Seguici sui social

Salute

Cos'è un "brutto viaggio" della cannabis, come evitarlo e come uscirne

Pubblicato il

em

Foto: DR

La cannabis è spesso associata al piacevole "high" che può fornire, il più delle volte con una sensazione di relax, buon umore o voglia di ridere per niente. Tuttavia, ci sono momenti in cui l'esperienza è tutt'altro che piacevole. Quindi cosa fai se le cose vanno male? Per rispondere a questa domanda, spiegheremo le diverse forme di consumo, quali sintomi caratterizzano un'esperienza spiacevole, come prevenirla e come porre fine a un "brutto viaggio" di cannabis. 

Con la presenza di Cannareporter nel Festa del Boom, evento in cui svolge un ruolo cruciale la riduzione del danno connesso al consumo di sostanze, attraverso il servizio antidroga del Cosmicare, è opportuno allertare i nostri lettori, soprattutto i più giovani, sugli effetti negativi che possono derivare dall'uso della cannabis.

Tutti gli amanti della cannabis hanno sperimentato, almeno una volta nella vita, a viaggio cannabis cattiva. La paranoia è al suo peggio e vuoi così tanto uscirne viaggio, ma non si fermerà per le prossime ore. Sei praticamente nel tuo peggior incubo e non puoi uscirne. Per un utente inesperto, un tale evento può essere traumatizzante. E nel peggiore dei casi, può portare a un'impressione sbagliata di come può essere l'esperienza della cannabis, o addirittura a una completa avversione nei suoi confronti. 

Ma non deve essere così. quelli cattivi Pacchetti della cannabis sono sia prevenibili che curabili. In questo articolo, intendiamo fornirti le conoscenze per mitigare la situazione nel miglior modo possibile e affrontarla in modo efficace, nel caso in cui ti succeda qualcosa di brutto. viaggio di cannabis. 

Cosa può causare un male viaggio di cannabis?

Un'esperienza negativa con la cannabis può essere il risultato di molti fattori. Per darti un'idea di come diversi tipi di metodi di consumo, così come l'ambiente stesso, possono influenzare la tua esperienza di consumo di cannabis, approfondiamo l'argomento. 

Consumare commestibili

Tutti conoscono senza dubbio il leggendario rapper Snoop Dogg, che dopo Cheech e Chong è forse il più grande nome della cannabis quando si tratta di personaggi famosi. Ebbene, per uno che sostiene di consumarne circa 81 smussati al giorno, il famoso rapper cerca di evitare il consumo di commestibili, perché secondo “il commestibili Non hanno alcun pulsante di spegnimento. per qualcunoSe fondamentalmente passi la maggior parte della tua giornata a fumare cannabis, questo potrebbe essere qualcosa da considerare. 

A differenza del fumo, dello svapo o dell'assunzione di un bong, l'ingestione di cannabis la fa passare attraverso il tratto gastrointestinale e il fegato prima di raggiungere il flusso sanguigno. Di conseguenza, non solo il tempo per sentire gli effetti richiede più tempo, ma gli effetti dureranno molto più a lungo, quindi l'intera esperienza degli effetti sarà molto più forte. Questo accade perché il fegato converte il nostro amico Delta-9-THC in 11-idrossi-THC, che è un analogo più potente, in grado di portare il consumatore in un'esperienza più intensa e che spesso può essere più terrificante, soprattutto per i consumatori meno esperti. . 

Molti consumatori di cannabis, sia neofiti che più esperti, finiscono per commettere, con una certa frequenza, un errore molto elementare: ingerire troppo in un breve periodo di tempo, invece di aspettare abbastanza a lungo per gli effetti del commestibile iniziano a farsi sentire. Raccomandiamo a tutti noi di non essere mai troppo zelanti quando si tratta di commestibili, soprattutto se sono “neofiti” in questo tipo di consumi. Dalla nostra esperienza, abbiamo visto troppi casi in cui il consumo di commestibili finì in un'esperienza meno piacevole. Così, consigliamo di iniziare in piccolo e di attendere almeno due o tre ore prima di mangiare di più.

tamponando

Come il consumo di commestibilio tamponando è naturalmente preparato per fornire un'esperienza molto più forte di quella affumicata. O tamponando è un metodo relativamente nuovo di consumo di cannabis che prevede la vaporizzazione di concentrati di cannabis - sostanze contenenti dal 50% al 90% circa di THC - e dove un dispositivo chiamato impianto di tamponamento, che risulta essere una specie di bong per questo scopo. Questo è molto diverso dai fiori normali che contengono al massimo circa il 30% di THC.

