Seguici sui social

Nazionale

I produttori di canapa industriale richiedono risposte dal governo

Pubblicato il

em

Ascolta questo articolo

I produttori di canapa industriale si sono incontrati questa mattina con il Infarmed, - National Medicines and Health Products Authority, IP, che ha scartato le responsabilità nell'autorizzazione alla coltivazione di cannabis per scopi industriali (canapa).

La stagione della semina termina ad aprile e gli agricoltori possono perdere l'intero anno di produzione, ma oggi nessun ente pubblico portoghese si è assunto la responsabilità per le licenze di canapa industriale, nonostante si tratti di un'economia futura a livello mondiale. I produttori valutano se andare avanti legalmente o coltivare anche se la situazione non è definita.

I vari usi della Canapa Industriale. Foto tratta dal sito web www.eastyorkshirehemp.co.uk

La canapa è ricca di cannabidiolo (CBD) ma non ha effetti psicotropi, in quanto il valore del THC (tetraidrocannabinolo, la sostanza psicoattiva), è residuo, al massimo 0,3% nella maggior parte dei paesi, e ha dozzine di usi, dall'edilizia sostenibile ai biocarburanti, passando per fibre e tessuti. La canapa può essere un'ottima alternativa alla plastica, in quanto è più resistente e biodegradabile, e viene utilizzata dalle parti di automobili ai cosmetici, oltre ai prodotti alimentari o alle bevande.

Può anche essere un'alternativa sostenibile all'industria della carta, con una produzione equivalente a quella dell'eucalipto in meno di sei mesi.

In Portogallo nessuno vuole sapere della canapa
Infarmed ha garantito oggi, in un incontro con i produttori di canapa, che l'autorizzazione alla coltivazione non è di sua responsabilità, ma non ha inviato i produttori a nessun altro organismo, né ha saputo comunicare la data di pubblicazione dell'Ordinanza che presumibilmente dovrebbe regolamentare il settore canapa in Portogallo, come definita nel decreto legge 8/2019 del 15 gennaio, che regolava la cannabis per scopi medicinali.

L'articolo 23 dello stesso regolamento inserisce la canapa industriale nella categoria dei medicinali, stabilendo che “l'istruzione delle applicazioni e delle procedure (...) per le autorizzazioni all'esercizio dell'attività di coltivazione della pianta di cannabis per altri scopi, cioè quelli industriali, nonché i provvedimenti le misure di sicurezza da adottare sono definite con decreto dei membri del governo competenti per le aree finanza, amministrazione interna, giustizia, salute, economia e agricoltura ”.

Miguel Negrão, presidente di CannaCasa - Associazione della Canapa Industriale, António João Costa e Jurgen Simon, di Lusicanna - Cooperativa Agricola Produttori di Canapa e Humberto João Nogueira, di BioStore di Margaça (Agro-Consultoria), sono stati ricevuti questa mattina da 5 dirigenti di Infarmed - Rui Ivo, vicepresidente, Vasco Bettencourt, Fernanda Ralha, Ana Paula Martins e Teresa S. Gorgulho -, ma l'incontro finirebbe per essere infruttuoso, poiché Infarmed è responsabile dell'uso medicinale - e non industriale - della pianta di cannabis.

Con le informazioni che il Sativex, l'unico medicinale a base di cannabis disponibile in Portogallo, dovrebbe essere rimborsato dal Servizio Sanitario Nazionale (SNS) presto, però, i produttori non vedevano risolto il problema della coltivazione industriale.

Alcuni dei circa 15 produttori di canapa industriale che erano alla DGAV di Lisbona oggi - Foto: Laura Ramos

Senza risposte da parte di Infarmed, i produttori e gli agricoltori sono poi andati al DGAV - Direzione Generale Alimentare e Veterinaria, responsabile della certificazione delle sementi, dove non hanno potuto essere ricevute dal vicedirettore generale della DGAV, Paula Cruz de Carvalho, poiché non si trovava nell'edificio. Le preoccupazioni dei produttori sono state comunicate a un consulente della direzione e lasciate anche nel registro dei reclami della DGAV, a testimonianza della presenza e dell'insoddisfazione dei produttori.

La DGAV era stata interrogata da CannaReporter il 20 febbraio circa la sospensione della concessione delle licenze per la coltivazione della canapa. Paula Cruz de Carvalho, vicedirettore generale della DGAV, ha poi chiarito che “secondo quanto disposto dall'art. 6-A del decreto-legge nº 8/2019, del 15 gennaio, l'istruzione delle richieste e le procedure relative alla concessione di autorizzazioni per l'esercizio di attività connesse alla coltivazione, fabbricazione, commercio all'ingrosso, transito, importazione ed esportazione di medicinali, preparati e sostanze a base di pianta di cannabis per scopi medicinali, medico-veterinari o di ricerca scientifica, nonché autorizzazioni per l'esercizio dell'attività di coltivazione di piante di cannabis per altri scopi, vale a dire industriali, nonché le misure di sicurezza da adottare, sono definite da Ordinanza dei membri del Governo competenti per i settori Finanza, Amministrazione interna, Giustizia, Salute , Economia e agricoltura ”.

