Seguici sui social

Internazionale

Caso Juicy Fields: 9 detenuti da Europol ed Eurojustice. La truffa supera i 645 milioni di euro

Pubblicato il

em

Un'indagine congiunta condotta da diverse autorità europee, sostenuta da Europol e Eurojust, culminato con l'arresto di nove sospettati a seguito dell'omicidio caso di frode degli investimenti nelle piante di cannabis”Campi succosi”. Secondo le stime del tribunale, il danno totale derivante da falsi investimenti nell'annunciata piattaforma di crowdsourcing per la coltivazione di cannabis ammonta a 645 milioni di euro, ma "i danni reali e non dichiarati potrebbero essere significativamente più alti". Sono più di 186.000 le persone danneggiate dal caso Juicy Fields.

L'operazione di polizia è stata effettuata ieri, 11 aprile 2024, e ha riunito poliziotti di diversi paesi europei. Più di 400 agenti provenienti da 11 paesi hanno eseguito nove mandati di arresto ed effettuato 38 perquisizioni domiciliari. Nella giornata di accertamenti e procedimenti sono stati sequestrati o congelati 4.700.000 euro in conti bancari, 1.515.000 euro in criptovalute, 106.000 euro in contanti e 2.600.000 euro in beni immobiliari. Le autorità hanno inoltre sequestrato diversi veicoli di lusso, opere d'arte, denaro contante e vari oggetti di lusso, oltre a un gran numero di dispositivi elettronici e documenti.

Secondo le stime del tribunale, il danno totale derivante da falsi investimenti nell'annunciata piattaforma di crowdsourcing per la coltivazione di cannabis “ammonta a 645 milioni di euro, ma i danni reali e non dichiarati potrebbero essere significativamente più alti”.

In totale, circa 550.000 partecipanti in tutto il mondo, la maggior parte dei quali cittadini europei, sono stati registrati come investitori online. Utilizzando bonifici bancari o criptovalute, circa 186.000 partecipanti hanno effettivamente trasferito fondi nell'elaborato schema Ponzi, attivo dall'inizio del 2020 fino a luglio 2022.

I sospettati sono per lo più russi, ma sono coinvolte molte nazionalità
I sospettati, la cui nazionalità è principalmente russa, ma anche olandese, tedesca, italiana, lettone, maltese, polacca, giordana, nordamericana e venezuelana, hanno utilizzato annunci pubblicitari sui social media per attirare vittime sui loro siti web. Queste piattaforme offrivano promettenti opportunità di investimento per crowdsourcing nella coltivazione, raccolta e distribuzione di piante di cannabis per uso medicinale.

Con un investimento iniziale minimo di almeno 50 euro in questa opportunità cosiddetta di “e-growing”, agli investitori veniva promesso che sarebbero stati collegati ai produttori di cannabis terapeutica. Dopo aver acquistato una pianta di cannabis, la piattaforma ha assicurato agli investitori – noti anche come e-coltivatori – che presto avrebbero potuto ottenere profitti elevati vendendo le piante ad acquirenti autorizzati. Anche se la società ha promesso rendimenti annuali pari o superiori al 100%, non ha rivelato esattamente come riuscirebbe a raggiungere questo obiettivo, tanto meno come sarebbe in grado di garantirlo.

Secondo il comunicato stampa di Europol, “La legalizzazione della coltivazione di cannabis o l’espansione del contenuto consentito di THC nei prodotti a base di cannabis per scopi personali, ricreativi e terapeutici è un argomento significativo del dibattito pubblico nell’UE. Questo discorso è ulteriormente alimentato dal fatto che la cannabis è una delle sostanze illecite più consumate, sia nell’Unione europea che nel mondo. Come visto in altri contesti, le reti criminali sono particolarmente abili nell’applicare nuove narrazioni alle pratiche criminali esistenti, soprattutto durante i periodi di cambiamento dei quadri normativi, che possono aprire una finestra di opportunità per i truffatori per pubblicizzare opportunità di investimento a basso rischio e profitti elevati”.

