Seguici sui social

Canapa

Il governo rettifica l'ordinanza e gli agricoltori non hanno bisogno di un tecnico specializzato

Pubblicato il

em

Ascolta questo articolo
Foto: DR

Il governo ha pubblicato ieri un comunicato di rettifica à Ordinanza n. 83/2021, dopo un'interpellanza di CannaCasa alla Presidenza del Consiglio dei ministri. L'Associazione Canapa Industriale ha chiesto chiarimenti su una possibile decadenza della suddetta ordinanza, dove la semplice modifica di un comma obbligava i coltivatori di canapa ad avere un responsabile tecnico.

Le reazioni degli agricoltori non si sono fatte attendere e molti hanno protestato contro la nuova legge. A torto, l'Ordinanza ha rinviato la coltivazione della canapa ad un comma dell'Ordinanza che stabiliva l'obbligo per ogni produttore di presentare la prova della qualifica del tecnico incaricato, che vale solo per la cannabis terapeutica, e che CannaCasa ha ritenuto un errore.

In una lettera inviata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, CannaCasa afferma che “dalla lettura dei vari commi presenti al numero 1 dell'articolo 3, risulta che al. m), “Indirizzo completo e localizzazione geografica per coordinate delle strutture in cui è stoccato il prodotto”, configura ipsis verbis l'unico dei requisiti sinora richiesti dalla DGAV non compresi nell'Ordinanza 83/2021, essendo al. n) dalla medesima ordinanza “Prova di qualificazione tecnica del tecnico incaricato adeguata all'esercizio dell'attività, al fine di garantire la gestione e assicurare la qualità delle attività svolte” completamente nuova. Tale requisito, infatti, non era mai stato richiesto per l'attività in questione”.

CannaCasa ha allertato dell'errore il Consiglio dei ministri, affermando che “siamo consapevoli che la pubblicazione dell'Ordinanza 83/2021 ha recepito, al numero 2 dell'articolo 3, una lacuna in relazione agli obblighi di istruzione per l'autorizzazione alla coltivazione della cannabis a fini industriali, ovvero nell'errata inclusione dell'al. n), quando riteniamo che al. m)."

Meno di un mese dopo, il Dichiarazione di rettifica n. 15/2021, che sostituisce la “voce n) Attestazione dell'idoneità tecnica del responsabile tecnico idoneo all'esercizio dell'attività, al fine di garantire la gestione e assicurare la qualità delle attività svolte” con “m) Indirizzo completo e ubicazione geografica dalle coordinate delle strutture in cui è immagazzinato il prodotto”.

Nonostante sembri irrilevante, il cambiamento è estremamente importante, poiché la richiesta di un tecnico potrebbe rendere impossibile la coltivazione della canapa per la stragrande maggioranza degli agricoltori.

Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Canapa9 ore fa

La coltivazione della canapa nelle Azzorre avrà una sessione informativa sull'isola di Terceira

La Confraria Internacional Cannabis Portugal e CannAzores uniscono le forze per promuovere una sessione informativa sulla coltivazione di...

Salutegiorni fa 5

CBD e CBC mostrano risultati promettenti nel carcinoma a cellule squamose della testa e del collo

Uno studio pubblicato sulla rivista Cancers ha scoperto che gli estratti di cannabis ricchi di CBD (cannabidiolo) possono uccidere le cellule del cancro al seno...

Internazionalegiorni fa 5

Ucraina: Zelenskyj firma un disegno di legge per legalizzare la cannabis terapeutica

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha firmato un disegno di legge che legalizza la cannabis terapeutica in Ucraina, con l'aspettativa che...

Nazionalesettimane fa 2

Portogallo: Associação Mães pela Canábis pubblica un e-book sulla cannabis medicinale

L'Associazione delle Madri per la Cannabis (AMC) ha annunciato il lancio di un e-book intitolato “Frontiere della Cannabis: SCIENZA, TERAPIA E...

Corporazionisettimane fa 3

Akanda firma una lettera di intenti per vendere RPK Biopharma a Somaí. “Sarà una delle poche aziende verticali di cannabis nell’UE”, afferma Michael Sassano

Akanda Corporation, una società internazionale di cannabis terapeutica quotata al Nasdaq (AKAN) e proprietaria della società portoghese Holigen, ha annunciato...

Canapasettimane fa 3

Portogallo: DGAV ammette che il CBD è il suo “grande grattacapo” e i produttori rivendicano l’uso dell’intera pianta

Il convegno “Canapa Industriale – la (Ri)nascita di Fileira in Portogallo” promosso da Cânhamor e Consulai, che si è svolto il...

Internazionalesettimane fa 3

Pensionato spagnolo aggira i controlli di sicurezza dell'aeroporto di Lisbona con 21 kg di cannabis

Un pensionato spagnolo di 63 anni è stato arrestato a Malta, dopo essere atterrato all'aeroporto con un volo proveniente da Lisbona,...

Canapasettimane fa 3

Portogallo: domani a Beja si discuterà del futuro della canapa industriale

  L'auditorium EDIA, a Beja, ospiterà domani, 30 gennaio, a partire dalle 14, una rotonda...

Internazionalesettimane fa 4

Spagna: il direttore dell'Ispettorato speciale antidroga propone campagne sul rischio del consumo di cannabis

La direttrice dell'Ispettorato Speciale Antidroga, Rosa Ana Morán Martínez, ha recentemente avvertito che la Spagna è diventata "il principale produttore di...

interviste1 mese fa

Elena Battaglia, veterinaria: “Ho dei malati di cancro che dovevano morire due anni fa e sono ancora vivi”

Abbiamo parlato con la veterinaria italiana Elena Battaglia, che ha una vasta esperienza nell'uso dei cannabinoidi negli animali, e le abbiamo spiegato...