Seguici sui social

interviste

Brendan Kennedy: "Abbiamo portato 50 genetiche di cannabis in Portogallo"

Brendan Kennedy era molto scettico riguardo al potenziale terapeutico della cannabis, ma nel 2010 un bambino con epilessia avrebbe cambiato radicalmente la sua opinione. Tant'è che ha viaggiato in tutto il mondo per incontrare pazienti e ha finito per creare, tramite la sua società con sede a Seattle "Privateer Holdings", la multinazionale canadese Tilray, che quest'anno ha ottenuto una licenza […]

Pubblicato il

em

Brendan Kennedy era molto scettico riguardo al potenziale terapeutico della cannabis, ma nel 2010 un bambino con epilessia avrebbe cambiato radicalmente la sua opinione. In tal modo ha viaggiato in tutto il mondo per incontrare i pazienti e ha finito per creare, attraverso la sua azienda con sede a Seattle "Privateer Holdings“, La multinazionale canadese Tilray, che quest'anno ha ottenuto una licenza da Infarmed per coltivare cannabis medicinale in Portogallo.

Un appezzamento di terreno di quattro ettari, a Cantanhede, ospiterà nel prossimo futuro più di 100mila piante, ma per ora sono già in crescita le 50 piante madri di diversa genetica, che Tilray ha portato dal Canada. Estrazione, lavorazione e ricerca saranno effettuate anche in Portogallo, in collaborazione con Parque Tecnológico de Cantanhede, il BioCant.

Abbiamo parlato con Brendan Kennedy durante il Web Summit 2017, dove Tilray ha spiegato il proprio investimento di 20 milioni di euro nel nostro Paese e ha garantito la creazione di circa 100 posti di lavoro diretti entro il 2020, soprattutto nell'area agricola e nella ricerca scientifica.

Come sei arrivato al mercato della cannabis e cosa ti ha fatto trovare Tilray?
Sette anni fa, nel maggio 2010, ero a una conferenza tenuta da un'azienda tecnologica nel settore della cannabis medica in California e sono rimasto incuriosito. Ho iniziato a viaggiare per il mondo facendo ricerche sull'industria della cannabis medica e parlando con pazienti, coltivatori, trasformatori e proprietari di dispensari, medici, farmacisti, avvocati, attivisti e attori politici, per capire l'industria. Sono andato in zone montuose nel nord della California e nel sud dell'Oregon, in fienili nella British Columbia, campi in Colorado, Blue Mountains e Orange Hill in Giamaica, in un kibbutz vicino alla Striscia di Gaza e ad una fattoria nelle montagne del nord di Israele, vicino al Mar di Galilea, sono andato nelle serre in Spagna, caffetterie ad Amsterdam, ovunque ci fossero persone nell'industria della cannabis, e ho finito per visitare luoghi dove le persone di solito non vanno, ho parlato con persone con cui le persone di solito non parlano ed ero affascinato da questo settore, ero affascinato dalla cannabis medica. E così, è così che ho iniziato.

Brendan Kennedy è tornato al Web Summit nel novembre 2017 per parlare degli investimenti di Tilray nella cannabis medicinale Foto: Laura Ramos

Ma conoscevi qualcuno che usava la cannabis medicinale?
Non allora. Quindi il mio primo approccio è stato molto scettico, ma dopo aver parlato con diversi pazienti e i genitori di un bambino con epilessia, ho perso tutto il mio scetticismo. Era il 2010. Ho perso tutto il mio scetticismo e sono diventato un convinto sostenitore della cannabis medica. Nell'estate del 2013 siamo stati contattati dal governo canadese per investire in candidati per la licenza federale per la coltivazione di cannabis in Canada. Abbiamo iniziato a cercare la compagnia giusta e abbiamo finito per avviare noi stessi Tilray. Abbiamo creato Tilray, fatto un investimento importante e ricevuto una delle prime licenze canadesi, nel 2014.

