Seguici sui social

interviste

Mila Jansen spiega perché, a 80 anni, è considerata la regina dell'hashish: “Ho coltivato piante per tutta la vita”

Pubblicato il

em

Mila Jansen, alias La Regina dell'Hash. Foto: Lucas Ajuz | socialweed.co

Mila Jansen è nata a Liverpool nel 1944, ma è diventata cittadina del mondo fin da piccola. Ha provato la cannabis per la prima volta all'età di 20 anni e poiché non c'erano fiori, ha fumato hashish, che è quello che continua a fumare, all'età di 80 anni, per più di 50 anni e avventure, Mila creò tre macchine per separare i tricomi e non per niente divenne nota come “La Regina dell'Hash”.

Abbiamo parlato con Mila Jansen per scoprire come è successo tutto nella sua lunga vita dedicata al mondo della cannabis e come ha scoperto i diversi sistemi da lei creati per estrarre l'hashish: il Pollinator, l'Ice-o-lator e il Bubbleator.

Mila, hai 80 anni e sei conosciuta in tutto il mondo come la Regina dell'Hash, perché sei stata una pioniera di questa cultura. Puoi dirci qualcosa in più su di te?
Sono nato a Liverpool, quindi sono uno “Scouser”, come dicono gli inglesi, ma prima di compiere un anno mi sono trasferito con i miei genitori in Indonesia e poi in Olanda, quando avevo 11 anni. A 19 anni sono rimasta incinta e mio padre mi ha cacciata di casa. Sono finita in una casa per ragazze madri e, a quel tempo, volevano che i loro figli fossero dati in adozione. Avevo uno psichiatra e uno psicologo che dicevano che la mia vita era rovinata, che mia figlia non sarebbe mai stata felice, ma io ero molto determinata. Potevo fare di meglio, perché dall'altra parte della mia stanza c'era la stanza delle adozioni. Non potevi entrare lì dentro, ma io tenevo in braccio i bambini solo per accarezzarli. Ed erano come assi, non potevano reagire agli abbracci, erano come bambole rigide. Rimasi scioccato e pensai: “mia figlia non sarà mai così”. Quindi l'ho tenuto con me.

Naturalmente era istinto materno.
Sì. All'epoca ho aperto un boutique ad Amsterdam, il primo che vendeva minigonne, nel 1965. Erano molto popolari e avevo uno stilista fantastico, incredibilmente creativo. Avevamo dei bellissimi vestiti, ma lui decise che voleva lavorare nell'industria cinematografica italiana e se ne andò. Quello era anche il periodo di Timothy Leary, quindi ci siamo trasferiti in una casa da tè e abbiamo servito il tè (ride). Il denaro non era importante. Ho iniziato a fumare hashish e la casa da tè è diventata un luogo di incontro per i viaggiatori che portavano hashish. Molte persone pensano che sia stato il primo caffetteria, ma non è vero, perché non lo vendiamo mai. Abbiamo solo condiviso, non abbiamo mai venduto nulla. Ma anche così la polizia non ha gradito la cosa e ha cercato di creare problemi. Così ho finito per sbarazzarmi del negozio di tè e fare l'autostop con mia figlia in India. All'epoca aveva tre anni.

“In tutti i paesi in cui ho viaggiato – Iran, Turchia, Afghanistan, India, Nepal, Pakistan – la gente fumava solo hashish, non avevano fiori”

Wow, che esperienza! Hai ancora il bambino dentro di te?
Non lo so... Poi ho sentito che ovunque siamo insieme è dove è la nostra casa. Anche se è solo una piccola stanza da qualche parte. Dovunque sia, è casa, sì.

Dove trovano la pace...
Beh, viaggiamo ancora insieme. (risata)

La storia di Mila Jansen è raccontata in questo libro autobiografico, disponibile in diverse lingue

Che bello! E com'era tutto all'inizio?
A quel tempo ero in India per tre anni. Non avevamo molti soldi e abbiamo imparato che lì sono generosi, soprattutto i poveri. Hanno condiviso tutto ciò che avevano con noi, erano adorabili. Sono tornata in Olanda, ho incontrato un bravo ragazzo... beh, lo pensavo in quel momento... (ride) L'ho sposato, ho avuto un paio di figli... e l'ho portato in India, ma non l'ha fatto mi è piaciuto molto, e sette anni dopo abbiamo divorziato. Tornò in Olanda, trovò un'altra moglie e visse in Olanda per il resto della sua vita. Ad alcune persone non piace viaggiare... A quel tempo rimasi in India con quattro figli, fino al 1988, e all'improvviso dovetti trovare un lavoro per sfamarli. Eravamo una famiglia monoparentale. Ho iniziato a coltivare cannabis e, ovviamente, Ho visto che in tutti i paesi in cui ho viaggiato – Iran, Turchia, Afghanistan, India, Nepal, Pakistan – la gente fumava solo hashish, non avevano fiori da fumare. E avevo visto metodi diversi, come le persone producevano l'hashish. Così, quando sono tornato ad Amsterdam, ho iniziato a coltivare cannabis. Allora non era così intenso come lo è adesso, non hanno cercato di arrestarti e avevo quattro figli da mantenere, quindi dovevo fare qualcosa. Ho sempre assunto donne per creare cloni, aiutare con la manicure e tutto il resto. 

