex fondatore della società chiede addirittura al consiglio di amministrazione e agli amministratori della società "di mettere gli azionisti al primo posto e di fare la cosa giusta dimettendosi ed evitando di ritardare il cambiamento", concludendo che "gli azionisti hanno visto crollare il valore dei loro investimenti con il prezzo delle azioni a un prezzo del tutto -tempo basso.

Jesse Stanley, il co-fondatore dell'azienda, ha affermato che i ricavi in ​​calo non possono permettersi la spesa dell'azienda, incolpando l'attuale leadership per aver evitato di assumersi la responsabilità, facendo affidamento sul "declino generale del settore e sugli ostacoli normativi". Jesse conclude che "la verità è che le azioni di questo Consiglio hanno chiaramente contribuito alla distruzione del valore per gli azionisti".

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

Sono uno dei direttori di CannaReporter, che ho fondato insieme a Laura Ramos. Vengo dall'isola unica di Madeira, dove attualmente risiedo. Mentre ero a Lisbona alla FCUL studiando Ingegneria Fisica, sono stato coinvolto nella scena nazionale della canapa e della cannabis, avendo partecipato a diverse associazioni, alcune delle quali sono ancora membro. Seguo l'industria globale e in particolare i progressi legislativi relativi ai diversi usi della cannabis.

Sono contattabile via email all'indirizzo joao.costa@cannareporter.eu

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

comunicati stampaore 1 fa

Cannabis Europe accoglie i leader europei e nordamericani a Londra per trarre vantaggio dal mercato europeo della cannabis

L’industria della cannabis nordamericana sta creando un movimento significativo attraverso l’Atlantico in quanto leader di questo...

Internazionalegiorni fa 5

La polizia tedesca chiarisce di non aver suggerito il consumo di cannabis (al posto dell'alcol) ai tifosi inglesi a Euro 2024

La polizia di Gelsenkirchen, in Germania, è stata citata in un notiziario secondo cui l'attenzione sarebbe stata più focalizzata sui tifosi...

Eventigiorni fa 6

Le sostanze sintetiche minacciano l'enorme successo di Mary Jane Berlin

Ci si aspettava che questa edizione di Mary Jane Berlin sarebbe stata il più grande raduno di sempre della comunità della cannabis in...

Nazionalesettimane fa 1

L'ICAD promuove un'indagine europea sul consumo di droga in Portogallo

L'Istituto per le dipendenze e le dipendenze (ICAD) ha lanciato la quarta edizione dell'indagine web europea sulle droghe...

Eventisettimane fa 1

Maren Krings, autrice del libro “H is for Hemp”, presenta oggi a Lisbona un documentario sull'Ucraina

Maren Krings, fotoreporter e autrice del libro “H is for Hemp” è oggi a Lisbona per presentare il suo nuovo...

Internazionalesettimane fa 1

USA: la pediatra Bonni Goldstein lancia una petizione contro il divieto dei medicinali naturali a base di CBD in California

La pediatra nordamericana Bonni Goldstein mette in guardia dal tentativo di vietare i medicinali derivati ​​dal CBD naturale...

Internazionalesettimane fa 1

In Europa sono quasi 23 milioni i consumatori di cannabis, la sostanza illecita più consumata

La cannabis continua ad essere di gran lunga la sostanza illecita più consumata in Europa. Sono queste le conclusioni del “Rapporto...

Eventisettimane fa 2

Mary Jane celebra per la prima volta in Germania la cultura della cannabis legale

È il prossimo fine settimana, dal 14 al 16 giugno, che avrà luogo la consueta Mary Jane, presso la Messe...

Eventisettimane fa 2

CB Club riunisce i professionisti della cannabis in attesa di Mary Jane, a Berlino

In attesa del CB Expo (Cannabis Business Expo and Conference), che si svolgerà a Dortmund, nel mese di settembre, la CB Company...

rapportosettimane fa 2

Sud Africa: la legalizzazione di un settore già fiorente

Nelle settimane precedenti le elezioni dell'Assemblea Generale in Sud Africa, mercoledì scorso, 29 maggio, si sono svolte...