In modo che tu abbia più o meno un'idea, la quantità di THC presente in un singolo tamponare, cioè semplicemente una inalazione, sarà più o meno l'equivalente di consumare un'intera canna, in un sudario come dimensione del re, tutto in una volta, senza alcuna interruzione. 

Per chi non l'ha mai provato tamponare, o anche per chi l'ha già provato, preparatevi, perché il vostro sistema endocannabinoide sarà pesantemente inondato di THC, che a sua volta può provocare sensazioni leggermente più spiacevoli, anche per i fumatori più esperti. Anche qui il dosaggio gioca un ruolo importante. 

Consumare varietà con alti livelli di THC

Chiedete informazioni sulla potenza a qualsiasi consumatore di cannabis della vecchia scuola e vi diranno che la cannabis di oggi è molto più forte di quanto non fosse in passato, il che è assolutamente vero. Negli anni '70, '80 e persino negli anni '90, i livelli di THC non superavano dal 10% al 15%, o, al massimo dei massimi, il 20% già negli anni '90.Dal 25% al ​​30% di THC. Questi sono quelli che possono inabilitare un utente meno esperto in un istante. 

Sebbene, ovviamente, il THC non sia l'unica sostanza che definisce lo "sballo" nel consumo di cannabis, risulta essere la più significativa; pertanto, è più probabile che livelli più elevati della sostanza causino un'esperienza spiacevole. 

Stato mentale

Proprio come l'alcol, la cannabis può amplificare i tuoi sentimenti e lo stato d'animo che hai al momento del consumo. Se una persona si sente di buon umore, tutta quella positività riecheggerà per tutta l'esperienza. D'altra parte, se sei in uno stato mentale leggermente più negativo, questo può risvegliare e amplificare emozioni più impegnative. Se c'è qualcosa che ti turba o ti fa stare male, emotivamente o mentalmente, tutto verrà a galla molto più facilmente. Pertanto, questo non è certamente il momento migliore per consumare cannabis.

Contesto sociale

Analogamente allo stato mentale, anche il contesto sociale gioca un ruolo nel risultato della tua esperienza con la cannabis. Se sei con un gruppo di amici intimi di cui ti fidi, con buona musica e buone vibrazioni tutt'intorno, è probabile che tu abbia una buona esperienza. Allo stesso modo, trovarsi in un ambiente caotico, con persone che non conosci, può scatenare emozioni spiacevoli. Alcune persone si sentono molto più ansiose quando ciò accade, mentre altre perdono la presa sulla realtà. E questa può essere una situazione spaventosa. 

Quali sono i sintomi di un male viaggio di cannabis?

Sebbene abbiamo già descritto alcuni degli effetti in modo più leggero, diamo ora un'occhiata ai vari sintomi e sensazioni che si possono provare durante una brutta viaggio di cannabis. Oltre alla tipica secchezza delle fauci oa qualche dissociazione spaziale e temporale, che può anche essere frequente, in alcuni casi e in alcune persone possono comparire altri sintomi più esacerbati. 

Paranoia

L'uso di cannabis a volte può far riflettere troppo le persone. La mente e il corpo raggiungono livelli di ansia più elevati, mentre cercano di capire se la persona accanto a te, in un luogo pubblico, si sia accorta o meno del tuo stato alterato. Questo può portare al sintomo successivo, il panico, che rende l'intera esperienza ancora più angosciante. 

attacchi di panico 

Gli attacchi di panico sono davvero un'esperienza spaventosa. Possono causare respirazione irregolare, che si traduce in mancanza di respiro, ansia elevata, battito cardiaco accelerato e persino svenimento. Tutto questo si verifica mentre scenari stressanti o intrusivi si ripetono ripetutamente nella tua testa. La cannabis può aumentare e causare questi sintomi in alcune persone. 