Sul tuo sito web puoi leggere: "Aspiriamo a costruire il marchio di cannabis medica più affidabile e ammirato per soddisfare le esigenze di pazienti e ricercatori". Puoi spiegare come il Portogallo sia un passo importante in questo processo di raggiungimento della leadership?
Circa due anni fa, con quattro anni di attività in Canada e prodotti spediti a circa 25 pazienti, siamo diventati la prima azienda ad esportare legalmente cannabis medica in Nord America, cosa che non era mai stata fatta, e la prima azienda che importa cannabis medicinale nell'Unione europea (UE). Da allora, abbiamo venduto prodotti in sette paesi e quattro continenti. Circa due anni fa abbiamo deciso di trovare un nuovo posto nel mondo dove avremmo potuto ottenere una licenza nazionale, concessa da un governo. E ... Cielo, ho viaggiato ... ho viaggiato molto! Ho girato il mondo alla ricerca di una licenza e quando sono arrivata in Portogallo e ho iniziato le conversazioni sembrava esserci apertura e disponibilità a concedere la licenza a un'azienda che era disposta a investire notevoli capitali nella creazione di un'operazione di coltivazione e trasformazione. Il Portogallo ha il clima ideale per la coltivazione della cannabis, ha un'eccellente forza lavoro, ha un corpo tecnico-scientifico estremamente professionale nel campo delle scienze della vita da reclutare e abbiamo apprezzato molto il parco tecnologico Biocant. Siamo stati in grado di stabilire un buon rapporto con i vari ministeri del governo, sia a livello nazionale che locale, per selezionare il posto giusto.

[perfectpullquote align = ”left” cite = ”” link = ”” color = ”” class = ”” size = ””] ”Nell'UE, vediamo paesi che riescono a legalizzare la cannabis medica e questo continuerà per gli anni a venire . La nostra operazione qui sarà esportare i nostri prodotti e speriamo che un giorno saranno disponibili in Portogallo "[/ perfectpullquote]

Qual è stata la prima organizzazione o persona a cui ti sei rivolto in Portogallo proporre questo investimento?
Abbiamo parlato con ... AICEP ...

AICEP?
Pronuncia tutto sbagliato. (ride)

Detto bene.
Abbiamo parlato con i Ministeri dell'Agricoltura, della Salute e dell'Economia. Abbiamo anche parlato con SICAD.

Con il dottor João Goulão?
Sì. Per capire la storia della depenalizzazione. In molti di questi incontri abbiamo cercato di imparare a coinvolgere le persone. Come ti ho detto poco fa, quando siamo venuti qui, quando sono arrivato in Portogallo ho cercato gruppi di attivisti e pazienti in Portogallo e infatti non ho trovato nessun gruppo. E questo di solito è il primo passo nella valutazione di un paese: l'incontro con gruppi di pazienti. Come ho detto, non abbiamo trovato nessun gruppo organizzato in Portogallo due anni fa.

Ora puoi trovare Cannativa.
Sì, ho un contatto ora.

Non sembra ironico che il Portogallo stia investendo o facendo investimenti nella cannabis medicinale, anche se è ancora illegale in Portogallo?
In un certo senso diventa meno complicato per i funzionari eletti, perché si tratta essenzialmente di investimenti, creazione di posti di lavoro e ricerca scientifica. E nell'UE, vediamo paesi che riescono a legalizzare la cannabis medica e pensiamo che ciò continuerà nei prossimi anni. La nostra operazione qui sarà quella di esportare i nostri prodotti in tutto il mondo e speriamo che un giorno alcuni saranno disponibili qui, in Portogallo.

Grow room di Tilray in Canada. Foto: Tilray.com

Mi ha anche detto che il motivo che lo ha portato a venire qui era l'esistenza di buone risorse umane, ricercatori e ...
Sì.

