Seguici sui social

Internazionale

Il ruolo degli endocannabinoidi nel meccanismo di riduzione dello stress del cervello

Pubblicato il

em

Foto: DR | livepurepower.com

Nel campo della scienza medica, le scoperte rivoluzionarie hanno il potere di rivoluzionare il panorama sanitario. Recentemente, i ricercatori hanno rivelato nuove informazioni su come il sistema endocannabinoide del corpo reagisce allo stress, aprendo potenzialmente la strada allo sviluppo di farmaci innovativi per il trattamento dei disturbi psichiatrici. Quando le persone affrontano lo stress, nel loro corpo si verificano una serie complessa di reazioni. Si ritiene che il cervello, in risposta al cortisolo prodotto dallo stress, possa rilasciare i propri endocannabinoidi per riequilibrarsi. Questi endocannabinoidi attivano gli stessi recettori nel cervello e sono simili a quelli presenti nelle piante di cannabis, in particolare nel THC.

Tuttavia, gli intricati schemi dell’attività cerebrale e dei circuiti neurologici modulati da questi endocannabinoidi derivati ​​dal cervello sono rimasti a lungo avvolti nel mistero. Un recente studio preclinico, Finora, effettuato solo sui topi, è arrivato a chiarire parte di questo enigma. I ricercatori hanno scoperto che un centro emotivo cruciale nel cervello, noto come amigdala, rilascia cannabinoidi endogeni durante le situazioni stressanti. Questi cannabinoidi agiscono come inibitori naturali del cortisolo, attenuando l'impatto dei segnali di stress provenienti dall'ippocampo, una regione vitale responsabile della memoria e delle emozioni.

Sachi Patel, autore principale dello studio e presidente del dipartimento di psichiatria e scienze comportamentali presso la Feinberg School of Medicine della Northwestern University, ha evidenziato il potenziale impatto di questi risultati: “Capire come il cervello si adatta allo stress a livello molecolare, cellulare e dei circuiti può fornire preziose informazioni sulla trasformazione dello stress in disturbi dell’umore. Potrebbe anche rivelare obiettivi terapeutici innovativi per combattere i disturbi legati allo stress”.

Cannareporter aveva già pubblicato un'intervista ad un altro ricercatore e neuroscienziato brasiliano, Renato Malcher Lopes, che riferito a noi le sue ricerche sulla modulazione del sistema endocannabinoide, anche nello stress cronico e nell'autismo.

Un meccanismo naturale per alleviare lo stress

Questi risultati forniscono un forte supporto all’ipotesi che questi cannabinoidi endogeni costituiscano il meccanismo innato del corpo per affrontare lo stress e mantenere l’equilibrio nel corpo umano. Questo fatto rivelatore ha un significato enorme, considerando l’aumento del rischio di sviluppare o esacerbare disturbi psichiatrici, che vanno dall’ansia generalizzata alla depressione maggiore e al disturbo da stress post-traumatico (PTSD), sotto l’influenza di stress prolungato o cronico.

Per svelare questi misteri, gli scienziati di Medicina nord-occidentale utilizzato un sensore proteico all'avanguardia. Questo sensore ha la capacità di rilevare in tempo reale la presenza di queste molecole di cannabinoidi in precise sinapsi cerebrali. Ha dimostrato in modo conclusivo che specifici modelli ad alta frequenza dell’attività dell’amigdala possono innescare il rilascio di questi cannabinoidi. Inoltre, il sensore ha rivelato che vari fattori di stress potrebbero indurre il rilascio di queste molecole nei topi.

L’effetto domino della rimozione dei recettori dei cannabinoidi

L'importanza di questi cannabinoidi endogeni diventa ancora più evidente se si considerano le conseguenze della loro assenza. Quando gli scienziati hanno rimosso il bersaglio di questi cannabinoidi, noto come recettore dei cannabinoidi di tipo 1 (CB1), nelle sinapsi ippocampo-amigdala, i topi hanno mostrato una diminuzione della capacità di gestire lo stress e una diminuzione della motivazione. Le loro reazioni allo stress sono diventate più passive e immobili, e dopo l’esposizione allo stress hanno mostrato una preferenza ridotta per l’acqua zuccherata con saccarosio. Quest’ultima scoperta potrebbe avere implicazioni per l’anedonia, la ridotta capacità di provare piacere spesso osservata in individui con disturbi legati allo stress come depressione e disturbo da stress post-traumatico.

Secondo il ricercatore Sachi Patel, questa ricerca suggerisce che le carenze nel sistema di segnalazione endogeno dei cannabinoidi nel cervello possono rendere gli individui più suscettibili ai disturbi psichiatrici legati allo stress, tra cui depressione e disturbo da stress post-traumatico. Tuttavia, è importante notare che questa ipotesi richiede ulteriori indagini sugli esseri umani.