E cosa ti ha motivato a farlo?
Le donne. Credo che sia stata anche un po' per necessità, perché avevo bisogno del loro aiuto per poterlo fare. Non potevo fare tutto da sola e ho preferito lavorare con le donne.

Le donne possono essere molto efficienti, giusto?
Se avevo bisogno di persone che realizzassero cloni o si prendessero cura delle piante chiedevo loro: “Avete mai coltivato lattuga, tulipani o rose?” E loro hanno detto: “Sì, avevo un grande giardino”. Hanno ottenuto subito il lavoro, perché sapevano come guardare una pianta, sai? Se mi avessero detto: "No, non l'abbiamo mai fatto", allora non ero interessato, perché È necessario essere sensibili alle piante per poterle coltivare.

“Il mio unico studio è stato quello che ho visto in Afghanistan: se fanno così, i cristalli cadono… quindi stavo solo copiando”

Questo è vero. E sono triste, Mila, perché ho ucciso le mie piante!
La prossima volta, più fortuna! (ride) Le piante sono molto intense. Se hai delle piante è meglio fare quello che ti dicono, altrimenti perderai subito il 10% del raccolto. Sai, hanno gli incubi e ogni incubo che hanno...

Ma come si possono capire le piante?
Ho coltivato piante per tutta la vita. Quando ero bambino avevo il mio giardino, quindi ho sempre amato le piante. So quando una pianta è felice e ho imparato di cosa occuparmi, sai, durante la concimazione, a non esagerare, a dare la giusta quantità di acqua a questo tipo di piante. Alcune piante, come i cactus, non vengono annaffiate come qualsiasi altra pianta.

Mila ha avuto 4 figli e ha vissuto a lungo in India

Quindi, con questa pianta puoi creare il tuo hashish.
Esattamente. Perché ho imparato a farlo. Ho iniziato a fare hashish sullo schermo piatto e ci è voluta forse mezz'ora per ottenerne abbastanza per farmi una canna. Una notte, ero in piedi davanti all'asciugatrice, e i vestiti giravano e cadevano, e stavo guardando, guardando e guardando... Il giorno dopo, abbiamo tolto il fuoco dall'asciugatrice e abbiamo messo un schermo attorno... Penso che l'abbiamo legato solo la prima volta e abbiamo messo dentro del materiale asciutto, abbiamo preso un caffè e guarda: tutti i cristalli sono caduti! Era fantastico! Quella è stata la prima macchina e poi abbiamo iniziato a produrre la nostra [Pollinator], perché con quella coltivazione dell’erba, in qualche modo i giardini sono diventati sempre più grandi. All'improvviso mi sono ricordato che un grande giardino era stato individuato e distrutto, ma per fortuna non ero lì. Quindi è stato un bene, perché ho pensato: “Cosa succederà alla mia famiglia? Sono una madre single, se ho un problema, cosa succederà ai bambini?” Così ho deciso che non avrei più coltivato piante e mi è venuta l'idea di realizzare la macchina. Da allora produco macchine.

E sei diventato sempre più professionale?
Ho imparato lungo la strada.

"Quando ho visto l'asciugatrice, l'ho collegata alla produzione dell'hashish, ho combinato le due cose e ha funzionato!"

Con la tua esperienza?
No. Il mio unico studio è stato quello che ho visto in Afghanistan: se fanno così, i cristalli cadono, quindi stavo semplicemente copiando. Penso che, poiché sono una madre single e ho così tanti problemi da risolvere, ho iniziato a imparare a pensare un po' fuori dagli schemi. Poi, Quando ho visto l'asciugatrice, l'ho collegata alla produzione dell'hashish, ho unito le due cose e ha funzionato! E lo stesso con la lavatrice. Non penso che nessun uomo avrebbe pensato di usare la lavatrice per fare l'hashish, ma la lavatrice è stata inventata per pulire i calzini sporchi, e attraverso la sperimentazione ho imparato se l'acqua è abbastanza fredda... Per la lavatrice [Bubbleator ], i cristalli sono sporchi. Lei laverà tutti i cristalli dalle foglie e i cristalli finiranno nell'acqua, lo afferro, dico all'acqua di finire, guardo in alcuni sacchetti e ho tutti i cristalli. Bisogna asciugarli molto velocemente altrimenti la muffa rimane lì.