Ma quasi nessuno fa ricerca sulla cannabis medicinale in Portogallo.
È vero, ma esiste una solida comunità di ricerca. Questi scienziati stanno studiando molte altre cose, ce n'è uno che sta studiando l'uso di caffeina e cannabis nel morbo di Alzheimer negli animali. Siamo stati contattati da ricercatori di tutto il mondo, probabilmente ricevendo due richieste a settimana per formule specifiche per studi clinici. Quindi, questa è una delle cose su cui lavoreremo: trovare un ricercatore in Portogallo che sia interessato a studiare l'uso della cannabis per il dolore, il cancro, il morbo di Alzheimer. Come ho detto alla mia conferenza [durante il WebSummit], stiamo fornendo prodotti per sperimentazioni cliniche sulla nausea indotta dalla chemioterapia, sperimentazione clinica sul disturbo da stress post-traumatico, sperimentazione clinica sulla malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO) e una sperimentazione clinica sulla epilessia infantile. Poi ce ne sono molti altri ... non studi clinici, ma studi in tutto il mondo. Penso che troveremo un gruppo in Portogallo interessato a connettersi con la ricerca sui farmaci a base di cannabis medicinale.

[perfectpullquote align = ”right” cite = ”” link = ”” color = ”” class = ”” size = ””]
“[A Cantanhede] avremo 500 piante indoor. Tutto il resto sarà fuori, circa due ettari di serre di vetro "[/ perfectpullquote]

In effetti, abbiamo alcuni ricercatori che hanno già fatto studi con la cannabis medicinale, presso l'Università di Coimbra. Come vedi la collaborazione con le università e cosa farà Tilray in questo campo in Portogallo?
Abbiamo già un rapporto con ... Non è l'Università di Coimbra ... anche se stiamo negoziando con loro, in realtà è una scuola più piccola. È una scuola agricola. Pertanto, stiamo assumendo dipendenti agricoli. Penso che sia vicino a Coimbra. Uno dei nostri primi collaboratori è arrivato da lì e assumeremo almeno una dozzina di persone da quell'università.

Inizialmente, ho visto che stavano assumendo qui, in Portogallo, e che avrebbero creato circa 100 posti di lavoro, ma nella loro presentazione qui al Web Summit ha detto 50.
Saranno 50 alla fine del prossimo anno.

E ce ne saranno 100 solo nel 2020, vero?
Nel 2019, credo. Dipenderà dalla velocità del progetto di costruzione. Ma potrebbe essere nel 2020, tra tre anni.

È stato facile negoziare con il governo portoghese?
Era. Sono stati molto aperti, molto disponibili e professionali, ma è stato un processo lungo.

Sul serio?
Sì, è stato un processo difficile. In questo settore tutto è difficile, più difficile che in qualsiasi altro settore. Esistono molti stereotipi negativi relativi alla cannabis e alla cannabis medica. Quindi abbiamo dovuto convincere ... Dobbiamo sempre convincere le persone, che si tratti di investitori, legislatori, regolatori, funzionari eletti, ambasciatori, che questo è il momento giusto per scommettere su questo settore.

Con João Moura, Presidente di Biocant - Parque Tecnológico de Cantanhede, che presenta l'investimento di Tilray in Portogallo, durante il Web Summit 2017 Foto: Laura Ramos

E Cantanhede è una cittadina molto piccola.
Si.

Come reagiscono le persone lì?
Il sindaco non avrebbe potuto essere più favorevole. È molto influente e ci ha dato molto supporto durante tutto il processo. Ora è anche presidente di Biocant ed è stato fantastico.

