Seguici sui social

Canapa

Blocchi di canapa: come due israeliani e due palestinesi hanno creato un'attività di successo in Portogallo

Pubblicato il

em

Si tratta di una storia che contraddice le notizie che ci giungono quotidianamente sullo scenario bellico attualmente in atto in Medio Oriente e che è importante qui ricordare. Due israeliani che vivono nel sud dell’Alentejo, in Portogallo, si sono uniti a due palestinesi per fondare un’innovativa attività di produzione di blocchi di canapa per l’edilizia sostenibile. Il loro obiettivo è incoraggiare l’economia locale con la minore impronta ecologica possibile e, ovviamente, con tanto amore. Da questo improbabile rapporto di amicizia israelo-palestinese, il Canapa, 

Elad Kaspin, 36 anni, e Omer Ben Zvi, 38 anni, entrambi israeliani, hanno acquistato un terreno nel sud dell'Alentejo circa 10 anni fa. Affascinati dalla pianta di canapa, volevano fondare una fabbrica per esplorare una delle sue innumerevoli applicazioni, l'edilizia naturale. È stato alla fine del 2020 che il loro sogno è diventato realtà, quando anche Khalid Mansour, 47 anni, e Azmi Afifi, 52 anni, entrambi palestinesi, sono venuti in Portogallo e hanno acquistato un terreno. Insieme investono il capitale necessario per avviare l'impresa e, con l'esperienza e l'intraprendenza dei quattro, inizia l'avventura che chiamano Cânhamor. “I quattro partner sono buoni amici e siamo molto felici di lavorare insieme in sinergia come palestinesi e israeliani”, dicono.

Nel 2021 siamo andati a trovare Cânhamor e abbiamo scoperto la storia che ha unito questi quattro imprenditori in Portogallo. Due interviste con Elad Kaspin, condotte rispettivamente nel 2021 e nel 2022, sono state originariamente pubblicate su Rivista Cannadouro e da allora Cânhamor non ha fatto altro che crescere: alcuni dati forniti di seguito potrebbero quindi non essere aggiornati al 100%, poiché la domanda di blocchi di canapa in Portogallo e in Europa è cresciuta, così come Cânhamor.

Pertanto, nel contesto attuale di una sfortunata guerra tra Israele e Palestina e in una società sempre più polarizzata, condividiamo nuovamente questa bellissima storia, affinché possa ispirare altre persone. Crediamo che, come esseri umani, la nostra missione sia la cooperazione tra tutti e la continua ricerca della pace. La capacità di fare la differenza è in ognuno di noi, per lasciare un mondo migliore alle generazioni future. Cânhamor lo sta già facendo, e con enorme successo.

Elad, cosa significa, secondo te, “Costruire con la natura invece di sfruttarla”?
L'intera filiera produttiva industriale, dall'inizio alla fine, sfrutta madre natura, estraendo con noncuranza risorse e producendo infiniti rifiuti. Abbiamo perso la connessione con il luogo da cui veniamo e quindi non teniamo conto del prezzo elevato che il nostro pianeta paga quando cerchiamo di fare soldi il più rapidamente possibile. A Canhamôr pensiamo al pianeta che lasceremo per i nostri figli e i loro figli. In altre parole, pensiamo a cosa possiamo fare oggi affinché la natura sia inclusa nel processo e ne tragga beneficio, invece di essere trattata come una risorsa infinita e un deposito di rifiuti tossici e gas. Ecco perché abbiamo scelto di lavorare il più localmente possibile e con l'impianto di canapa, che ha un'impronta di carbonio negativa, per creare un prodotto davvero senza sprechi.

I blocchi Cânhamor non contengono alcun tipo di cemento o additivi indurenti innaturali.

Quali materiali e metodi utilizzate per produrre i blocchi?
Usiamo la parte interna del fusto della pianta di canapa. Normalmente, questa parte viene trattata come rifiuto e scartata. Prendiamo questo meraviglioso “rifiuto” e lo trasformiamo in qualcosa di utilizzabile, con proprietà incredibili. Mescoliamo con due tipi di calcare locale portoghese (la famosa calce), e un tipo speciale di argilla, per creare un materiale da costruzione molto forte, leggero, ignifugo con un altissimo livello di isolamento termico e acustico. Inoltre “respira” molto bene, eliminando eventuali problemi di umidità che si trovano comunemente nelle strutture esistenti.

