Seguici sui social
Pubblicità
Pubblicità

Canapa

Il governo rettifica l'ordinanza e gli agricoltori non hanno bisogno di un tecnico specializzato

Pubblicato il

em

Foto: DR

Il governo ha pubblicato ieri un comunicato di rettifica à Ordinanza n. 83/2021, dopo un'interpellanza di CannaCasa alla Presidenza del Consiglio dei ministri. L'Associazione Canapa Industriale ha chiesto chiarimenti su una possibile decadenza della suddetta ordinanza, dove la semplice modifica di un comma obbligava i coltivatori di canapa ad avere un responsabile tecnico.

Le reazioni degli agricoltori non si sono fatte attendere e molti hanno protestato contro la nuova legge. A torto, l'Ordinanza ha rinviato la coltivazione della canapa ad un comma dell'Ordinanza che stabiliva l'obbligo per ogni produttore di presentare la prova della qualifica del tecnico incaricato, che vale solo per la cannabis terapeutica, e che CannaCasa ha ritenuto un errore.

In una lettera inviata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, CannaCasa afferma che “dalla lettura dei vari commi presenti al numero 1 dell'articolo 3, risulta che al. m), “Indirizzo completo e localizzazione geografica per coordinate delle strutture in cui è stoccato il prodotto”, configura ipsis verbis l'unico dei requisiti sinora richiesti dalla DGAV non compresi nell'Ordinanza 83/2021, essendo al. n) dalla medesima ordinanza “Prova di qualificazione tecnica del tecnico incaricato adeguata all'esercizio dell'attività, al fine di garantire la gestione e assicurare la qualità delle attività svolte” completamente nuova. Tale requisito, infatti, non era mai stato richiesto per l'attività in questione”.

CannaCasa ha allertato dell'errore il Consiglio dei ministri, affermando che “siamo consapevoli che la pubblicazione dell'Ordinanza 83/2021 ha recepito, al numero 2 dell'articolo 3, una lacuna in relazione agli obblighi di istruzione per l'autorizzazione alla coltivazione della cannabis a fini industriali, ovvero nell'errata inclusione dell'al. n), quando riteniamo che al. m)."

Meno di un mese dopo, il Dichiarazione di rettifica n. 15/2021, che sostituisce la “voce n) Attestazione dell'idoneità tecnica del responsabile tecnico idoneo all'esercizio dell'attività, al fine di garantire la gestione e assicurare la qualità delle attività svolte” con “m) Indirizzo completo e ubicazione geografica dalle coordinate delle strutture in cui è immagazzinato il prodotto”.

Nonostante sembri irrilevante, il cambiamento è estremamente importante, poiché la richiesta di un tecnico potrebbe rendere impossibile la coltivazione della canapa per la stragrande maggioranza degli agricoltori.

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità
Pubblicità

Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionale20 ore fa

Il Giappone adotta misure per legalizzare la cannabis terapeutica

Il governo del Giappone sta valutando una revisione della sua Cannabis Control Law, che consentirebbe l'uso...

comunicati stampagiorni fa 2

Stati Uniti: Curaleaf chiude le operazioni in California, Colorado e Oregon

Curaleaf Holdings ha annunciato oggi in un comunicato stampa la chiusura proattiva della maggior parte delle sue operazioni in California, Colorado...

Corporazionigiorni fa 2

Bedrocan espande la produzione di cannabis terapeutica in Danimarca

Il produttore olandese di cannabis terapeutica Bedrocan sta aprendo una nuova struttura in Danimarca per soddisfare la domanda...

Internazionalegiorni fa 2

Malta: la registrazione per le licenze di cannabis inizia il 28 febbraio

È passato quasi un anno da quando Malta ha approvato una legislazione per regolamentare l'uso di cannabis da parte degli adulti, consentendo il possesso...

Internazionalegiorni fa 3

La Francia fa un passo avanti nella legalizzazione della cannabis

Il Consiglio economico, sociale e ambientale francese (Cese) ha proposto una "legalizzazione controllata" della cannabis, nel tentativo di "essere guidati...

comunicati stampagiorni fa 3

Svizzera: Linnea ottiene la licenza per produrre ed esportare API ad alto contenuto di THC

Linnea SA ha ottenuto la licenza narcotici da Swissmedic, l'equivalente svizzero di Infarmed IP, diventando così uno dei primi...

Internazionalegiorni fa 3

La Germania punta a completare il disegno di legge e il parere tecnico sulla legalizzazione entro la fine di marzo

Il disegno di legge del governo tedesco per la legalizzazione della cannabis dovrebbe essere completato entro la fine di marzo,...

Internazionalegiorni fa 4

Stati Uniti: la Corte Suprema dell'Arizona stabilisce che l'uso di cannabis terapeutica durante la gravidanza non costituisce negligenza infantile

La Corte Suprema dell'Arizona ha stabilito che l'uso materno di cannabis per le nausee mattutine non costituisce negligenza infantile, il...

Internazionalegiorni fa 4

Repubblica Ceca: il progetto per la legalizzazione dell'uso da parte degli adulti potrebbe essere presentato già a marzo

La legislazione che regolerà la cannabis per scopi ricreativi nella Repubblica Ceca potrebbe vedere la luce entro...

Nazionalegiorni fa 5

Clever Leaves licenzia 63 persone e lascia il Portogallo

Clever Leaves ha annunciato oggi che abbandonerà le sue attività in Portogallo, dopo aver proceduto al licenziamento collettivo di 63 lavoratori....