Con tutto questo, produci diversi tipi di hashish, giusto?
Con ogni pianta produrrai un diverso tipo di hashish. Ogni genetica è diversa, ma la differenza fondamentale tra le mie macchine è che l'impollinatore [Pollinator] è un setaccio secco. Non c'è nient'altro coinvolto. Mettilo nel tamburo, gira e i cristalli cadono. Qui nel Bubbleator, a causa dell'acqua e del ghiaccio, alcuni dei terpeni e dei cannabinoidi che si trovano all'esterno vengono lavati via. Quindi, se vuoi tanto sapore, usa Pollinator, perché tutti i terpeni e i cannabinoidi sono ancora lì. Nell'altra macchina, Bubbleator, vengono lavati. C'è un po' meno sapore, un po' meno odore, ma è molto più forte.  

“Ho capito nella mia vita che se riesci ad accontentarti di qualunque situazione ti trovi, avrai una vita felice e libera. stress"

Hai viaggiato molto, quindi hai sicuramente provato molti tipi di hashish, provenienti da molti processi e tradizioni diverse. Qual è stato il migliore che tu abbia mai provato?
L'hashish migliore? Ero nella valle di Kullu nell'Himalaya, ed ero seduto nel tempio con alcuni Sadhu, che sono uomini santi, con i capelli arruffati, che fumavano chillum. Ho chiesto loro di portarmi sulla montagna per mostrarmi dove si trovavano le migliori piante di hashish. Quindi saliamo quasi fino al limite degli alberi e questa è l'altitudine migliore per l'hashish. I raggi del sole, che non scendono quaggiù, ma arrivano solo lassù, rendono l'hashish molto forte e lì mi hanno mostrato una piccola valle, come un buco nel fianco della montagna. In inverno era pieno di neve perché è vicino al limite degli alberi, ma le piante che crescevano lì sopravvivevano ed erano coperte di neve. Sembravano strani bonsai, con i rami tutti storti, niente di ciò che siamo abituati a vedere. E i fiori non erano molto grandi, ma li abbiamo strofinati, li abbiamo messi dentro chillum e fumò subito. Quell'hashish è stato come un viaggio acido per me, i colori, i suoni, la coscienza. È stato come... come descriverlo... è stato incredibile. Penso che poi mi resi conto che se fumi subito l'hashish, c'è ancora THC, e penso che debba avere quell'effetto perché lo abbiamo letteralmente strofinato, messo nel chillum e abbiamo iniziato a fumare.

Una delle tre macchine per l'estrazione dell'hashish di Mila Jansen, il Bubbleator

Ha menzionato anche alcuni paesi che all'epoca erano molto conosciuti per il loro hashish, come l'Afghanistan. Com’è stata l’esperienza in un luogo così diverso dall’Europa?
Adoro soprattutto l'hashish afghano, soprattutto allora. Il problema è che producono hashish da migliaia di anni e coltivano le loro piante, scegliendo quelle che da migliaia di anni producono l'hashish migliore, quindi i loro fiori non sembrano così belli, perché lì nessuno fuma i fiori . Nessuno. È solo per fare l'hashish. E nel corso di migliaia di anni hanno costruito un'ottima genetica.

È la tua prima volta in Portogallo. Com'è stato il tuo tempo qui?
È stato meraviglioso. Mia figlia ed io non conoscevamo affatto Lisbona. Quindi il primo giorno che siamo stati qui, siamo scesi in riva al mare. Abbiamo scoperto due o tre ristoranti nautici, penso che appartengano alle barche a vela lì, e abbiamo trovato un tavolo fuori. Hanno ottimo cibo. Non volevamo un ristorante a cinque stelle, no, era cibo vero e quel giorno c'era una grande gara di vela. Il punto di svolta per le barche a vela era proprio di fronte al ristorante, quindi potevamo vedere tutte le barche fare le loro manovre e tutto il resto, il cibo era ottimo, il tempo era fantastico... È stata una prima serata perfetta. Ed essere qui è stato davvero bello. 

Mila fotografata da Maria Cavali per la rivista SKUNK, nel 2018

Allora tornerai presto?
Io tornerò sicuramente. Ho un programma molto completo, perché organizzo “DabaDoo”, il mio hashish party.