Il successo di Tilray in Portogallo dipende dalla legalizzazione in Europa in generale? Non importa che in Portogallo rimanga illegale?
Dal punto di vista aziendale, non importa. Dal mio punto di vista personale, la domanda è diversa. Ma dal punto di vista aziendale, la Germania, ad esempio, che ha 88 milioni di persone, è il secondo mercato farmaceutico al mondo e qualsiasi medico può passare una prescrizione a qualsiasi paziente per qualsiasi patologia coperta dalla compagnia di assicurazioni. Questi mercati sono estremamente importanti per noi. Pertanto, il nostro successo qui si basa su continui cambiamenti nelle politiche, nell'UE e in tutto il mondo. Attualmente spediamo prodotti in Australia, Nuova Zelanda, Cile, Argentina e anche nei paesi dell'UE. Potenzialmente esporteremo dal Portogallo in paesi extraeuropei.

Piantagione di Tilray a Nanaimo, British Columbia. Foto di Dirk Heydemann / Tilray

Qual è la tua prospettiva sul Portogallo? Pensa che il Portogallo legalizzerà nei prossimi anni?
In un certo senso, il fatto che João Goulão e il governo, nel 2001, abbiano depenalizzato la droga, ha fatto sì che il Portogallo vivesse un'esperienza straordinaria e costituisse un esempio per altri paesi in tutto il mondo. C'è un grande volume di ricerche e dati degli ultimi 17 anni, quindi, dal punto di vista dei dati e della ricerca, è utile che il Portogallo sia rimasto in questo stato per 17 anni. Ma penso che gruppi di pazienti e attivisti in tutto il mondo stiano apportando questo cambiamento politico e noi lo sosteniamo. È probabile che le politiche cambino a livello dell'UE, per quanto riguarda la cannabis medica nei prossimi - sta accadendo molto rapidamente - due o tre anni.

Pensa che succederà anche in Portogallo?
Entro cinque anni, non sono sicuro di quale paese in Europa rimarrà senza cannabis medica legale.

[perfectpullquote align = ”left” cite = ”” link = ”” color = ”” class = ”” size = ””] Se un prodotto Tilray fosse utilizzato in Portogallo secondo le normative vigenti, dovrebbe essere per una sperimentazione clinica . [/ perfectpullquote]

E perché non già l'anno prossimo?
Questa esperienza che sta avvenendo in Germania è cambiata così rapidamente ... Sono stato in Germania per la prima volta due anni fa, dove ho incontrato funzionari eletti, regolatori e gruppi di attivisti. Correva voce che sarebbe arrivato un cambiamento nella politica e un anno dopo divenne legge. Quindi questo è il ritmo del cambiamento in Germania e lo abbiamo visto altrove. Come ho detto, 41 milioni di persone in Polonia avranno accesso alla cannabis medica legale, in base a quanto è accaduto nelle ultime due settimane.

Ha detto al canale canadese CBC che il Portogallo è il luogo ideale per produrre ed esportare in Germania e nel mercato europeo. Sarà tutto per l'esportazione o venderanno anche parte della produzione in Portogallo?
Al momento non siamo in grado di vendere un prodotto in Portogallo. Se un prodotto Tilray fosse utilizzato in Portogallo secondo le normative vigenti, dovrebbe essere per una sperimentazione clinica.

Laboratorio di estrazione Foto: HA Photography - Tilray.com

E l'estrazione e la lavorazione?
Tutto sarà fatto qui.

Hai intenzione di farlo in Portogallo?
Tutto in Portogallo, fino al prodotto farmaceutico finito.

Quindi implementerai anche un'intera unità di estrazione e ricerca?
Sì. Voglio chiarire che non abbiamo ancora questa licenza, ma intendiamo ottenerla. Abbiamo inviato la richiesta, ma non l'abbiamo ancora. Attualmente abbiamo la licenza di coltivazione e abbiamo piante. Oggi abbiamo annunciato di avere stabilimenti qui, in Portogallo. Li abbiamo da diverse settimane.

Quando inizierà la semina?
Abbiamo già iniziato! Nel patrimonio genetico che abbiamo, le piante sono molto piccole, meno di 10 cm di lunghezza, ci vogliono cinque mesi per coltivare l'intero patrimonio genetico e le piante raggiungono tra 1 e 2 metri di altezza. Nel frattempo, stiamo costruendo le nostre strutture, l'edificio, gli impianti di lavorazione, una serra, la sicurezza ... tutto ciò che deve essere fatto. Abbiamo piante molto piccole che crescono nei nostri laboratori di Biocant.