La canapa che usi è prodotta in Portogallo?
Per ora, compriamo la nostra canapa in Francia perché la macchina necessaria per trasformare la pianta nella forma fine che utilizziamo nei blocchi non esiste ancora in Portogallo (o Spagna). Stiamo lavorando all'acquisto e all'assemblaggio di questa macchina nella nostra fabbrica, in modo da poter lavorare solo con canapa portoghese, supportare i produttori locali ed espandere l'intera industria della canapa in Portogallo.

Quali sono state le maggiori difficoltà nella realizzazione del tuo progetto?
A differenza di altre aziende che producono blocchi simili, non aggiungiamo alcun tipo di cemento o additivi indurenti innaturali. Ciò significa che il processo di essiccazione e stagionatura dei blocchi richiede naturalmente fino a 60 giorni, il che rappresenta un'enorme sfida logistica per lo stoccaggio, ma ci rifiutiamo di scendere a compromessi sulla qualità e sugli aspetti ecologici dei nostri blocchi. Un'altra sfida è che questo è un mercato molto nuovo in Portogallo e le persone sono ancora piuttosto riluttanti a cambiare i modi conservatori dei materiali e dei metodi di costruzione.

"È importante sottolineare che Cânhamor acquisterà e trasformerà solo canapa biologica"

I progetti nascono dalle idee e fatti dalle persone. Chi ha creato la canapa?
Siamo quattro persone che vivono in Alentejo e sognavano di creare un'impresa con questa pianta davvero straordinaria. Uno ha portato l'idea, un altro il finanziamento e il terzo l'iniziativa e l'azione. Oggi, le persone che fanno funzionare questa attività sono lavoratori altrettanto dedicati che producono ogni giorno blocchi di alta qualità.

Quali fattori hanno dettato la scelta del Portogallo e della parrocchia di Colos, nel comune di Odemira, per l'installazione della fabbrica?
Innanzitutto è la zona in cui viviamo e vogliamo integrare questa passione nella nostra vita, non solo come lavoro. In secondo luogo, è un'area molto vasta, migliaia di ettari di terreno inutilizzato e potrebbe essere l'ideale per coltivare canapa, aiutare a rigenerare il suolo e fornire affari a molti agricoltori locali.

Cânhamor intende raggiungere la scala industriale?
Sì, al momento siamo un impianto industriale di medie dimensioni con sette collaboratori. Insieme alle autorità locali, stiamo sviluppando un processo per costruire una fabbrica su larga scala (da blocchi di canapa) per ottenere una capacità produttiva molto più elevata e assumere molte più persone. Abbiamo intenzione di costruirlo già nel 2022. Quando sarà pronto e avremo le macchine per la lavorazione necessarie per lavorare con la canapa locale, saremo davvero un'industria a Rifiuti Zero, qui a Colos, in Alentejo. 

Il processo di essiccazione e stagionatura dei blocchi di canapa richiede in genere fino a 60 giorni

Qual è la destinazione principale dei tuoi blocchi di canapa? Il mercato locale, nazionale o export?
Intendiamo vendere i nostri blocchi principalmente nella penisola iberica, in modo da poter mantenere un'impronta di carbonio negativa e concentrarci su progetti il ​​più vicini e locali possibile.

Che dire delle dimensioni della fabbrica, quanti dipendenti impiegano e qual è la capacità produttiva mensile? Quanto sarà grande dopo l'espansione nelle nuove strutture?
Al momento [ottobre 2022] abbiamo una fabbrica abbastanza piccola, che impiega 6 addetti alla produzione più 3-4 addetti all'ufficio, al marketing, alla gestione, ecc. Produciamo dai 4.000 ai 9.000 blocchi al mese (a seconda delle dimensioni del blocco), sufficienti per realizzare da due a tre case al mese, a seconda delle dimensioni della casa. Nel nuovo stabilimento saremo in grado di produrre 120.000 blocchi al mese, sufficienti per costruire più di 60 case al mese.

Oltre alla costruzione del nuovo stabilimento, Cânhamor acquisterà un decorticatore, per poter acquistare la produzione di canapa direttamente dagli agricoltori locali. Cosa potete dirci circa la capacità di questa nuova macchina?
Ciò che vogliamo è offrire una soluzione completa, che soddisfi il nostro slogan “dal seme al blocco”, rendendo l’intera filiera locale e sostenibile. Abbiamo già acquistato la decorticatrice, che verrà installata nell'estate 2023, per lavorare il raccolto di canapa del prossimo anno. Stiamo ora riunendo tutti gli agricoltori possibili per collaborare sotto l'egida di un'associazione di produttori, che faciliterà il processo di licenza per gli agricoltori, l'acquisto di sementi, nonché il noleggio e la condivisione di macchine utilizzate per la raccolta, la macerazione e il trasporto .
Cânhamor acquisterà tutta la produzione locale coltivata dagli agricoltori della zona, che sarà trasformata con questa nuova decorticatrice industriale all'avanguardia, in grado di lavorare fino a 2 tonnellate di steli secchi all'ora. Il nostro obiettivo è raccogliere e lavorare 1.000 ettari di canapa all’anno nei prossimi tre anni. I nostri consulenti per la coltivazione della canapa supporteranno tutti gli agricoltori che desiderano iniziare a coltivare canapa o gli agricoltori esistenti che desiderano passare alla canapa come alternativa ad altre colture come mais o girasole.