Se potessi dare un consiglio alle generazioni più giovani, quale sarebbe?
Vorrei dire solo una piccola cosa. Nella mia vita ho capito che se riesci ad accontentarti della situazione in cui ti trovi, avrai una vita felice e libera. stress. Se in qualsiasi situazione stai pensando “Non mi piace qui, questo non è giusto, quello è sbagliato, bla bla bla…”, non è la stessa vita. Dipende totalmente da come interpreti il ​​mondo intorno a te e anche questa è una cosa molto buddista. Il mondo è quello che vedi, come lo interpreti. Se ciò che vedi e interpreti è brutto, la tua vita sarà diversa.

“Bisogna essere sensibili alle piante, per poterle coltivare”

Vivi nel momento presente e sii presente, connesso con gli altri. Molte persone semplicemente non sono connesse. Forse è per questo che alcuni sono malati di mente.
Bene, ci sono alcune ragioni per questo. (ride) Uno dei motivi è che tutte le aziende produttrici di semi europee stavano eliminando il CBD e mantenendo solo il THC. Se cerchi in Asia o ovunque la cannabis tradizionale, contiene THC, ma ha anche una buona percentuale di CBD. Non ho mai visto un ragazzo di 16 anni lì con problemi alla testa, come qui, perché i giovani non fumano solo THC. È necessario che ci sia un equilibrio. Mia figlia è l'unica che fuma, gli altri tre figli no, ma due hanno un dottorato e svolgono un lavoro serio. (risata)

Conosco qualcuno con un dottorato in genetica che dice di essere diventato immune al THC. Ha smesso di fumare perché ha speso tanti soldi in erba e non è successo niente, ha detto che è diventato immune. Forse aveva bisogno di un buon hashish e non di erba?
Forse. Non mi sono mai stancato. (risata)

La storia di Mila Jansen, dagli anni '60 ai giorni nostri, è raccontata in un libro e in DVD.

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

+ post
Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionaleore 1 fa

USA: la pediatra Bonni Goldstein lancia una petizione contro il divieto dei medicinali naturali a base di CBD in California

La pediatra nordamericana Bonni Goldstein mette in guardia dal tentativo di vietare i medicinali derivati ​​dal CBD naturale...

Internazionaleore 1 fa

In Europa sono quasi 23 milioni i consumatori di cannabis, la sostanza illecita più consumata

La cannabis continua ad essere di gran lunga la sostanza illecita più consumata in Europa. Sono queste le conclusioni del “Rapporto...

Eventigiorni fa 2

Mary Jane celebra per la prima volta in Germania la cultura della cannabis legale

È il prossimo fine settimana, dal 14 al 16 giugno, che avrà luogo la consueta Mary Jane, presso la Messe...

Eventisettimane fa 1

CB Club riunisce i professionisti della cannabis in attesa di Mary Jane, a Berlino

In attesa del CB Expo (Cannabis Business Expo and Conference), che si svolgerà a Dortmund, nel mese di settembre, la CB Company...

rapportosettimane fa 1

Sud Africa: la legalizzazione di un settore già fiorente

Nelle settimane precedenti le elezioni dell'Assemblea Generale in Sud Africa, mercoledì scorso, 29 maggio, si sono svolte...

intervistesettimane fa 1

Rui Reininho: “Penso che sia davvero strano che i miei colleghi della GNR mettano il naso nelle proprietà delle persone per vedere cosa fa questa pianta”

Rui Reininho, musicista portoghese divenuto famoso come cantante dei GNR, non ha bisogno di presentazioni. Contrariamente a quanto molti pensano, non ha trovato...

Notiziesettimane fa 2

Canada: uno studio dimostra che l'uso di cannabis riduce il consumo di metanfetamine

I poliassuntori, individui che consumano diverse sostanze, spesso si rivolgono alla cannabis come un modo per ridurre il loro consumo...

Eventisettimane fa 4

CannaTrade torna a Zurigo dal 24 al 26 maggio

CannaTrade – Fiera e Festival Internazionale della Canapa di Zurigo raggiunge la maggiore età nel 2024, celebrando la sua 18esima...

comunicati stampasettimane fa 4

Il Gruppo SOMAÍ e la sua controllata RPK Biopharma espandono la partnership con Cookies per includere l'Europa e il Regno Unito

LISBONA, PORTOGALLO, 16 maggio 2024 /EINPresswire.com/ — Il gruppo SOMAÍ (“SOMAÍ”) e la sua controllata, RPK Biopharma hanno ampliato...

Nazionalesettimane fa 4

Portogallo: il consumo stimato di CBD aumenta nonostante il divieto

Il rapporto “Cannabis in Portugal”, realizzato da Euromonitor International, ha diffuso i dati più recenti sull’industria della cannabis,...