Quante piante avranno entro la fine di quest'anno?
Più di 100mila.

[perfectpullquote align = ”left” cite = ”” link = ”” color = ”” class = ”” size = ””] ”In questo settore, tutto è difficile. Dobbiamo sempre convincere le persone che questo è il momento giusto per scommettere su questo settore "[/ perfectpullquote]

Tutto per l'esportazione?
Sì, sarà principalmente per esportare, principalmente nei paesi dell'UE, come Germania, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca e persino alcuni paesi che sono sul punto di legalizzare la cannabis medica, come l'Irlanda e l'Italia. Sta succedendo tutto molto velocemente.

Perché il clima portoghese è importante? L'esposizione al sole influisce anche se pianti in casa?
Sì, vogliamo la luce del sole. La parte interna delle strutture è molto piccola, è per le piante madri, che sono il nostro bene più prezioso e prezioso. Così avremo meno di 500 piante indoor e tutto il resto sarà all'aperto, in serre di vetro. Devo fare la conversione ... ma deve essere un totale di due ettari di serre di vetro.

E la piantagione all'aperto?
Questo è qualcosa che stiamo guardando. Vorremmo fare un po 'di ricerca e sviluppo su varie tecniche, sulla base di cose che abbiamo visto in tutto il mondo.

Che genetica hai portato in Portogallo?
Nelle nostre strutture in Canada, produciamo più di 50 diverse genetiche di piante di cannabis. Alcuni hanno un contenuto di THC molto alto e un contenuto di CBD molto basso, altri hanno un rapporto 1: 1, altri hanno un contenuto di CBD molto alto e praticamente nessun THC, altre genetiche e ceppi hanno un alto contenuto di alcuni cannabinoidi o terpeni. Abbiamo esportato 50 diversi tipi di genetica, il che implica un processo molto complicato di esportazione di piante vive dal Canada all'UE. Ma sono già qui e ora li stiamo crescendo da 10 cm a un metro di lunghezza e questo è un processo lungo.

Quanti farmaci ha Tilray, con diverse concentrazioni di CBD, THC e altri terpeni?
Cielo! Penso che dovrebbero essere circa 100. Abbiamo 27 diversi tipi di estratti, da fiori interi e fiori macinati a capsule, oli a spettro completo e anche un'ampia varietà di prodotti clinici e oli purificati.

Con diverse concentrazioni ...
Sì, con diverse concentrazioni, livelli di THC alti, medi e bassi; livelli di CBD alti, medi e bassi; e abbiamo anche una combinazione di THC e CBD a livelli alti, medi e bassi.

Alcuni dei prodotti che Tilray esporta in 25 paesi in tutto il mondo

In Portogallo, i medici non hanno ancora esperienza nel consigliare cannabis medicinale. In futuro, quando la cannabis medica sarà legale, come verranno formati i medici su tutti questi prodotti?
C'è sempre un lavoro educativo da fare. Stiamo lavorando duramente sulla formazione medica in Germania. La ricerca medica aiuta perché possiamo usarla come riferimento e abbiamo anche medici canadesi, che portiamo in Germania per spiegare la cannabis medica ai medici. Ci sono alcuni prodotti a base di cannabis in Portogallo, Sativex ...

[perfectpullquote align = ”right” cite = ”” link = ”” color = ”” class = ”” size = ””] ”Il fatto che João Goulão e il governo abbiano depenalizzato le droghe ha fatto vivere al Portogallo un'esperienza straordinaria ed essere un esempio in tutto il mondo "[/ perfectpullquote]

Abbiamo solo Sativex.
Dronabinol non esiste qui?

