Seguici sui social

Internazionale

Repubblica Ceca: la proposta di regolamento esclude il circuito commerciale della cannabis. Le associazioni dicono che è “una proposta incompleta”

Pubblicato il

em

Foto: DR | Semi Sensi

Un gruppo di esperti per la regolamentazione del mercato della cannabis nella Repubblica Ceca essersi incontrati il 10 gennaio, per discutere la prima versione della proposta di legislazione per la legalizzazione della cannabis, l'incontro ha portato al pubblico una serie di cambiamenti significativi nell'approccio alla regolamentazione della cannabis nel paese. La proposta, presentata dal coordinatore nazionale delle politiche antidroga, Jindrich Vobořil, spazia dalla depenalizzazione del possesso per uso personale alla coltivazione collettiva nelle associazioni di canapa. Tuttavia, la regolamentazione di un circuito commerciale per la cannabis è stata, per ora, esclusa dalle proposte presentate. Le associazioni del Paese sostengono che l'assenza di una regolamentazione del mercato sia una soluzione incompleta.  

La prima versione del disegno di legge che mira a legalizzare la cannabis nella Repubblica Ceca sta facendo scalpore. Presentata durante l'incontro del gruppo di esperti scelto dal governo di Petr Fiala, la prima versione prevede alcune modifiche cruciali alla regolamentazione della cannabis. La versione, che le associazioni ceche considerano incompleta e che non piace anche al Partito dei Pirati, è stata presentata dal coordinatore nazionale della politica antidroga Jindrich Vobořil. Il disegno di legge prevede la depenalizzazione del possesso di piccole quantità di cannabis per uso personale, la coltivazione limitata per il consumo personale, la coltivazione collettiva nelle associazioni di cannabis (utilizzando l'autocoltivazione) e la manipolazione di sostanze che creano dipendenza come parte di progetti di indagine.

Jindrich Vobořil, Coordinatore Nazionale delle Politiche Antidroga della Repubblica Ceca

Con sorpresa di molti che seguono questo processo normativo, la proposta non prevede l’introduzione di un mercato regolamentato della cannabis, una misura inizialmente prevista e che ha generato malcontento nella coalizione. Il Partito dei Pirati ha addirittura descritto il progetto presentato come una semplice “versione di compromesso della proposta del governo” e ha espresso l'intenzione di continuare i negoziati per includere questa misura. Questo punto di contesa riflette le differenze di opinione all’interno della coalizione che forma il governo ceco e i diversi modi di affrontare la questione della cannabis. Il partito KDU-CSL (Democratico Cristiano) ha sistematicamente mostrato resistenza all’approvazione di questa riforma sulla cannabis nel paese. In un'intervista con Magazine Konopi, Jindrich Vobořil ha affermato che questa resistenza si estende anche alle ali più conservatrici.

Regolamento in Stand-by?

L’assenza di un mercato regolamentato nel progetto presentato dal governo, che prevedeva solo regole per l’autocoltivazione e il funzionamento dei cannabis club, è stata una ragione sufficiente per far emergere diverse voci con posizioni divergenti sull’argomento. Mentre Marek Výborný, ministro dell'Agricoltura, ha espresso preoccupazione per l'aumento degli utenti e dei costi associati ai programmi di trattamento e prevenzione delle dipendenze, Jindrich Vobořil, d'altro canto, ha sottolineato che una regolamentazione coerente può controllare efficacemente la produzione, la distribuzione e le vendite. Il Coordinatore nazionale delle politiche antidroga ha affermato che, oltre a fornire una prevenzione più efficace, un mercato regolamentato ha il potenziale per generare milioni di corone in tasse ogni anno. Il governo, a sua volta, ha sottolineato nel suo programma che la regolamentazione delle sostanze che creano dipendenza corrisponderà al grado della loro nocività. La dichiarazione programmatica del governo sottolinea ulteriormente l'attuazione di una politica basata su un “concetto scientificamente provato ed equilibrato di prevenzione del rischio e riduzione del danno”.

Le associazioni ritengono la proposta incompleta

Tre organizzazioni I cechi legati all'industria della cannabis (the Il cluster ceco della canapa CzecHemp, l'Associazione Safe Cannabis e l'associazione Legalizace.cz) hanno rilasciato una dichiarazione congiunta in cui concordano sulla necessità di una riforma delle leggi proibizioniste. Allo stesso tempo, le entità avvertono che l’assenza di un mercato regolamentato è solo una soluzione incompleta.