“I quattro partner sono buoni amici e siamo molto felici di lavorare insieme in sinergia come palestinesi e israeliani”

Come pensate di connettervi direttamente con gli agricoltori, ordinerete la produzione o saranno gli agricoltori a portare la canapa nelle vostre strutture?
Come ho detto prima, seguiremo l'iter, dall'ottenimento della licenza, all'acquisto dei semi, alla preparazione del terreno, alla coltivazione e al raccolto. Intendiamo inoltre fornire i macchinari necessari e il trasporto all'agricoltore fino ai nostri impianti per la lavorazione. Emetteremo anche un contratto in cui promettiamo l'acquisto di tutta la produzione, il che da un lato aiuta a ottenere le licenze e garantisce il flusso all'agricoltore. Monitoreremo anche il processo di macerazione, fondamentale per garantire che la fibra e la paglia possano essere ottenute con la massima qualità. Stiamo collaborando con l'associazione dei produttori di canapa lusicanna, per garantire che gli agricoltori ricevano sostegno tecnico e finanziario. Non si sottolineerà mai abbastanza che questa coltivazione aiuterà a rigenerare e pulire il terreno, senza consumare erbicidi e pesticidi e utilizzando molta meno acqua rispetto ad altre colture convenzionali. Infine, è importante sottolineare che Cânhamor acquisterà e trasformerà esclusivamente canapa biologica.
______________________________________________________________________

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionalegiorni fa 2

Paul Bergholts, presunto leader di Juicy Fields, detenuto nella Repubblica Dominicana

Paul Bergholts, il presunto leader dello schema piramidale Juicy Fields, è stato detenuto nella Repubblica Dominicana e sarà sottoposto a...

Salutegiorni fa 5

I cannabinoidi rivelano risultati promettenti nel trattamento del disturbo borderline di personalità

Un'indagine condotta da Khiron LifeSciences e coordinata da Guillermo Moreno Sanz suggerisce che i medicinali a base di...

Internazionalegiorni fa 5

Caso Juicy Fields: 9 detenuti da Europol ed Eurojustice. La truffa supera i 645 milioni di euro

Un'indagine congiunta condotta da diverse autorità europee, supportata da Europol ed Eurojust, è culminata nell'arresto di nove sospetti...

Internazionalesettimane fa 1

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche per rimanere sedati rispetto a...

Internazionalesettimane fa 1

Il futuro del CBD in Giappone: come le riforme legali plasmeranno il mercato

Alla fine dell'anno scorso, il Giappone ha fatto un grande passo avanti verso la riforma sulla cannabis dopo aver approvato...

Nazionalesettimane fa 1

Portogallo: GreenBe Pharma ottiene la certificazione EuGMP presso gli stabilimenti Elvas

GreenBe Pharma, un'azienda produttrice di cannabis terapeutica con sede a Elvas, Portogallo, ha ottenuto la certificazione EU-GMP sotto...

Nazionalesettimane fa 2

Álvaro Covões, di Everything is New, acquista le strutture Clever Leaves in Alentejo per 1.4 milioni di euro

Álvaro Covões, fondatore e amministratore delegato dell'agenzia di promozione dello spettacolo 'Everything is New', che organizza uno dei più grandi festival...

Eventisettimane fa 2

L'ICBC torna a Berlino il 16 e 17 aprile

È una delle conferenze B2B sulla cannabis più grandi e riconosciute in Europa e ritorna a Berlino nel...

Internazionalesettimane fa 2

La legalizzazione della cannabis in Germania vista attraverso gli occhi dell'hacker che ha creato una mappa essenziale

Un hacker di Coblenza, città nello stato della Renania-Palatinato, ha creato una mappa con i luoghi da cui, da...

Nazionalesettimane fa 2

André Ventura afferma di voler "ripulire tutta la cannabis in Portogallo"

André Ventura, il noto leader del partito politico portoghese di estrema destra Chega, ha affermato di voler "ripulire tutta la cannabis da...