Un classico schema Ponzi “troppo bello per essere vero”.
Uno schema Ponzi è un tipo di truffa sugli investimenti in cui i criminali promettono rendimenti elevati con rischi minimi o nulli per gli investitori. Invece di generare effettivamente profitti attraverso attività commerciali legittime, i criminali utilizzano il denaro dei nuovi investitori per pagare i rendimenti agli investitori precedenti. Ciò crea l’illusione di un’azienda redditizia, ma in realtà il sistema crolla quando non ci sono abbastanza nuovi investitori per sostenere i pagamenti, lasciando la maggior parte degli investitori in perdita.

Ad esempio, l’investitore medio, anche prudente, effettuerebbe un investimento iniziale di 50 euro e riceverebbe un pagamento che raddoppierebbe il suo denaro poco dopo. Motivati ​​da questi guadagni finanziari, molti investitori hanno aumentato le loro scommesse e hanno pagato centinaia, migliaia o, in molti casi, anche decine di migliaia di euro. La piattaforma fingeva credibilità, poiché non solo era rappresentata nel mondo digitale, ma manteneva anche l'immagine di una struttura aziendale legale affidabile, con uffici fisici, dipendenti e rappresentanza agli eventi dell'industria della cannabis. Inizialmente, gli oltre 500.000 produttori di elettronica ricevevano ritorni sui loro investimenti. Tuttavia, nel luglio 2022, i criminali dietro il sistema hanno improvvisamente rimosso i profili aziendali dai social media e impedito agli utenti di accedere ai propri account, congelando così i prelievi di denaro.

La complessa indagine ha coinvolto diversi paesi
La diffusione diffusa di denunce di polizia in tutta Europa ha spinto Europol ad avviare un approccio coordinato alle indagini che coinvolgono più paesi dell’UE e non UE. A questa attenzione delle forze dell'ordine su JuicyFields e sulle relative piattaforme di investimento è seguita la creazione di una squadra investigativa congiunta presso Eurojust, guidata dalla polizia tedesca e spagnola, dalla gendarmeria francese e supportata da Europol, dall'Agenzia nazionale anticrimine del Regno Unito e da altre autorità di contrasto in Regno Unito e altri Stati membri.

Le operazioni sul campo sono state effettuate da:

Germania: Procura di Berlino; Dipartimento investigativo criminale di Berlino (LKA)
Spagna: giudice istruttore centrale n. 6 all'Udienza Nazionale; Polizia nazionale (Brigata centrale contro la criminalità economica, Gruppo frode finanziaria)
Francia: Procura di Parigi JUNALCO (Giurisdizione nazionale contro la criminalità organizzata); Gendarmerie Nationale (Sezione di ricerca di Rennes)
Estonia: Ufficio del Procuratore Generale; Consiglio di polizia e guardia di frontiera
Lettonia: Procuratore generale; Dipartimento per la Cooperazione Internazionale e Dipartimento per la Repressione della Crimine Economica del Dipartimento Centrale di Polizia Criminale della Polizia di Stato
Italia: Polizia di Stato Servizio Polizia Postale – Sezione Operativa Cybersecurity, Macerata, e Centro Operativo Cybersecurity Marche
Malta: Forza di Polizia di Malta – Unità Relazioni Internazionali
Polonia: Procure della Repubblica a Jelenia Góra, Lublino, Varsavia, Praga e Breslavia; Ufficio centrale per la lotta alla criminalità informatica
Portogallo: Procura Centrale di Lisbona (DCIAP); Polizia Giudiziaria
Regno Unito: Agenzia nazionale anticrimine

Dopo aver raccolto meticolosamente prove digitali, gli investigatori hanno creato un quadro di intelligence congiunto che ha consentito alle forze di polizia di tutta Europa di identificare i sospettati e avviare un’ondata di arresti.