Non credo, ma anche il Sativex, i medici non lo prescrivono, quindi le farmacie non ce l'hanno ... Cioè, in pratica non esiste.
OK.

Tilray sostiene la legislazione canadese che consente l'auto-coltivazione per i pazienti con cannabis medicinale?
Sì.

Li sostieni?
Sì.

In Portogallo, ci sono casi di pazienti che coltivano per il proprio consumo e che devono affrontare casi giudiziari, perché rimane illegale. In Germania e Brasile ci sono persone che sono già state autorizzate dai tribunali a coltivare per curare determinate malattie, quindi l'auto-coltivazione sarà qualcosa di cui avremo davvero bisogno in futuro. Pensi che abbia senso?
In alcuni luoghi è la legge che determina il diritto dei pazienti di coltivare questo prodotto. In quei luoghi, lo supportiamo molto. Nei paesi con legalizzazione medica che non lo consentono, ciò è essenzialmente dovuto al fatto che i medici cercano cannabis che possa essere trattata come qualsiasi altra medicina. Affinché un medico possa fare una prescrizione, deve comprendere la potenza e il dosaggio, ed è molto difficile per un medico raccomandare un prodotto che un paziente sta coltivando a casa. Ecco perché vediamo diversi modelli in tutto il mondo, basati su ciò che è appropriato in contesti culturali specifici. Non so cosa sia accettabile qui, in Portogallo.

Foto: DR (tratta dal Twitter di Brendan Kennedy)

Ma se alle persone fosse permesso di coltivare, questo non ti metterebbe a disagio?
No, per niente.

Cannativa, la nostra associazione, si preoccupa della presenza di grandi dimensioni aziende come Tilray, ad esempio, possono rendere le cose molto difficili per il futuro Gli investitori portoghesi competono e crescono in questo mercato.
Non c'è mercato in Portogallo.

Ma ci sarà in futuro, se la legalizzazione diventerà realtà.
Sì, è un prodotto interessante. In Canada ci sono 60 produttori con una licenza per la cannabis medica. Tilray è grande e interviene a livello globale, ma ci sono aziende molto più grandi di noi che operano esclusivamente in Canada. Ci sono tra le 20 e le 30 piccole aziende che puntano su una produzione più artigianale o casalinga, dedicata a genetiche molto specifiche, generalmente molto difficili da coltivare e che sono ricercate da gruppi di pazienti molto specifici. Il Canada è, infatti, l'unico paese al mondo che ha questo quadro, quindi è l'unico esempio che posso citare, ma suggerirei che chiunque abbia questa preoccupazione dovrebbe mettere gli occhi sul Canada, dove ci sono molti tipi di società, con dimensioni molto varie, che si concentrano su un'ampia varietà di prodotti e questo dovrebbe dissipare le vostre preoccupazioni.

Ma in Portogallo questo mercato non esiste ancora. In futuro, come vi aspettate che le aziende investano in questo mercato?
Non sono in grado di rispondere a questa domanda.

Non puoi dare consigli ai tuoi futuri concorrenti?
Non è questo. Il punto è che non c'è mercato. Anche se qualcuno ha ottenuto una licenza in Portogallo, non potrebbe essere il nostro concorrente, purché esporti in località diverse dalla nostra.

[perfectpullquote align = "left" cite = "" link = "" color = "" class = "" size = ""] "Sono cresciuto a San Francisco, California, dove c'era molta cannabis in offerta, ma consumata raramente" [/ perfectpullquote]

Ti sei trasferito in Portogallo?
No, non mi sono trasferito qui.

Ma vieni spesso qui?
Sì, vengo qui spesso.

Sei sempre in viaggio?
Sì, viaggio sempre. L'anno scorso ho percorso 300 miglia, che equivalgono a 12 giri in giro per il mondo.

