Seguici sui social

Canapa

Infarmed ribadisce che il CBD è proibito nei cosmetici

Pubblicato il

em

Foto: DR | Kent giornalista

Infarmed – IP Medicine Authority ha pubblicato una circolare informativa rafforzando il divieto di utilizzo del CBD (cannabidiolo) estratto dalla “cannabis per scopi industriali” (canapa). Citando la Convenzione Unica sugli stupefacenti del 1961, il Presidente di Infarmed, Rui Santos Ivo, chiarisce che “i prodotti cosmetici non possono quindi contenere le seguenti sostanze/preparati legati alla pianta di cannabis, indipendentemente dal loro contenuto di tetraidrocannabinolo (THC)” – “che comprende (sic) varietà di canapa industriale” (in una nota).

“La cannabis è classificata nel territorio nazionale come narcotico, ed è inserita nella tabella IC, allegata al decreto-legge n.15/93, del 22 gennaio, nella sua attuale redazione. Nell'ambito di questo quadro, è vietato l'uso della pianta di cannabis per scopi diversi da quelli medicinali, ad eccezione dell'uso di fibre (steli) e semi di varietà a basso contenuto di THC di cannabis per scopi industriali (canapa)”, insiste Infarmed. .

Secondo la Medicines Authority, “non è consentita l'inclusione di CBD o altri cannabinoidi, che esistono naturalmente nella pianta di cannabis, in quanto ottenuti attraverso la preparazione di estratti o tinture di cannabis o della sua resina”.

Infarmed rafforza il fatto che il CBD è una sostanza controllata

La circolare informativa Infarmed afferma inoltre che “per quanto riguarda i vari cannabinoidi che fanno parte della resina di cannabis, e in particolare la sostanza cannabidiolo (CBD), è espressa interpretazione dell'International Narcotic Control Board (INCB – International Narcotic Control Board ), che è disciplinata dalla Convenzione Unica sugli stupefacenti del 1961, come estratto/preparato della pianta di cannabis, ed è inclusa nella tabella I allegata a tale convenzione. Pertanto, le suddette sostanze, ovvero la sostanza cannabidiolo (CBD), come resina o preparato di cannabis, sono incluse nella tabella IC, allegata al decreto-legge n., fatte salve le misure di controllo applicabili alle sostanze ivi previste”.

Il CBD è vietato nei cosmetici

Infarmed sottolinea che l'immissione sul mercato dei prodotti cosmetici “rispetta i requisiti stabiliti dal Regolamento (CE) n. 1223/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 30 novembre 2009”.

Tale Regolamento “vieta l'inclusione nei prodotti cosmetici di tutte le sostanze elencate nelle tabelle I e II della Convenzione Unica sugli Stupefacenti del 1961, attraverso la voce 306 dell'Allegato II. Inoltre, a livello nazionale, tali sostanze sono considerate controllate, secondo quanto previsto dal decreto-legge 15 gennaio n.93/22, nella sua attuale formulazione”.

In questo senso, afferma Infarmed che “i prodotti cosmetici non possono contenere le seguenti sostanze/preparati legati alla pianta di cannabis, indipendentemente dal loro contenuto di tetraidrocannabinolo (THC)”:

  • Cannabis e Resina di Cannabis;
  • Estratti e tinture di cannabis;
  • Foglie e sommità fiorite/fiorite o fruttifere della pianta di Cannabis.

L'inclusione di CBD o altri cannabinoidi, che esistono naturalmente nella pianta di cannabis, non è consentita, “perché sono ottenuti attraverso la preparazione di estratti o tinture di Cannabis o sua resina”.

“In questo divieto sono comprese le sostanze CANNABIDIOL -DERIVE DA ESTRATTO O TINTURA O RESINA DI CANNABIS e CANNABIS SATIVA FOGLIE ESTRATTO”. Queste designazioni compaiono in CosIng, il database della Commissione europea per informazioni su sostanze e ingredienti. Un ingrediente elencato su CosIng non significa che il suo utilizzo nei prodotti cosmetici sia approvato” – si legge in una nota nella circolare – “ma la sua inclusione nei prodotti cosmetici non è autorizzata”.