Uno dei principali obiettivi di alto valore in questa indagine è stato rintracciato in una residenza nella Repubblica Dominicana. Il cittadino russo, sospettato di essere uno dei principali organizzatori dell'operazione fraudolenta, si è fatto perquisire l'immobile in cui viveva dalle autorità della Repubblica Dominicana, insieme agli agenti della squadra investigativa spagnola e ad uno specialista dell'Europol intervenuto sul posto per facilitare il coordinamento .

Europol ha sostenuto questa massiccia indagine transfrontaliera fin dall’inizio, assumendo la guida del coordinamento operativo e fornendo supporto analitico su misura. Inoltre, Europol ha condiviso i risultati delle indagini finanziarie e altre informazioni con i paesi coinvolti. Il giorno dell'azione, Europol ha inviato agenti con uffici mobili in varie località del mondo. Eurojust ha gestito un centro di coordinamento, composto da alti funzionari di polizia di diverse autorità investigative, pubblici ministeri e personale Europol, per aiutare a coordinare le misure coercitive legali in diversi paesi e attraverso fusi orari.

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

+ post
Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Eventi23 ore fa

CannaTrade torna a Zurigo dal 24 al 26 maggio

CannaTrade – Fiera e Festival Internazionale della Canapa di Zurigo raggiunge la maggiore età nel 2024, celebrando la sua 18esima...

comunicati stampagiorni fa 2

Il Gruppo SOMAÍ e la sua controllata RPK Biopharma espandono la partnership con Cookies per includere l'Europa e il Regno Unito

LISBONA, PORTOGALLO, 16 maggio 2024 /EINPresswire.com/ — Il gruppo SOMAÍ (“SOMAÍ”) e la sua controllata, RPK Biopharma hanno ampliato...

Nazionalegiorni fa 5

Portogallo: il consumo stimato di CBD aumenta nonostante il divieto

Il rapporto “Cannabis in Portugal”, realizzato da Euromonitor International, ha diffuso i dati più recenti sull’industria della cannabis,...

Nazionalegiorni fa 6

"Cannabis. Maldita e Maravilhosa”, di Margarita Cardoso de Meneses, esce in libreria il 16 maggio

Margarita Cardoso de Meneses, collaboratrice di CannaReporter®, ha appena pubblicato il libro “Canábis. Maldita e Maravilhosa”, edito da Oficina do...

comunicati stampasettimane fa 1

Montemor-o-Velho: arrestato per coltivazione di cannabis

Il Comando Territoriale di Coimbra, attraverso l'Unità di Investigazione Criminale (NIC) del Distaccamento Territoriale di Montemor-o-Velho, oggi, il 9...

Eventisettimane fa 1

PTMC – Portugal Medical Cannabis riunisce l'industria della cannabis medica il 22 maggio a Lisbona

PTMC – Portugal Medical Cannabis riunirà i professionisti dell’industria della cannabis medica il 22...

Corporazionisettimane fa 1

USA: MedMen dichiara bancarotta con 400 milioni di dollari di debito

Il colosso statunitense della cannabis MedMen è crollato sotto il peso del suo debito, annunciando la scorsa settimana che...

Notiziesettimane fa 2

Lo studio rivela che la legalizzazione della cannabis non aumenta il consumo di altre sostanze

Uno degli argomenti più utilizzati contro la legalizzazione della cannabis per uso adulto o ricreativo è stata l'idea di...

Canapasettimane fa 2

Lettonia: la Hemp School di Obelisk Farm è finalista per l'EFT Green Skills Award 2024

Obelisk Farm continua ad essere riconosciuta in tutto il mondo per il suo approccio unico allo sfruttamento della canapa industriale. Il progetto famiglia, che...

Eventisettimane fa 2

USA: CannMed 24 Innovation & Investment Summit torna a Marco Island, Florida, dal 12 al 15 maggio

È una delle conferenze scientifiche più importanti sull'industria della cannabis terapeutica e torna a Marco Island, in Florida,...