È per questo motivo che molte persone cercano di dimenticare del tutto le loro esperienze con la cannabis. Dopotutto, chi vuole essere in uno stato di ansia fino al terrore, anche solo per pochi istanti? La cosa peggiore è che un male viaggio di cannabis può durare per ore, a seconda del metodo di consumo, il che può essere estremamente preoccupante per chi è già a rischio panico. 

Allucinazioni

Sebbene le allucinazioni legate alla cannabis siano rare e non abbiano nulla a che fare con quelle sperimentate con l'uso di sostanze psichedeliche, possono verificarsi, specialmente con il commestibili. Spesso, coloro che provano alte dosi di THC le prime volte possono sperimentare quelle che considerano allucinazioni uditive e/o visive. Questo può essere qualcosa di cui i consumatori meno esperti in particolare possono essere piuttosto allarmati. 

Vertigini

Chiunque abbia avuto un brutto viaggio con la cannabis ha familiarità con l'incantesimo vertiginoso che provoca. Sembra che il mondo intorno a te stia girando più velocemente. Immagina di essere su un incubo sulle montagne russe. Molte vertigini accadono ai fumatori alle prime armi, che hanno già ingerito molto più di quanto avrebbero dovuto. Ma anche nei consumatori più esperti, questo può accadere anche a seguito dell'assunzione di un tamponare o anche un bongada più grande di quanto tu possa gestire.

Malessere fisico e vomito

Le vertigini sono solo una delle numerose sensazioni fisiche potenzialmente dolorose durante un brutto viaggio con l'erba, ma puoi anche sudare copiosamente, provare fastidio allo stomaco, vomitare o avere un battito cardiaco accelerato. Alcune persone sperimentano anche episodi di tremori e intorpidimento. 

Come recuperare/superare un male viaggio di cannabis?

Quanto possono durare queste brutte esperienze? Questo è qualcosa che può variare notevolmente da persona a persona. Se il consumo è avvenuto attraverso il metodo più tradizionale, il fumo o anche lo svapo, queste sensazioni possono durare tra 1 e 2 ore, ma se è avvenuto attraverso il consumo di commestibili, o ingeriti, questi effetti possono durare fino a 8 ore o anche di più, a seconda della dose. Detto questo, questi spiacevoli sintomi, di norma, diminuiscono di intensità nel tempo e possono anche scomparire del tutto anche prima che lo "sballo" finisca.

La cosa buona di una brutta esperienza con la cannabis è che non è esattamente pericolosa per la vita, almeno per quanto riguarda la possibilità di un'overdose fatale. Spesso si tratta di ricordare di essere sotto l'influenza di una sostanza psicotropa e di fare semplicemente del proprio meglio per rilassarsi e lasciarsi andare. Tuttavia, come molte persone potrebbero non sapere ancora, ecco alcuni consigli utili nel caso in cui ti trovi in ​​una situazione meno piacevole quando usi la cannabis. 

cerca di calmarti

Sebbene sia più facile a dirsi che a farsi, la chiave qui è spostare la tua attenzione su qualcosa che sia più calmante, o almeno che distragga dalla situazione in cui ti trovi. Un buon modo per farlo è cambiare dove ti trovi. Se possibile, fai una breve passeggiata all'aperto o trova un posto tranquillo e rilassante dove sederti per un po'. Sarai sorpreso di ciò che può fare per la tua condizione il semplice cambiamento della posizione in caso di un brutto caso. viaggio di cannabis. 

rimani idratato

L'acqua potabile non solo può aiutare ad alleviare la sensazione di secchezza delle fauci che la cannabis tende a causare, ma renderà anche lo "sballo" meno catastrofico. Anche mescolare l'alcol è una pessima idea, poiché aggraverà solo i sintomi. In caso di dubbio, idrata! 

Respira con calma e profondamente

Le persone che attraversano episodi di paranoia spesso dimenticano di respirare correttamente, che è ciò che spesso le conduce lungo il sentiero oscuro di pensieri invasivi o ansiosi, che finiscono per trasformarsi in un attacco di panico. 

