Seguici sui social

Corporazioni

USA: MedMen dichiara bancarotta con 400 milioni di dollari di debito

Pubblicato il

em

Il gigante nordamericano della cannabis MedMen è crollata sotto il peso del suo debito, annunciando la scorsa settimana di aver dichiarato bancarotta e di voler liquidare i suoi beni. Il 26 aprile, l’MSO (operatore multistato), un tempo di successo, ha annunciato di aver dichiarato fallimento ai sensi del Canadian Bankruptcy and Insolvency Act e che tutti i suoi direttori si sono dimessi con effetto immediato, in seguito al licenziamento dal direttore finanziario di febbraio.

Inoltre, il 23 aprile 2024, la filiale californiana di MedMen, MM CAN USA, è stata posta in amministrazione controllata presso la Corte Superiore di Los Angeles per sciogliere e liquidare i suoi beni.

Il Direttore della Ristrutturazione della società si è dimesso dalla sua posizione ed è stato nominato Amministratore Giudiziario di MM CAN USA. Si prevede che simili procedure fallimentari si verifichino in altri stati degli Stati Uniti in cui opera la filiale.

Questo fallimento arriva appena sei anni dopo l'IPO della società, vedendo il valore della società raggiungere un picco di 3 miliardi di dollari nei mesi successivi. L’azienda ora lascia più di 400 milioni di dollari di debiti. Come molti dei suoi concorrenti, MedMen ha cavalcato l’onda del sentiment positivo nel 2018, vedendo il prezzo delle sue azioni più che raddoppiare entro la fine dell’anno.

L'azienda si espanse rapidamente, raggiungendo 25 sedi in California, Nevada, Illinois, Massachusetts e New York, assumendo nel processo debiti significativi. Nel 2019, MedMen ha tentato di finalizzare una fusione da 682 milioni di dollari con PharmaCann, che alla fine è andata in pezzi a causa delle preoccupazioni antitrust, lasciando la società in difficoltà nel pagare i suoi creditori.

Gli scandali hanno continuato a perseguitare l’azienda, portando il suo fondatore, Sam Bierman, a essere estromesso nel 2020, coinvolto in accuse di uso improprio dei fondi aziendali. Ulteriori battaglie legali, accuse di razzismo e la crescente concorrenza da parte dei mercati della cannabis legale e illegale hanno afflitto MedMen durante la sua caduta in disgrazia.

Dal suo picco, il prezzo delle azioni della società è sceso di oltre il 90% e tutti i negozi tranne due hanno chiuso.

"La difficile decisione di cessare l'attività e avviare una procedura di fallimento e di amministrazione controllata è stata presa dopo un'attenta considerazione dell'attuale situazione finanziaria della società e delle sue controllate, della sua incapacità di pagare i propri obblighi alla scadenza e delle previste azioni esecutive di garanzia da parte dei creditori", ha affermato l'azienda in un comunicato stampa.

"Dopo un'attenta considerazione di questi fattori e in assenza di altre alternative disponibili, il consiglio di amministrazione della società ha stabilito che era nel migliore interesse della società procedere con l'avvio di una procedura di fallimento e di amministrazione controllata", conclude il comunicato.
___________________________________________________________
Questo articolo è stato originariamente pubblicato da Ben Stevens su Affari di Cannabis

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

+ post
Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionale23 ore fa

USA: la pediatra Bonni Goldstein lancia una petizione contro il divieto dei medicinali naturali a base di CBD in California

La pediatra nordamericana Bonni Goldstein mette in guardia dal tentativo di vietare i medicinali derivati ​​dal CBD naturale...

Internazionale23 ore fa

In Europa sono quasi 23 milioni i consumatori di cannabis, la sostanza illecita più consumata

La cannabis continua ad essere di gran lunga la sostanza illecita più consumata in Europa. Sono queste le conclusioni del “Rapporto...

Eventigiorni fa 2

Mary Jane celebra per la prima volta in Germania la cultura della cannabis legale

È il prossimo fine settimana, dal 14 al 16 giugno, che avrà luogo la consueta Mary Jane, presso la Messe...

Eventisettimane fa 1

CB Club riunisce i professionisti della cannabis in attesa di Mary Jane, a Berlino

In attesa del CB Expo (Cannabis Business Expo and Conference), che si svolgerà a Dortmund, nel mese di settembre, la CB Company...

rapportosettimane fa 1

Sud Africa: la legalizzazione di un settore già fiorente

Nelle settimane precedenti le elezioni dell'Assemblea Generale in Sud Africa, mercoledì scorso, 29 maggio, si sono svolte...

intervistesettimane fa 1

Rui Reininho: “Penso che sia davvero strano che i miei colleghi della GNR mettano il naso nelle proprietà delle persone per vedere cosa fa questa pianta”

Rui Reininho, musicista portoghese divenuto famoso come cantante dei GNR, non ha bisogno di presentazioni. Contrariamente a quanto molti pensano, non ha trovato...

Notiziesettimane fa 2

Canada: uno studio dimostra che l'uso di cannabis riduce il consumo di metanfetamine

I poliassuntori, individui che consumano diverse sostanze, spesso si rivolgono alla cannabis come un modo per ridurre il loro consumo...

Eventisettimane fa 4

CannaTrade torna a Zurigo dal 24 al 26 maggio

CannaTrade – Fiera e Festival Internazionale della Canapa di Zurigo raggiunge la maggiore età nel 2024, celebrando la sua 18esima...

comunicati stampasettimane fa 4

Il Gruppo SOMAÍ e la sua controllata RPK Biopharma espandono la partnership con Cookies per includere l'Europa e il Regno Unito

LISBONA, PORTOGALLO, 16 maggio 2024 /EINPresswire.com/ — Il gruppo SOMAÍ (“SOMAÍ”) e la sua controllata, RPK Biopharma hanno ampliato...

Nazionalesettimane fa 4

Portogallo: il consumo stimato di CBD aumenta nonostante il divieto

Il rapporto “Cannabis in Portugal”, realizzato da Euromonitor International, ha diffuso i dati più recenti sull’industria della cannabis,...