Seguici sui social

Internazionale

Ucraina: Zelenskyj firma un disegno di legge per legalizzare la cannabis terapeutica

Pubblicato il

em

Ascolta questo articolo
Foto: DR

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha firmato un disegno di legge che legalizza la cannabis terapeutica in Ucraina, prevedendo che i pazienti abbiano accesso ai farmaci regolamentati già nel 2024. In quella che è stata descritta come una “enorme vittoria”, martedì scorso, 13 febbraio, Zelenskyj ha approvato una legislazione che consente la prescrizione di medicinali a base di cannabis per malattie tra cui dolore, cancro e disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

La legalizzazione della cannabis terapeutica in Ucraina è arrivata da molto tempo, con gli attivisti che hanno condotto una campagna sulla base del fatto che potrebbe aiutare milioni di veterani e pazienti in tutto il paese. Il Ministero della Salute ha stimato che fino a sei milioni di persone soffriranno non solo di disturbo da stress post-traumatico ma anche di altri problemi di salute mentale a causa dei traumi subiti durante i due anni di guerra con la Russia.

Il disegno di legge per legalizzare la cannabis medica è stato approvato in prima lettura alla Verkhovna Rada nel luglio 2023, con il presidente Zelenskyj e il ministro della Sanità Viktor Liashko che hanno espresso il loro sostegno alla disponibilità di questo trattamento per aiutare ad affrontare la crisi della salute mentale nel paese.

Tuttavia, la seconda lettura è stata rinviata dopo che un partito di opposizione ha presentato un gran numero di emendamenti, presumibilmente nel tentativo di “bloccare” l’avanzamento del disegno di legge. Il 16 gennaio la Verkhovna Rada ha respinto la risoluzione n. 7457-p dell'opposizione, il che significa che il processo potrebbe andare avanti.

Iyrna Rachynska dell'Associazione dei pazienti ucraini ha commentato: "Indubbiamente, l'adozione della legge sulla legalizzazione della cannabis terapeutica è una grande vittoria per l'intera comunità dei pazienti".

“I pazienti, il pubblico, i medici, il personale militare e gli attivisti hanno lottato per questa decisione per più di cinque anni. Organizziamo azioni, manifestazioni, conferenze, appelli scritti e cerchiamo di trasmettere alla società informazioni sulla sofferenza dei pazienti che sono costretti a vivere senza l’opportunità di ricevere cure di alta qualità e a prezzi accessibili”.

Nei prossimi sei mesi, i ministeri delineeranno una legislazione che consentirà l’importazione immediata di prodotti a base di cannabis in Ucraina, con i primi prodotti che dovrebbero essere sul mercato nel terzo o quarto trimestre del 2024.

Il progetto di legge consente anche la coltivazione di cannabis medicinale in Ucraina, ma ci vorranno alcuni anni per avviarla, con la fornitura interna prevista non prima del 2028.

“Nei prossimi sei mesi dopo la pubblicazione della legge, il Gabinetto dei Ministri dell’Ucraina e il Ministero della Sanità dovranno elaborare tutti gli statuti necessari. Ma i medicinali a base di cannabis in Ucraina potranno essere importati prima quando verranno apportate modifiche all'"Elenco degli stupefacenti, delle sostanze psicotrope e dei precursori", trasferendo la cannabis dalla tabella delle droghe proibite alla tabella delle droghe autorizzate alla circolazione sotto rigorose norme. controllo”, ha spiegato Rachynska

Hanna Hlushchenko, consulente europea indipendente sulla cannabis medicinale, che ha lavorato con l’Associazione ucraina della cannabis medicinale, ha aggiunto: “Oggi abbiamo la conferma al 100% che esiste la possibilità di un mercato della cannabis medicinale in Ucraina, quello che dovremmo fare ora è creare il mercato”.

“La mia opinione è che i prodotti saranno sul mercato entro la fine dell’anno. Può sembrare ottimistico, ma il processo si sta muovendo rapidamente. Esiste la volontà politica e ciò si spiega con il numero di pazienti, di guerre e di militari che hanno bisogno di accedere alla cannabis medicinale. Non solo per il disturbo da stress post-traumatico, ma per i veterani militari che soffrono di ferite e dolore cronico", ha affermato.

La Germania promette sostegno all’Ucraina
La settimana scorsa, Liashko ha incontrato il ministro della Sanità tedesco Karl Lauterbach al vertice sanitario tedesco-ucraino a Berlino, dove è stato concordato che la Germania avrebbe intensificato il suo sostegno all’Ucraina e fornito maggiore assistenza sanitaria.

Insieme alla vice ministra Maryna Slobodnichenko, ad altri rappresentanti del suo ministero e all'Associazione ucraina per la cannabis medicinale, Liashko ha anche visitato il più grande produttore di cannabis tedesco per saperne di più sulla produzione di medicinali a base di cannabis.