Infarmed afferma che questa ordinanza è nella sua fase finale, ma non anticipa alcuna data probabile di pubblicazione, sottolineando che è responsabilità di diversi Ministeri.

“Il potenziale di crescita economica della canapa industriale in tutto il mondo è enorme. È utilizzato per l'edilizia sostenibile, i tessuti, i cosmetici, i biocarburanti, il cibo e funziona come un'ottima alternativa alla plastica o all'eucalipto per la produzione di carta "

La stagione della semina finisce presto, ma la DGAV rifiuta di certificare i semi
I produttori che oggi erano alla DGAV, in rappresentanza di associazioni come Canna Casa, un lusicanna, un Pro-canapa, la compagnia Canna Med o BioStore di Margaça (Agro-Consultoria), affermano di aver avanzato numerose richieste di chiarimenti a tutti questi enti, senza alcuna risposta o soluzione praticabile, e garantiscono di continuare a impegnarsi per risolvere la situazione, poiché la stagione della semina terminerà nel mese di aprile. Per iniziare la coltivazione del 2019 è sufficiente certificare le sementi, iscritte nel catalogo comune europeo delle varietà e delle specie orticole, che comunque già rispettano gli standard comunitari, ma che la DGAV ora rifiuta di certificare.

Allo stesso tempo, non è stata pubblicata alcuna legge per vietare la coltivazione della canapa, quindi i produttori stanno valutando la possibilità di iniziare la coltivazione lì, se la situazione non sarà definita entro lunedì prossimo.

Alex, un produttore dell'interno del Paese, ha riferito di aver cercato di certificare oggi un sacco da 25 kg di semi di canapa, con la DGAV di Campo Grande, che gli ha detto di non essere lì e lo ha mandato alla Divisione fitosanitaria, ad Ajuda. Una volta nel dipartimento di Ajuda, e quando ha detto che erano semi di canapa, il tecnico si è rifiutato di avviare il processo, dicendo che non era autorizzato a farlo, e ha chiesto al produttore di lasciare l'edificio con la borsa.

Questa situazione si verifica quando l'enorme potenziale di crescita economica della canapa è già noto in tutto il mondo, con numerosi usi a vari livelli, dall'edilizia sostenibile, ai tessuti, ai cosmetici, ai biocarburanti, agli alimenti e alle bevande, funzionando ancora come un'ottima alternativa alla plastica o alla plastica. eucalipto per la produzione di carta, tra molti altri.

È quindi anche un'economia molto promettente per il Portogallo, che può rivitalizzare l'economia locale e ripopolare l'interno del paese.

Non incrociare le braccia, il Canna Casa andando a eseguire un Laboratorio di costruzione della canapa, 24-26 aprile a Sesimbra, facilitato dallo specialista Hempcrete Lupo Giordano, che arriverà soprattutto dal Belgio per dimostrare come i mattoni fatti di canapa, acqua e calce, siano un materiale da costruzione estremamente versatile, resistente, sostenibile, efficiente dal punto di vista energetico e di lunga durata.

Il Portogallo blocca nuovi investitori
Rainer ha 27 anni e vive nella regione di Lisbona, ma viene dall'Austria, dove esistono già diversi negozi specializzati in prodotti a base di canapa industriale: abbigliamento, accessori, cibo, bevande, creme, oli essenziali, semi, fiori, coloranti, ecc. .

Conoscendo la tradizione di questa industria in Portogallo, Rainer ha voluto investire nella piantagione di canapa e ha chiesto a DGAV una licenza di coltivazione nel maggio 2018. Pochi mesi dopo ha ricevuto una risposta negativa, con la giustificazione che le licenze erano "sospese", in attesa pubblicazione dell'ordinanza da parte dei sei Ministeri. La mancanza di definizione, in assenza di detta ordinanza, lascia indietro tutti i nuovi investitori in questo settore in Portogallo.

Va notato che il Portogallo, in gran parte a causa del clima, è attualmente tra i paesi più ricercati per la coltivazione e la produzione della specie Cannabis Sativa L., sia per scopi medici che industriali.

CannaReporter ha inviato richieste di chiarimenti al Ministro dell'Agricoltura, DGAV e Infarmed, ma finora non ha ricevuto risposta.

Il Cannabis Store Amsterdam ha aperto questa settimana a Lisbona
Tuttavia, nel mezzo di questo processo, il 31 marzo è stato aperto a Lisbona un negozio specializzato in prodotti a base di cannabis. IL Negozio di cannabis Amsterdam è un marchio italiano, rappresentato in Portogallo da Patrick Martins, che in dichiarazioni a NIT ha confessato che non è stato facile ottenere la licenza. Ha ammesso che era “complicato parlare con le entità in modo che possiamo conoscere tutte le informazioni e persino essere in grado di contattarle. Ma tutto si è risolto e ha aiutato il fatto che la catena sia conosciuta ed esista in diversi paesi ”.