Solo olio di semi di canapa autorizzato

È escluso da tale divieto l'uso di “sostanze/preparati ottenuti da semi di piante con un contenuto di THC ≤ 0,2%, quali, ad esempio, olio di semi di cannabis di varietà iscritte nel Catalogo comune delle varietà di specie agricole”.

Infarmed avverte che "ci sono altre fonti di CBD che non sono coperte dall'allegato II del regolamento (CE) n. 1223/2009, ma sono in fase di analisi nell'Unione Europea e nell'Organizzazione Mondiale della Sanità". L'uso di queste sostanze nei cosmetici deve essere analizzato caso per caso e richiede sempre una valutazione della sicurezza.

La circolare conclude affermando che “l'adeguatezza della composizione dei prodotti cosmetici immessi sul mercato alla normativa vigente è un obbligo del Soggetto Responsabile, il quale deve garantire il rispetto della normativa applicabile e la sicurezza dei prodotti cosmetici ai sensi o condizioni d'uso ragionevolmente prevedibili. Le persone responsabili oi distributori che operano in Portogallo devono garantire che la composizione dei prodotti che mettono a disposizione sul mercato soddisfi questi requisiti”, conclude.

Leggi la circolare informativa completa qui:

Infarmed-Circolare-Informativo-N-014-CD-100-20-200

Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionaleore 1 fa

Il Patient Council della IACM partecipa per la prima volta alla Commissione delle Nazioni Unite sugli stupefacenti

La IACM – International Association for Cannabinoid Medicines – Patient Council sarà presente, per la prima volta, al prossimo...

Opinionegiorni fa 2

L'errore principale della legalizzazione in Germania

La primavera tedesca arriverà con nuovi fiori. La Germania è il terzo paese dell’Unione Europea a legalizzare completamente...

Eventigiorni fa 2

Spannabis ospiterà ancora una volta l'ICBC Barcellona dal 14 al 17 marzo

L'International Cannabis Business Conference (ICBC) aprirà un'altra edizione di Spannabis, il 14 marzo, con l'obiettivo di...

comunicati stampagiorni fa 4

Porto, Matosinhos, Valongo e Paredes – Otto arrestati per traffico di droga e sequestrate più di 8000mila dosi di droga

Il Comando Territoriale di Porto, attraverso il Centro Investigativo Criminale (NIC) di Santo Tirso, tra il 20 e il...

Nazionalegiorni fa 5

Portogallo: la GNR sequestra 3 tonnellate di hashish nel fiume Guadiana

L'Unità di controllo costiero e di frontiera (UCCF) della Guardia Nazionale Repubblicana (GNR) ha sequestrato venerdì scorso, 23...

Eventigiorni fa 5

Spannabis 2024: Barcellona ospita la 20a edizione della più grande fiera sulla cannabis al mondo, dal 15 al 17 marzo

Barcellona si prepara ad ospitare la ventesima edizione di Spannabis, la più grande fiera della cannabis al mondo, il 20...

Internazionalesettimane fa 1

Germania: oggi il Bundestag ha votato a favore della legalizzazione della cannabis, ma manca ancora l'approvazione del Consiglio federale

Il Bundestag ha discusso e votato questo pomeriggio il progetto di legalizzazione dell'uso personale di cannabis nel Paese, con 407...

Internazionalesettimane fa 1

Germania: Venerdì 23 si parlerà della legalizzazione

Il Bundestag tedesco delibererà finalmente sulla legalizzazione della cannabis per il consumo personale nel paese. Il dibattito, che è stato...

Canapasettimane fa 2

La coltivazione della canapa nelle Azzorre avrà una sessione informativa sull'isola di Terceira

La Confraria Internacional Cannabis Portugal e CannAzores uniscono le forze per promuovere una sessione informativa sulla coltivazione di...

Salutesettimane fa 2

CBD e CBC mostrano risultati promettenti nel carcinoma a cellule squamose della testa e del collo

Uno studio pubblicato sulla rivista Cancers ha scoperto che gli estratti di cannabis ricchi di CBD (cannabidiolo) possono uccidere le cellule del cancro al seno...