Il promettente sistema endocannabinoide

Il sistema endocannabinoide emerge come uno dei principali candidati per lo sviluppo di farmaci nel contesto dei disturbi psichiatrici legati allo stress. Sachi Patel è ottimista riguardo alle possibilità che questa scoperta potrebbe portare. “Determinare se livelli crescenti di cannabinoidi endogeni possano essere utilizzati come potenziale terapeutico per i disturbi legati allo stress è il logico passo successivo di questo studio e del nostro lavoro precedente. Sono in corso studi clinici in quest’area che potrebbero rispondere a questa domanda nel prossimo futuro”.

Va notato che questa ricerca ha ricevuto un sostegno essenziale dalle sovvenzioni concesse dall' Istituto Nazionale di Salute Mentale e da Istituto Nazionale per l'abuso di alcol e l'alcolismo, in particolare attraverso Iniziativa di neuroscienze integrative sull'alcolismo. Questi sussidi sono stati concessi dal National Institutes of Health, che sottolinea l’importanza di questa ricerca per far progredire la comprensione dei disturbi legati allo stress.

In breve, questo studio apre le porte a una comprensione più profonda di come il sistema endocannabinoide risponde allo stress e delle sue potenziali implicazioni per il trattamento dei disturbi psichiatrici legati allo stress. Mentre la scienza continua a svelare questi misteri, la speranza di interventi terapeutici innovativi all’orizzonte brilla più luminosa che mai.
__________________________________________________________

[Si prega di notare che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale.]

 

____________________________________________________________________________________________________

[Disclaimer: tieni presente che questo testo è stato originariamente scritto in portoghese ed è tradotto in inglese e in altre lingue utilizzando un traduttore automatico. Alcune parole potrebbero differire dall'originale e potrebbero verificarsi errori di battitura o errori in altre lingue.]

____________________________________________________________________________________________________

Cosa fai con 3€ al mese? Diventa uno dei nostri Patroni! Se ritieni che il giornalismo cannabico indipendente sia necessario, iscriviti a uno dei livelli di il nostro account Patreon e avrai accesso a regali unici e contenuti esclusivi. Se siamo in tanti, con poco possiamo fare la differenza!

+ post
Clicca qui per commentare
Sottoscrivi
Notifica

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pubblicità


Guarda il documentario "Pazienti"

Documentario Pazienti Laura Ramos aiutaci a crescere

Recentes mais

Internazionale24 ore fa

USA: la pediatra Bonni Goldstein lancia una petizione contro il divieto dei medicinali naturali a base di CBD in California

La pediatra nordamericana Bonni Goldstein mette in guardia dal tentativo di vietare i medicinali derivati ​​dal CBD naturale...

Internazionaleore 1 fa

In Europa sono quasi 23 milioni i consumatori di cannabis, la sostanza illecita più consumata

La cannabis continua ad essere di gran lunga la sostanza illecita più consumata in Europa. Sono queste le conclusioni del “Rapporto...

Eventigiorni fa 2

Mary Jane celebra per la prima volta in Germania la cultura della cannabis legale

È il prossimo fine settimana, dal 14 al 16 giugno, che avrà luogo la consueta Mary Jane, presso la Messe...

Eventisettimane fa 1

CB Club riunisce i professionisti della cannabis in attesa di Mary Jane, a Berlino

In attesa del CB Expo (Cannabis Business Expo and Conference), che si svolgerà a Dortmund, nel mese di settembre, la CB Company...

rapportosettimane fa 1

Sud Africa: la legalizzazione di un settore già fiorente

Nelle settimane precedenti le elezioni dell'Assemblea Generale in Sud Africa, mercoledì scorso, 29 maggio, si sono svolte...

intervistesettimane fa 1

Rui Reininho: “Penso che sia davvero strano che i miei colleghi della GNR mettano il naso nelle proprietà delle persone per vedere cosa fa questa pianta”

Rui Reininho, musicista portoghese divenuto famoso come cantante dei GNR, non ha bisogno di presentazioni. Contrariamente a quanto molti pensano, non ha trovato...

Notiziesettimane fa 2

Canada: uno studio dimostra che l'uso di cannabis riduce il consumo di metanfetamine

I poliassuntori, individui che consumano diverse sostanze, spesso si rivolgono alla cannabis come un modo per ridurre il loro consumo...

Eventisettimane fa 4

CannaTrade torna a Zurigo dal 24 al 26 maggio

CannaTrade – Fiera e Festival Internazionale della Canapa di Zurigo raggiunge la maggiore età nel 2024, celebrando la sua 18esima...

comunicati stampasettimane fa 4

Il Gruppo SOMAÍ e la sua controllata RPK Biopharma espandono la partnership con Cookies per includere l'Europa e il Regno Unito

LISBONA, PORTOGALLO, 16 maggio 2024 /EINPresswire.com/ — Il gruppo SOMAÍ (“SOMAÍ”) e la sua controllata, RPK Biopharma hanno ampliato...

Nazionalesettimane fa 4

Portogallo: il consumo stimato di CBD aumenta nonostante il divieto

Il rapporto “Cannabis in Portugal”, realizzato da Euromonitor International, ha diffuso i dati più recenti sull’industria della cannabis,...