Muffin alla canapa al Cannabis Store Amsterdam a Lisbona. Foto: Ringo GIacobelis (LisboaSecreta.co)

Secondo NIT, il negozio Bairro Alto ha più di 200 prodotti, dal merchandising agli articoli commestibili. Il proprietario del negozio, Patrick Martins, garantisce che è tutto a posto: “I clienti spesso chiedono se è tutto a posto. Spieghiamo sempre che questi articoli sono realizzati sulla base di CBD [cannabidiolo] e senza THC [tetraidrocannabinolo] o tracce ”.

CannaReporter non è stato in grado di accertare quale tipo di licenza è stata concessa a questo negozio e da quale entità. Ma con le segnalazioni di pazienti che denunciano il blocco di Infarmed nell'accesso al cannabidiolo (CBD), non consentendo la sua autorizzazione da parte dei pazienti, la situazione diventa seria. Per i pazienti o gli operatori sanitari, è un problema di salute pubblica, e la verità è che non è possibile capire quali sono le priorità del governo in termini di cannabis e cosa è legale o meno in Portogallo.

La cannabis per scopi medici è stata approvata nel 2018 ed è entrata in vigore il 1 ° febbraio 2019, ma i medici non possono ancora prescriverla, principalmente perché non ci sono ancora prodotti in vendita nelle farmacie. Infarmed afferma di non aver ancora ricevuto alcuna richiesta di ACM - Autorizzazione all'immissione sul mercato - da parte di aziende che detengono prodotti a base di cannabis.
____________________________________________________________
Foto in primo piano: Ricardo Rocha

1 Commenti
Sottoscrivi
Notifica
1 Commento
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] questa non è una situazione senza precedenti in Portogallo. Dal 2018 diversi agricoltori si sono lamentati di “persecuzioni” da parte delle forze di polizia e di “inerzia” o […]

Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionalegiorni fa 2

Il Patient Council della IACM partecipa per la prima volta alla Commissione delle Nazioni Unite sugli stupefacenti

La IACM – International Association for Cannabinoid Medicines – Patient Council sarà presente, per la prima volta, al prossimo...

Opinionegiorni fa 3

L'errore principale della legalizzazione in Germania

La primavera tedesca arriverà con nuovi fiori. La Germania è il terzo paese dell’Unione Europea a legalizzare completamente...

Eventigiorni fa 3

Spannabis ospiterà ancora una volta l'ICBC Barcellona dal 14 al 17 marzo

L'International Cannabis Business Conference (ICBC) aprirà un'altra edizione di Spannabis, il 14 marzo, con l'obiettivo di...

comunicati stampagiorni fa 4

Porto, Matosinhos, Valongo e Paredes – Otto arrestati per traffico di droga e sequestrate più di 8000mila dosi di droga

Il Comando Territoriale di Porto, attraverso il Centro Investigativo Criminale (NIC) di Santo Tirso, tra il 20 e il...

Nazionalegiorni fa 5

Portogallo: la GNR sequestra 3 tonnellate di hashish nel fiume Guadiana

L'Unità di controllo costiero e di frontiera (UCCF) della Guardia Nazionale Repubblicana (GNR) ha sequestrato venerdì scorso, 23...

Eventigiorni fa 5

Spannabis 2024: Barcellona ospita la 20a edizione della più grande fiera sulla cannabis al mondo, dal 15 al 17 marzo

Barcellona si prepara ad ospitare la ventesima edizione di Spannabis, la più grande fiera della cannabis al mondo, il 20...

Internazionalesettimane fa 1

Germania: oggi il Bundestag ha votato a favore della legalizzazione della cannabis, ma manca ancora l'approvazione del Consiglio federale

Il Bundestag ha discusso e votato questo pomeriggio il progetto di legalizzazione dell'uso personale di cannabis nel Paese, con 407...

Internazionalesettimane fa 1

Germania: Venerdì 23 si parlerà della legalizzazione

Il Bundestag tedesco delibererà finalmente sulla legalizzazione della cannabis per il consumo personale nel paese. Il dibattito, che è stato...

Canapasettimane fa 2

La coltivazione della canapa nelle Azzorre avrà una sessione informativa sull'isola di Terceira

La Confraria Internacional Cannabis Portugal e CannAzores uniscono le forze per promuovere una sessione informativa sulla coltivazione di...

Salutesettimane fa 2

CBD e CBC mostrano risultati promettenti nel carcinoma a cellule squamose della testa e del collo

Uno studio pubblicato sulla rivista Cancers ha scoperto che gli estratti di cannabis ricchi di CBD (cannabidiolo) possono uccidere le cellule del cancro al seno...