Sei un consumatore di cannabis?
Non al momento. Prima di tutto, tutta la nostra produzione è per scopi medici e attualmente non ho bisogno di cure mediche. Sono cresciuto a San Francisco, in California, dove c'era molta cannabis in offerta, ma la uso raramente. Viaggio molto, sono sempre molto impegnato, valico costantemente i confini internazionali, e quindi sono molto attento.

Cosa diresti ai tuoi figli se entro 15 anni fossero curiosi provare la cannabis?
Penso che sia la stessa conversazione che i genitori devono avere su cose come l'alcol. Ho visto l'alcol fare molti danni a molte persone che venivano da me, quindi parlavo con loro del consumo responsabile e facevo riferimento ai nostri prodotti, che sono disponibili per oltre 25mila pazienti in tutto il mondo. Una delle principali ricompense che ho è leggere una lettera o un'e-mail dalla madre di un bambino che soffre di epilessia, o da qualcuno che sta subendo la chemioterapia, o da qualcuno che soffre di dolore cronico. Quindi questa è forse la mia più grande ricompensa. Vorrei fare questa conversazione anche con i miei figli, è un prodotto strano che ... Non è un prodotto strano! È un prodotto unico, che ha una gamma molto ampia di usi e spiegherebbe i miei diversi usi ai miei figli.

Foto in primo piano: Tutti i diritti riservati

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Eventigiorni fa 3

L'ICBC Berlino torna a brillare. È l'inizio di una nuova era per l'industria della cannabis in Germania

L'ICBC di Berlino è stata la prima grande conferenza internazionale sulla cannabis a svolgersi dopo la legalizzazione dell'uso da parte degli adulti in...

Internazionalegiorni fa 4

USA: prodotti Mike Tyson richiamati per contaminazione da muffe

Le autorità della California hanno emesso un avviso di richiamo obbligatorio per due prodotti del marchio di cannabis di Mike Tyson,...

Eventigiorni fa 5

Si avvicinano le 4 e a Porto e Lisbona è festa

La data in cui celebrare la cultura della cannabis si avvicina! Questo sabato, 20 aprile, è il giorno in cui...

Internazionalesettimane fa 1

Paul Bergholts, presunto leader di Juicy Fields, detenuto nella Repubblica Dominicana

Paul Bergholts, il presunto leader dello schema piramidale Juicy Fields, è stato detenuto nella Repubblica Dominicana e sarà sottoposto a...

Salutesettimane fa 2

I cannabinoidi rivelano risultati promettenti nel trattamento del disturbo borderline di personalità

Un'indagine condotta da Khiron LifeSciences e coordinata da Guillermo Moreno Sanz suggerisce che i medicinali a base di...

Internazionalesettimane fa 2

Caso Juicy Fields: 9 detenuti da Europol ed Eurojustice. La truffa supera i 645 milioni di euro

Un'indagine congiunta condotta da diverse autorità europee, supportata da Europol ed Eurojust, è culminata nell'arresto di nove sospetti...

Internazionalesettimane fa 2

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche

I consumatori abituali di cannabis possono richiedere più anestesia durante le procedure mediche per rimanere sedati rispetto a...

Internazionalesettimane fa 2

Il futuro del CBD in Giappone: come le riforme legali plasmeranno il mercato

Alla fine dell'anno scorso, il Giappone ha fatto un grande passo avanti verso la riforma sulla cannabis dopo aver approvato...

Nazionalesettimane fa 2

Portogallo: GreenBe Pharma ottiene la certificazione EuGMP presso gli stabilimenti Elvas

GreenBe Pharma, un'azienda produttrice di cannabis terapeutica con sede a Elvas, Portogallo, ha ottenuto la certificazione EU-GMP sotto...

Nazionalesettimane fa 3

Álvaro Covões, di Everything is New, acquista le strutture Clever Leaves in Alentejo per 1.4 milioni di euro

Álvaro Covões, fondatore e amministratore delegato dell'agenzia di promozione dello spettacolo 'Everything is New', che organizza uno dei più grandi festival...