Se senti che la cannabis ti sta facendo prendere dal panico, cerca immediatamente di regolare la respirazione. Inspira profondamente ed espira lentamente finché non ti senti più calmo. Potrebbero essere necessarie un po' di pratica e perseveranza per sviluppare questa abitudine, ma una volta fatto, sarai in grado di eliminare il panico indotto dalla cannabis prima che prenda il sopravvento su tutto il tuo corpo. 

prendi CBD

Il cannabidiolo, o CBD, è spesso usato come stabilizzatore contro il THC se assunto a dosi più elevate. Questo cannabinoide non psicotropo riduce il potenziale psicotropo del THC, contribuendo a mitigare una brutta esperienza con la cannabis, specialmente quando sono coinvolte grandi quantità di THC. L'uso del CBD nel consumo di cannabis può avvenire attraverso il semplice fatto di aggiungere fiori con quantità maggiori di CBD o anche come alternativa all'uso del tabacco. Un'altra opzione è l'uso di commestibili e/o assumere oli ricchi di CBD. 

ascolta la musica che ti piace 

Una buona canzone può fare molto per il tuo stato d'animo attuale. E ascoltare la musica che non ti piace può far emergere i peggiori sentimenti. Se pensi di finire nei guai viaggio, prova a mettere su alcune delle tue canzoni preferite che ti mettono più a tuo agio, di buon umore e calmo. Anche guardare un film o una serie a fumetti è un'ottima opzione. 

mangiare qualcosa di dolce

Mangiare qualcosa di dolce, che si tratti di torte, dolci o frutta, alzerà la glicemia e distrarrà i tuoi sensi, soprattutto se è una delle tue prelibatezze e prelibatezze preferite, è possibile ribaltare una situazione spiacevole e sentirsi di nuovo bene. C'è anche chi dice che il cioccolato o il limone aiutino a ridurre lo 'sballo'. 

Come evitarne uno cattivo viaggio di cannabis?

Come si suol dire, prevenire è meglio che curare, e con questo in mente, ecco alcuni modi per evitare una brutta esperienza con la cannabis. 

Consumare piccole dosi

Uno dei primi consigli che sentirete quando provate la cannabis, o anche qualsiasi altro tipo di droga, per la prima volta, e indipendentemente dal metodo di consumo scelto, è il vecchio “inizia basso e vai piano”. Ocioè iniziare lentamente e prendersela comoda. Perché proprio come mangiare un pasto, dobbiamo mangiare lentamente e non mangiare troppo o troppo velocemente, altrimenti ti sentirai presto sazio.  

Se vuoi evitare una brutta esperienza nel consumo di cannabis, dovresti seguire la stessa ideologia e inviare un respiro alla volta, nel caso in cui il consumo avvenga nei metodi più tradizionali di fumo e/o svapo. Per quanto riguarda commestibili, ad esempio, iniziare con porzioni più piccole e attendere almeno due o tre ore prima di ripetere la dose, poiché gli effetti si avvertono solo dopo che la digestione è avvenuta. 

Evita di usare la cannabis se ti senti giù

Come accennato in precedenza, il tuo stato mentale ed emotivo pre-consumo influenzerà l'esito della tua esperienza. Pertanto, evita di consumare se ti senti basso, irritabile o semplicemente non bene in generale. Non sprecare le tue scorte per una brutta esperienza. Dopotutto, il consumo di cannabis riguarda principalmente la generazione di esperienze e momenti positivi e non viceversa. Pertanto, consumare per correre il rischio di sentirsi peggio non è consigliabile. 

Mettiti in un buon ambiente 

Quando parliamo di un buon ambiente, intendiamo un posto confortevole, con amici di cui ti fidi, buona musica e a atmosfera divertente e rilassante. Evita i luoghi che ti impediscono di rilassarti veramente e di sfruttare al massimo l'intera esperienza. 

Circondati di persone di cui ti fidi e con cui ti diverti.

