Seguici sui social

Internazionale

Canada: 5 anni dopo la legalizzazione, uno studio rivela un “modesto aumento” del consumo di cannabis

Pubblicato il

em

Um studiare uno studio longitudinale effettuato da ricercatori delle università di McMaster (Canada), Waterloo (Canada) e Memphis (USA) e pubblicato a fine settembre, ha rivelato che le previsioni apocalittiche dei politici più conservatori non si sono avverate: l’uso di la cannabis tra i giovani non è aumentata vertiginosamente, così come non è aumentato il consumo problematico tra la fascia di età che ha una maggiore prevalenza di consumo, e il consumo tra i consumatori più anziani è addirittura diminuito.

Nel 2018, il Canada ha regolamentato la cannabis per uso adulto. Un decennio è il periodo più o meno consigliato per poter valutare l’impatto di un cambiamento di paradigma di queste dimensioni. Ma cinque anni dopo la legalizzazione è ora possibile trarre alcune conclusioni.

In un gruppo di studio di 619 “giovani adulti ad alto rischio” residenti in Ontario, la frequenza media del consumo di cannabis è diminuita rispetto a quella abituale prima della legalizzazione, così come le conseguenze associate a questo consumo; ma il modello di frequenza d'uso è cambiato in modo significativo.

“Coloro che hanno utilizzato cannabis frequentemente durante la pre-legalizzazione hanno mostrato una riduzione dell’uso coerente con l’invecchiamento dei consumatori; e coloro che non hanno utilizzato la cannabis prima della legalizzazione hanno mostrato un modesto aumento del consumo”, conclude lo studio. Pertanto il consumo medio è diminuito, ma tra i nuovi consumatori si è registrato un leggero aumento. Tuttavia, le conseguenze legate ai consumi non hanno seguito questo aumento.

Lo studio è durato tre anni consecutivi, valutando giovani di età compresa tra 19,5 e 23 anni (55,9% donne), la maggior parte dei quali aveva episodi regolari di consumo eccessivo di alcol, di cui il 65% aveva utilizzato cannabis nei 30 giorni precedenti l'inizio del periodo di assunzione. studio.

Questo studio conferma quanto già avvenuto un anno prima con il rilascio di a articolo pubblicato sulla rivista “Frontiers in Psychiatry”, nel 2022, preparato da diversi ricercatori del Centro per le dipendenze e la salute mentale e dei Dipartimenti di Psichiatria, Farmacologia e Tossicologia dell'Università di Toronto, sulla base di varie indagini effettuate da diverse organizzazioni in il paese dalla legalizzazione.

“Il Canada ha uno dei livelli più alti di consumo di cannabis tra gli adolescenti nel mondo; e la prevalenza del consumo tra i giovani canadesi è circa il doppio della prevalenza del consumo tra le altre popolazioni di età pari o superiore a 25 anni. Tuttavia, i dati degli anni precedenti la legalizzazione mostrano una tendenza al ribasso nel consumo di cannabis da parte degli adolescenti”, hanno riassunto gli autori.

Anche se alcuni dei sondaggi consultati hanno dato risultati contraddittori, alcuni indicando un calo dei consumi tra gli adolescenti e altri sostenendo che vi sia stato un aumento, la conclusione è che “statisticamente parlando” questo aumento è stato insignificante. O Sondaggio canadese sulla cannabis 2021, ad esempio, ha segnalato un aumento del consumo dal 36% al 44% tra il 2017 e il 2021 tra i giovani dai 16 ai 19 anni; e dal 44% al 52% tra il 2018 e il 2020, nella fascia di età dai 20 ai 24 anni. Un aumento medio del 7%, simile all’aumento registrato in tutte le fasce d’età tra il 2018 e il 2022 (dal 21,9% al 27,2%), che in realtà è abbastanza lontano dalle previsioni fatalistiche iniziali.

D'altra parte, nello stesso articolo si afferma che nel 2022, il 61% dei consumatori ha dichiarato di acquistare abitualmente la propria cannabis in esercizi legali e un ulteriore 8% nei negozi online legali. Non si fa menzione di quanti utenti ricorrono alla coltivazione, poiché è legale solo in alcuni distretti (fino a 4 piante per nucleo familiare) ma è sicuramente praticata in tutto il Paese.

La legalizzazione in Canada consente anche la vendita di cannabis ai giovani di 18 o 21 anni a seconda del distretto, che possono avere in loro possesso solo fino a 30 grammi di cannabis essiccata o l'equivalente in prodotto fresco.

Occorreranno ancora alcuni anni per valutare se la differenza nella qualità dei prodotti a base di cannabis sul mercato regolamentato avrà un impatto significativo sui possibili problemi associati all’uso a lungo termine di questa sostanza. Tornando al primo studio, la tendenza sembra essere verso una diminuzione, ma solo col tempo si saprà se, in termini di riduzione del danno, la legalizzazione sia davvero vantaggiosa – nonostante siano possibili piccoli aumenti dei consumi.

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Eventiore 1 fa

Si avvicinano le 4 e a Porto e Lisbona è festa

La data in cui celebrare la cultura della cannabis si avvicina! Questo sabato, 20 aprile, è il giorno in cui...

Internazionalegiorni fa 4

Paul Bergholts, presunto leader di Juicy Fields, detenuto nella Repubblica Dominicana

Paul Bergholts, il presunto leader dello schema piramidale Juicy Fields, è stato detenuto nella Repubblica Dominicana e sarà sottoposto a...

Salutesettimane fa 1

I cannabinoidi rivelano risultati promettenti nel trattamento del disturbo borderline di personalità

Un'indagine condotta da Khiron LifeSciences e coordinata da Guillermo Moreno Sanz suggerisce che i medicinali a base di...

Internazionalesettimane fa 1

Caso Juicy Fields: 9 detenuti da Europol ed Eurojustice. La truffa supera i 645 milioni di euro

Un'indagine congiunta condotta da diverse autorità europee, supportata da Europol ed Eurojust, è culminata nell'arresto di nove sospetti...

Internazionalesettimane fa 1

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche per rimanere sedati rispetto a...

Internazionalesettimane fa 2

Il futuro del CBD in Giappone: come le riforme legali plasmeranno il mercato

Alla fine dell'anno scorso, il Giappone ha fatto un grande passo avanti verso la riforma sulla cannabis dopo aver approvato...

Nazionalesettimane fa 2

Portogallo: GreenBe Pharma ottiene la certificazione EuGMP presso gli stabilimenti Elvas

GreenBe Pharma, un'azienda produttrice di cannabis terapeutica con sede a Elvas, Portogallo, ha ottenuto la certificazione EU-GMP sotto...

Nazionalesettimane fa 2

Álvaro Covões, di Everything is New, acquista le strutture Clever Leaves in Alentejo per 1.4 milioni di euro

Álvaro Covões, fondatore e amministratore delegato dell'agenzia di promozione dello spettacolo 'Everything is New', che organizza uno dei più grandi festival...

Eventisettimane fa 2

L'ICBC torna a Berlino il 16 e 17 aprile

È una delle conferenze B2B sulla cannabis più grandi e riconosciute in Europa e ritorna a Berlino nel...

Internazionalesettimane fa 3

La legalizzazione della cannabis in Germania vista attraverso gli occhi dell'hacker che ha creato una mappa essenziale

Un hacker di Coblenza, città nello stato della Renania-Palatinato, ha creato una mappa con i luoghi da cui, da...