Sven-Roger von Schilling, amministratore delegato di Schurer Pharma & Kosmetik GmbH, parte della rete Grünhorn, ha commentato in un comunicato stampa: "Proviamo profonda simpatia per l'Ucraina e siamo d'accordo con la decisione di utilizzare la cannabis medicinale per superare le conseguenze della guerra .”

“A Grünhorn siamo già stati attivamente coinvolti nella fornitura di medicinali e forniture di emergenza all’Ucraina. Siamo quindi particolarmente orgogliosi che il ministro Liashko sia interessato alla nostra esperienza e riconosca Grünhorn come a giocatore importante nel settore della cannabis”, ha affermato.

Creare il mercato: promuovere l’educazione e la consapevolezza
Ma sebbene la legislazione dia il via libera alla creazione di un mercato della cannabis terapeutica in Ucraina, potrebbe passare del tempo prima che questi prodotti vengano regolarmente prescritti e trattati allo stesso modo di altri medicinali più convenzionali.

Hlushchenko spera che il modello sia simile a quelli adottati in altre parti d’Europa, come Portogallo e Germania. I medicinali a base di cannabis saranno disponibili solo se prescritti da un medico e distribuiti attraverso farmacie autorizzate, di cui si stima che siano solo circa 200 delle 18.000 farmacie in Ucraina.

Ci vorrà tempo anche per cambiare gli atteggiamenti di lunga data tra il pubblico in generale e gli operatori sanitari in un paese con una visione generalmente “conservatrice” sulla cannabis, afferma Hlushchenko, che sta lavorando con l’Associazione ucraina della cannabis medica per educare i consumatori. uso di cannabis terapeutica.

"Creare il mercato non significa solo aiutare le aziende internazionali che vogliono fornire prodotti all'Ucraina, ma anche educare i medici, educare i pazienti e diffondere la voce che la cannabis non è così dannosa come a volte sembra", ha spiegato.

“Succede in ogni Paese, quando il mercato si apre, i medici sono preoccupati, ma attraverso il collegamento con medici e aziende internazionali diventano più istruiti”.

Hlushchenko ha aggiunto: "Invito le aziende internazionali ad aiutare in questo senso, non solo nel modo in cui possono esportare prodotti in Ucraina, ma anche per aiutare i medici ucraini a capire come funziona", ha concluso.

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionalegiorni fa 3

Paul Bergholts, presunto leader di Juicy Fields, detenuto nella Repubblica Dominicana

Paul Bergholts, il presunto leader dello schema piramidale Juicy Fields, è stato detenuto nella Repubblica Dominicana e sarà sottoposto a...

Salutegiorni fa 6

I cannabinoidi rivelano risultati promettenti nel trattamento del disturbo borderline di personalità

Un'indagine condotta da Khiron LifeSciences e coordinata da Guillermo Moreno Sanz suggerisce che i medicinali a base di...

Internazionalegiorni fa 6

Caso Juicy Fields: 9 detenuti da Europol ed Eurojustice. La truffa supera i 645 milioni di euro

Un'indagine congiunta condotta da diverse autorità europee, supportata da Europol ed Eurojust, è culminata nell'arresto di nove sospetti...

Internazionalesettimane fa 1

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche per rimanere sedati rispetto a...

Internazionalesettimane fa 1

Il futuro del CBD in Giappone: come le riforme legali plasmeranno il mercato

Alla fine dell'anno scorso, il Giappone ha fatto un grande passo avanti verso la riforma sulla cannabis dopo aver approvato...

Nazionalesettimane fa 2

Portogallo: GreenBe Pharma ottiene la certificazione EuGMP presso gli stabilimenti Elvas

GreenBe Pharma, un'azienda produttrice di cannabis terapeutica con sede a Elvas, Portogallo, ha ottenuto la certificazione EU-GMP sotto...

Nazionalesettimane fa 2

Álvaro Covões, di Everything is New, acquista le strutture Clever Leaves in Alentejo per 1.4 milioni di euro

Álvaro Covões, fondatore e amministratore delegato dell'agenzia di promozione dello spettacolo 'Everything is New', che organizza uno dei più grandi festival...

Eventisettimane fa 2

L'ICBC torna a Berlino il 16 e 17 aprile

È una delle conferenze B2B sulla cannabis più grandi e riconosciute in Europa e ritorna a Berlino nel...

Internazionalesettimane fa 2

La legalizzazione della cannabis in Germania vista attraverso gli occhi dell'hacker che ha creato una mappa essenziale

Un hacker di Coblenza, città nello stato della Renania-Palatinato, ha creato una mappa con i luoghi da cui, da...

Nazionalesettimane fa 2

André Ventura afferma di voler "ripulire tutta la cannabis in Portogallo"

André Ventura, il noto leader del partito politico portoghese di estrema destra Chega, ha affermato di voler "ripulire tutta la cannabis da...