Con riferimento al punto precedente, conviene stare tra persone di cui ci si fida e con cui ci si trova a proprio agio. Che si tratti della tua famiglia o dei tuoi amici, assicurati di avere le persone giuste con te. 

riposare in condizioni

Quando ti manca il sonno, ti senti più scontroso e incapace di funzionare correttamente. E se fumi anche tu mentre sei in questo stato, potresti avere un'esperienza meno piacevole. Quindi assicurati di aver avuto la tua buona dose di riposo, soprattutto prima di una sessione di cannabis con gli amici. 

Alla fine andrà tutto bene...

Qualunque sia il motivo e il motivo che ti ha portato ad avere una brutta esperienza con la cannabis, puoi stare tranquillo: alla fine tutto tornerà alla normalità! È necessario tener conto che vivere male viaggio di cannabis non significa che diventerà qualcosa di ricorrente ogni volta che si consuma cannabis, anche perché, come abbiamo spiegato in questo articolo, ci sono diversi fattori inerenti ai quali ciò può accadere. Anche i consumatori più esperti sono destinati ad avere un'esperienza tutt'altro che positiva. 

Tuttavia, se vuoi ridurre al minimo il rischio di fare un brutto viaggio con cannabis, puoi sempre considerare questi suggerimenti come modi per evitare che ciò accada. E, naturalmente, per mantenere un rapporto buono, sano e positivo con questa pianta.  

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

+ post
Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Eventi24 ore fa

Mary Jane celebra per la prima volta in Germania la cultura della cannabis legale

È il prossimo fine settimana, dal 14 al 16 giugno, che avrà luogo la consueta Mary Jane, presso la Messe...

Eventigiorni fa 6

CB Club riunisce i professionisti della cannabis in attesa di Mary Jane, a Berlino

In attesa del CB Expo (Cannabis Business Expo and Conference), che si svolgerà a Dortmund, nel mese di settembre, la CB Company...

rapportosettimane fa 1

Sud Africa: la legalizzazione di un settore già fiorente

Nelle settimane precedenti le elezioni dell'Assemblea Generale in Sud Africa, mercoledì scorso, 29 maggio, si sono svolte...

intervistesettimane fa 1

Rui Reininho: “Penso che sia davvero strano che i miei colleghi della GNR mettano il naso nelle proprietà delle persone per vedere cosa fa questa pianta”

Rui Reininho, musicista portoghese divenuto famoso come cantante dei GNR, non ha bisogno di presentazioni. Contrariamente a quanto molti pensano, non ha trovato...

Notiziesettimane fa 2

Canada: uno studio dimostra che l'uso di cannabis riduce il consumo di metanfetamine

I poliassuntori, individui che consumano diverse sostanze, spesso si rivolgono alla cannabis come un modo per ridurre il loro consumo...

Eventisettimane fa 3

CannaTrade torna a Zurigo dal 24 al 26 maggio

CannaTrade – Fiera e Festival Internazionale della Canapa di Zurigo raggiunge la maggiore età nel 2024, celebrando la sua 18esima...

comunicati stampasettimane fa 4

Il Gruppo SOMAÍ e la sua controllata RPK Biopharma espandono la partnership con Cookies per includere l'Europa e il Regno Unito

LISBONA, PORTOGALLO, 16 maggio 2024 /EINPresswire.com/ — Il gruppo SOMAÍ (“SOMAÍ”) e la sua controllata, RPK Biopharma hanno ampliato...

Nazionalesettimane fa 4

Portogallo: il consumo stimato di CBD aumenta nonostante il divieto

Il rapporto “Cannabis in Portugal”, realizzato da Euromonitor International, ha diffuso i dati più recenti sull’industria della cannabis,...

Nazionalesettimane fa 4

"Cannabis. Maldita e Maravilhosa”, di Margarita Cardoso de Meneses, esce in libreria il 16 maggio

Margarita Cardoso de Meneses, collaboratrice di CannaReporter®, ha appena pubblicato il libro “Canábis. Maldita e Maravilhosa”, edito da Oficina do...

comunicati stampa1 mese fa

Montemor-o-Velho: arrestato per coltivazione di cannabis

Il Comando Territoriale di Coimbra, attraverso l'Unità di Investigazione Criminale (NIC) del Distaccamento Territoriale di Montemor-o-Velho, oggi, il 9...