Secondo la dichiarazione, “consentire l’autocoltivazione e i cannabis club sono due passi molto importanti nella giusta direzione, ma non risolvono uno dei principali problemi derivanti dall’attuale approccio repressivo: gli enormi e sempre crescenti profitti dei produttori illegali e i commercianti, che rappresentano il rischio maggiore per i giovani e, quindi, per la società nel suo complesso”. Gli enti invitano i legislatori a continuare il lavoro di preparazione di un progetto che includa un mercato della cannabis regolamentato, basato sulle raccomandazioni degli esperti e sui risultati delle riunioni dei gruppi di lavoro specializzati.
____________________________________________________
[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero essere presenti errori di battitura o errori in altre lingue.]

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

+ post

Sono uno dei direttori di CannaReporter, che ho fondato insieme a Laura Ramos. Vengo dall'isola unica di Madeira, dove attualmente risiedo. Mentre ero a Lisbona alla FCUL studiando Ingegneria Fisica, sono stato coinvolto nella scena nazionale della canapa e della cannabis, avendo partecipato a diverse associazioni, alcune delle quali sono ancora membro. Seguo l'industria globale e in particolare i progressi legislativi relativi ai diversi usi della cannabis.

Sono contattabile via email all'indirizzo joao.costa@cannareporter.eu

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionale15 ore fa

USA: la pediatra Bonni Goldstein lancia una petizione contro il divieto dei medicinali naturali a base di CBD in California

La pediatra nordamericana Bonni Goldstein mette in guardia dal tentativo di vietare i medicinali derivati ​​dal CBD naturale...

Internazionale16 ore fa

In Europa sono quasi 23 milioni i consumatori di cannabis, la sostanza illecita più consumata

La cannabis continua ad essere di gran lunga la sostanza illecita più consumata in Europa. Sono queste le conclusioni del “Rapporto...

Eventigiorni fa 2

Mary Jane celebra per la prima volta in Germania la cultura della cannabis legale

È il prossimo fine settimana, dal 14 al 16 giugno, che avrà luogo la consueta Mary Jane, presso la Messe...

Eventigiorni fa 7

CB Club riunisce i professionisti della cannabis in attesa di Mary Jane, a Berlino

In attesa del CB Expo (Cannabis Business Expo and Conference), che si svolgerà a Dortmund, nel mese di settembre, la CB Company...

rapportosettimane fa 1

Sud Africa: la legalizzazione di un settore già fiorente

Nelle settimane precedenti le elezioni dell'Assemblea Generale in Sud Africa, mercoledì scorso, 29 maggio, si sono svolte...

intervistesettimane fa 1

Rui Reininho: “Penso che sia davvero strano che i miei colleghi della GNR mettano il naso nelle proprietà delle persone per vedere cosa fa questa pianta”

Rui Reininho, musicista portoghese divenuto famoso come cantante dei GNR, non ha bisogno di presentazioni. Contrariamente a quanto molti pensano, non ha trovato...

Notiziesettimane fa 2

Canada: uno studio dimostra che l'uso di cannabis riduce il consumo di metanfetamine

I poliassuntori, individui che consumano diverse sostanze, spesso si rivolgono alla cannabis come un modo per ridurre il loro consumo...

Eventisettimane fa 4

CannaTrade torna a Zurigo dal 24 al 26 maggio

CannaTrade – Fiera e Festival Internazionale della Canapa di Zurigo raggiunge la maggiore età nel 2024, celebrando la sua 18esima...

comunicati stampasettimane fa 4

Il Gruppo SOMAÍ e la sua controllata RPK Biopharma espandono la partnership con Cookies per includere l'Europa e il Regno Unito

LISBONA, PORTOGALLO, 16 maggio 2024 /EINPresswire.com/ — Il gruppo SOMAÍ (“SOMAÍ”) e la sua controllata, RPK Biopharma hanno ampliato...

Nazionalesettimane fa 4

Portogallo: il consumo stimato di CBD aumenta nonostante il divieto

Il rapporto “Cannabis in Portugal”, realizzato da Euromonitor International, ha diffuso i dati più recenti sull’industria della cannabis,...